Contagocce sulla rivista “Književni pregled”

Come molti scrittori che tengono un blog riconosco di non essere immune dal difetto emozionale di parlare di me stesso, ma lo tengo a bada eliminando il più possibile l’accesso a questa informazione e confinando il mio Ego in tre link in alto a sinistra del blog, che si intitolano Chi sono, About me e I miei aforismi. Sono convinto che se un mio libro o un mio aforisma sono abbastanza significativi troveranno un modo per arrivare alle orecchie del lettore, senza bisogno di auto-recensioni e auto-promozioni gonfiate.

Se adesso parlo di nuovo di “me” (per chi non lo sapesse il mio nome, che tendo sempre a nascondere, è Fabrizio Caramagna), è perchè nel primo numero di primavera della rivista quadrimestrale serba Književni pregled, sono apparsi 24 aforismi di Contagocce con la traduzione in serbo ad opera di Milan Beštić, uno dei più importanti aforisti serbi contemporanei ed anche appassionato cover designer (è infatti autore della copertina della rivista).

La rivista letteraria, di circa 300 pagine, edita dalla casa editrice serba Alma (www.alma.rs) e diretta da Đorđe Otašević si occupa di poesia, narrativa, racconti, saggistica ed ha un ampio spazio dedicato all’aforistica. Del resto in più articoli del mio blog ho sottolineato come Belgrado possa davvero considerarsi la capitale europea dell’aforisma sia per il numero di pubblicazioni che per l’attenzione al genere.

Così nella rivista accanto ai miei aforismi è possibile leggere una selezione di aforismi di importanti autori serbi come Aleksandar Čotrić, Rade Jovanović, Milen Milivojević, Verica Tadić, Slavomir Vasić, Dejan Tofčević. E sempre nella rivista è possibile trovare i racconti brevi di una aforista donna, Vesna Denčić e le recensioni di Vitomir Teofilović, altro grande aforista serbo.

La stessa casa editrice Alma è quella che ha stampato le raccolte di molti dei più noti aforisti che gravitano intorno al Circolo aforistico di Belgrado, tra i più importanti cito: Aleksandar Baljak, Aleksandar Čotrić, Slobodan Simić, Ninus Nestorović, Milan Beštić, Đorđe Otašević, Ilija Marković, Rastko Zakić,Vitomir Teofilović, Jovo Nikolić, Milen Milivojević, Vesna Denčić. Per dare un’idea dell’importanza del genere aforistico in Serbia nella collana di Satira aforistica della casa editrice Alma, dal 2001 ad oggi, ho contato oltre 50 libri di aforistica in catalogo

Il link alla rivista quadrimestrale Književni pregled è http://www.alma.co.rs/knjizevni-pregled/broj01/sadrzaj.html.

Il link ai miei aforismi in serbo è http://www.alma.co.rs/knjizevni-pregled/broj01/kp78.html

Riporto qui di seguito i miei 24 aforismi tradotti in serbo con la versione in italiano. Ringrazio ancora Milan Beštić per la splendida traduzione e il direttore della rivista Đorđe Otašević per lo spazio che ha concesso ai miei aforismi. 

Fabrizio Caramagna, Contagocce, 24 aforismi selezionati e tradotti in serbo (Fabricio Karamanja, PIPETA)

**

Kako se pustinja
širi

tako počinjem da verujem
u korisnost vlati trave 

Quando il deserto

si avvicina

comincio a credere

nell’utilità di un filo d’erba

**

Hoće li blato ikada dostići
geometrijsko savršenstvo
snežne pahulje?

Il fango

potrà mai avere

la geometria perfetta

di un cristallo di neve?

