Frasi, citazioni e aforismi sulla boxe e il pugilato

Presento un’ampia raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla boxe e il pugilato. Tra i temi correlati si veda Le frasi più belle di Muhammad Alì, Frasi, citazioni e aforismi sul pugno, Frasi, citazioni e aforismi sulla lotta e il combattere e Frasi, citazioni e aforismi sui campioni.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla boxe e il pugilato

Dentro un ring o fuori non c’è niente di male a cadere.
È sbagliato rimanere a terra.
(Muhammad Ali)

Se sono nato pugile? No, altrimenti sarei nato perfetto.
(Mike Tyson)

Nessuno è mai riuscito a mandarmi al tappeto. A parte le mie sei mogli.
(Jake LaMotta)

È il posto più bello del mondo, il ring. Sai quello che ti può capitare.
(Mike Tyson)

La boxe è quando un sacco di bianchi stanno a guardare due neri che si riempiono di botte.
(Muhammad Ali)

Tutti nella boxe se la cavano bene, tranne il pugile.
(Mike Tyson)

Cerco di mandare giù i miei avversari il più rapidamente possibile per evitare che soffrano.
(Joe Louis)

Solo a sentire il nome Joe Louis, comincia a sanguinarmi il naso.
(Tommy Farr)

Ho odiato ogni minuto di allenamento, ma mi dicevo: “Non rinunciare… Soffri ora e vivi il resto della vita come un campione”.
(Muhammad Ali)

Volteggia come una farfalla, pungi come una vespa.
(Muhammad Ali)

Sono il più grande. Non solo li metto K.O, ma scelgo anche il round.
(Muhammad Ali)

Prima di cominciare il match ero alto 1 metro e 80. Alla fine, a forza di prendere montanti, ero diventato 1 metro e 90.
(Chuck Wepner)

Fra 100 anni diranno che ero bianco. La stessa cosa che è successa a Gesù.
(Muhammad Ali)

Non puoi salire sul ring ed essere una brava persona. Io tiravo avanti un mese, due mesi, senza fare sesso. Funzionava perché mi rendeva una bestia feroce. Non puoi combattere se hai pietà o sentimenti simili.
(Jake LaMotta)

Se c’è una magia nella boxe è la magia di combattere battaglie al di là di ogni sopportazione, al di là di costole incrinate, reni fatti a pezzi e retine distaccate. È la magia di rischiare tutto per realizzare un sogno che nessuno vede tranne te.
(Dal film Million Dollar Baby)

Mi è sempre piaciuto il pugilato,
niente quanto
un pugno in faccia
ti ricorda
che non vuoi morire.
(Atticus)

Il ritmo, nel pugilato, è tutto. Qualsiasi movimento tu faccia, nasce dal cuore: o questo ha il ritmo giusto, o sei nei guai.
(Sugar Ray Robinson)

Perchè danzare per 10 riprese con un avversario se lo si può mettere KO alla prima?
(Rocky Marciano)

Il mio lavoro è fare male alla gente.
(Sugar Ray Robinson)

È solamente il mio lavoro. L’erba cresce, gli uccelli volano, le onde bagnano la sabbia. E io vinco gli incontri.
(Muhammad Ali)

Se anche soltanto sogni di battermi, è meglio che ti svegli e chiedi scusa.
(Muhammad Ali)

Naso rotto, Mascella fracassata, Faccia spaccata… Sei disposto a questo? Sei pronto? Perchè hai davanti l’uomo che morirà prima di farti vincere!
(Dal Film Alì)

Un pugile al tappeto è l’uomo più solo del mondo.
(Gene Tunney)

Di tutti gli sport, l’unico che ami veramente è la boxe. Certo, è uno sport che a poco a poco va scomparendo. Ma mi auguro che, nei giorni che mi restano da vivere, ci sia sempre da qualche parte un’arena cui poter andare.
(Jack London)

