Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @diegoilmaestro (Diego il Maestro). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l'autore scrive di sé: "Sono uno a cui è sempre piaciuto osservare ciò che lo circonda, specie le persone e le loro abitudini e piccole manie nella vita di tutti i giorni. Quindi se sei in fila dal dottore o in banca, ti stai scaccolando e noti un tizio che ti fissa, occhio, potrei essere io".

@diegoilmaestro si è iscritto a Twitter nel settembre 2011. "Scrivo su Twitter perché in 140 caratteri ho trovato una valvola di sfogo su misura per le minchiate che mi ronzano in testa quotidianamente e che, in un modo o nell'altro, devono pur uscire. Il mio soprannome “Il Maestro” deriva dalla mia passione per il cinema: da ragazzo ho realizzato dei cortometraggi e così gli amici, ovviamente per prendermi in giro, mi hanno affibbiato questo presuntuoso epiteto".

diegoilmaestroc

@Diegoilmaestro parte da semplici fatti della vita quotidiana (la colazione al bar, la fila alle poste, la madre che passa l'aspirapolvere, i vecchi che osservano i cantieri, la paghetta settimanale, l'appuntamento con la fidanzata, la nonna che cucina, l'allestimento del presepe di natale, etc) per costruire delle micro trame all'insegna dell'umorismo e del paradosso. Si veda ad esempio questo tweet - uno dei più famosi dell'autore - : "Sono in fila alle Poste e ho conosciuto una strafica che mi ha pure chiesto di scambiarci il numero. Prima ero il 4, adesso il 57". Una storia d'amore impossibile in 140 caratteri dove alla fine lui - in un cortocircuito inaspettato - non solo viene respinto, ma perde pure il posto, scalando indietro nella coda. Oppure si veda questo dialogo surreale tra padre e figlio che è una fotografia "sociale" dei nostri tempi: "Io e mio padre: - Pa' io esco - I soldi ce l'hai? - No - Tieni. Io e il mio futuro figlio: - Pa' io esco - I soldi ce l'hai? - No - Manco io". E si veda anche come un l'apertura di un nuovo cantiere vicino a casa crei le premesse per descrivere tutta una generazione di anziani ("Vicino casa mia hanno aperto un nuovo cantiere. Dev'essere il regalo di Natale chiesto da mio nonno").

Attraverso un percorso del tutto contrario al nostro pensare comune (il famoso "sentimento del contrario" di cui scrive Pirandello nel suo saggio sul comico), @diegoilmaestro riporta storie e osservazioni relative a concrete esperienze di vita e lo fa mostrandoci il mondo da un punto di vista diverso, umoristico e talora assurdo. Situazioni ripetute ossessivamente, tic e manie smascherati con la lente della deformazione e della comicità (tra i tanti si veda questo mirabile tweet "Stamattina, mentre facevo colazione, al bar c'erano due esperti di terrorismo e politica internazionale travestiti da barista e da muratore") compongono una commedia in 140 caratteri, fotografia ironica del nostro ordinario nonsenso e della gabbia di convenzioni che ci stringe.

Presento una raccolta dei migliori tweet di @diegoilmaestro:

**

@diegoilmaestro, Tweet scelti

Sono in fila alle Poste e ho conosciuto una strafica che mi ha pure chiesto di scambiarci il numero. Prima ero il 4, adesso il 57.

Io e mio padre:
- Pa' io esco
- I soldi ce l'hai?
- No
- Tieni
Io e il mio futuro figlio:
- Pa' io esco
- I soldi ce l'hai?
- No
- Manco io

Mia madre passa l'aspirapolvere la domenica mattina presto perché evidentemente intende sorprendere gli acari nel sonno.

Almeno per noi essere picchiati col battipanni era dignitoso. Pensate che vergogna i bambini del futuro picchiati col bastone per i selfie.

Stamattina, mentre facevo colazione, al bar c'erano due esperti di terrorismo e politica internazionale travestiti da barista e da muratore.

Se lo spermatozoo che arrivò secondo è ancora da qualche parte e osserva la mia vita, secondo me si sta sbellicando dalle risate.

-Ciao sei carina
-Sono fidanzata
-3 etti di mortadella
-Bè che vuol dire?
-Che ne so, tu hai iniziato a dire cose che non c'entrano un cazzo