Frasi, citazioni e aforismi sugli uccelli

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sugli uccelli. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sugli animali, Frasi, citazioni e aforismi sulla natura, Frasi, citazioni e aforismi sulla libertà e Frasi, citazioni e aforismi sul volo e il volare.

**

Frasi, citazioni e aforismi sugli uccelli

Uccelli

Sembra esserci nell’uomo, come nell’uccello, un bisogno di migrazione, una vitale necessità di sentirsi altrove.
(Marguerite Yourcenar)

Alla zampa di ogni uccello che vola è legato il filo dell’infinito.
(Victor Hugo)

Gli uccelli sono responsabili di almeno tre grandi maledizioni che colpiscono gli esseri umani. Ci hanno dato la voglia di arrampicarci sugli alberi, di volare e di cantare…
(Boris Vian)

Nessun uccello vola appena nato, ma arriva il momento in cui il richiamo dell’aria è più forte della paura di cadere e allora la vita gli insegna a spiegare le ali.
(Luis Sepúlveda)

Apri di più il tuo cuore, non sei prigioniero. Sei un uccello che vola nel cielo alla ricerca di sogni.
(Haruki Murakami)

La meraviglia è quella di un uccello che ogni mattina torna a battere le ali uscendo dalle mani del buio.
(Fabrizio Caramagna)

a alcuni uccelli non sono fatti per la gabbia, questa è la verità. Sono nati liberi e liberi devono essere. E quando volano via ti si riempie il cuore di gioia perché sai che nessuno avrebbe dovuto rinchiuderli.
(Dal film Le ali della libertà)

Un uccello non canta perché ha una risposta. Canta perché ha una canzone.
(Maya Angelou)

– E’ una voliera – una voliera?
– Sì
– E a cosa serve? Hervè Joncour teneva fissi gli occhi su quei disegni – tu la riempi di uccelli, più che puoi, poi un giorno che ti succede qualcosa di felice la spalanchi, e li guardi volare via.
(Alessandro Baricco)

Io dipingo come un uccello canta.
(Claude Monet)

Nella gioia del volo l’uccello,
qua e là, nel vuoto,
va scrivendo parole
senza alfabeto.
Quando la mente vola
si risveglia la mia voce,
la penna descrive
la gioia delle ali.
(Rabindranath Tagore)

Gli uccelli notturni beccano le prime stelle che splendono come la mia anima quando ti amo.
(Pablo Neruda)

Lassù in alto, un uccello può trasportare una stella o una domanda nelle sue piccole zampe luminose e noi non lo sapremo mai
(Fabrizio Caramagna)

Guarda gli alberi, guarda gli uccelli, guarda le nuvole, le stelle… e se hai occhi potrai vedere che l’esistenza intera è ricolma di gioia.
(Osho)

Siate come l’uccello posato per un attimo su rami troppo fragili, che sente la fronda piegarsi e canta, tuttavia, sapendo di avere le ali.
(Victor Hugo)

Mi bastava abbandonare al vento il mio cuore, come gli uccelli. Perché non potevo buttarlo via, mi dissi. A volte era pesante e cupo, era vero, ma succedeva anche che portato in volo dal vento riuscisse a vedere attraverso l’eternità.
(Haruki Murakami)

L’anima ha delle illusioni come l’uccello ha delle ali: è ciò che la sostiene.
(Victor Hugo)

Gli uccelli cantano per rammentarci che abbiamo un’anima.
(Charles Simic)

Al mattino gli uccelli inventano mille canti, uno per ogni riflesso della loro gola illuminata dall’alba.
(Fabrizio Caramagna)

Per osservare gli uccelli è necessario diventare parte del silenzio.
(Robert Lynd)

Sì, gli uccelli sono in possesso di un senso dell’onore e di un coraggio che l’uomo non possiede… L’uomo vive all’ombra di leggi e di consuetudini da lui stesso create e foggiate secondo le sue esigenze, mentre gli uccelli vivono secondo quella stessa Legge Eterna di libertà che spinge la Terra a seguire la sua ampia orbita intorno al Sole.
(Khalil Gibran)

Quando canta il merlo, siamo fuori dall’inverno.
(Proverbio)

Sotto l’azzurro fitto del cielo
qualche uccello di mare se ne va;
né sosta mai:
perché tutte le immagini portano scritto “più in là”.
(Eugenio Montale)

Nel momento in cui dubiti di poter volare, perdi per sempre la facoltà di farlo. Il motivo per cui gli uccelli, a differenza degli esseri umani, sono in grado di volare, risiede nella loro fede incrollabile, perché avere fede vuol dire avere le ali.
(Sir James Matthew Barrie)

La logica è una sequenza di 1 e di 0 che a volte si ingarbuglia e si trasforma in uno stormo di uccelli colorati.
(Fabrizio Caramagna)

Sugli alberi, al limitare della pianura, riesco a vedere le ghiandaie imitatrici che svolazzano intorno, rilanciandosi melodie come fossero palle dai colori vivaci.
(Suzanne Collins)

E poi, il nulla. Forse solo… il rumore del silenzio, come quello che sentono gli uccelli quando volano in alto sopra la terra respirando l’aria pura e fresca della libertà.
(Fannie Flagg)