**

Ne mareći
za ravnopravnost

more briše sa peska
sve tragove sem svojih

Il mare

incurante dell’uguaglianza dei diritti

cancella dalla sabbia

ogni impronta che non è sua

**

Surovost –

sendvič od deset slojeva
a samo jedno parče šunke 

Austerità

Un sandwich

con dieci strati

e una sola fetta di prosciutto

**

Velika je sreća
biti žabac

Postoji sedamdeset pet
vrsta žabljih bataka

E’ una gran fortuna

essere una rana maschio

Ci sono settantacinque

specie di coscie di rana

**

Niko nije primetio
da rep sirene smrdi

To je prikrila umilnim pevanjem

Nessuno si è accorto

che la coda della sirena puzza

La sua imperfezione è nascosta

dalla dolcezza del canto

**

Paučina
je simbol tananosti i lakoće

iako je sačinjena
od hiljadu nevidljivih lanaca

La ragnatela

è simbolo di leggerezza

Eppure è formata

da migliaia di invisibili catene

**

Kada se most sruši

balans je ponovo
na slobodi

Quando i ponti

crollano

l’equilibrio torna in libertà

**

Bršljan
je korov

sa idealima

L’edera

Un erbaccia

con degli ideali

**

Biser na vratu
lepe žene

naći će svoj mir
tek kad se vrati

na morsko dno

La perla

sul collo di una bella donna

Troverà pace

solo quando tornerà in fondo al mare

**

Tvorac milijardi zvezda
na nebu

bio je procenjen
na samo trideset srebrnjaka

Chi ha creato

miliardi di stelle

lassù nel cielo

è stato valutato

solo trenta denari

**

Kapljica vode

pristigla s najudaljenijeg
kraja neba

izabrala je opipljivost blata

Una goccia d’acqua

si è allontanata

dal più lontano cielo

Ha scelto la concretezza del fango

**

Pauk ne zna
da li je proleće ili leto

Čeka da se pojave muve

Il ragno

non sa se è primavera

o estate

Aspetta la stagione delle mosche

**

Kad pas ugleda zvezdu padalicu
hteo bi da je vrati

ali ne zna kome

Quando un cane

vede una stella cadente

vorrebbe riportarla indietro

ma non sa a chi

**

Reka ne nosi sa sobom oblake
koji se u njoj ogledaju

Spoznala je slobodu
veću od sopstvene

La corrente del fiume

non può portare con sè

le nuvole che si specchiano

Ha conosciuto una libertà

più grande della sua

**

Opasno je za petla
da se penje na krov

Vetar nije predvidljiv kao zora

Grande pericolo

attende il gallo che va in cima al tetto

Il vento non è metodico

come l’alba

**

Zlo se provuče
i kroz uzan prorez

između glave i oreola

Il male

si infila anche nella sottile fessura

tra la testa e l’aureola

**

Drvo diše
i za onog drvoseču

koji će ga oboriti

Un grande albero

ha un respiro

anche per il boscaiolo

che vuole abbatterlo

**

Igla kompasa
večno okrenuta prema severu
ne primećuje dolazak proleća

La bussola

con l’ago perennemente rivolto a nord

non si accorge dell’arrivo

della primavera

**

Mamut vekovima počiva u ledu

Mašta o toplini muzeja.

Da secoli

il mammuth

sepolto nei ghiacci

sogna il calore di un museo

**

Sloboda lista

koji opada s grane

u obavezi je
da se svakog proleća vrati

La libertà della foglia

che abbandona il ramo

è la responsabilità

di tornare ogni primavera

**

Kada kameleon vidi dugu
s prezirom kaže

“Ti imaš samo sedam boja!”

Quando il camaleonte

vede l’arcobaleno

gli dice sprezzante

“Non hai che sette colori!”

**

Kamila izdrži
deset dana bez vode

Magarac čitav život bez snova

Un cammello

può stare dieci giorni senza bere

Un asino

tutta la vita senza sognare

**

Golubovi ostavljaju
tragove po spomeniku

Ne znaju da je original
u podrumu muzeja

I colombi

cacano sul monumento

Non sanno che l’originale

è nella cantina di qualche museo

.

Questa voce è stata pubblicata in L'aforisma in Italia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Contagocce sulla rivista “Književni pregled”

  1. In attesa di un tuo prossimo libro di aforismi, mi accontenterò di leggere questo e di consigliarlo agli amici.
    A me piace in maniera quasi istintiva questo aforisma:
    “Il ragno non sa se è primavera o estate. Aspetta la stagione delle mosche”.
    Semplice ma incisivo, come anche il titolo del libro.
    Ad maiora!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>