Gli slogan e i motti più famosi e celebri della storia

Presento una raccolta degli slogan e motti più famosi e celebri della storia. Tra i temi correlati si veda Frasi, detti e proverbi latini e la sezione Proverbi e poesie.

**

Gli slogan e i motti più famosi e celebri della storia

slogan

Fate l’amore, non la guerra – Make love, not war.
(scritta in inglese sui muri dell’Università di Nanterre, in Francia, durante i moti studenteschi del 1968)

Lavorare meno, lavorare tutti.
(Slogan del sessantotto)

Liberté – Egalité – Fraternité
(Motto della rivoluzione francese)

Tremate, tremate, le streghe son tornate!
(Slogan femminista, anni Settanta)

Mantieni la calma e vai avanti – Keep Calm and Carry On.
(slogan prodotto dal governo britannico nel 1939 agli albori della seconda guerra mondiale e ripreso nel nostro millennio)

Hasta la victoria siempre – Fino alla vittoria sempre.
(Frase attribuito a Ernesto Che Guevara e slogan politico della sinistra rivoluzionaria)

Molti nemici, molto onore.
(Motto fascista)

Proletari di tutti i paesi, unitevi!
(Frase del dal Manifesto del Partito Comunista di Karl Marx e Friedrich Engels e slogan socialista e comunista)

La cattiva notizia è che dio non esiste. Quella buona, è che non ne hai bisogno.
(slogan dell’Unione degli Atei e degli Agnostici razionalisti)

Non si interrompe un’emozione.
(slogan coniato dal regista cinematografico Federico Fellini per contestare l’abuso delle interruzioni pubblicitarie sulle tv private a partire dagli anni ottanta)

Le persone vere indossano pellicce false.
(Slogan animalista contro le pellicce)

Non portate i vostri organi in paradiso, lì non servono.
(Slogan di un’associazione di donatori d’organi)

L’immaginazione al potere.
(Slogan del sessantotto)

Se il destino è contro di noi, peggio per lui.
(Motto del 1º Reggimento carabinieri paracadutisti “Tuscania”)

Chi osa vince – Who Dares Wins.
(Motto del Special Air Service)

La fantasia distruggerà il potere ed una risata vi seppellirà!
(slogan del sessantotto, già motto anarchico di fine ‘800, apparso per la prima volta in Italia sui muri della facoltà di Lettere dell’Università di Roma e poi divenuto motto del movimento del 1977)

Lotta dura, senza paura!
(Slogan del sessantotto italiano)

Se non cambierà, lotta dura sarà!
(Slogan del sessantotto italiano mutuato dal più famoso francese)

Contro i sensi vietati, le strade del possibile.
(Slogan del sessanto)

Un diamante è per sempre.
(Slogan della società di estrazione di diamanti De Beers)

Think different.
(Slogan della Apple)

Impossible is nothing!
(Slogan dell’Adidas)

Just Do It
(Slogan della Nike)

Perché io valgo – Parce que je le vaux bien.
(Slogan dell’Oreal)

Miliardi di persone diverse, una sola razza: quella umana
(Slogan contro il razzismo)

Chi fuma avvelena anche te. Digli di smettere.
(Slogan contro il fumo)

Non è grande chi ha bisogno di farti sentire piccolo
(Slogan contro il bullismo)

Credere, obbedire, combattere.
(Slogan fascista)

Fascisti, borghesi, ancora pochi mesi.
(Slogan del Sessantotto)

Brucia, ragazzo, brucia!
(Slogan che, per sei lunghi giorni, accompagnò la rivolta del ghetto di Watts, a Los Angeles)

Vogliamo tutto e subito.
(Slogan del sessantotto)

L’utero è mio e lo gestisco io!
(Slogan femminista, anni Settanta)

“Diamo l’assalto al cielo.
(Motto del sessantotto parigino)

Se è gialla lasciala a galla, quando è marrone tira lo sciacquone.
(Slogan ambientalista per il risparmio idrico)

Colpirne uno per educarne cento.
(slogan attribuito a Mao Tse Tung e ripreso dalle Brigate Rosse)

Il potere, deve essere operaio!
(Slogan del movimento operaio)

Articolo 1: è proibito proibire.
Articolo 2: l’articolo 1 è abolito.
(slogan sessantottino)

¡No pasarán! – Non passeranno!
(Slogan usato per indicare l’intenzione di difendere a ogni costo una posizione dal nemico)

¡Tierra y Libertad! – Terra e Libertà!
(Motto utilizzato durante la rivoluzione messicana guidata da Emiliano Zapata)

Il padrone ha bisogno di te, tu non hai bisogno di lui.
(Slogan del sessantotto)

Col dito, col dito, orgasmo garantito!
(Slogan femminista, anni Settanta)

Meglio vivere un giorno da leone, che cento anni da pecora.”
(Slogan fascista)

È ora, è ora, potere a chi lavora!
(Slogan del movimento operaio)

Mettete dei fiori nei vostri cannoni.
(Slogan del Sessantotto)

Boia chi molla
(Slogan fascista)

Io sono mia.
(Slogan femminista, anni Settanta)

Perché no?
(Slogan della campagna elettorale del 1968 di Bobby Kennedy)

Yes, we can! – Sì, possiamo!
(Slogan della campagna elettorale 2008 di Barack Obama)

Un popolo, un impero, un capo.
(motto della Germania Nazista)

Meglio morto che rosso.
(Slogan anticomunista)

Ora e sempre resistenza.
(Slogan della resistenza)

Apri il tuo codice, apri la tua mente
(Slogan della Linux)

Siamo il 99% – We are the 99%
(Slogan del movimento Occupy Wall Street, con cui si fa riferimento alla disuguaglianza sociale ed economica)

La vita è bella, guida sicuro – Life is beautiful. Drive safe.
(Slogan per la sicurezza stradale)

E’ meglio perdere un minuto della vita … che perdere la vita in un minuto.
(Slogan per la sicurezza stradale)

Se nella testa hai il cervello usa il casco.
(Slogan per la sicurezza stradale)