Frasi, citazioni e aforismi sui folletti

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sui folletti. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulle fate, Frasi, citazioni e aforismi sugli gnomi e Frasi, citazioni e aforismi sulla favola e la fiaba.

**

Frasi, citazioni e aforismi sui folletti

Se scuoto forte un bosco, chissà quanti folletti e fate e tesori si librano per un attimo nell’aria.
(Fabrizio Caramagna)

In ogni pozzanghera ci sono i folletti.
(Proverbio russo)

I bambini spuntano
come folletti, s’infilano
negl’interstizi più stretti.
(Eugenio Montale)

Che voglia di fondare un’associazione di fate e folletti e regalare a casaccio polvere di stelle alla gente
(Fabrizio Caramagna)

Fate, gnomi e folletti
Timidi e discreti attendono di essere notati
A volte dispettosi forse un po’ contrariati
Quasi più nessuno gli crede.
Cercano un contatto e se ascoltati si palesano.
(Anonimo)

Folletti.
Lassù sulle cime ventose,
Laggiù nelle valli di giunchi,
Non osiamo andare a caccia
Per paura dei piccoli uomini;
Buona gente, piccola gente,
che si raccoglie insieme a frotte;
Verde giacca, rosso berretto,
E bianca penna di gufo!
(William Butler Yeats)

Una cattiva coscienza rende i folletti veloci come pensieri frenetici.
(William Shakespeare)

[Rivolgendosi al folletto Puck]
Non sei tu quel bizzoso spiritello
che al villaggio spaventa le ragazze,
che fa cagliare il latte dentro i secchi,
che armeggia tra le pale del mulino,
e si rende molesto alle massaie
vanificando la loro fatica?
(William Shakespeare, Sogno di una notte di mezza estate)

Adoro boschi, fate e folletti. Quel sottosuolo magico che assomiglia ai miei sogni.
(cambiobinario9, Twitter)

Mi piace andare per colline e boschi,
Tra fate e folletti
Cercando pentole d oro
o draghi mansueti.
(Fabrizio Caramagna)

Non sei realmente entrato nel mondo di qualcuno se non hai conosciuto i suoi folletti, le sue fate, e un paio di draghi.
(Fragmentarius)

“Ma voi chi siete?”
– disse il folletto dei boschi agli ‘umani’ che ‘contaminarono’ con il loro cinismo il suo habitat.
“Voi sarete pure altissimi di statura, ma non sarete mai all’altezza di un cuore puro”.
(dreaming_81, Twitter)

«I folletti sono solo una tra le migliaia di creature con cui condividiamo questo mondo,» spiegò lei. «I folletti sono solo dei burloni, sono innocui».
(Gayle Ramage)

Li ho visti arrivare nella vecchia Inghilterra e li ho visti ripartire: giganti, troll, coboldi, spiritelli, elfi e folletti; spiriti dei boschi, degli alberi, dei poggi e delle acque; popolo della brughiera, guardiani delle colline, custodi dei tesori, silfi, gnomi, fate, streghe, stregoni e compagnia… spariti tutti ormai!
(Rudyard Kipling)

I folletti sono minuscoli esseri di fiaba, bizzarri e burloni, talora anche maligni o dispettosi. In abiti scarlatti e con caratteristici berretti a sonagli, vagano nell’aria, senza uno scopo preciso. Nella tradizione e nell’iconografia di alcuni paesi, gnomi, elfi e folletti sono al seguito di Babbo Natale.
(Carlo Sacchettoni)

Sulla natura dei folletti le teorie sono una matassa assai intricata e variopinta: di certo c’è solo che ovunque si potranno incontrare, che presso ogni popolo è attestata l’esistenza di simili esseri, nascosti nelle brughiere e sotto i biancospini, nelle grotte sotterranee e perfino nella giungla, in spazi abbandonati o nei meno esplorati della casa come la soffitta, la cantina, vecchie cassepanche e armadi in disuso. Sono proprio gli abitanti di questi ultimi luoghi, i cosiddetti folletti domestici, la categoria forse più famosa e indubbiamente quella che si muove a più stretto contatto con gli umani.
(Francesca Matteoni)

I folletti sono terribilmente astuti. Guardatevi da loro.
(Elsa Morante)

Siate folli.
Siate folletti.
(GAlessandrino, Twitter)

I bambini leggono libri, non recensioni. Per loro il giudizio dei critici non vale una cicca.
Non leggono per cercare un’identità.
Non leggono per liberarsi dai sensi di colpa, né per soddisfare la propria sete di ribellione, né per sbarazzarsi dell’alienazione.
Non sanno che farsene della psicologia.
Detestano la sociologia.
Non cercano di capire Kafka e Finnegan’s Wake.
Credono ancora in Dio, nella famiglia, negli angeli, nei diavoli, nelle streghe, nei folletti, nella logica, nella chiarezza, nella punteggiatura e in altri simili vecchiumi.
(Isaac Bashevis Singer)

Stanotte sarai assalito da crampi, da trafitture ai fianchi che ti mozzeranno il respiro, e folletti in forma di porcospini approfitteranno delle più desolate ore notturne, per esercitare su te l’opera loro.
(William Shakespeare, La tempesta)

Come quando i filtri erano pozioni magiche che ci trasformavano in fate, folletti e mostri.
non è cambiato molto, a pensarci.
(olli_gu, Twitter)

Ultimamente se apro il portafoglio provo un’uggiosa empatia per Torquato Tasso che scrive agli amici che un folletto gli fa sparire i denari
(Useppe00, Twitter)

Fisicamente sono qui, ma mentalmente sono in un bosco con le fate, i folletti, le lucciole, tanti alberi, fiori, streghe che conversano allegramente di astrologia e ballano musica celtica
(Anonimo)

Nunzio primaverile, upupa, come
per te il tempo s’arresta,
non muore più il Febbraio,
come tutto di fuori si protende
al muover del tuo capo,
aligero folletto, e tu lo ignori.
(Eugenio Montale)

Nulla mi potrà mai deludere come quando mia madre mi disse di aver comprato un folletto e tornato a casa trovai un aspirapolvere.
(Anonimo)

– Ho un folletto che si aggira per casa.
+ Vivi in Irlanda?
– No, è domenica mattina.
(mauro_jfp. Twitter)

Perché il bosco è sempre così pulito?
Perché è pieno di folletti!
(SteMicDm, Twitter)

Oggi rilassato come i folletti di Babbo Natale a Dicembre.
(MaxMangione, Twitter)

Adoro gli elfi e i folletti.
Tanto quanto detesto i troll.
(Anonimo)

Avete presente le storie d’ amore delle fiabe?
Il castello, la magia, le fate e i folletti.
Ecco io sono l’albero nella scena del bacio.
(tinapica88, Twitter)

Vorrei tornare bambina… Vorrei di nuovo vedere l’orto davanti casa trasformarsi a volte in un bosco magico popolato di folletti e gnomi barbuti con lunghi cappelli a punta
(Valentina Guidi)

Quando ero piccina, giravo per i monti in cerca di elfi, folletti, gnomi e fate, convintissima che a me si sarebbero rivelati.
(Anonimo)