Frasi, citazioni e aforismi sul tè

Il tè (o the o tea) è bevanda di meditazione e non a caso i legami con l’aforisma – genere saggio e meditativo – sono molti. Guido Ceronetti ha intitolato un suo libro di aforismi “I pensieri del tè” e recentemente L’associazione Aforistica Finlandese ha stretto un accordo con un importante produttore di bustine di tè, con l’obiettivo di far apparire sui filtro della bevanda aforismi di autori contemporanei.

Presento la più ampia raccolta in lingua italiana di frasi, citazioni e aforismi sul tè. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul caffè e Frasi, citazioni e aforismi sul cioccolato e la cioccolata.

**

Frasi, citazioni e aforismi sul tè

Tè_the_tea

Il tè è una tazza di vita.
(Anonimo)

Ogni tazza di tè rappresenta un viaggio immaginario.
(Catherine Douzel)

“Vuoi che partiamo subito per la nostra avventura”, domandò Peter Pan, “o preferisci prendere il tè?”. “Prima il tè”, rispose Wendy.”
(Peter Pan)

Il tè è saggezza liquida.
(Anonimo)

Ringrazia Dio per il tè, cosa farebbe il mondo senza? Come potrebbe esistere senza? Sono molto felice di non essere nato prima della scoperta del tè.
(Sir Philip Sidney)

Un bagno rinfresca il corpo, una tazza di tè lo spirito.
(Proverbio Giapponese)

E’ sempre l’ora del tè, e negli intervalli non abbiamo il tempo di lavare le tazze – rispose il Capellaio.
(Alice nel paese delle meraviglie)

L’arte di bere il tè è un poema ritmato da movimenti armoniosi.
(Nitobe Inazō)

Il primo infuso è per il gusto. Il secondo infuso è per il piacere. Il terzo infuso è per l’occhio. Il quarto infuso è per il rilassamento.
(Proverbio Cinese)

La temperatura ideale per un tè è di due gradi più calda di quello giusta.
(Terri Guillemets)

L’amore comincia con un sorriso, cresce con un bacio e finisce con un tè.
(Anonimo)

Non c’è voluto troppo tempo per capire
che non è alle feste, o alle cene,
o a teatro che sono più felice,
ma a casa con te:
coi nostri libri,
i nostri film
e una tazza di tè.
(Atticus)

Il tè è saggezza istantanea − basta aggiungere acqua!
(Astrid Alauda)

Il tè contiene (annacquata) la sapienza dell’Oriente, il caffè l’efficienza dell’Occidente. E quindi chi beve il tè si prende una pausa mentre chi beve il caffè ha bisogno di una pausa.
(Elite Daily)

Chi beve il tè si fa domande, chi beve il caffè dà le risposte, chi beve il tè medita e chi beve il caffè prende appunti, chi beve il tè assapora il giorno e chi beve il caffè lo vive. Chi beve il tè è romantico e fantasioso, e chi beve il caffè appassionato ed efficiente.
(Elite Daily)

L’amore e l’amicizia non si chiedono come l’acqua, ma si offrono come il tè.
(Detto Zen)

Arthur sbatté le palpebre fissando i monitor accesi e sentì che mancava qualcosa di importante. Improvvisamente si rese conto di quello che mancava.
“C’è un tè su questa astronave?” chiese.
(Douglas Adams)

Se hai freddo, una tazza di tè ti riscalda.
Se sei depresso, ti rincuora.
Se sei agitato, ti rilassa.
(William Gladstone)

“Per il solito”. Il solito era un infuso ben carico di diversi tipi di tè orientali che le rinfrancavano l’animo dopo la siesta
(Gabriel Garcia Marquez)

Le migliori foglie di tè devono piegarsi come stivali di cuoio dei cavalieri tartari, arricciarsi come le corna di un bue potente, schiudersi come la nebbia che sale da un burrone, scintillare come un lago sfiorato dallo zèfiro ed essere umide e molli come terra bagnata dalla pioggia.
(Lu Yu)

Beviamo, nel frattempo, un sorso di tè. Lo splendore del meriggio illumina i bambù, le sorgenti gorgogliano lievemente, e nella nostra teiera risuona il mormorio dei pini. Abbandoniamoci al sogno dell’effimero, lasciandoci trasportare dalla meravigliosa insensatezza delle cose.
(Okakura Kakuzō)

Gli inglesi hanno un cordone ombelicale che non è stato mai tagliato, attraverso cui scorre un flusso continuo di tè. E’ curioso osservarli in occasione di improvvisi eventi tragici, orribili, o catastrofici. Il cuore sembra arrestarsi, tutte le membra paiono paralizzate, finché qualcuno non prepara velocemente “una buona tazza di tè”, che non manca di produrre in breve tempo il suo effetto benefico e rinfrancante. E’ un vero peccato che non tutte le nazioni siano altrettanto consapevoli del potere del tè. Le conferenze sulla pace mondiale si svolgerebbero in modo molto più tranquillo se al momento opportuno fosse fatta circolare tra i partecipanti “una buona tazza di tè” o, meglio ancora, tutto un samovar.
(Marlene Dietrich)

