In un genere emarginato e nascosto come quello aforistico, Emil Cioran, o meglio E.M. Cioran ("ho rinunciato al mio nome di battesimo e al suo posto metto sempre le iniziali E.M. A ognuno le sue manie" scrive in una lettera all'amico e studioso Mario Andrea Rigoni) è forse uno degli scrittori di aforismi e forme brevi più conosciuti e letti (mi esimo dall'aggiungere anche "grande" dal momento che in un'altra sua lettera a Rigoni Cioran scrive "Ho un solo suggerimento da darle: se non è troppo tardi bisognerebbe sopprimere grande nell'espressione 'il grande scrittore romeno-parigino'. Sono realmente sincero, e non si tratta di modestia calcolata").

In Italia la casa editrice Adelphi ha pubblicato quasi tutte le opere di Cioran (libri come Al Culmine della disperazione, Sillogismi dell'amarezza o L'inconveniente di essere nati hanno anche registrato un ampio successo di vendite), critici e studiosi citano continuamente opere e frammenti e sul web gli aforismi e i frammenti di Cioran rimbalzano, in modo quasi ossessivo, da un sito all'altro.

Non è mia intenzione in questo articolo riprodurre una selezione - l'ennesima - di aforismi cioraniani né scrivere una recensione - l'ennesima - sull'opera di Cioran ("Qui si sono scritti una ventina di articoli sul mio ultimo libro: cosa da disgustarmi per sempre di scrivere" scrive Cioran in una lettera). Vorrei piuttosto parlare di Cioran attraverso un punto di vista particolare: la sua amicizia con Mario Andrea Rigoni, studioso di letteratura italiana (in particolare su Leopardi) e scrittore di aforismi.

Pochi sanno che, proprio grazie a Mario Andrea Rigoni, E.M. Cioran all'inizio degli anni ottanta trova nelle edizioni Adelphi di Roberto Calasso la casa editrice ideale per i propri testi ("Proprio oggi ho scritto due righe a Roberto Calasso, che conoscevo da un po' di tempo grazie alle Sue lettere. Non dimentico che, se Adelphi ha deciso di pubblicarmi, è soprattutto merito Suo" scrive Cioran a Rigoni). Rigoni si mostra un traduttore tanto congeniale quanto competente ("perchè lei conosce mirabilmente il francese, ogni volta che ricevo una sua traduzione, respiro" gli scrive Cioran da Parigi) e diventa ben presto il responsabile presso Adelphi della pubblicazione delle opere di Cioran scrivendone anche alcune illuminanti prefazioni (pochi l'avranno notato ma all'inizio delle edizioni Adelphi c'è la scritta: "La pubblicazione delle opere di E.M Cioran avviene sotto la direzione di M.A. Rigoni").

In un bellissimo libro intitolato "E.M. Cioran Mon cher ami, lettere a Mario Andrea Rigoni 1977-1990", pubblicato da una piccola casa editrice di Padova Il notes magico con una splendida introduzione di Raoul Bruni, viene raccolta un'ampia scelta delle lettere che E.M. Cioran scrive a Mario Andrea Rigoni, nell'arco di tredici anni, tra il 1977 e il 1990. L'epistolario tra uno dei massimi scrittori contemporanei e il giovane studioso e scrittore di aforismi ripercorre la storia di questa amicizia (quando il carteggio prende avvio, Rigoni, allora ventinovenne, aveva pubblicato da poco un ampio e innovativo saggio su Leopardi e l'estetizzazione dell'antico) e soprattutto fa luce sulla storia, tutt'altro che lineare, della ricezione di Cioran in Italia.

[caption id="attachment_2152" align="aligncenter" width="300" caption="Mario Andrea Rigoni con E.M. Cioran (foto per gentile concessione di Mario Andrea Rigoni)"][/caption]