Frasi, citazioni e aforismi sul cappello

Annunci

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sul cappello. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sui capelli, Frasi, citazioni e aforismi sui guanti, Frasi, citazioni e aforismi sulla cravatta e Frasi, citazioni e aforismi sulla moda.

**

Frasi, citazioni e aforismi sul cappello

Una donna senza cappello non sarà mai chic.
(Emily Post)

L’educazione di una donna consiste in due lezioni: non lasciare mai la casa senza calze, non uscire mai senza cappello.
(Coco Chanel)

Nel corso della storia il cappello identificava la posizione sociale e il levarsi il cappello era considerato un gesto di rispetto. Nei tempi antichi gli uomini si toglievano il cappello in chiesa, quando entravano in casa di qualcuno, quando salutavano un superiore e sempre in presenza di una signora. Le signore erano esenti dalle “regole del cappello”, indossandolo ogniqualvolta e dove desideravano.
(Emily Post)

Un anziano incrocia lo sguardo con me e si tocca il cappello. E in un gesto solo, cogli tutta l’educazione che ci siamo persi in pochi anni.
(GuidoFruscoloni, Twitter)

Nessuno ha mai chiesto alle scarpe se c’è un luogo dove vorrebbero andare, al cappello se c’è un vento dove vorrebbe volare, ai bottoni se c’è una mano da cui vorrebbero farsi toccare.
(Fabrizio Caramagna)

Mi piacerebbe stare all’angolo di una strada molto frequentata, con il cappello in mano, e pregare la gente di buttarmi tutte le ore che hanno sprecato.
(Bernard Berenson)

La cosa peggiore che si possa fare a una donna è chiuderla in una stanza con mille cappelli e neanche uno specchio.
(Henny Youngman)

Una donna non dovrebbe avere ricordi. I ricordi in una donna sono l’inizio della sua decadenza. Si può sempre capire dal cappello di una donna se vive o no di ricordi.
(Oscar Wilde)

Ogni cappello
ha le sue idee nascoste.
(Alberto Casiraghy)

Non si portano più cappelli e il vento fa incontrare occasionalmente sempre meno persone.
(Grandilineo, Twitter)

Chi sarebbe Napoleone Bonaparte senza il cappello bicorno? O Giuseppe Garibaldi senza la berretta floscia? O Ernesto Che Guevara senza il basco nero? La rivoluzione è sempre qualcosa che parte dalla testa.
(Luigi Mascheroni)

il borsalino di Humphrey Bogart in Casablanca o quello, versione fedora, di Harrison Ford nella parte di Indiana Jones, o il cilindro di Willy Wonka esibito con sfrontata infantilità da Johnny Depp. Poi, c’è la letteratura: il deerstalker di Sherlock Holmes, il cappello a tre piume di Cyrano de Bergerac, la bombetta del commissario Maigret.
(Luigi Mascheroni)

Presente in tutte le civiltà, dagli antichi copricapi egizi alla «paglietta» a tesa corta hipster-style di oggi, il cappello è un simbolo culturale che segna l’appartenenza, è un codice comunicativo, dichiara una visione del mondo ed è metafora della creatività individuale. Per pochi, parla a tutti. E il fatto che l’uomo – a differenza delle donne che lo ostentano – non lo indossi più, o quasi, significa che stiamo perdendo la memoria della nostra storia e un certo senso della bellezza.
(Luigi Mascheroni)

Che il capello sia un simbolo, e non un semplice accessorio, del resto, ce lo insegna uno degli uomini più autorevoli del mondo, che poi è una donna. La regina Elisabetta, la quale nel corso del proprio regno ha indossato 5mila cappelli. Diversi. Ma che rappresentano sempre la stessa cosa. Una corona.
(Luigi Mascheroni)

Mai senza cappello. C’è stato un tempo in cui eleganza, fascino e, soprattutto, status sociale, non potevano fare a meno di esprimersi attraverso il più iconico degli accessori maschili: «Il cappello definiva la posizione di un uomo in società, era, più o meno, la sua carta d’identità».
(Fulvio Caprara)

Cosa sarebbe la scena madre di Casablanca se i due protagonisti non avessero in testa i loro Borsalino. Provate a immaginare cosa avrebbe fatto Chaplin senza il cappello di Charlot. Provate a immaginare Buster Keaton senza il suo rutilare di falde tese, abbassate, ammaccate
(Jean-Claude Carriére)

Annunci

Clint Eastwood mi piace perché è un attore che ha solo due espressioni: una con il cappello e una senza cappello.
(Sergio Leone)

Negli Anni 60 il rifiuto del cappello fu gesto contestatario.
(Fulvio Caprara)

Ci sono tre cose che una donna è capace di fare con niente: un cappello, un’insalata e una scenata.
(Mark Twain)

Si è perso il gusto di levarsi il cappello davanti a una signora». Un vero rituale di seduzione. Anche solo per questo, varrebbe la pena che gli uomini imparassero di nuovo a non andare in giro a testa scoperta.
(Fulvio Caprara)

Scegliere il cappello che fa per sé richiede la stessa meticolosa attenzione e spietato senso critico che vengono normalmente utilizzati nella selezione di un vestito: molto più che un semplice accessorio da sfoggiare con disinvoltura, il puntino sulla i di ogni mise che si rispetti è infatti una vera e propria arma a doppio taglio, capace di impreziosire un outfit così come di distruggerlo, arrivando a volte a sfiorare persino il ridicolo.
(Daniela Raspa)

Una donna impiega un’ora per comperare un cappello che si può fare in quindici minuti.
(Tony Randall)

