Frasi, citazioni e aforismi sul ciclismo, il Giro d’Italia e il Tour de France

Presento qui di seguito una selezione di frasi, citazioni e aforismi sul ciclismo, il Giro d’Italia e il Tour de France. Si veda anche l’articolo Frasi, citazioni e aforismi sulla bicicletta e l’andare in bici, Frasi, citazioni e aforismi sullo sport e Le più belle frasi motivazionali.

**

Frasi, citazioni e aforismi sul ciclismo, il Giro d’Italia e il Tour de France

ciclismo_nuvola_

Il ciclismo è la fatica più sporca addosso alla gente più pulita.
(Giampaolo Ormezzano)

Se i pedoni si ignorano, se gli automobilisti si insultano, i ciclisti si sorridono, si salutano e si uniscono
(Jacques Goddet, patron del Tour de France)

I corridori ritardatari, anime dannate che Dante si dimenticò di cantare.
(Vasco Pratolini)

Alla partenza si andava in bici. Al ritorno si andava in bici: adesso si potrebbe pensare a un buon riscaldamento, ma allora era solo povertà.
(Fiorenzo Magni)

Guardatelo mentre pedala. Sulle rampe è il più calmo di tutti. Ma nella fatica la plastica del suo viso perde ogni frivolezza da giovanotto di sobborgo siciliano. E’ un viso rude che si affina e si incide. Volto da eroe quello di Vincenzo Nibali come li modellavano gli scultori antichi, con i capelli chiusi dalla calottina rigida e l’occhio tra scontento e minaccioso.
(Domenico Quirico)

Il passista, lo sprinter emergono dalla cacofonia, cercano il guizzo dell’ultimo che parla e ha ragione. Lo scalatore no, lascia il fardello della vita comunitaria, del “peloton”, si arrischia, va nel vuoto, vede il cielo attraverso i pedali.
(Domenico Quirico)

Dovete sapere che il ciclismo è uno sport per perdenti! Ad ogni gara si parte in 200….ed è UNO SOLO a vincere! Per cui, in percentuale, la possibilità di vincere è bassissima! Eppure….ogni giorno il ciclista sale sulla bici e vuole vincere! Cerca di vincere! Ogni giorno è facilissimo perdere, ma si va alla partenza con la stessa voglia e convinzione di vincere di ogni gara! Ci sono pochissimi sport in cui la percentuale di vittoria è così bassa: nel calcio c’è un 30% di possibilità; un solo avversario con anche la possibilità di pareggiare…nella pallavolo un 50% di possibilità! Una bella differenza con la piccolissima percentuale che ha un ciclista su 200.
(Andrea Tonti)

La volata è un attimo, la salita è un’eternità, ed è una sofferenza eterna, la discesa è un brivido, il rifornimento una resurrezione, la borraccia è acqua, l’acqua è vita, la vita è amicizia, come dimostra la borraccia fra Coppi e Bartali, il mio record di borracce è 10, tre nelle tasche, quattro sulla schiena e altre tre qua e là.
(Giuseppe Fonzi, ultimo al Giro d’Italia 2017)

E poi….si cade a forti velocità, ci si rompono le ossa, siamo pieni di cicatrici, si è perfino imparato a fare amicizia con un asfalto che non perdona mai! Ma ogni giorno tiriamo fuori la bici, saliamo in sella e affrontiamo un’altra salita!
(Andrea Tonti)

E’ vero: il ciclismo non è uno sport, è un genere: come la tragedia classica e il romanzo. Prende come loro la misura del mondo e i suoi eccessi.
(Domenico Quirico)

“Primo classificato Coppi, in attesa del secondo, trasmettiamo musica da ballo”.
(speaker radiofonico della Milano-Sanremo del 1946)

“Un uomo solo al comando… la sua maglia è bianca e celeste… il suo nome è Fausto Coppi”.
(Mario Ferretti nella radiocronaca della tappa Cuneo-Pinerolo del Giro d’Italia del 1949)

Siete degli assassini!
(Octave Lapize agli organizzatori del Tour de France dopo la prima tappa pirenaica della storia, 1910)

