Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @Nonfaretardi (Nonfaretardi). Nella breve nota biografica che mi ha inviato l'autore scrive di sé: "Nonfaretardi nasce in zona di confine, prima dell’invenzione dei cellulari. Perde in breve diottrie e considerazione sociale, preferendo biblioteche e librerie a campi da gioco e relazioni sociali. Si rifarà col tempo, cercando di miscelare ambiti inconciliabili. Laurea scientifica e diploma di recitazione. Passione per la clinica e clinica psichiatrica. Sceneggiate di vita e vita in sceneggiature Per non farsi mancare niente, scrive cose e non vede gente".

nonfare_tardi_a.jpg

@Nonfaretardi è su Twitter dal febbraio 2012. E a proposito di questo social network mi scrive: "Sono arrivato su Twitter agli inizi del 2012, grazie a una mia amica scrittrice, @Nadiaterranova, che mi ha detto: che ci fai su facebook? Tu sei da Twitter! Detto fatto. Ho scelto un nome d'istinto, nonfaretardi, perché è un monito che spesso mi veniva rivolto quando scappavo per altri mondi, in genere artistici, per ricordarmi che dovevo tornare alla realtà. Mentre come simbolo scelsi l'icona di Pinocchio, perché il rapporto con le bugie è una costante nel mondo reale, e quindi su Twitter. In questa fase ero molto diverso da adesso. Avendo pochi follower mi rapportavo molto e interagivo, oltre a parlare delle mie passioni e usare molto l'ironia e il 'cazzeggio'. Con il tempo, e un paio di mie sparizioni, perché comunque il rapporto col mezzo è sempre stato di odio amore, sono aumentati i follower, ho capito che non potevo stare dietro a tutto, e mi sono concentrato sui rapporti 'virtureali' che si creano in questo mondo. Complice, ancora una volta, una donna con una grande sensibilità artistica presente su twitter, ho assunto la fisionomia attuale di monaco indagatore dei misteri amorosi".

Un costante punto di riferimento tematico nelle timeline di @Nonfaretardi sono proprio i tweet dedicati a una donna (immaginaria?reale?) e a tal proposito @Nonfaretardi - ingigantendo ancora di più il mistero - mi scrive: "L'affinità che si crea tra i profili mi affascina, mi chiedi se le mie donne sono virtuali o reali. La risposta è nel film 'Lei', dove un programma per computer simula un'amante reale. Se ci fosse un profilo oggi completamente artificiale con quelle caratteristiche, sono sicuro che un sacco di persone se ne innamorerebbero"). L'amore è il sottofondo costante, il nucleo centrale del suo scrivere anche se spesso esso si rovescia nell'amore impossibile: "Qui trovate: - Amori mai nati. - Amori perduti. - Amori indecisi. - Amori mentali. Tutti gli altri sono fuori".

A proposito della tematica amorosa @Nonfaretardi mi scrive: " Io vorrei, nella mia maturità su twitter, arrivare ad essere meno dipendente dalle tematiche amorose, e ampliare le mie osservazioni a tutti i tipi di rapporto. Come ebbe a dire Flaiano, a cui mi sento vicino come indole malinconica e come mestiere, quello dello sceneggiatore, che un po' mi appartiene, 'Da quando l'uomo non crede più all'inferno, ha trasformato la sua vita in qualcosa che somiglia all'inferno. Non può farne a meno'".

@Nonfaretardi non è un autore consolatorio, nei suoi tweet spesso si legge la perdita delle illusioni e degli entusiasmi e l'approdo a un amaro e disincantato scetticismo di chi non crede possibile alcun vero cambiamento e si limita a smascherare le ipocrisie e le debolezze della realtà che ha davvero trasformato la vita in qualcosa che assomiglia all'inferno. In questo lucido scetticismo il tono è tuttavia sempre leggero, garbato, ironico e talora anche autoironico. Spesso gli strali dell'autore sono rivolti a se medesimo: "Nella parte destra del mio cervello regna la dittatura del pensiero unico. Nella parte sinistra l'anarchia. In mezzo sto io" o anche "Ho il potere di non spostare gli oggetti. La teleapatia".

Tra i bersagli più frequenti delle disincantate punzecchiature di @Nonfaretardi c'è il mondo di Twitter di cui vengono ritratti i protagonisti (soprattutto femminili) con i loro e umori, tic e ossessioni: "Alcuni profili sono persone. Altre persone sono profili" e "Un buon tweet dà lavoro a: - 18 precisatori - 14 opinionisti - 11 polemici - 7 defollovatori - 4 DMissti - 2 troll - 1 innamorato seriale" e infine"Abbiate rispetto. Dietro ogni tweet c'è una persona. Con delle patologie serie". Per @Nonfaretardi Twitter è un "gioco" ("Del resto anche la roulette russa lo è"), un "gioco al massacro" e anche un "giogo". Tuttavia spesso Twitter è l'unica seria alternativa al "guardare il soffitto" e su di esso a volte si è "reali", mentre nella realtà si finisce per diventare "virtuali".

Presento una scelta di tweet di @Nonfaretardi apparsi nell'ultimo anno

**

@Nonfaretardi, Tweet scelti

Incrocio un amico dopo vent'anni. Mi accorgo che la sintonia tra noi è immutata. Entrambi giriamo la testa, e facciamo finta di non vederci.

Ho il potere di non spostare gli oggetti. La teleapatia.

Se vuoi faccio il giro del mondo per abbracciarti da dietro.

A mente fredda ragionano i cadaveri.

Raramente si è la prima scelta di qualcuno. L'importante è essere la scelta che fa dimenticare qualsiasi altra.

È vietata la pesca di followers con stelline a strascico.

In amore utilizzo il 2% del cervello e il 200% del cuore. Potete immaginare i risultati.

Anche l'uomo più complicato è di una semplicità imbarazzante quando si rapporta a una donna.

Ci sono due tipi di profili. Quelli che scorri in TL Quelli di cui scorri la TL.

Tenetevi persone che vi tengono strette.

Più uva, meno volpi.

Un giorno riuscirò a buttare tutta questa sensibilità nell'umido.