Proverbi valdostani

Annunci

Presento un’ampia raccolta di proverbi valdostani. I proverbi valdostani sono in patois, che è il dialetto comunemente usato in Val D’Aosta, una varietà della lingua francoprovenzale.

Tra i temi correlati si veda I proverbi piemontesi più belli e famosi.

**

Proverbi valdostani

Lo ten fa comme l’ée di torràn : tourne poumì.
Il tempo è come l’acqua dei torrenti: non ritorna più.

Quan lo vin l’est terrià te fat beire.
Quando il vino è spillato lo devi bere.

Y a tré bague que lo Dziablo pout pà comprendre: la sei di favro, la fan di magnein, et le malisse di fenne.
Ci sono tre cose che il Diavolo non riesce a comprendere: la sete dei fabbri, la fame degli stagnini (calderai) e la malizia delle donne.

Lo ten deun la via l’è comme le distanse deun le montagne : trompe sovèn.
Il tempo è nella vita come le distanze in montagna: spesso inganna.

L’y è trèi magnire de vivre : vivre, vicoté, estanté.
Ci sono tre modi di vivere : vivere, vivacchiare e stentare

Qui l’a pi de fi féi pi de tèila.
Chi ha più filo fa più tela [ovvero vince il più forte]

Sise que l’an ren in tchi leur son le pi defesilo in tchi d’atre.
Coloro che non hanno niente a casa propria sono i più difficili a casa d’altri.

Can on l’a pa sen qu’on vou, fat améi sen qu’on at.
Quando non si ha ciò che si vuole, bisogna amare ciò che si ha.

Venta marior-se per ìsser méhpréizoa é mourir per ìsser laoudoa.
Bisogna sposarsi per essere disprezzati e morire per essere lodati.

La nèi dè dizèmber la deuira lontèis.
La neve dicembrina dura a lungo.

Il troouna, l’ivir l’è four.
Tuona, l’inverno è finito.

Quan in predze di laou, lo laou arreuve.
Quando parli del lupo, il lupo arriva.

Tchahqui tchouza ou seu tèis, l’outoùn l’è po l’oufouréis.
Ogni cosa a suo tempo, l’autunno non è primavera.

Fat pa adzeubé la fan avoue la sei.
Non bisogna aggiungere la fame alla sete. [Non bisogna fare le cose senza avere soldi da parte]

Tout ou mondou ven a tail, féina l’onguia a pieuimor l’ail.
Tutto a questo mondo torna utile, persino l’unghia per pelare l’aglio.

Annunci

L’y at ni pro fen ni pro paille, pe toppé la botse i canaille.
Non c’è abbastanza paglia né abbastanza fieno per tappare la bocca alle canaglie.

Lo ten é le fenne se comandon pa.
Il tempo e le donne non si comandano.

Savèn tsen què sen, savèn po tsen què dévénèn.
Sappiamo ciò che siamo, non sappiamo ciò che diventeremo.

La nèi dè dizèmber l’è mori, la nèi dè janvyir l’è marihtra.
La neve di dicembre è madre, la neve di gennaio è matrigna.

Se t’a fret de tsaaten, arevere d’iver?
Se hai freddo d’estate, cosa succederà d’inverno?

Gran prà, gran ciliende.
Grandi prati, grandi recinzioni [La ricchezza è fonte di preoccupazioni]

Le-z-ommo féyon le-z-armanaque é lo Bon Djeu féi lo ten.
Gli uomini fanno gli almanacchi e il buon Dio fa il tempo.

Tsaque tsatagne, trei cou beire
Dopo ogni castagna, occorre bere tre bicchieri di vino robusto.

A tsaqueun son mitchì, é le vatse sarèn bièn vardaye.
A ciascuno il suo mestiere e le mucche saranno ben tenute.

Fat ren demandé é ren refezé.
Non bisogna domandare niente e nemmeno rifiutare niente.

L’è gramo lo caporal que pense po a vin-ì jénéral.
È un cattivo caporale quello che non aspiri a diventare generale [Guai a chi non ha ambizione]

L’è maque lo premì pa que coute.
Non è che il primo passo che costa.

Mins non fèi é mins non vout fére.
Meno si fa e meno si vuole fare [ovvero l’ozio attira altro ozio].

Fa po tchartchor mésdjor a catourdzi oouri.
Non bisogna cercare mezzogiorno alle quattordici.

La matinó l’è la mori de la djournò.
La mattina è la madre della giornata.

Lo djablo, to djablo que sie, pou pa catchéi se corne.
Il diavolo, per quanto sia diavolo , non può nascondere le proprie corna.

Si que meundze la crama, ba pa lo beurro.
Chi mangia la panna, non farà il burro [la panna serve per fare il burro].

Can lo Servén y a lo tsapé, ou qu’i fé beur ou qu’i fé bé.
Quando il Cervino ha il cappello, o che fa brutto tempo o che fa bello.

Eun ommo sensa ardzèn l’è eun laou sensa dé.
Un uomo senza soldi è un lupo senza denti.