La boxe è qualcosa di innaturale, perchè si fa sempre tutto al contrario. Invece di allontanarti dal dolore, come farebbe qualunque persona sana… gli vai incontro.
(Dal film Million Dollar Baby)

È uno sport terribile ma è uno sport… la lotta è la lotta per la sopravvivenza.
(Rocky Graziano)

Vedi, tre anni fa tu eri soprannaturale, eri un duro e avevi grinta e avevi una mascella di ferro. Poi è capitata la cosa peggiore che possa capitare a qualsiasi pugile: ti sei civilizzato! (Dal film Rocky III)

Parlare di boxe è parlare di rispetto. Cercare di ottenerlo per se stessi, togliendolo all’avversario.
(Dal film Million Dollar Baby)

– Adriana: Ma tu perché fai il pugile?
– Rocky: Perché non ballo e non canto.
(Dal film Rocky)

Se aprono la mia testa pelata, dentro ci trovano un paio di guantoni. Sono fatto così. Io vivo la boxe.
(Marvin Hagler)

Io ho combattuto con i migliori e li ho battuti tutti. Ho mandato più gente in pensione io della previdenza sociale.
(Dal film Rocky IV)

Io e Jake La Motta siamo cresciuti nello stesso quartiere. Volete sapere quanto fosse amato Jake? Quando si giocava a nascondino, nessuno lo cercava.
(Rocky Graziano)

Ero così veloce che potevo alzarmi dal letto, attraversare la stanza, girare l’interruttore e tornare a letto prima che la luce si fosse spenta.
(Muhammad Ali)

Adriana: Io non capisco come faccia una persona a voler fare il pugile…
Rocky: Bè, bisogna essere proprio scemi. Devi essere scemo per avere voglia di fare il pugile, è la pura verità. E’ un mestiere dove è quasi garantito che finisci male…
(Dal film Rocky)

Io sono il più grande, l’ho detto prima ancora di sapere che lo fossi.
(Muhammad Ali)

Sono affascinante, veloce, praticamente imbattibile.
(Muhammad Alì)

I pugni si danno, i pugni si prendono. Questa è la boxe. Questa è la vita. E io nella vita ne ho presi tanti di pugni, veramente tanti… Ma lo rifarei, perché tutti i pugni che ho preso sono serviti a far studiare i miei figli.
(Primo Carnera)

In realtà non amo il denaro, però mi calma i nervi.
(Joe Louis)

Più colpi prendi e più picchi duro, solo che adesso prendi troppi colpi ma non vuoi mollare!
(Dal film: Southpaw – L’ultima sfida)

La cosa più difficile è preparare un pugile per il match. Si arriva all’80-85 per cento, mai al 100 per cento. Perché se un pugile va sul ring preparato al 100 per cento e perde, non ha più scuse.
(Cus D’Amato)

Niente è vero se tu non puoi credere in quello che sei! E in me stesso io non ci credo più, lo vuoi capire? E se un pugile non crede in se stesso è finito, è chiuso, è andato!
(Dal film Rocky III)

La vita è come la boxe in molti particolari inquietanti. Ma la boxe è soltanto come la boxe. (Joyce Carol Oates)

Una volta suonata la campana devi cavartela da solo…
(Joe Louis)

A volte, per tirare un colpo vincente, bisogna arretrare…Ma se arretri troppo, non combatti più…
(Dal film Million Dollar Baby)

Alcuni direbbero che la qualità più importante per un pugile è avere cuore. Frankie invece direbbe : “un pugile che è solo cuore stai tranquillo che le prende di sicuro e di brutto!”
(Dal film Million Dollar Baby)

Quando combatto contro qualcuno, voglio togliergli la sua virilità. Voglio strappargli il cuore e mostrarglielo.
(Mike Tyson)

Nei film, è sempre il buono a vincere. Ma io sono il cattivo e non ho alcuna intenzione di perdere.
(Sonny Liston)

E’ duro essere neri. Siete mai stati neri? Io lo sono stato una volta quando ero povero.
(Larry Holmes)