Gli uccelli nati in una gabbia pensano che volare sia una malattia.
(Alejandro Jodorowsky)

L’uccello in gabbia
canta per invidia o per rabbia.
(Proverbio)

Un uccello canta sul ramo: racconta al fiume come era prima di essere fiume.
(Fabrizio Caramagna)

Ci sono delle anime che, come alcuni animali, si rivoltano nel fango, ed altre che volano come gli uccelli i quali nell’aria si purificano e si puliscono.
(San Giovanni della Croce)

Prima di poter volare, l’anima deve fare un bagno di polvere, come gli uccelli.
(Maura Del Serra)

L’anima aiuta il corpo e in certi momenti lo solleva. È l’unico uccello che sostenga la sua gabbia.
(Victor Hugo)

E uccelli, uccelli, uccelli,
col ciuffo, con la cresta, col collare:
uccelli usi alla macchia, usi alla valle:
scesi, dal monte, reduci dal mare:
con l’ali azzurre, rosse, verdi, gialle:
di neve, fuoco, terra, aria le piume:
con dentro il becco pippoli e farfalle.
(Giovanni Pascoli)

Nella tempesta più forte, c’è sempre un uccello per rassicurarci. È l’uccello sconosciuto. Canta prima di volare.”
(René Char)

Ogni giorno il sole si leva e tramonta, il vento soffia, l’uccello canta. Ma l’uomo, che cosa fa l’uomo?
(Fabrizio Caramagna)

Mi si è posato una volta un passero sulla spalla mentre stavo zappando in un giardino del villaggio e ho sentito di essere più onorato in quella circostanza più di quanto lo potessi essere da qualsiasi mostrina avessi potuto indossare.
(Henry David Thoreau)

Usa il talento di cui sei in possesso: i boschi sarebbero molto silenziosi se nessun uccello cantasse ad eccezione di quelli più intonati.
(Henry van Dyke)

Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo imparato l’arte di vivere come fratelli.
(Martin Luther King)

Come gli uccelli, dopo essersi incontrati sull’albero che li ospita, si separano, così l’incontro delle creature finisce sempre con la separazione.
E come le nubi si addensano e di nuovo si allontanano, così, credo, è l’unione e la separazione degli esseri viventi.
(Buddha)

Quando i passeri becchettano le briciole che hai messo per loro sulla soglia di casa, sono felici. Un po’ di quella felicità torna anche a te.
(Romano Battaglia)

Nessun uccello vola troppo in alto, se vola con le proprie ali.
(William Blake)

Bisogna essere leggeri come un uccello e non come una piuma.
(Paul Valéry)

Ahimè! quanto dev’essere felice, la morte dell’uccello, nei boschi.
(Gérard de Nerval)

Essere libero come un uccello? E fischiare per tutta la vita una melodia, già stabilita?
(Stanislaw Jerzy Lec)

L’uccello canta ogni mattina. Allegria o disciplina?
(Hasier Aguirre)

Autunno. Gli uccelli che migrano – lassù nel cielo – si passano gli uni con gli altri la risposta che stiamo cercando, e nessuno di noi umani riesce ad ascoltarla
(Fabrizio Caramagna)

Una gabbia andò in cerca di un uccello.
(Franz Kafka)

A ogni uccello suo nido è bello.
(Proverbio toscano)

L’uccello preso nella foto continua il suo volo.
(Edouard Boubat)

Davvero gli uccelli volano? Oppure fanno salti chilometrici nei quali si aiutano con le ali?
(Diego Chozas)

È una buona cosa che esista la gravità, altrimenti gli uccelli morti seguiterebbero a svolazzare in cielo.
(Steven Wright)

Quest’anno, andiamo in vacanza in aereo e io mi porto dietro i canarini. Spero che quelle piccole bestiole non abbiano il mal d’aereo, perché non hanno mai volato prima.
(Wiet van Broeckhoven)

Solo un poeta può sbattere contro l’ombra di un uccello in volo.
(Mihai Josif Pauliuc)

La fede è l’uccello che sente la luce e canta quando l’alba è ancora buia.
(Rabindranath Tagore).

Alcuni uccelli si scambiano segni e suoni complicati, ma è impossibile studiarli perché nessuno può stabilire quali sono importanti e quali no, quale informazione viene effettivamente trasmessa. Ve ne sono alcuni che cantano duetti, uno dà una nota e l’altro risponde, ma non sappiamo cosa veramente si dicono. Forse: “Io sono il tuo consorte, faccio parte della tua tribù”, ma non si capisce perché un discorso così elaborato per una dichiarazione tanto semplice.
(Donald Griffin)

Tu puoi conoscere il nome di un uccello in tutte le lingue del mondo, e quando avrai finito, non saprai assolutamente nulla per quanto riguarda quell’uccello… Allora guardiamo l’uccello e vediamo cosa sta facendo – questo è ciò che conta. Ho imparato molto presto la differenza tra il conoscere il nome di qualcosa e conoscere quel qualcosa.
(Richard Feynman)

L’aforisma è un uccello che vola di proverbio in proverbio alla ricerca del primo proverbio del mondo
(Fabrizio Caramagna)