Frasi, citazioni e aforismi sul provincialismo

Il provincialismo è una mentalità caratterizzata da limitatezza culturale, ristrettezza di interessi e mancanza di un respiro più universale.

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sul provincialismo. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla città e Frasi, citazioni e aforismi sull’Italia e gli italiani.

**

Frasi, citazioni e aforismi sul provincialismo

I tramonti sono ormai sorpassati. Appartengono al periodo in cui Turner era sulla cresta dell’onda. Ammirarli oggi equivale a confessare il proprio provincialismo.
(Oscar Wilde)

Il provincialismo è qualcosa di più dell’ignoranza. È ignoranza più una volontà di uniformità. È una malevolenza latente, spesso una malevolenza attiva.
(Ezra Pound)

Provincialismo: ignoranza dei costumi degli altri e desiderio di controllare le loro azioni.
(Ezra Pound)

“Provinciale” esprime una “cultura” gretta e autoreferenziale che crea vicoli ciechi intellettuali nei quali il soggetto passa tutta la vita.
(wzgore, Twitter)

E’ provinciale chi esalta il proprio campanile
(Anonimo)

La provincia esiste anche nelle metropoli, perché non è nella geografia, ma nell’anima.
(Pitigrilli)

Cominciai a scrivere un romanzo nella sala consiliare, proprio sulla città di Lowell e le tre malattie endemiche della maggior parte delle cittadine di media grandezza: il provincialismo, la bigotteria e il materialismo.
(Jack Kerouac)

Il provinciale non è colui che abita in provincia, ma colui che abita nella provincia dell’anima.
(Marcello Vitale)

Questa famiglia provinciale col suo matrimonio ipocrita, il prete lurido custode, gli scorpioni del moralismo a tutte le crepe dei muri.
(Filippo Tommaso Marinetti)

L’accusavano di meschinità, di aridità, di provincialismo.
(Giorgio Bassani)

Ogni metro fuori dal comune è già provinciale.
(Silvana Baroni)

Se la vecchiaia consiste, talvolta, nel timore della vecchiaia, il provincialismo consiste quasi sempre nel timore del provincialismo e in una spasmodica cura di evitarlo.
(Mario Soldati)

Chi viene a vivere a Londra è sempre un provinciale, fosse anche per una smaccata ovvietà: non è un londinese. Il cuore della città se lo dovrà quindi guadagnare.
(Mattia Bernardo Bagnoli)

Uomini di mondo persi nel provincialismo cosmico.
(__bloodflower, Twitter)

Questa provinciale voglia di apparire internazionali.
(Seriotonina, Twitter)

Ho deciso di non convivere più con la presunzione, l’ipocrisia, la disonestà e le lodi a buon mercato. Non tollero l’erudizione selettiva e l’arroganza accademica. Non mi adeguo più al provincialismo e ai pettegolezzi.
(Meryl Streep)

Improvviso, benché detesti improvvisare.
Inciampo a ogni passo nella mia ignoranza.
Il mio modo di fare sa di provinciale.
I miei istinti hanno del dilettante.
(Wislawa Szymborska)

Non potremo mai capirci, finché siamo perfetti capri espiatori: per il cosmopolita, siamo provinciali; per il provinciale, siamo cosmopoliti; per i comunisti, siamo capitalisti; per i capitalisti, siamo comunisti; per i nazionalisti, siamo internazionalisti; per gli internazionalisti, siamo nazionalisti; per i religiosi siamo eretici; per gli eretici, siamo religiosi.
(Elie Wiesel)

Sei Provinciale e non abbiamo niente in Comune, è Stato quel è stato ma ora non Continente per me: fattene una Regione.
(GMartelloni, Twitter)

Le democrazie hanno grandi risorse di intelligenza e di immaginazione. Ma sono esposte ad alcuni seri rischi: scarsa capacità di ragionamento, provincialismo, fretta, inerzia, egoismo e povertà di spirito.
(Martha Nussbaum)

Dobbiamo aprirci al futuro. Siamo ancora un Paese provinciale. Gli italiani parlano poco le lingue. I media trascurano quanto accade all’estero. Invece dobbiamo occuparcene. Perché ci riguarda. Perché le decisioni si prendono sempre meno dentro i confini nazionali e sempre più in Europa e negli organismi multilaterali.
(Laura Boldrini)

L’Italiano glorifica tutto ciò che è straniero non perché è così poco provinciale da non tenere in alcun conto tutto quanto è caratteristico del suo Paese, ma perché è così inguaribilmente provinciale da stupirsi che vi siano paesi diversi dal suo e naturalmente (a prima vista) molto migliori.
(Ferruccio Masini)

Ora, in uno scrittore il provincialismo non ha importanza, anzi può essere la fonte primaria della sua forza: soltanto uno snob o uno sciocco potrebbe lamentare che Defoe sia troppo londinese o Thomas Hardy troppo campagnolo. Ma in un critico il provincialismo è una colpa grave. Un critico non ha diritto a quella visione limitata che è frequente prerogativa dell’artista. Egli deve possedere una visuale molto ampia, altrimenti non possiede nulla
(Edward Morgan Forster)

Cassola e Bassani, il primo con la sua Maremma e il secondo con la sua Ferrara, sarebbero narratori provinciali? Perché no? La migliore narrativa è quasi sempre provinciale. Anche Don Chisciotte e I fratelli Karamazov, anche Faulkner e García Márquez raccontano storie di provincia.
(Alfonso Berardinelli)

Nella nostra epoca gli uomini sembrano più portati a confondere la saggezza con la dottrina e la dottrina con l’informazione. Si sta sviluppando una nuova specie di provincialismo, fatto non di spazio ma di tempo: il mondo è proprietà esclusiva dei vivi, una proprietà di cui i morti non possiedono azioni.
(Thomas Stearn Eliot)

Metropoli. La roccaforte del provincialismo.
(Ambrose Bierce)

La pura Verità è cosa che solo alle salamandre giganti è dato affrontare: che possibilità avrà mai un provinciale?
(Hermann Melville, Moby Dick)

Esiste una certa piacevolezza esteriore della donna che il gusto provinciale considera a torto come bellezza. E poi esiste la vera bellezza erotica della donna. E riconoscere questa bellezza a un semplice sguardo non è certo cosa da poco. È un’arte.
(Milan Kundera)

Soltanto il solitario si salva dal provincialismo.
(Nicolás Gómez Dávila)