Un pugile deve privarsi dei lussi della vita, se vuole diventare grande. Uno ricco dalla nascita non ce la potrà fare mai.
(Mike Tyson)

Facevamo pugilato perchè c’era una doccia calda gratis.
(Nino Benvenuti)

L’allenatore al suo pugile: abbiamo pagato l’arbitro perché ti dichiari vincitore. Abbiamo pagato l’avversario perché ti lasci vincere. Il resto dipende da te.
(Groucho Marx)

Il pugile barcollando va all’angolo. Crolla sullo sgabello. L’occhio sinistro è chiuso causa ematoma grosso come un melone maturo. Con l’occhio destro guarda il suo secondo e gli chiede: “Come vado?”. Il secondo l’osserva, poi indica l’avversario e dice: “Se l’ammazzi, fai pari”.
(Beppe Viola)

L’importante non è quanto tu sia grande e forte, l’importante è che mandi al tappeto il tuo avversario.
(Manny Pacquaio)

Larry Holmes non mi ha battuto, ha vinto solo i primi 15 rounds
(Randall Tex Cobb)

Quando gli sparring partners hanno cominciato a scarseggiare, ho capito che probabilmente c’era qualcosa che funzionava in quello che facevo.
(Rocky Marciano)

Shakespeare? Che peso è?
(Harry Greb)

Fuori dal ring tutto è così noioso.
(Mike Tyson)

Il sangue, per un pugile, è come lo champagne.
(Al Lacey)

Per me fare il pugilato era un po’ come fare le parole crociate… entravo verticale ed uscivo orizzontale.
(Mario Zucca)

Qualcunque cosa succeda sul quel ring… Tu non gettare mai l’asciugamano…
(Apollo Creed a Rocky Balboa, nel film Rocky)

Quando sono entrato ho chiesto al padrone dove era la toilette. Tu sei nella toilette, mi ha risposto.
(Dal film Toro scatenato)

Nella vita personale non sono un animale. Ma sul ring c’è un animale in me
(Roberto Duran)

Il primo avversario è stato un tipo che mi aveva fatto un occhio nero in una lite in discoteca […]. A questo serviva la boxe: a riparare i conti della vita.
(Marvin Hagler)

Devi sapere che puoi vincere. Devi pensare che puoi vincere. Devi sentire che puoi vincere!
(Sugar Ray Robinson)

Tu sei il campione, ma io sono il re…!
(Mike Tyson a Lennox Lewis)

In fondo chi se ne frega se perdo questo incontro, non mi frega niente neanche se mi spacca la testa…
Perché l’unica cosa che voglio è resistere…Nessuno è mai riuscito a resistere con Creed, se io riesco a reggere alla distanza e se quando suona l’ultimo gong io sono ancora in piedi, se sono ancora in piedi io saprò per la prima volta in vita mia che, che non sono soltanto un bullo di periferia…
(Dal film Rocky)

Faccio pugilato, ma poco, perché sembra piuttosto assurdo per un presidente apparire con un occhio nero e con il naso schiacciato o con le labbra tagliate.
(Theodore Roosevelt)

La boxe significa uguaglianza… Sul ring il colore, l’età e la ricchezza non contano nulla…
(Nelson Mandela)

Ho visto George Foreman tirare di boxe con l’ombra, e ha vinto l’ombra.
(Muhammad Ali)

Quando scrivevo Fiesta per guadagnare davo lezioni di pugilato e ho sostenuto anche qualche combattimento. Poi mi mettevo a scrivere e sentivo in testa il pum-pum-pum dei guantoni da otto once che picchiano. E’ un rumore che fa veramente male quando si è soli e si scrive.
(Ernest Hemingway)

Il pugilato è letterario perché è estremo, perché è sempre contiguo alla disfatta ma non esclude il miraggio della gloria, e perché, come la scrittura, è un’apoteosi della solitudin
(Antonio Franchini)

