Frasi, citazioni e aforismi sull’angoscia

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sull’angoscia. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sull’ansia, Frasi, citazioni e aforismi sulla depressione, Frasi, citazioni e aforismi sulla disperazione e Frasi, citazioni e aforismi sulla paura.

**

Frasi, citazioni e aforismi sull’angoscia

Angoscia

Le angosce della nostra anima sono sempre cataclismi del cosmo. Quando ci arrivano, intorno a noi si perde il sole e si sconvolgono le stelle.
(Fernando Pessoa)

L’angoscia è il tutto che diventa nulla.
(Roberto Gervaso)

L’angoscia è un cappio invisibile che ci strangola l’anima.
(Roberto Gervaso)

E ogni angoscia che ora par mortale,
di fronte al perder te, non parrà eguale.
(William Shakespeare)

L’angoscia è un’ansia ancora più drammatica, ed è ben espressa dalla radice del termine che è la stessa di angustia, che descrive la condizione di chi si trova in un vicolo stretto e non ne vede la fine, o in un tunnel di cui non percepisce il punto di luce che segna l’uscita.
(Vittorino Andreoli)

Quasi la metà di tutte le nostre angosce e le nostre ansie derivano dalla nostra preoccupazione per l’opinione altrui.
(Arthur Schopenhauer)

L’angoscia suppone il desiderio di comunicare.
(Georges Bataille)

L’ignoto è portatore di angoscia.
(Nadine Gordimer)

L’angoscia è la disposizione fondamentale che ci mette di fronte al nulla.
(Martin Heidegger)

Non ci si angoscia per «questo» o per «quello», ma per il nulla che ci precede e che ci attende.
(Umberto Galimberti)

La caratteristica naturale dell’uomo del XX secolo è l’angoscia.
(Norman Mailer)

La fragile bellezza del mondo ha due lati, uno di gioia, l’altro di angoscia, e spezza il cuore in due.
(Virginia Woolf)

La mia angoscia non era dovuta alle cose che facevo, ma, più profondamente, al nudo fatto di vivere, che non era né male né bene, ma soltanto doloroso e insensato.
(Alberto Moravia)

La vita è un pendolo fra lo sbadiglio e il pianto, la noia e l’angoscia.
(Roberto Gervaso)

Se l’uomo fosse un animale o un angelo, non potrebbe angosciarsi. Poiché è una sintesi, egli può angosciarsi, e più profonda è l’angoscia più grande è l’uomo.
(Søren Kierkegaard)

Devo tenermi la mia angoscia. La devo proteggere. Perché mi serve: mi mantiene scattante, reattivo, come devo essere.
(Dal film Heath – La sfida)

La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura.
(Albert Einstein)

Angelo pieno di gaiezza, conosci tu l’angoscia, la vergogna, i rimorsi, i singhiozzi, i fastidi e i vaghi terrori di quelle orrende notti che comprimono il cuore come si spiegazza una carta? Angelo pieno di gaiezza, conosci tu l’angoscia?
(Charles Baudelaire)

Fu colta da un senso d’angoscia, da uno strano brivido, come avviene d’un tratto quando si è assaliti da una vecchia paura dimenticata.
(Patrick Süskind)

Al cospetto di ogni verità un’angoscia segreta ci pervade.
(Nicolás Gómez Dávila)

Lottare contro l’angoscia non produce mai serenità, lottare contro l’angoscia produce solo nuove forme di angoscia.
(Simone Weil)

Un modo efficace per combattere l’angoscia è preoccuparsi meno di sé e più degli altri. Quando davvero comprendiamo le difficoltà degli altri, le nostre perdono di importanza.
(Dalai Lama)

Sii allegro, i problemi che ti angosciano di più sono quelli che non accadranno mai
(Benjamin Franklin)

Le persone che per qualche motivo sono angosciate a volte preferiscono un problema che è loro familiare piuttosto di una soluzione che non lo è per nulla.
(Neil Postman)

