45 Proverbi napoletani sulla fortuna, la sorte e il destino

Nel dialetto napoletano molta attenzione è dedicata alla fortuna e alle varie situazioni in cui la Dea bendata può migliorare la vita di una persona.

In queste frasi e modi di dire il lettore riconoscerà la filosofia inconfondibile dei proverbi napoletani, quel modo tutto napoletano di prendersi gioco delle amarezze e delle brutture della sorte senza però mai sottovalutarle.

Presento una raccolta di 45 Proverbi napoletani sulla fortuna, la sorte e il destino. Tra i temi correlati si veda I proverbi napoletani più belli e famosi, 60 Proverbi napoletani sui soldi e la ricchezzaFrasi, citazioni e aforismi sulla fortuna, Frasi, citazioni e aforismi sulla sfortuna e la sfiga e Frasi, citazioni e aforismi sul destino.

**

45 Proverbi napoletani sulla fortuna, la sorte e il destino

Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.
Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca. [È follia giocare – a carte o al lotto-, lo è altrettanto non tentare qualche volta la sorte]

Vene cchiù ‘ntra n’ora, che’n cient’anne.
Possono accadere più cose in un’ora che in cento anni [La sorte e il destino sono imprevedibili]

Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.
Carte e donne fanno quello che vogliono [Il caso e le donne possono fare ogni cosa]

Pigliate ‘a bona quanno te vene, ca ‘a malamente nun manca maje.
Prenditi la buona occasione quando ti capita, perché la cattiva non manca mai.

Tutto ‘o lassato è perduto
Ogni occasione lasciata è persa.

A carne ‘a sotto e ‘e maccarune ‘a coppa.
La carne sotto e i maccheroni sopra [ovvero le cose vanno al contrario di come dovrebbero andare]

L’uocchie sicche so’ peggio d”e scuppettate.
Il malocchio è peggio delle schioppettate [il proverbio napoletano si riferisce alla sfortuna che può capitarci a causa dell’attenzione invidiosa di qualcuno]

Ma teniss’ l’uocchie ‘ncuoll?
Non è che per caso il malocchio ti sta perseguitando? [modo di dire napoletano sulla sfortuna]

Chi vince primma, perde doppo.
Chi vince prima, perde dopo [ovvero la ruota gira]

‘A fortuna è comme l’anguilla: cchiù penzammo d’ ‘a putè agguanta e cchiù ‘nce sciulia.
La fortuna è come l’anguilla: quando credi di averla afferrata sfugge.

Da cà a dimane nasceno ciente pape.
Da qui a domani nascono cento papi [la fortuna è mutevole e bisogna essere sempre aperti alle possibilità che offre]

Pure ‘e ghiatte ce fanno l’ove.
Pure le gatte gli fanno l’uomo [nella vita può capitare tutto, e l’impossibile può diventare possibile. Esiste anche un proverbio napoletano che dice l’opposto: “A gallina nun fa maje doie ova -La gallina non fa mai due uova”, ovvero la vita va accettata senza farsi troppe illusioni]

Adda passà ‘a nuttata.
Deve passare la nottata [ovvero deve passare questo brutto periodo]

A vita è tosta e nisciuno t’aiuta, e si ‘na vota quaccuno t’aiuta è pe’ te dicere “t’aggio aiutato”.
La vita è dura e nessuno ti aiuta, e se qualcuno una volta ti aiuta è per dirti “ti ho aiutato”.

Si si’ nnato furtunato, jettate ‘a mmare, ca ‘o mare te caccia ‘a fore.
Se sei nato fortunato, buttati a mare, tanto il mare ti ricaccia fuori.

‘E ccarte so’ ‘e pezza e fanno chiagnere l’uommene senza mazze.
Le carte sono di pezza e fanno piangere gli uomini senza adoperare bastoni [Le carte da gioco, così leggere e così imprevedibili, possono dare più dolore di una bastonata, qui c’è anche gioco di parole con la figura dei bastoni delle carte]

Si ‘o prestito fosse buono se mprestarria ‘a mugliera.
Se il prestito fosse sicuro si impresterebbe la moglie [ovvero è meglio non fare prestiti]

Accussì va o’ munno, chi nata e chi va ‘nfunno.
Così va il mondo, chi nuota e chi affonda [La fortuna non è uguale per tutti]

‘A sciorta d’ ‘o piecuro: nasce curnuto e more scannato!
La malasorte del capretto: nasce cornuto e muore sgozzato [la sfortuna non viene mai da sola]