Ci si abitua a tutto. Basta seguire il Tour de France perché la follia vi appaia come uno stato naturale
(Albert Londres, Tour 1924)

Confesso che è mia la colpa di aver fatto alzare i nostri uomini alle 3 del mattino e di aver fornito ai nostri corridori, che amo molto, l’occasione di gelarsi sul Galibier con 4 gradi sottozero.
(Henry Desgrande, patron del Tour de France)

Ci sono artisti da circo che ingoiano mattoni e altri che mandano giù rane vive. Ho visto fachiri scolarsi del piombo fuso. Tutte persone normali. I veri pazzoidi sono alcuni esaltati, partiti il 22 giugno da Parigi, per abbuffarsi di polvere. Li conosco bene, ne faccio parte anche io.
(Albert Londres, Tour de France 1924)

Voi non avete idea di cosa sia il Tour de France. E’ un calvario, anzi peggio, perché il cammino della Croce non ha che quattordici stazioni, mentre il nostro ne ha quindici. Soffriamo dalla partenza all’arrivo.
(Henry Pelissier, 1924)

Il Mont Ventoux è lì che spunta fuori dalla campagna, una montagna di pietre e polvere, un deserto a cono, in cima un faro, come se improvvisamente qualcuno avesse tolto il tappo e la Provenza fosse rimasta a secco. Con il faro arrampicato in cima, che invece di illuminare marinai e naufraghi, accoglie pellegrini e corridori.
(Marco Pastonesi)

Il ciclismo è uno splendido mestiere, fra l’altro assai facile. Ho fatto il boscaiolo nel Friuli e lavorare giorno e notte, con dieci gradi sottozero, è molto più difficile che scalare il Tourmalet e il Galibier insieme.
(Ottavio Bottecchia)

Il Tourmalet l’avevano inventato nel 1910, il Galibier l’anno dopo. Molti allora salivano a piedi, chi non metteva piede a terra diventava un eroe, per provare il passaggio sulla vetta si stampava sul braccio l’immagine di un’aquila.
(Domenico Quirico)

Rovescio della salita, la discesa è un’ubriachezza, un simbolo anche lei, quello della Caduta. I discesisti flottano sul pericolo, guardando lontano davanti a sé, non usano le mani, disegnano in testa la traiettoria della curva e la disegnano come un teorema matematico: ecco è fatta, sotto un’altra. A cento all’ora.
(Domenico Quirico)

La bicicletta è la penna che scrive sull’asfalto.
(Guy Demaysoncel)

Fermare il Tour de France, è come fermare il cuore, e non soltanto per lo sport del ciclismo. Perché ogni volta che il Tour è stato fermato (1915! 1940!) è perché il mondo stesso ha perso i pedali.
(Jacques Marchand)

I corridori del Tour vanno ormai così veloci che si è costretti a filmarli dall’elicottero, e quando pisciano lungo le strade, fanno spuntare gli alberi.
(Régis Mailhot)

Il giorno in cui un ronzino butterà giù dal trono un puro sangue grazie a una puntura, allora, sì, il ciclismo sarà in pericolo di morte.
(Pierre Chany)

Un tempo il doping era irrisorio e le vittorie considerevoli. Dopo vent’anni, il doping è considerevole e le vittorie irrisorie.
(J.E. Ducoi)

Non ero mai positivo, mai, perché il piano era molto conservativo, per niente rischioso e matematico.
(Lance Armstrong)

Lo sapevate? Pungendo un corridore al Tour de France una zanzara può fare due volte il giro della terra alla velocità della luce.
(Landeyves, Twitter)

Il Generale De Gaulle è il presidente dei francesi undici mesi su dodici. In luglio, è Jacques Goddet.
(Antoine Blondin N.a Jacques Goddet era l’organizzatore del Tour)

Il ciclismo è lo sport più popolare perché non si paga il biglietto.
(Pier Paolo Pasolini)

Il gruppo è come una prigione. Una volta che siete sfuggiti, degli uomini in divisa sono sempre alla vostra ricerca.
(Anonimo)