La filosofia del tè è igiene perché richiede la più rigorosa pulizia;
è economia perché dimostra che il benessere risiede nella semplicità piuttosto che nel complicato e pretenzioso;
è geometria morale, in quanto definisce il rapporto tra i nostri sentimenti e l’universo.
(Okakura Kakuzō)

Il tè non ha l’arroganza del vino, né la supponenza del caffè e neppure la leziosa innocenza del cacao.
(Okakura Kakuzō)

La saggezza di tutto l’universo è in una tazza di tè.
(Proverbio tuareg)

La prima tazza inumidisce le mie labbra e la mia gola.
La seconda allontana la mia solitudine.
La terza fa scomparire la pesantezza del mio spirito,
reso confuso da tanta lettura.
La quarta esala una leggera traspirazione, e disperde
attraverso i miei pori tutti i dispiaceri della vita.
La quinta mi purifica.
La sesta mi apre il regno degli immortali.
La settima, oh potessi berne di più!
Non avverto più il soffio del vento che gonfia le mie maniche.
Trasportato da questa dolce brezza io raggiungo i cieli.
(Lu Tung, Canto del tè)

Il tè è una delle principali forme di civiltà in questo paese.
(George Orwell)

Se un uomo non ha tè in sé, è incapace di comprendere la verità e la bellezza.
(Proverbio Giapponese)

Un tè allo zenzero fortifica la vista interna, allarga la capacità dell’occhio sepolto, fa dire allo spirito dov’è entrato: io posso.
(Guido Ceronetti)

L’estasi è una tazza di tè e un dolce di zucchero in bocca.
(Alexander Puskin)

Chi potrebbe negare che, mentre sto sorseggiando il tè nella mia sala, sto ingoiando l’intero universo e che in questo istante in cui porto la mia tazza sulle labbra è l’eternità stessa che trascende il tempo e lo spazio?
(DT Suzuki)

L’amore e lo scandalo sono i migliori dolcificanti del tè.
(Henry Fielding)

Non v’è problema così grande o grave che non possa essere diminuito da una buona tazza di tè.
(Bernard-Paul Heroux)

Ci vogliono tre condizioni per fare il the: il tempo, il focolare e gli amici.
(Proverbio tuareg)

Un profumo di avventura e di poesia esce all’infinito da ogni tazza di tè.
(Henri Mariage)

Il caffè è per i vincenti, per gli intraprendenti, per chi ignora il tè, rinuncia al pranzo, si alza presto, si impegna perché è oppresso dai sensi di colpa, per mentecatti privi di spiritualità, ossessionati dal denaro e dal prestigio sociale. Dovremmo rifuggire il caffè e dedicarci anima e corpo al tè, l’antica bevanda dei poeti, dei filosofi e dei meditatori.
(Tom Hodgkinson)

Non trovo mai una tazza di tè abbastanza grande o un libro abbastanza lungo da soddisfarmi.
(Clive Staples Lewis)

Nella vita ci sono poche ore più piacevoli dell’ora dedicata alla cerimonia del tè pomeridiano.
(Henry James)

Quasi tutti avevano nella vita una passione che consideravano particolarmente importante […]. E la sua qual era?, si era chiesta. Il tè? Di sicuro c’era qualcosa di più importante. Ma cosa? Aveva guardato la signorina Maktusi, quasi in cerca di ispirazione, ma non le era venuto in mente niente e aveva deciso di tornare sull’argomento più avanti, durante una pausa, quando avrebbe avuto tempo per simili sconvolgenti speculazioni filosofiche.
(Alexander McCall Smith)

Il tè è un’opera d’arte, e solo la mano di un maestro può renderne manifeste le qualità più nobili.
(Okakura Kakuzō)

Esiste un tè buono e uno cattivo, così come esistono dipinti belli a altri brutti – questi ultimi più frequenti. Non esiste ricetta per preparare il tè ideale, così come non ci sono regole che consentano di creare un Tiziano o un Sesson.
(Okakura Kakuzō)

Il tè, bevanda di popoli cerimoniosi, somiglia al monsone, alle piogge tropicali; calmante oppure eccitante, invita alle parole, alla distensione.
(Pascal Bruckner)

Una donna è come una bustina di tè. E’ solo quando si trova nell’acqua calda che si realizza quanto è forte.
(Eleanor Roosvelt)

Sicuramente una bella donna non così bella come quando prepara il tè.
(Mary Elizabeth Braddon)

Il tè dovrebbe essere preso in solitudine.
(Clive Staples Lewis)

Strano come una teiera
possa rappresentare allo stesso tempo
il conforto della solitudine
e il piacere della compagnia.
(Zen Haiku)

Con la neve sciolta faccio bollire tè profumato.
(Mencio)

