Scrittori di aforismi su Twitter, Cambioabito

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @cambioabito (momò). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autrice scrive di sé: “Delle gemelle dell’orrenda campagna pubblicitaria di un olio d’oliva, ahimè, io sono LA GENTILE.
Vivo in un mondo parallelo, dove tutto sembra ciò che in realtà non è e niente è ciò che sembra, ma in realtà potrebbe sembrare qualcosa che, se ciò non fosse, sarebbe sicuramente un’altra cosa. Chiaro, no?”.

cambio_abito_a.jpg

@cambioabito si è iscritta a Twitter il 1 aprile del 2013. “Mi sono iscritta a Twitter, perché, confesso, sono una blogger emerita. Ho scritto le mie cazzerucole per oltre 6 anni su un blog intitolato ‘Fuggo dalla città e svacco in Val Gina dove la fiacca è regina’ e poi mi sono dimessa per mancanza di tempo e ispirazione.
Via via, il tempo non l’ho recuperato, ma l’ispirazione dopo un po’ è tornata a casa, come Lassie. All’improvviso. Tra capo e collie.
Così ho pensato a Twitter e ai suoi 140 caratteri che tanto fanno chic e non impegnano.
Non sono costante, scrivo poco e male, ma tant’è!
(No, scusate… ma davvero ho scritto ‘tant’è’? Dai, non è possibile, il ‘tant’è’ mi sta sul culo, ma tant’è!)”.

@cambioabito appartiene alla schiera dei cosiddetti “paroletariati” di Twitter (di cui @liaceli è uno dei maestri indiscussi) che in un fuoco di artificio di calembour, invenzioni verbali, nonsense, trovate, doppi sensi, immagini capovolte creano delle sorprendenti invenzioni linguistiche.

Sulla scia della metafora e attraverso la rottura degli schemi linguistici, quello che emerge nella timeline di @cambioabito è un mondo che ha bisogno di “ri-conoscersi”, di non aver paura della meraviglia e della sorpresa ma anzi, di utilizzare l’immaginazione come mezzo per ridipingere nuove mappe e un nuovo orientamento. Il nick “cambioabito” potrebbe anche essere (e qui sono io a giocare con le parole) “cambioambito”, perché spesso nei minimi spostamenti o separazioni di una lettera (talora di una virgola), nel mostrare la percentuale di assurdo che è insito nel linguaggio quando le cose vengono prese nel loro esatto significato letterale (per esempio “Mentre io reggo l’alcol, mi tieni la borsa, per piacere?”), l’autrice cambia “l’abito” e “l’ambito” delle cose. Quello che viene fuori è un cortocircuito del senso, dove il significato delle cose deraglia per sempre, lasciando il posto a un significato differente.

Che poi talora nei suoi giochi di parole e di immagine (tra i molti tweet è davvero particolare la serie visiva dei “se mi cercate, sono…”), l’autrice talora si addentra su un terreno più sottilmente metafisico, dove il paradosso comico sfiora l’enigma dell’identità (“Mi hai presa alla sprovvista ed è lì che voglio tornare, se non ti dispiace”) e dove il dissolversi del linguaggio riflette sul mistero della verità (“Che cos’è la verità? La verità è una sòla”) e sul costante capovolgimento della percezione delle cose (il famoso mondo parallelo, “dove tutto sembra ciò che in realtà non è e niente è ciò che sembra, ma in realtà potrebbe sembrare qualcosa che…”).

Presento una selezione di tweet di @cambioabito:

**

@cambioabito, Tweet scelti

Mentre io reggo l’alcol, mi tieni la borsa, per piacere?

Ho tirato un sospiro di sollievo.
Se ho colpito qualcuno, mi scuso.

Visto che non riesco, rientro.

Tu parla, io prendo appugni.

Se rimani a secco di boria, nessun problema.
Proprio all’entrata di Twitter c’è un distributore dove costa niente fare il pieno di sé.

D’estate dovrebbe essere proibito uscire con le ascelle.

Oggi gira male:
ho i grilli x la testa, la pulce nell’orecchio, la trave nell’occhio, la mosca al naso, il nodo in gola e 1 pugno nello stomaco.

Mi hai presa alla sprovvista ed è lì che voglio tornare, se non ti dispiace.

Arrivo fino a prova contraria e ritorno.

Ho la risposta pronta, ora scende.
Io vi raggiungo poi.

Ci vorrebbero comunità di recupero password.

Tutto quello che ritwitto è anche secondo me : )

Sto riposando sugli allora.

Vado su.
Se mi cercano, dite che sono al di sopra di ogni sospetto.

Oggi non ho voce.
Sarà contento il capitolo.

A che ira ci vediamo stasera?

– In bocca al muro.
~ Crepa!

Ci dormo giù, ché a dormirci su siete bravi tutti.

Mi ahi fatto male.

Che brutta situazione.
Me ne st’orrendendo conto.

Oggi, se mi cercate, sono sulla sponda di uno stagno a liberare i rospi che ho ingoiato.

Ovvio che non le trovi, ho preso io le tue difese.

Noi che chiudiamo gli occhi anche quando ci bacia il sole.

Parole crociate;
Una orizzontale —> IO

Prende la granita verde e poi si la menta.
Fa sempre così.

Cerchiamo di capricci

Oggi, se mi cercate, sono incastrata in una clessidra.
In posa vetruviana,sospesa tra il tempo passato e quello che rimane.
A testa in giù.

Mi sono iscritta ad un torneo di bacetto.