Nel corpo di Bartali scorre il sangue, il quello di Coppi la benzina.
(Bernard Pascuito)

A Fausto debbo una parte della mia popolarità. Io e te ci si voleva bene. Gli altri ci hanno imposto per anni la parte del cane e del gatto. Te ne sei andato nella tua ultima fuga. Ora capisco quanto ti volevo bene. Ti sei portato via una parte di me: venti anni di battaglie e quanto altro. Mi sento più vecchio. Pace a te, Fausto: che nessuno ha mai chiamato vecchio.
(Gino Bartali)

Il ciclismo non è “cammina o affoghi”, ma “scoppia e cammina”
(Anonimo)

Uno dei pochi sport in cui Berlusconi non abbia investito una lira è il ciclismo, dunque qualcosa di buono deve averlo.
(Gianni Mura)

Inutile avere una bici leggerissima se ti porti nell’anima un corpo che pesa come un macigno
(Marco Pantani)

Vado così forte in salita per abbreviare la mia agonia.
(Marco Pantani)

Dio c’e… ed è pelato
(Uno striscione sul Mortirolo)

Quando Pantani scattava, mi voltavo dall’altra parte.
(Laurent Jalabert)

Merckx era talmente forte che quando tirava, per stargli a ruota dovevamo darci i cambi…
(Francesco Moser)

Merckx, era Anquetil + Van Looy. Parlare di Merckx senza parlare di Ocana, era dimenticare l’essenziale, evocare il sole senza la sua ombra scura.
(Philippe Brunel)

Fosse stato meno superbo, probabilmente Lance Armstrong sarebbe riuscito a farla franca e la sua carriera sarebbe ancora al top.
(Juliet Macur)

Corre per essere secondo, è triste per il ciclismo
(Bernard Hinault a proposito di Tony Rominger)

Coloro che hanno scavato il tunnel avrebbero potuto farlo più in basso! Sarebbe stato senza dubbio più lungo, ma la cosa ci avrebbe risparmiato il martirio.
(Emile Georget nel 1911 a proposito del Galibier)

Attacco un rimorchio alla mia bicicletta, ci metto mia suocera, e arrivo ancora primo sul colle più alto.
(Jean Robic, vincitore del Tour de France 1947)

Corridore: non tollera ombre sulla propria ombra.
(Elias Canetti)

La donna del ciclista sa che l’autunno è tornato quando ritrova facilmente la sua crema depilatoria
(Anonimo)

Quando hanno preso la mia bicicletta per passarla dallo scanner gli ho detto di far passare anche me dallo scanner perché il motore è dentro di me.
(Fabian Cancellara)

Lui il vento non lo subisce… lo crea.
(Un giornalista parlando di Ulrich)

Quando la strada sale non ti puoi nascondere.
(Eddy Merckx)

Dio non ha creato i Pirenei per separare la Francia dalla Spagna, ma per distinguere gli scalatori dai non scalatori.
(Christian Laborde)

La differenza tra la F1 e il ciclismo, è che si può vincere un Gran Premio con la dissenteria, ma non si potrà mai vincere la Paris-Roubaix con le emorroidi!
(Laurent Ruquier)

Differenza fra calcio e ciclismo? Samp-Inter rinviata per nubifragio, la Milano Sanremo si corre malgrado pioggia, neve, freddo e vento…W il Ciclismo
(Filippo Baggio)

Andare a vedere il ciclismo è una cosa che se ci pensi non ci credi. Stai sul bordo di una strada, aspetti, aspetti, poi ad un certo punto arrivano, come una ventata colorata, i ciclisti, e ti strisciano negli occhi. Se non sei sullo Stelvio è una faccenda di trenta secondi. Hai il tempo di dire arrivano e già li vedi di schiena. Vabbè che è gratis ma ammettere che è uno spettacolo paradossale. Eppure strade piene, quando passano quelli paesi interi usciti di casa a vedere e plaid sull’erba, thermos, radioline, giacche a vento e la rosea aperta alla pagina giusta per leggere i numeri dei ciclisti e sapere chi erano. Una festa.
(Alessandro Baricco)