Scelto il cappello giusto, vietato dimenticare le regole del galateo: il vero gentleman scopre il capo nei luoghi pubblici e al chiuso, automobile compresa. Su taxi e bus si può anche tenere, ma non se si è in compagnia di una signora.
(Nadia Fedrigo)

Mostrai il mio capolavoro alle persone grandi, domandando se il disegno li spaventava.
Ma mi risposero: ” Spaventare? Perché mai, uno dovrebbe essere spaventato da un cappello?” .
Il mio disegno non era il disegno di un cappello.
Era il disegno di un boa che digeriva un elefante.
Affinché vedessero chiaramente che cos’era, disegnai l’interno del boa.
Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi.
(Antoine Saint-Exupéry)

Come sono felice –
Ti aspettavo da tanto –
Posa il Cappello –
Devi aver camminato –
Come sei Affannato –
Caro Marzo, come stai tu, e gli Altri –
Hai lasciato bene la Natura –
Oh Marzo, Vieni di sopra con me –
Ho così tanto da raccontare –
(Emily Dickinson)

Ho alzato il cappello e ho salutato l’Estate,
sulle labbra ho baciato un acceso papavero
e ho atteso che passasse il corteggio delle camomille.
(Pànos Spàlas)

La margherita, una bella dama in abito bianco con lunghe pieghe, con un piccolo cappello dorato sulla testa.
(Jules Renard)

Il più grande territorio non sfruttato del mondo si trova sotto il tuo cappello.
(Harvey B. Macka)

Molti cercano la felicità nello stesso modo in cui cercano il cappello: lo hanno sempre in testa.
(Nikolaus Lenau)

Oh, amico, non calarti il cappello sulla fronte! Sfoga con parole il tuo dolore: un dolore che non parla si rivolge contro il cuore troppo oppresso e lo spezza.
(William Shakespeare)

Cento teste, cento cappelli.
(Proverbio)

Nessuno può pensare un pensiero al mio posto, così come nessuno tranne me può mettermi il cappello in testa.
(Ludwig Wittgenstein)

Marzo cambia sette cappelli al giorno.
(Proverbio)

Ho sempre amato i cappelli, forse perché mia madre mi aveva abituato a indossarli. Trovo che diano tono a un abbigliamento semplice. Ne ho di tutti i colori.
(Serena Autieri)

Giuseppe Borsalino, l’artigiano di Pecetto (Alessandria) divenuto celebre nel mondo, insegnò agli uomini a portare il cappello
(Emma Camagna)

Io vivo dove appendo il cappello.
(Dal film L’uomo che uccise Liberty Valance)

Nel guardaroba vuoto rimane il cappello dell’uomo invisibile.
(Ramon Gomez de la Serna)

Se una donna desidera un diadema di diamanti, vi spiegherà che è per evitarvi di comprarle un cappello.
(Jerome Klapka Jerome)

I cappellini di mia moglie non passeranno mai di moda. Saranno sempre buffi.
(Jack Klugman)

Quando sarò vecchia mi vestirò di viola
con un cappello rosso che non si intona e non mi dona.
E spenderò la mia pensione in brandy e guanti estivi.
(Jenny Joseph)

All’aeroporto.
Si corrono incontro a braccia spalancate,
esclamano ridendo: Finalmente! Finalmente!
Entrambi indossano abiti invernali,
cappelli caldi,
sciarpe,
guanti,
scarpe pesanti,
ma solo ai nostri occhi.
Ai loro – sono nudi.
(Wislawa Szymborska)

Oltre che impossibile, è anche indesiderabile viaggiare più veloci della luce, visto che, a quella velocità, il cappello continua a volare via.
(Woody Allen)

Metafisico. Un uomo cieco che in una stanza buia cerca un cappello nero. E il cappello non c’è.
(Charles Bowen)

Alla TV, un investigatore lo si riconosce subito. Non si leva mai il cappello.
(Raymond Chandler)

Quando furono arrivati al centocinquantesimo cappello e ne restavano da provare solo due da prete e uno da mungitore, il cappellaio disse sorridendo: «Se mi permette un suggerimento, signore, poiché non troviamo un cappello adatto alla sua testa, si potrebbe cambiare la testa.
Ne abbiamo di tutti i tipi e di tutti i prezzi, e lei avrà, una grande possibilità di scelta». «Sicuro» disse il cliente, «questa è una gran bella idea, ma come cominciamo?». «È molto semplice» disse il cappellaio; «prima si dovrà eliminare la sua testa attuale, e per questo ci vorrà un minuto.
(Roberto Piumini)

Specialmente ogni volta che il malumore si fa tanto forte in me che mi occorre un robusto principio morale per impedirmi di scendere risoluto in istrada e gettare metodicamente per terra il cappello alla gente, allora decido che è tempo di mettermi in mare al più presto.
(Herman Melville)

Grandi uomini, grandi cappelli.
(Proverbio)

Scarpe e cappello, fan l’uomo bello.
(Proverbio)

Ci sono molti uomini buoni sotto un cappello trasandato.
(Proverbio)

Non esiste un contadino senza cappello.
(Proverbio)

Io gli farò così male che avrà bisogno di un calzascarpe per indossare il cappello.
(Muhammad Ali)

[Ad un giornalista che prevede la retrocessione del Napoli] Io penso che tua testa buona solo per tenere cappello.
(Vujadin Boskov)

Ieri ho visto un film così imbarazzante che ho chiesto alla signora che avevo davanti di rimettersi il cappello.
(Robert Orben)

I cappelli, i lutti e gli scrupoli non si portano più.
(Albert Willemetz)

Cappello in mano non fece mai danno.
(Proverbio)

Cortesia di bocca e mano al cappello poco costa ed è bello.
(Proverbio)

Annunci