Core cuntento Dio l’aiuta.
Cuore contento Dio lo aiuta [Chi vede sempre il lato positivo delle cose, si accontenta e per questo è felice e di buon umore, viene aiutato dal destino]

L’ommo sàpio dòmena le stelle.
L’uomo saggio domina le stelle [L’uomo saggio non si lascia schiacciare dalle avversità del destino]

Storta va diritta vene, sempe storta nun po’ ghije.
Storta va, dritta viene, sempre storta non può andare [insisti, prima o poi la fortuna girerà]

A barca storta ‘o puorto deritto.
A barca storta il porto diritto [Non di rado a chi conduce una vita disordinata la fortuna è propizia]

O’Pataterno dà o’ppane a chi nun tene e’dienti.
Il Signore dà il pane a chi non ha i denti [spesso il destino dà la fortuna a chi non sa goderla]

È ghiuto ‘mparaviso pe’ scagno.
Per un caso fortuito è stato fortunato [ si dice quando solo per un caso fortuito la persona in questione è stata fortunata]

Essere nato cu ‘a cammisa.
Essere nato con la camicia [Modo di dire che indica l’essere fortunato]

Ha pigliato ‘o terno
Ha azzeccato il terno [Modo di dire che indica l’essere fortunato]

Tene cchiù culo ca cereviello
Ha più culo che cervello [Modo di dire che indica l’essere fortunato]

Tre cose conzùmano ogni luoco: fuoco, juoco, cuoco.
Tre cose portano alla rovina in ogni luogo: un incendio, il vizio del gioco e la gola.

Quann’ jesce ‘a strazziona, ogne fesso è prufessore
Dopo l’estrazione dei numeri, ogni stupido è professore [dopo che sono successe le cose, chiunque dice la sua opinione]

N’ora de buon puorto fa scordare cient’anne de fortuna.
Un’ora di porto tranquillo fa dimenticare cento anni di fortuna avversa [un’ora di felicità e pace fa dimenticare una vita sfortunata]

Nu’ sputà ‘ncielo,ca ‘nfaccia te torna.
Non sputare in cielo chè ti ricadrà sul volto [ovvero non disprezzare il bene, perché quel disprezzo si ritorcerà contro di te]

Si zompi ‘ngoppo ‘e pale, coccheduno se po’ ‘mpizzà ‘nculo
Se ti metti a saltare sui pali, uno di essi ti si può conficcare nel sedere [chi gioca con la sorte rischia che le si ritorca contro]

T’e’ luvato ‘a vocca a ‘o cane e t’ ‘e miso mmocca ‘o lupo.
Ti sei levato dalla bocca del cane e ti sei messo nella bocca del lupo [Ti sei tolto da un guaio e ti sei cacciato in un altro peggiore]

Chi vo’ grazia a Dio, nu’ porta pressa.
Chi vuole ottenere una grazia da Dio non ha fretta [prima o poi la provvidenza farà il suo corso]

Quanno Dio te vo aiutà, sape isso chello che ha da fà.
Quando Dio ti vuole aiutare, sa lui quello che deve fare.

Dicètte Dio ‘nfaccia a Dio: Lassa fa’ a Dio!
Disse Dio rivolto in faccia a Dio: Lascia fare a Dio! [Dio stesso si affida interamente alla volontà di Dio]

Quanno si incudine statte, quanno si martiello vatte.
Quando sei incudine statti, quando sei martello batti [ovvero quando hai il coltello per il manico, sappine profittare; quando sei incudine usa prudenza]

‘A briscola se joca co’ e denare.
La briscola si gioca con i denari [ovvero senza soldi non si può fare nulla]

Doppo ‘o pericolo tutte quante so’ sapute…
Passato il momento del pericolo, sono tutti quanti saputelli.

Vai p’aiut e truov sgarrup.
Cerchi un aiuto e trovi un peggioramento della situazione.

Si Dio nun vò, manco ‘e Sante ‘o ponne.
Se Dio non vuole, neanche i santi possono.

A chiàgnere nu muorto so’ làcreme perze
Le lacrime versate per piangere un morto sono lacrime perse [Le lacrime non possono richiamare in vita chi è morto. Se non c’è rimedio al destino, non serve a nulla disperarsi]

Sciorta e morte, addereta ‘a porta.
La sfortuna e la morte stanno in agguato dietro la porta.

Tricchitracche, tant’ ‘a pparte
Tric-trac, tanto per ciascuno.

A vita è ‘n’affacciata ‘e fenesta.
La vita è un affacciarsi alla finestra [La vita è breve, una fugace visione che presto dilegua]