Qui rit lo devendro, plaoure la demendze.
Chi ride il venerdì, piangerà la domenica.

Quéi péira tè trèi, ben tè vol.
Chi ti scaglia una pietra, ti vuol bene [i rimproveri sono a fin di bene]

Pan pretà, pan rendu.
Pane prestato, pane restituito [bisogna sempre aspettarsi di essere ricambiato nei favori]

Eun cougnì le boun-e sourse i ten di sèque.
Le buone sorgenti si conoscono in tempo di siccità.

L’è dè più eun boun ahpamiour què eun bon gagnour.
Vale di più saper risparmiare che saper guadagnare.

Lo pi reutso, dèi que saré mor, l’a poui maque eun lincheu.
Il più ricco, una volta morto, non avrà che un lenzuolo [dopo la morte siamo tutti uguali].

Un queu a mè, demàn a tè.
Oggi a me, domani a te.

L’è mioù d’itre petchoù eun tchi sè que lardzo eun tchi d’atre.
È meglio essere stretti a casa propria piuttosto che comodi da un altro.

Avril boutounnir fén in tséima di brenguir.
Aprile mette le gemme fin sulla sommità dei larici.

A Santa Lucia lo pa de la fourmia.
A Santa Lucia il passo della formica. [Dopo Santa Lucia l’allungarsi del giorno è impercettibile]

Corra y ojé son pién, le tchirije vègnon amère.
Quando gli uccelli sono sazi, le ciliegie diventano amare.

Vagnéi a la plodze é i blet, l’eu vagnéi d’eurba pi que de gran.
Seminare con il tempo piovoso o umido è seminare erba più che grano.

Fat pa dzeudzé l’arbro a la rutse.
Non bisogna giudicare l’albero dalla corteccia [Una persona non si giudica dalle apparenze]

Quéi vol po lou ben, lou mol l’è prest.
Chi rifiuta il bene si aspetti il male.

Sé il possa eun fioc dè groli, l’è sur què il ni.
Se passa uno stormo di cornacchie, nevica di certo.

Y azo de Cavour sé lodoun da lour.
Gli asini di Cavour si lodano da soli.

Eun pou pa demandì sinque tsambe a eun maoutón.
Non si possono chiedere cinque zampe a un montone.

Bottà d’èira fenna, mèrioou d’eun foou.
Bellezza di donna, specchio per sciocchi.

Qui vitto, qui piàn, qui un queu, qui demàn, qui et maddo é qui san a i seu tourmàn.
Chi rapidamente, chi lentamente, chi oggi, chi domani, chi è malato, chi in salute, ognuno ha i suoi tormenti.

A lavé a téhta a l’ano non pert l’éva é peu co o saón.
A lavare la testa all’asino si perde l’acqua e il sapone.

Fa todzor se sentì dire motsa-tè pe un morgavalù.
Bisogna sempre sentirsi dire soffiati il naso da un moccioso.

Crendre ni ven, ni bise.
Non temere né vento né tramontana [Non aver paura di nulla]

L’è più len toupor la boutcha di Léis què la lenga dou mondou.
È più facile chiudere la foce del Lys che frenare la lingua della gente.

Eun poc tso, eun poc tsen, in n’è mèi countèn.
O per questo o per quello, non si è mai contenti.

Protso de l’éillize, llouèn di paadì.
Vicino alla chiesa, lontano dal paradiso.

La crouéye eurba pa fata de la plantéi
L’erba cattiva non c’è bisogno di piantarla [il male si diffonde da solo]

Tsaque ten l’a se plèizì.
Ogni tempo ha i suoi piaceri.

Lo maleur di-z-eun féi lo boneur di-z-atre.
La sventura degli uni fa la felicità degli altri.

Bontèn, qui se lo pren ; matèn, qui se lo baille
Gioia, chi se la prende; preoccupazione, chi se la dà [ovvero, la felicità e l’infelicità sono decisi da noi]

Sen que eun pe ren torne ià pe ren.
Ciò che arriva per niente se ne va con niente.

Qui a l’eunfer nèit eun paradì semble.
Chi nasce all’inferno si crede in paradiso.

Y é va dé teut pé fére o mondo.
Ci vuole di tutto per fare il mondo [il mondo è vario]

Bousc at fo, carna at bo, béla dona mantèn qui po.
Legna di faggio, carne di bue, bella donna mantengono chi può.

Pe lo tsemeun di demàn eun va i tsahì di ren.
Per la strada del domani si va al castello del nulla [bisogna vivere nel presente]

Pitout infàn, pitout chagrén ; grous infàn, grous chagrén
Bambino piccolo, piccola preoccupazione; bambino grande, grande preoccupazione.

Fenna econòma vat un trasor.
Una donna economa vale un tesoro.

Un bon an compense un gramo.
Un anno buono compensa uno cattivo.

La dzelenna deit pà tsanté devan lo poù.
La gallina non deve cantare davanti al gallo [le decisioni del capo famiglia devono essere rispettate]

Annunci