Se mi vuoi con una mente più elastica, mi devi mollare.

Tutto fa broncio

Uno con l’impermeabile mi ha dato una caramella.
E niente. Era buona.

Mi hanno detto di riferirti e l”ho fatto. Ma ora vado a prenderti un cerotto, ché mi fa impressione tutto quel sangue.

Vengo a appenderti stasera.

Se mi cercate, sono alla fermata del moment ad aspettare che passi il mal di testa.

Ho sete e, in questo momento, non c’è nessuno che voglia darmela a bere.

Vado via da prescindere, perché li ho sempre torto.

Sono stata presa dal panico.
Qualcuno paghi il riscatto.
Sono terrorizzata!

Interrompere bei sogni per andare a far pipì.
Questo è il problema.
Fondamentalmente.

Da stupida, mi sono lasciata prendere la mano e, ora, con quella che mi resta, non posso neanche farmi un applauso da sòla.

Vorrei essere pipì per poter scappare in pace.

In alto mare provo un profondo senso di nuoto.

Io mi dissocial

Ho soffocato uno starnuto.
Mi condanneranno per omicidio paracetamolintenzionale e occultamento di catarro.

Preparatevi a fare l’onda, ché è quasi giunta la mia ola.

Se potessi vi metterei tutti in un blister e vi porterei sempre appresso come pasticchette di buon umore.

Ho quasi ammazzato una zanzara.
Ora la stanno portando via con l’autanbulanza.

Che poi chi sono io se non la portavoce delle mie ovaie?!

Oggi, se mi cercate, saltello, palla di gomma.
Da una fossetta all’altra.
Sulle guance di chi sorride, belle che potrei impazzire.

Potete, per favore, piantare dei nessi dalle mie parti, ché se no non li trovo e mi dicono che non ne colgo mai uno?
Grazie!

Sto andando a catafascio, serve qualcosa?

Ogni volta che viaggio in treno, poco prima di arrivare, mi prende un panico tremendo.
Soffro di ansia da pre stazione.

A
Ho appena scritto la prima lettera d’Amore della mia vita.

Sto pensando seriamente di farmi asportare il sesto senso.

Per asportarmi dalle lenzuola oggi ci vuole un intervento di lettorectomia.

Quando decido di follouare qualcuno, schiaccio quel`segui`con tanta di quella foga che sembro un coach di The Voice.

Piantare tulipani, non grane.
Grazie

Che certe volte basta un balcone e una leggera brezza per sentirsi in vacanza.

42 orizzontale:
provare 10 volte = TENtare

Vorrei incarnirmi in un materasso.

Spero che stanotte nessuno mi sogni.
Voglio dormire, non recitare in cortometraggi onirici da cinema d’essai.

Col touch screen tocchiamo tutti il cell con un dito.
|Lallegria|

Oggi, se mi cercate, sono su una fetta biscottata a fare la lotta nel burro.

Vado, affondo.
Nelle cose.

Ipse stipsi

È quando sto sul culo a qualcuno e su quel culo c’è un sacco di gente che mi sta sul culo che, da quel culo, vorrei scendere.

Oggi sono una serial retweeter 😀

9 arrosto 2014

Qui è tutto pronto, puoi far venire i nervi.

– Cosa fai investito da matrimonio?
~ Eh, sono stato travolto dalla passione.

Se mi fai un regalo, ti per dono.

Cosa vorrei fare adesso?
Volteggiare nel cielo su un fiocco d’avena volante.

Se mi cercate, sto facendo la speleologa nello scarico del lavandino alla ricerca del tappetto del dentifricio.

Oggi, se mi cercate,sono seduta in auto,come fossi ad 1open di tennis, a fare NO con la testa,seguendo le spazzole tergicristallo in azione.

Uff,e ora perché se apro Instagram da Twitter mi si apre un sito così porco che in confronto YouPorn sembra il blog di Santa Maria Goretti?

Oggi faccio tutto quello che voodoo.

Scusate, ma oggi il mio corpo è flipper per le ovaie.

Se mi cercate, sto facendo stretching in uno sbadiglio.

Il mattino ha loro in bocca,
te nel cuore e
me sul culo.

Oggi, se mi cercate, sono a fare free climbing su un calippo.

Devo eseguire l’aggiornamento da Windows XP a Window Vista Mare.

Se sentite un urlo, non vi preoccupate.
È del pisolino che sto per schiacciare.

Ne parli spesso, ora sono curiosa, ci devo venire qualche volta ai ferri corti con te.
|

‘scolta..
ieri hai preso tu il sole, puoi rimetterlo a posto che oggi vorrei prenderlo io?
Grazie

Col senno d’iPod

Che cos’è la verità?
La verità è una sòla.

Oggi, se mi cercate, sono al riparo sotto una ventosetta del tappetino antiscivolo del piatto doccia.

Mai ricucire rapporti col filo da torcere

Se il letto fosse un taxi, lo chiamerei.
Operatore:`Lettotaxi buonasera, prego mi dica`.
Io:`Vorrei un letto in zona divano, grazie!`

Connessione oggi mi sei lenta.
Fai, anzi, wifi schifo proprio.

Altro che punto G, cercate il mio punto di ripristino piuttosto.

Quella pioggerellina fastidiosa che va a intaccare l’omogeneità del lerciume della mia macchina.

Per l’autocontrollo a quale concessionaria devo rivolgermi?

Ciao, io esco.
Vado a giocare da Stuzia.
Torno per le 8:00.
A poi…