La lettura migliora in compagnia di un tè. Alternativamente, un tè migliora in compagnia della lettura.
(Sergio Ricossa)

“Voglio che tu beva il mio tè. Sentirai, il profumo ti arriverà all anima”. Parlava di un tè prezioso, giuntole da Calcutta… Un profumo acuto si spandeva nell’aria… Ella versò in una tazza la bevanda e l’offerse ad Andrea, con un sorriso misterioso. Egli rifiutò dicendo “Non voglio berlo in tazza ma da te”… “Ora prendi un bel sorso”… Maria, teneva le labbra serrate, per contenerlo… E Andrea la baciò, suggendo da essa tutto il sorso…
(Gabriele D’Annunzio)

..L’ora del tè fumante e dei libri chiusi, la dolcezza di sentire la fine della sera, la stanchezza incantevole e l’adorata attesa dell’ombra nuziale e della dolce notte.
(Paul Verlaine)

I giorni di pioggia dovrebbero essere passati a casa con una tazza di tè e un buon libro.
(Bill Watterson)

Un uomo che vuole farsi strada nella vita non può fare di meglio che andare per il mondo con una bollente teiera in mano.
(Sydney Smith)

“Bene” tagliò corto la signora Ramotswe. “Allora facciamoci una bella tazza di tè e studiamo il modo di affrontare il problema che ci ha sottoposto la signora Holonga l’altro giorno. Non possiamo stare tutto il tempo a parlare di uomini, dobbiamo metterci al lavoro. C’è molto da fare”.
La signorina Makutsi preparò il tè rosso e lo sorseggiarono discutendo la strategia migliore per trattare la questione dei pretendenti della signora Holonga. Il tè ovviamente ridimensionò il problema, come sempre, e dopo il primo giro, quando la signorina Makutsi prese la teiera leggermente sbreccata per riempire di nuovo le tazze, avevano ormai ben chiaro in testa cosa fare.
(Alexander McCall Smith)

Bussarono alla porta e il cameriere entrò con il vassoio del tè e lo posò sul tavolino giapponese. Si udì un tintinnire di tazze e di piattini e il sibilo flautato di un samovar georgiano. Un paggio portava due coppe cinesi. Dorian Gray si alzò e si versò il tè. I due uomini si avvicinarono lentamente alla tavola e alzarono i coprivivande.
“Andiamo a teatro, stasera”, – disse lord Henry.
“Sarei lieto di venire con voi” – disse il giovane.
(Oscar Wilde)

Per i nostri soldati il tè è più importante delle munizioni.
(Winston Churchill)

L’uso del tè è sovranamente raccomandato ai Gentiluomini d’Ingegno Acuto; di costoro potrà così essere preservata la continuità delle Idee Distinte, e ciò grazie al di lui ineguagliato potere di eliminare oppure prevenire Sonnolenza e Ottusità, Offuscamenti e Nuvole del Cervello e delle Facoltà Intellettuali. Il tè genera un’ardente Prontezza, disperde l’Oppressione, mantiene vigile l’Occhio e lucida la Testa; anima il Pensiero, infonde rinnovato vigore all’Invenzione, sveglia i Sensi, purifica Cuore e Mente, mantiene e accresce Idee già per sé vivaci, eccita i poteri dell’Intelletto.
(Thomas Short)

Sono un bevitore di tè incallito e impudente, che da molti anni annaffia i suoi pasti solo con l’infusione di questa affascinante pianta; il cui bricco ha a malapena il tempo di raffreddarsi; che col tè si sollazza la sera, col tè si conforta a mezzanotte, e col tè saluta il mattino.
(Samuel Johnson)

Ho sempre paura che la creazione possa finire prima dell’ora del tè.
(Sydney Smith)

Il tè si beve per dimenticare il frastuono del mondo.
(T’ien Yiheng)

E all’improvviso il ricordo mi è apparso. Quel gusto era quello del pezzetto di madeleine che zia Léonie la domenica mattina a Combray […] mi offriva dopo averlo inzuppato nel suo infuso di tè o di tiglio quando andavo a darle il buongiorno in camera sua. La vista della piccola madeleine non mi aveva ricordato niente prima di averla gustata […]. Ma, quando di un antico passato non sussiste niente, dopo la morte degli esseri, dopo la distruzione delle cose, soli, più fragili ma più intensi, più immateriali, più persistenti, più fedeli, l’odore e il sapore restano ancora a lungo, come anime, a ricordare, ad attendere, a sperare, sulla rovina di tutto il resto, a reggere, senza piegarsi, sulla loro gocciolina quasi impalpabile, l’immenso edificio del ricordo..
(Marcel Proust)

La strada per il paradiso passa attraverso una teiera.
(Proverbio Inglese)

Commenti:

  • Gioele Maniero

    Se vi innamorate di una barista e la desiderate intensamente, non ditele mai: “Io voglio te”. Finirà con il portarvi una bevanda calda.

    agosto 30, 2016

Sorry, the comment form is closed at this time.