Quando parte il Giro d’Italia dentro di me succede sempre qualcosa di particolare
(Eddy Merckx)

Il Giro è una meravigliosa corsa umana. Il suo traguardo è la felicità.
(Alfonso Gatto)

Napoletani e torinesi, lombardi e laziali, veneti ed emiliani, gli italiani tutti, tante regioni per un’unica civiltà e per un unico cuore, attendono nel Giro lo specchio nel quale riconoscersi e sorridersi.
(La Gazzetta dello Sport, Giro 1946, il primo giro dopo la guerra)

Il Giro è la corsa più dura del mondo. Il Tour è differente, è difficile, ma in Italia le montagne sono diaboliche. Malgrado questo, adoro questa corsa e questo paese.
(Mark Cavendish)

Muro di donne, di ragazzi, di uomini, contadini e borghesi, artigiani e signori, marinai, preti, maestri e maestre di scuola con la scolaresca al completo. Vedemmo un domenicano abbagliante. E tutti, al passaggio del Giro, come mossi da un vento, si piegavano avanti, e in quell’attimo si udivano risa di gioia e grida e voci che chiamavano con amore, e incitavano, e subito dopo più niente: come un film vive solo in quell’attimo che attraversa lo schermo, quel muro diventava umano solo nel tempo ch’era illuminato dal Giro. Poi ritornava muro, vento, memoria.
(Anna Maria Ortese)

E’ che quel maggio fu il più straordinario, il più affascinante, e anche il primo e l’ultimo maggio d’infanzia. Perché chiunque parta col Giro diventa, per un mese, bambino.
(Anna Maria Ortese)

È come un ritorno. Sempre. Anche la prima volta. Andare al Giro, seguirlo aggrappati alle sue strade, alle fughe, alle volate, alle sue meraviglie, è sempre un ritornare. Quando si è dentro, in questo paese che viaggia e sale e scende e scatta e traversa l’ Italia trasformandola in una sua proiezione, una sua provincia, si torna magicamente indietro. Si ritorna a un’ epoca che si vorrebbe perduta, inattuale, fuori moda, fuori dal tempo, fuori dalla modernità, e invece resiste, esiste felice, c’ è da sempre e sempre ci sarà: a misura d’ uomo e di pedale, fatica e passione, sogni e bisogni, bisogno di sogno.
(Gianluca Favetto)

La fatica è una grossa e grassa creatura che ti sta sulle spalle, più veloce pedali e più pesante la senti, più spingi e più ti strizza il torace, più è ripida la salita e più a fondo ti pianta i suoi artigli affilati e frastagliati nei muscoli.
(Scott Martin)

Per un corridore il momento più esaltante non è quando si taglia il traguardo da vincitori. E’ invece quello della decisione, di quando si decide di scattare, di quando si decide di andare avanti e continuare anche se il traguardo è lontano.
(Fausto Coppi)

Coppi è stato grande perché qualche volta ha battuto anche Bartali.
(Gino Bartali)

Chi vuole arrivare secondo si metta alla mia ruota.
(Raffaele Di Paco)

Certamente avrei dovuto accorgermi che qualcosa non andava in me. Ma gli atleti e specialmente i ciclisti cercano sempre di mentire. Negano tutti i dolori e le sofferenze perché devono finire la gara. E’ uno sport di violenza su se stessi.
(Lance Armstrong)

La struttura morfologica di Coppi, se permettete, sembra un invenzione della natura per completare il modestissimo estro meccanico della bicicletta.
(Gianni Brera)

Gianni Bugno rimase ammutolito per molti minuti. Lo sguardo fisso nel cielo e una tempesta di emozioni in testa. Le sue prime parole furono: «Mi dispiace per Miguel Indurain». Proprio così. A Benidorm, Gianni aveva vinto il suo secondo Mondiale consecutivo e il suo primo pensiero era per l’ idolo di casa e grande battuto. Bugno era fatto così, aveva gambe d’ acciaio e l’ animo dolce. Era l’ ultimo romantico di un ciclismo che stava cambiando fino a trasformarsi.
(Pier Bergonzi)