Il pugilato è uno sport che richiede attenzione ventiquattro ore al giorno, sette giorni su sette, non solo durante le ore di allenamento. Bisogna controllare il peso, è praticamente impossibile lasciarsi andare al minimo vizio, perché quella sigaretta o quel bicchierino di rhum è probabile che lo paghi sul ring.
(Giuni Ligabue)

La boxe fa appello ai vostri istinti primordiali, è qualcosa di gladiatorio.
(Mike Field)

“Tu a che cosa pensavi mentre facevamo l’amore?”. “A Carlos Monzon”. “Tu pensi sempre ad un pugile mentre fai l’amore?”. “Mi dà la carica”. “Ecco perché gridavi: destro, sinistro, destro, sinistro”.
(Diane Keaton e Woody Allen nel film Provaci ancora Sam)

Per me la boxe è come un balletto ad eccezione che non c’è musica, nessuna coreografia ed i ballerini si picchiano l’un l’altro.
(Jack Handey)

Se gli incontri si fossero tenuti in una cabina del telefono sarei stato campione.
(Chuck Wepner)

Volete sapere tutto quello che so sulla boxe? Beh, mai scommettere sul pugile bianco.
(dal film Una pallottola spuntata)

– Ma tu davvero facevi la boxe?
– Sì, una volta.
– E come hai cominciato?
– Mah, non lo so, facevo sempre a pugni e ho pensato di farmi pagare.
(Dal film Fronte del porto)

Il pugile perde più del suo orgoglio dopo una sconfitta. Perde parte del suo futuro. Torna un passo più vicino ai bassifondi da cui proviene.
(Floyd Patterson)

Scommetto che la cosa più difficile del combattere per un trofeo sia il raccogliere i tuoi denti con indosso i guanti da boxe.
(Kin Hubbard)

Il declino di un pugile? Prima si perde il movimento di gambe. Poi si perdono i riflessi. Poi si perdono gli amici.
(Willie Pep)

Si sale sul Ring con tutte le Paure, tutti i Disagi e tutte le Ansie.
Scavalcare quelle quattro Corde non è una Roba da Tutti!
(Francesco Damiani)

Il pugilato arricchisce, forma, fa diventare uomo, cementa il corpo e la mente con ore e ore di allenamento. Sul ring non si va solo per dare pugni. C’è un modo di combattere, uno stile, una tecnica. È la noble art.
(Roberto Cammarelle)

Il pugilato è abbastanza atipico come sport, giacché è l’unico nel quale lo scopo primario è quello di rendere l’avversario incapace di continuare nello stesso contesto, causando una perdita temporanea di conoscenza.
(Wilf Paish)

Quando due pugili salgono sul ring, uno solo merita di vincere. Quando sali sul ring devi convincerti che sei tu a meritare di vincere. Devi sapere che il destino ti deve una vittoria perché ti sei allenato più del tuo avversario, hai lavorato di più con il tuo sparring partner, hai fatto più footing, ti sei alzato prima.
(Dal film Tyson)

Ho sempre interpretato il pugilato come un lavoro da svolgere al meglio, senza distrazioni, sempre ricordando ciò che mi insegnò il mio primo maestro: puoi sentirti il re del mondo, ma basta un decimo di secondo per trovarti col sedere per terra.
(Bruno Arcari)

Essere pugile non significa soltanto colpire, ma, prima di tutto, imparare a ricevere i colpi. A incassare. A fare in modo che quei colpi facciano meno male possibile. La vita non è altro che un succedersi di round. Incassare, incassare. Tenere duro, non cedere. E colpire al posto giusto, nel momento giusto.
(Jean-Claude Izzo)

Non tutti i pugni dati con forza erano forti, non tutte le trappole meritavano di essere evitate né tutte le aperture meritavano di essere sfruttate, che la stanchezza non significava sempre spossamento, che non sempre le corde del ring erano una costrizione per la schiena, e anche all’angolo un pugile aveva sempre spazio per combattere, nessun knockout era uguale all’altro e ogni paradosso nascondeva un potere da sfruttare.”
(Norman Mailer)

