Un aforista contemporaneo, Fabrizio Caramagna, autore di Linee di seta e fondatore del sito Aforisticamente, traduce uno dei più grandi aforisti di tutti i tempi, François de La Rochefoucauld (Parigi, 15 settembre 1613 – Parigi, 17 marzo 1680), da molti considerato il padre dell'aforisma moderno.

Presento una raccolta dei migliori aforismi di François de La Rochefoucauld tratti dalle sue Massime (nella prefazione sono definite "Réflexions ou Maximes morales"). Il libro "Le Massime" (pubblicato nel 1678) è composto da 504 massime, numero che è considerato la misura aurea per ogni libro di aforismi. Accanto a ogni aforisma tradotto compare il numero della "massima". Tra i temi correlati si veda Frasi belle e famose di autori celebri.

**

Frasi, aforismi, pensieri e massime di François de La Rochefoucauld

Francois de la rochefoucauld

Il più delle volte, le nostre virtù non sono altro che vizi mascherati.
(Epigrafe)

L'amor proprio è il più grande di tutti gli adulatori. (2)

Per quante scoperte si siano fatte nel territorio dell'amor proprio, vi sono ancora molte terre sconosciute. (3)

La durata delle nostre passioni non dipende da noi più di quanto dipenda la durata della nostra vita. (5)

Spesso la passione fa dell'uomo più intelligente un pazzo, e sovente rende intelligenti i più sciocchi. (6)

Nel cuore umano c'è una genesi perpetua di passioni, e il soccombere dell'una rappresenta quasi sempre l'insediarsi di un'altra. (9)

Tutti abbiamo forza sufficiente per sopportare i mali altrui. (19)

La filosofia trionfa facilmente sui mali passati e sui mali futuri. Ma i mali presenti trionfano su di essa. (22)

Le grandi virtù sono necessarie per sostenere la buona piuttosto che la cattiva sorte. (25)

Né il sole né la morte si possono guardare in faccia a lungo. (26)

Il male che facciamo non ci attira tante persecuzioni e tanto odio quanto le nostre buone qualità. (29)

Se non avessimo difetti, non proveremmo tanto piacere a rimarcare quelli degli altri. (31)

Se non avessimo orgoglio, non ci lamenteremmo di quello degli altri. (34)

Promettiamo secondo le nostre speranze, e manteniamo secondo le nostre paure. (38)

L'interesse parla ogni genere di lingua e interpreta ogni genere di personaggio, perfino quello del disinteressato. (39)

L'interesse, che acceca gli uni, illumina gli altri. (40)