Frasi, citazioni e aforismi sui bei tempi

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sui bei tempi. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sui ricordi, Frasi, citazioni e aforismi sul passato, Frasi, citazioni e aforismi sulla nostalgia e Frasi, citazioni e aforismi sul tempo.

**

Frasi, citazioni e aforismi sui bei tempi

Bei tempi quando le foto si facevano per custodire un ricordo e non per prendere i like.
(Ty_il_nano, Twitter)

Bei tempi quando per essere intellettuali bisognava aver studiato.
(Marcosalvati, Twitter)

Ma vi ricordate quando i libri li scriveva solo chi sapeva scrivere? Ah, bei tempi signora mia.
(Tremenoventi, Twitter)

Ah bei tempi senza i telefoni quando ti davi appuntamento alla panchina e non si presentava nessuno.
(LiviaFanfulli, Twitter)

Erano bei tempi,
erano tempi di parole
che correvano da sole,
ed era veramente amore.
(Roberto Vecchioni)

I bei tempi in cui la preoccupazione più grande ad Agosto era scegliere il diario in cartoleria.
(Anonimo)

Bei tempi quando la dignità, il rispetto e l’educazione andavano ancora di moda.
(Anonimo)

Oh, i bei tempi d’una volta, i bei tempi d’una volta! Quelli erano i tempi in cui c’era un popolo ardito e tutto il resto, quelli in realtà erano i tempi per ogni genere di cose. Oggigiorno non c’è niente. Oh!” sospirò il signore dalla faccia rossa “i bei tempi di una volta!”.
(Charles Dickens)

Ma che bei tempi quando tornavi a casa dalle elementari, dove non avevi fatto niente tutto il giorno tranne giocare e correre a perdifiato. Poi il pomeriggio dopo i compiti, cartoni animati e merendine (olio di palma chi??), niente cellulari, niente social, solo spensieratezza vera.
(Anonimo)

Quando dimenticavamo la data corrente: quelli sì che erano bei tempi.
(Peter Handke)

Mi mancano i bei tempi di quando ancora non sapevo nemmeno cosa fossero i bei tempi.
(bellospicchio, Twitter)

Bei tempi quando i matti scrivevano solo sui muri.
(Anonimo)

Ah, che bei tempi quando ancora potevamo dire «dove andremo a finire», alla fine ci siamo arrivati.
(Ester Viola)

Niente rende più quattrini. I bei tempi sono finiti. A nessuno gliene frega più un cavolo di niente e nessuno ci ha più i soldi, o se ce l’hanno, se li tengono stretti. Siamo in un’epoca nuova e neanche tanto interessante.
(Charles Bukowski)

Bei tempi?
Non ci sono mai stati bei tempi. Ci sono stati tempi duri e tempi un po’ meno duri.
(Charles Bukowski)

Tempi brutti, orribili – non so perché la gente dica sempre ‘ah, i bei tempi’, erano tempi orribili.
(Doris Lessing)

Ah, i bei tempi in cui l’Udinese poteva prendere Zico, il Torino Junior e il Verona Elkjaer e Briegel.
(gabrieleporri, Twitter)

Bei tempi quando le foto si tenevano nell’ultimo cassetto del comò e non sulle schede di memoria.
(Ty_il_nano, Twitter)

Bei tempi quando si poteva far colazione senza allestire un set fotografico
(barba_emma, Twitter)

Bei tempi quando ti bloccava solo la sciatica.
(Nonfaretardi, Twitter)

Bei tempi quelli in cui le decisioni importanti dipendevano da un Ambarabàciccìcoccò
(Anonimo)

Insomma sono tempi bui per i bei tempi.
(Anonimo)

Ma ve lo ricordate quando con il Nokia 3210 ricaricavi il telefono una volta al mese? Facevi telefonate di ore, mandavi mille messaggi, giocavi 12 ore a Snake e dopo una settimana avevi sempre tre tacche.
Ah che bei tempi quando non esisteva l’ansia del caricabatterie.
(masse78, Twitter)

Ma vogliamo parlare di quando ci si scambiava lettere scritte a mano ?
Fascino e romanticismo allo stato puro.
Bei tempi.
(Morbidosamente, Twitter)

Bei tempi quelli delle canzoni dedicate alla radio.
(Eloisa_pi, Twitter)

Bei tempi in cui i gelati costavano 100 lire.
(Anonimo)

Ho bisogno di cose antiche.
Scrivimi una lettera su un foglio di carta,
chiamami da una cabina telefonica,
citofonami sotto casa e sali da me ad ascoltare un disco di vinile,
dimmi “io per te ci sono”,
e quando avrò bisogno di te ci sarai veramente.
(Fabrizio Caramagna)

Ai miei tempi, si conferiva il mandato esplorativo alla migliore amica per andare dal tizio che ci piaceva e capire se poteva nascere una storia d’amore o meno.
(Terza_nota, Twitter)

Bei tempi quando invece di finire i Giga finivano i Gettoni.
(Lisa Marinaro)

Bei tempi quando da ragazzino in discoteca mettevano i lenti, tutti trovavano la tipa da limonare e a me capitava sempre la colonna.
(IlBomma, Twitter)

Ai miei tempi a scuola non c’era la lavagna elettronica ma c’erano i cancellini volanti all’intervallo.
(darioloc81, Twitter)

Leggo su fb tredicenne che posta foto di due anni prima con gli amici commentando “bei tempi”.
Quali? Quelli della poppata?
(tinapica88, Twitter)

Il nostalgico. Nasce e si pente. A 3 anni dice per la prima volta: “Ai miei tempi”. Scuotitore di testa. Commentatore precoce di cantieri.
(IdeeXscrittori, Twitter)

Che bei tempi quando non c’era whatsapp, solo gli sms, e potevi inventarti di non aver risposto per mancanza di credito. Che nostalgia.
(Anonimo)

Non c’è nessun maggior dolore che ricordarsi del tempo felice nella miseria.
(Dante Alighieri)

Si finiva sempre per tornarci, a Parigi. Parigi ne valeva sempre la pena. Ma questa era la Parigi dei bei tempi andati, quando eravamo molto giovani.
(Ernest Hemingway)

Vi ricordate quando gli uomini corteggiavano le donne e non il contrario?
Io sì.
Bei tempi.
(ValeSantaSubito, Twitter)

Bei tempi quando l’unico uomo senza palle era Ken
(AnnaBikini, Twitter)

Bei tempi quando per fare pace bastava darsi il mignolo.
(Anonimo)

Bei tempi, quando quelli che volevano leggere erano più di quelli che volevano scrivere.
(seriotonina, Twitter)

Bei tempi quelli in cui al liceo ti capitava “ἔχω” in una versione e cominciavi a piangere sangue perché nel dizionario c’erano 4 pagine di significati e utilizzi.
(qukss, Twitter)

Bei tempi, quando ero bambina e dovevo far finta di dormire.
Ora, invece, è così stancante far finta di essere sveglia.
(seriotonina, Twitter)

Quelli erano bei tempi.
Non ricordo esattamente quali, ma erano belli.
(Anonimo)

Il tempo è relativo. I bei tempi lo sono di più.
(Anonimo)

I bei tempi stanno arrivando, lo sento dire dappertutto. I bei tempi stanno arrivando, certo che se la prendono comoda.
(Neil Young)