Chiunque pensi che Mike Tyson non sappia boxare o non avesse tecnica probabilmente non ha mai messo piede in una palestra, voglio dire… Cus gli insegnò ogni trucchetto possibile, poteva schivare con il busto, mandarti a vuoto, era il paradigma dello swarmer, un maestro nell’arte della combinazione ‘gancio al corpo-montante’, implacabile nelle serie al corpo, una versione raffinata dei vecchi Dempsey e Frazier.
(Emmanuel Steward)

La boxe mi ha dato una grande opportunità. Non è colpa sua. Ancora non capisco come Cus D’Amato, che mi ha preso dal riformatorio e che per me è stato come un padre, abbia potuto vedere in me un campione del mondo. Avevo solo 13 anni, e nessuna autostima. Ma nella boxe ci sono squali e profittatori. Gente che si avvantaggia e guadagna su dolori e debolezze umane.
(Mike Tyson)

Cerco di colpire la punta del naso del mio avversario perché cerco di ficcargli l’osso nel cervello.
(Mike Tyson)

Se ti caghi sotto nel tennis è 15-0. Se ti caghi sotto nella boxe è il tuo culo.
(Randy Tex Cobb)

La domanda non è a quale età voglio andare in pensione, ma con quanti soldi.
(George Foreman, a 45 prima del match con Michael Moorer)

Dovrebbero abolire la boxe perché un boxeur si fa male? Sarebbe una follia. C’è molta più gente che muore in bagno.
(Muhammad Ali)

Penso che ci si debba ritirare quando si ha il cervello a posto, un po’ di soldi e soprattutto la lucidità per contarli.
(Ferdie Pacheco)

Quello che conta non è quanto è grande il pugile nel match, ma quanto grande è il match nel pugile.
(Barry McGuigan)

Per quanto estremamente ritualizzato, e vincolato da regole, tradizioni e tabù con la stessa rigorosità di qualsiasi cerimonia religiosa, la boxe sopravvive come la più primitiva e terrificante delle competizioni: due uomini, pressoché nudi, si battono su uno spazio rialzato e illuminato a giorno, delimitato da corde come un recinto per animali… due uomini salgono sul ring da cui, simbolicamente, ne scenderà uno solo…
(Joyce Carol Oates)

La boxe è l’imitazione stilizzata di una lotta per la vita o per la morte, eppure questa sua mimesi è una convenzione dall’esito incerto, perché a volte i pugili muoiono sul ring o per le conseguenze di un combattimento; le loro vite a volte, se non sempre, vengono accorciate dallo stress e dai colpi ricevuti… Per buona parte dei pugili, passati e presenti, la vita sul ring è ingrata, brutale e corta − e nemmeno troppo redditizia.
(Joyce Carol Oates)

Come in una tragedia in cui nessuno muore, un incontro di boxe che non finisca con il classico KO sembra sospeso, incompleto: la forza, il coraggio, l’inventiva e la disperazione dei due boxeur non viene misurata a fondo. La catarsi è solo parziale, il principio aristotelico dell’azione in sé, mutilato.
(Joyce Carol Oates)

La boxe consiste più nell’essere colpiti che nel colpire, così come consiste più nel provare dolore… che nel vincere
(Joyce Carol Oates)

I campioni non si costruiscono in palestra. Si costruiscono dall’interno, partendo da qualcosa che hanno nel profondo: un desiderio, un sogno, una visione. Devono avere resistenza fino all’ultimo minuto, devono essere un po’ più veloci, devono avere l’abilità e la volontà. Ma la volontà deve essere più forte dell’abilità.
(Muhammad Ali)

Un giorno sarò campione del mondo. Abbiate quindi fiducia in me
(Primo Carnera)

Per essere un campione devi credere in te stesso quando nessuno altro vuole farlo.
(Sugar Ray Robinson)