Frasi, citazioni e aforismi sulla geografia

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla geografia. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla storia e 250 Frasi, citazioni e aforismi sui viaggi, i viaggiatori e il viaggiare.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla geografia

geografia_geography

Racconterò la storia delle città che andrò visitando, tanto delle grandi quanto delle piccole. La maggior parte di quelle che un tempo erano grandi, sono ora diventate piccole; e quelle che nel corso della mia vita ho visto crescere e diventare potenti, avevano prima dimensioni molto ridotte.
(Erodoto)

Dico che il mondo non è così grande come lo pretende la gente
(Cristoforo Colombo)

Da ragazzo sognavo sugli atlanti. Vi immaginavo viaggi e avventure… Questa è forse la ragione per cui da adulto ho deciso di visitare tutti i luoghi il cui nome aveva un tempo colpito la mia immaginazione, come Samarcanda o Tumbuctou, il fortino di Alamo o il Rio delle Amazzoni, e mi mancano ancora solo Mompracem e Casablanca.
(Umberto Eco)

La carta geografica, insomma, anche se statica, presuppone un’idea narrativa, è concepita in funzione d’un itinerario, è un’Odissea.
(Italo Calvino)

È ben difficile, in geografia come in morale, capire il mondo senza uscire di casa propria.
(Voltaire)

Il pregiudizio razziale deve essere eliminato. Sgomenti, ci rivolgiamo alla scuola in cerca di aiuto. Qui scopriamo che l’insegnante di Geografia, più di ogni altro, ha la possibilità di cancellare i pregiudizi razziali, perché la Geografia è l’unica materia che ci mette in contatto con tutta la gente del mondo.
(Zonia Baber)

Il valore della geografia del pianeta sta prima di tutto nella diversità, nella differenza, nella molteplicità.
(Michel Onfray)

La geografia si occupa di un argomento terreno, ma è una scienza celeste.
(Edmund Burke)

Il mio lavoro è dedicato al pubblico colto al quale proporre le conoscenze di base della geografia. Il mio scopo era di introdurre il lettore a uno sguardo vivace sull’intero paese, la sua natura e i suoi prodotti, gli esseri umani e l’ambiente naturale e presentare tutto ciò come un insieme di relazioni come un arricchimento dello spirito e non una collezione per la memoria .
(Karl Ritter)

Una buona carta geografica vale più di un lungo discorso.
(Anonimo)

Le carte geografiche vi insegnano tutto ciò che desiderate sapere, tranne il modo di ripiegarle quando avete finito di consultarle!
(Anonimo)

E’ l’uomo che conferisce alla Terra un significato, un destino, un motivo per esistere. Tutti gli aspetti e le forze della Terra diventano geografici soltanto nell’incontro con l’uomo. La geografia non esiste infatti senza la natura ma nemmeno senza l’uomo. Con la conoscenza geografica comprendiamo sempre meglio il mondo ma anche noi stessi e il dovere di ciascuno e di tutti di operare a beneficio dell’intera umanità .
(Osvaldo Baldacci)

Dialogo tra Tom Sayer e Huck Finn sulla mongolfiera.
– Ogni cosa ha a che fare con il colore! L’Illinois è verde, lo Stato dell’Indiana è rosa. Mostrami una qualunque cosa di coloro rosa qui sotto, se puoi.
– L’Indiana rosa? Che sciocchezza!
– Non è una sciocchezza, l’ho visto sulla carta geografica ed è rosa.
– Bene, se fossi un tale stupido come te, Huck Finn, io salterei fuori. Visto sulla carta! Huck Finn, hai pensato che gli Stati siano davvero dello stesso colore di come sono sulla carta?
– Tom Sawyer, a cosa serve la carta? Non serve forse per apprendere i fatti reali?
– Certamente.
– Bene, quindi come può farlo se ti dice delle menzogne? Questo è quanto vorrei sapere.
– Uffa, sei un babbeo! La carta non dice menzogne.
– Non le dice?
– No!
– Benissimo, quindi se non le dice non vi sono due Stati con lo stesso colore, spiegami questo se puoi!
(Mark Twain)

I miei cartografi mi hanno rubato più terre dei miei nemici.
(Louis XIV)