Pantani era uno che entusiasmava anche me, pativo i suoi scatti, mi faceva soffrire da bestia. Pregavo che non partisse perché quando partiva costringeva tutti ad una tripla fatica, ma porco cane era magnifico quando se ne andava. Capisci che ha senso che tutti noi facciamo i ciclisti, che tutti noi ci si scassi sulla strada se poi c’è uno che inventa cose come lui.
(Marzio Bruseghin)

Sull’Aubisque con una borraccia facevo due o tre chilometri. Bevevo più di una Ferrari.
(Davide Cassani)

Una tappa Dolomitica è più appassionante di una partita di Serie A.
(Anonimo)

Una vittoria in montagna vale 100 vittorie su un corso perché la sofferenza conquista più della velocità.
(Giordano Cottur)

Mangiare prima di aver fame. Bere prima di aver sete, non fare l’amore dalla Milano Sanremo al Giro di Lombardia. Era dura la vita del corridore.
(Renzo Zattazzi)

Per arrivare secondi ci vuole una volata perfetta. Per arrivare primi, deve sbagliarla Petacchi.
(Massimo Strazzer)

Oggi, il Tour de France scalerà due volte l’Alpe d’Huez. A parte Froome che la scalerà 4 volte per lasciare una chance ai suoi avversari.
(Ceciestmontweet, Twitter)

Ogni ciclista, anche debuttante, sa che un giorno o l’altro della sua vita avrà un appuntamento con la portiera di una vettura.
(Anonimo)

Ogni volta che faccio quattro colpi di pedale, tre sono per il fisco.
(Bernard Hinault)

Le uniche raccomandazioni erano di non mangiare coniglio e lumache. Perché il coniglio ha paura e le lumache vanno piano.
(Ottavio Cogliati)

Alla sommità di una piccola montagna, mentre stiamo seguendo Eddy Merckx, di nuovo e ancora sempre in testa, ho visto una donna entrare in trance alla vista del suo dio vivente e fare ciò che resta per me il più bell’omaggio: sollevare in alto la sua gonna davanti al re del pedale.
(Daniel Toscan du Plantier)

A 2 Km dalla vetta mi sono detto vai Marco o salti tu o salta lui…E’ saltato lui.
(Marco Pantani)

Mi ricordo una volta, erano gli ultimi anni di Indurain e io ero all’inizio con la bicicletta, appena finii di vedere il Tour andai su una salita a cercare di salire con l’impugnatura bassa come faceva Pantani. Che poi è stato quasi l’unico della storia a salire così incurvato sul manubrio. Però, dopo 30 secondi, dovetti rialzarmi perché era impossibile per me tenere le gambe così. Anche io sono un corridore che sta spesso alzato dal sellino però sono incapace di andarci incurvato come faceva lui. Per me è stato un riferimento.
(Alberto Contador)

Marco è stato il più forte di tutti e ha incominciato a stupire chi lo vedeva pedalare sin da quando era un ragazzino. Altro che doping! Io sono nel mondo del ciclismo da trent’anni e di campioni ne ho visti tanti. Marco era superlativo, poteva pedalare per sette ore con una sola borraccia e senza barrette, ma solo buttando giù qualche nocciolina. Dagli allenamenti lunghi con tante salite io rientravo senza sapere neppure come mi chiamassi, mentre lui pareva in grado di ricominciare dopo pochi minuti
(Andrea Agostini)

Senza l’invenzione della ruota, i corridori del Tour de France sarebbero condannati a portarsi le biciclette in spalla.
(Pierre Dac)

Il bene si fa ma non si dice. E certe medaglie si appendono all’anima, non alla giacca.
(Gino Bartali)

Bocca chiusa catena leggera, sforzo che diventa dolcissimo grande Vincenzo Nibali il giallo è tuo. (@AstanaTeam, Twitter)

L’amore è come il Tour de France: lo aspetti a lungo e passa veloce.
(Anonimo)

Commenti:

  • insegnaluminosa

    L’unico arbitro del ciclismo è la strada

    agosto 22, 2015

Sorry, the comment form is closed at this time.