Tre sono gli istinti primordiali: l’angoscia, l’invidia e il senso di immortalità.
(Gerhard Uhlenbruck)

Considerare la nostra maggiore angoscia come un incidente senza importanza, non solo nella vita dell’universo, ma anche in quella della nostra stessa anima, è il principio della saggezza. Considerare questo in piena angoscia è la saggezza completa.
(Fernando Pessoa)

Un essere umano senza angoscia non sarebbe più un essere umano.
(Marie de Solemne)

Un’angoscia tra due nulla: questa è la vita!
(Edmond Thiaudière)

Non esistono fiabe non cruente. Tutte le fiabe provengono dalla profondità del sangue e dell’angoscia.
(Franz Kafka)

Nell’intimo cuore, nel segreto più segreto della felicità, abita l’angoscia, che è disperazione: questo è il luogo più caro alla disperazione, quello che preferisce fra tutti: profondamente dentro alla felicità.
(Søren Kierkegaard)

Provo per te un affetto senza fine, un affetto impensabile. E’ un angoscia avere in sé un affetto così immenso.
(Ingmar Bergman)

Appena adolescente, la prospettiva della morte mi gettava nell’angoscia; per sfuggirvi mi precipitavo al bordello o invocavo gli angeli. Ma, con l’età, ci si abitua ai propri terrori, non si fa più niente per liberarsene, ci si imborghesisce nell’Abisso.
(EM Cioran)

Ostentare ricchezza, potere, sicurezza, salute, attivismo, sono tutti espedienti per esorcizzare l’angoscia del tempo che ci sfugge dalle mani.
(Carlo Maria Martini)

L’uomo finge continuamente di essere quello che non è; è un modo per nascondere se stesso. Chi è brutto cerca di sembrare bello, chi è preda di angosce cerca di sembrare felice, chi non sa niente cerca di dimostrare di sapere tutto
(Osho)

Non ammiro la gioventù per la brutalità delle sue certezze ma per la sincerità delle sue angosce.
(Philippe Bouvard)

Tutte le cose, le animate e le inanimate, stanno sussurrando misteriose rivelazioni, ma ciascuna dicendo la sua, e tutte discordanti, perciò non riusciamo a capire e patiamo quest’angoscia di essere sul punto di conoscerle e di non conoscerle.
(José Saramago)

Senza il tempo, questa invenzione di Satana, il mondo perderà l’angoscia della speranza e la consolazione della speranza.
(Antonio Machado)

Le ideologie ci separano, i sogni e le angosce ci riuniscono.
(Eugène Ionesco)

Era il senso della bellezza che la liberava di colpo dall’angoscia e la riempiva di un nuovo desiderio di vivere.
(Milan Kundera)

A partire da una certa età, i nostri amori, le nostre amanti, sono figli della nostra angoscia.
(Marcel Proust)

Ricordo con angoscia la prima volta che ho fatto l’amore. Era notte, era buio, ero solo.
(Daniele Luttazzi)

Scrivo nella notte e nell’angoscia, con l’illuminazione dell’umorismo di tanto in tanto.
(Eugène Ionesco)

Vivere è giocare ai quattro cantoni con le proprie angosce.
(Jean Rostand)

Quanto più ristretto è il nostro orizzonte, la nostra cerchia di attività e di contatti, tanto più siamo felici: quanto più è larga, tanto più spesso ci sentiamo tormentati o angosciati.
(Arthur Schopenhauer)

Di tutti i modi in cui nasce l’amore, di tutti gli agenti di disseminazione del sacro male, quel grande soffio di angoscia che a volte passa su di noi, certamente è uno dei più efficaci.
(Marcel Proust)

Per quanto riguarda l’affetto d’angoscia, crediamo di sapere di quale impressione primordiale sia la ripetizione: riproduce l’atto della nascita, nel quale ha luogo quel misto di sentimenti spiacevoli, di impulsi di scarica e di sensazioni corporee che è divenuto il prototipo dell’effetto prodotto da un pericolo mortale e che da allora viene da noi ripetuto come stato d’angoscia.
(Sigmund Freud)

