Pier Paolo Pasolini (Bologna, 5 marzo 1922 – Roma, 2 novembre 1975) è stato un poeta, scrittore, cineasta, sceneggiatore, drammaturgo e giornalista italiano. Attento osservatore dei cambiamenti della società italiana, suscitò spesso forti polemiche e accesi dibattiti per i suoi giudizi assai critici nei riguardi delle abitudini borghesi e della nascente società dei consumi.

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi di Pier Paolo Pasolini. Tra i temi correlati si veda Le frasi più belle di Charles Bukowski, Le frasi più belle di Italo Calvino e Le frasi più belle di Cesare Pavese.

**

Frasi, citazioni e aforismi di Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini

La mia indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza.

Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell'esperienza speciale che è la cultura.

Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario.

E io ritardatario sulla morte, in anticipo sulla vita vera, bevo l'incubo della luce come un vino smagliante.

Lo sapevi, peccare non significa fare il male: non fare il bene, questo significa peccare.

Amo ferocemente, disperatamente la vita. E credo che questa ferocia, questa disperazione mi porteranno alla fine. Amo il sole, l'erba, la gioventù. L'amore per la vita è divenuto per me un vizio più micidiale della cocaina. Io divoro la mia esistenza con un appetito insaziabile.
Come finirà tutto ciò? Lo ignoro.

Ma io sono un uomo che preferisce perdere piuttosto che vincere con modi sleali e spietati. Grave colpa da parte mia, lo so! E il bello è che ho la sfacciataggine di difendere tale colpa, di considerarla quasi una virtù.