“Almeno conoscessi la geografia!” Chico Pacheco continuava a ripetere la frase a denti stretti, rimpiangendo i giorni dell’adolescenza. Era tristemente noto per le assenze scolastiche. E tutto il tempo che aveva perso nella vita, sciupandolo per delle schiocchezze, quando invece avrebbe potuto dedicarsi anima e corpo allo studio intensivo della geografia, scienza della cui utilità si era accorto solo ora !….”Dovrò mandare a cercare qualche libro di testo a Bahia”.
(Jorge Amado)

Sono diventato a poco a poco consapevole che la mia interiorità era inseparabile dalla mia esteriorità, che la geografia della mia città è stata la geografia della mia anima.
(Aleksandar Hemon)

L’unità di tutte le scienze risiede nella geografia. Il significato della geografia è che essa presenta la terra come la sede duratura delle occupazioni dell’uomo.
(John Dewey)

Sono pronto a sostenere che la geografia va posta accanto alla divinissima filosofia.
(Karl Ritter)

Naturalmente anche in questo caso il geografo attingerà a molte scienze affini: l’antropologia, la storia, la filologia. Ma è preciso dovere della geografia dare un quadro d’insieme di questo campo e di riunire in un’unica vivida immagine tutti gli elementi separati di questa conoscenza, di rappresentarlo come un tutto armonioso, le cui parti sono conseguenza di pochi principi general e sono fra di loro interdipendenti .
(Petr Aleksejevic Kropotkin)

Nella storia e nella geografia l’esperienza dimostra sempre la mia tesi: il loro insegnamento va male dovunque. Come preparazione alle prove finali si studiano a memoria i nomi delle montagne, delle città e dei fiumi, dei re e degli zar; gli unici manuali accettabili sono quelli di autori come l’Arsenyef, l’Obodovsky, il Kaldanof, Smaragdof e il Berti e ovunque si sentono lamentele da parte degli insegnanti che cercano continuamente qualche novità senza trovarla. Il punto più divertente è che tutti riconoscono la distanza tra l’insegnamento tradizionale della geografia e le attitudini degli scolari e, di conseguenza, si ingegnano per trovare dei metodi – come quello Sidof – per aiutarli a memorizzare i nomi ; trovo ironico che il concetto più basilare ovvero l’inutilità di questo tipo di geografia e dell’apprendimento mnemonico delle tassonomie, non sia mai venuto in mente a nessuno.
(Lev Tolstoj)

La geografia può essere intesa come descrizione di elementi paesaggistici oppure come studio dei tipi di attività economiche che le società organizzano sul territorio, ma la geografia è anche progetto, è la costruzione di politiche di intervento per il rimodellamento di uno spazio, per la creazione di nuovi modi di organizzarsi delle attività umane sul territorio è la chiave della transizione fra il vecchio e il nuovo, fra il sottosviluppo e lo sviluppo.
(Sergio Conti)

E’ l’uomo che conferisce alla Terra un significato, un destino, un motivo per esistere. Tutti gli aspetti e le forze della Terra diventano geografici soltanto nell’incontro con l’uomo. La geografia non esiste infatti senza la natura ma nemmeno senza l’uomo. Con la conoscenza geografica comprendiamo sempre meglio il mondo ma anche noi stessi e il dovere di ciascuno e di tutti di operare a beneficio dell’intera umanità .
(Osvaldo Baldacci)

È per sistemare la storia che si incasina la geografia.
(Daniel Pennac)

Ci sono delle pianure e della vallate che la Geografia sembra aver predisposto per la Storia.
(Sylvain Tesson)

Confine. In geografia politica, linea immaginaria tra due nazioni, che separa i diritti immaginari dell’uno dai diritti immaginari dell’altro.
(Ambrose Bierce)

Dio usa le guerre per insegnare la geografia alla gente.
(Ambrose Bierce)

La storia non è che la geografia nel tempo, così come la geografia non è che la storia nello spazio.
(Elisée Reclus)

Il Canada e’ un paese che non ha granche’ di storia. In compenso ha molta geografia!
(Anonimo)

I nomadi non hanno storia, hanno solo geografia
(Gilles Deleuze)

Il tempo ha cavità, deserti, crepe,
elevazioni, abissi…
Bisognerebbe scrivere una geografia del tempo.
(Raul Aceves)

La geografia è la sola arte nella quale le ultime opere sono sempre le migliori.
(Voltaire)