A differenza della paura che è sempre paura di qualcosa di determinato, l’angoscia non si riferisce a nulla di preciso, ma designa lo stato emotivo dell’esistenza umana che non è una realtà, ma una possibilità, nel senso che l’uomo diventa ciò che è, in base alle scelte che compie e alle possibilità che realizza.
(Umberto Galimberti)

L’angoscia che proviamo in un sogno si può spiegare solo apparentemente mediante il contenuto del sogno.
(Sigmund Freud)

Il progresso umano ha liberato il pensiero, ma allo stesso tempo ha incrementato l’angoscia di questo pensiero che si ritrova solo con se stesso, solo e libero. Da qui il malessere, mal di vivere che un tempo solo le menti eccezionali conoscevano, e che oggi coinvolge intere folle.
(Georges Minois)

Il concetto dell’angoscia è completamente diverso da quello del timore e da simili concetti che si riferiscono a qualcosa di determinato, mentre invece l’angoscia è la realtà della libertà come possibilità per la possibilità. Perciò non si troverà l’angoscia nell’animale precisamente perché esso, nella sua realtà naturale, non è determinato come spirito.
(Søren Kierkegaard)

C’è spesso più angoscia nell’aspettare un piacere che nel subire una pena.
(Colette)

A volte mi prende il pensiero angoscioso di essere l’unica persona al mondo che ancora riesce a trovare divertente la vita.
(Graham Greene)

Ciascuna generazione sembra lanciare un grido di angoscia, come se fosse stata tradita, venduta, svalutata. Ogni generazione sogna qualcosa di meglio per i propri giovani, ogni generazione saluta l’approdo dei propri giovani all’età adulta con delusione segreta ma profonda.”
(Doris Lessing

Quando in sogni opprimenti e orribili l’angoscia tocca il grado estremo, è proprio essa che ci porta al risveglio, con il quale scompaiono tutti quei mostri notturni. La stessa cosa accade nel sogno della vita, quando l’estremo grado di angoscia ci costringe a spezzarlo.
(Arthur Schopenhauer)

Schive della luce, le angosce, giganteschi pipistrelli svolazzanti, vagano di notte attraverso il buio dell’anima.
(Alessandro Morandotti)

Non si muore di noia, ma si può morire di angoscia.
(Ivan Turgenev)

Le angosce sono come le malattie; vanno accettate: la cosa peggiore che si possa fare è di ribellarvisi.
(Ludwig Wittgenstein)

Meglio essere analfabeti ma felici e vivere una vita piena, che essere sapienti, con una buona posizione in società, ma tristi, inquieti e angosciati.
(Omraam Aïvanhov)

Lunghi trasporti funebri, senza tamburi né bande, sfilano lentamente nella mia anima, vinta; la Speranza, piange; e l’atroce Angoscia, dispotica, pianta sul mio cranio chinato, il suo nero vessillo.
(Charles Baudelaire)

L’ultimo Dio sparirà con l’ultimo uomo. E con lui spariranno il timore, la paura, l’angoscia, macchine per creare divinità.
(Michel Onfray)

La religione è un narcotico con cui l’uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente.
(Sigmund Freud)

L’angoscia vera è fatta di noia.
(Cesare Pavese)

L’angoscia è la vertigine della libertà.
(Soren Kierkegaard)

Il mistero di Dio è l’angoscia dell’uomo.
(Roberto Gervaso)

L’angoscia ci rivela Dio e ce lo fa amare.
(Miguel de Unamuno)

L’Angoscia era merce corrente già al tempo delle caverne. Ci possiamo figurare il sorriso dell’Uomo di Neanderthal se avesse previsto che un giorno sarebbero venuti dei filosofi a reclamarne la paternità.
(EM Cioran)

I più ondeggiano infelici tra il timore della morte e le angosce della vita: non vogliono vivere, né sanno morire.
(Lucio Anneo Seneca)