Aforismi, frasi e citazioni. Una guida al sito Aforisticamente

Menzionato da importanti testate giornalistiche tra cui Il Sole 24 ore e New Yorker, vincitore di importanti premi internazionali, Aforisticamente è considerato uno dei siti web più importanti al mondo sull’aforisma contemporaneo (dal 1980 ai giorni nostri).

Qui di seguito una mappa per orientarsi nel sito.

Aforismi per autore (Italia), dalla B di Baroni alla Z di Zuccarino

Aforismi per autore (nel mondo), dalla A di Raúl Aceves alla Z di Urszula Zybura

Aforismi per nazione, dalla A di Argentina alla T di Turchia

Aforismi, frasi, pensieri e battute dei migliori autori di Twitter

Aforismi e frasi sull’amore

Calendarismi: frasi e aforismi sul calendario ovvero la contemporaneità vista attraverso il modello della forma breve (Natale, San Valentino, Festa della donna, Giornata mondiale della poesia, Festa della mamma, etc)

Ebook gratuiti di aforismi

Frasi e aforismi finanziari (la crisi economica, le banche e i banchieri, l’inflazione, la tasse, il denaro, etc)

Aforismi sul corpo umano e le sue parti ovvero il frammento sul frammento

Spiritualità (Karma, Anima, conosci te stesso, destino, etc)

Aforismi sul cibo e la cucina

Collana editoriale Aforisticamente

Contatti: fabrizio.caramagna AT gmail.com

**

Koan
Calembour
note, enigmi, frasi
citazioni, frammenti, lampi
limerick,  sentenze, haiku, apoftegmi
precetti, battute, proverbi, koan, ritratti, tweet
agudezas, massime, motti di spirito, epigrammi, paradossi
aforismi, aforemi, metaforismi, euforismi, anaforismi, poesismi, afasismi
indovinelli, aneddoti, epitaffi, formule, voci, schegge, brevità
schizzi, saggezza in pillole, detti, slogan, greguerias
microsaggi, intermezzi, parabole, pensieri
sciarade, instantanee, graffiti
definizioni
Witz

Pubblicato in Mappa del sito | Contrassegnato | 5 commenti

Frasi, citazioni e aforismi su AIDS

In occasione della Giornata mondiale contro l’AIDS (World Aids Day) – indetta ogni anno il 1 dicembre e dedicata ad accrescere la coscienza della epidemia mondiale di AIDS dovuta alla diffusione del virus HIV – presento una selezione di frasi, citazioni e aforismi sull’Aids. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi su virus e batteri e Frasi, citazioni e aforismi sulla malattia.

**

Frasi, citazioni e aforismi sull’Aids

aids

L’epidemia globale di HIV/AIDS è una crisi senza precedenti che richiede risposte senza precedenti. In particolare ci richiama alla solidarietà – tra sani e malati, tra ricchi e poveri, ma soprattutto tra nazioni ricche e nazioni povere. Abbiamo già 30 milioni di orfani. Quanti ne servono ancora per svegliarci?
(Kofi Annan)

Date ai bambini l’amore, le risate e le pace, non l’AIDS.
(Nelson Mandela)

Se la sessualità delle donne in Africa non fosse sotto attacco, se le donne fossero in grado di dire di no, se le donne non fossero oggetto di assalti predatori da parte degli uomini, o di comportamenti predatori in genere, allora si avrebbe una malattia in Africa che si chiama AIDS. Ma non si avrebbe una pandemia.
(Stephen Lewis)

È possibile un pianeta senza AIDS, ma per creare quel pianeta dobbiamo prima farla finita con le vestigia del vecchio pianeta dove i risultati positivi al virus HIV relegano un individuo nella sottoclasse della società umana.
(Oche Otorkpa)

L’HIV e l’AIDS sono in crescita – ma lo è anche l’apatia del pubblico. Abbiamo già perso troppi amici e colleghi.
(David Geffen)

L’Aids ha provocato la paura di una malattia sessualmente contagiosa e altrettanto peccaminosa, dalla quale bisognava chiamarsi “fuori” mettendo “dentro”, nel sacco delle streghe o del diavolo, tutti quanti i “diversi”, minacciosi come alieni.
(Giorgio Cosmacini)

I Leader che vivono con l’HIV dovrebbero essere incoraggiati, non costretti, a dare l’esempio e rivelare il loro stato di sieropositività.
(Nelson Mandela)

Desidero confermare che sono sieropositivo: ho l’AIDS. Ho ritenuto opportuno tenere riservata questa informazione fino a questo momento allo scopo di proteggere la privacy di quanti mi stanno intorno. Tuttavia, è arrivato il momento che i miei amici e i miei fans di tutto il mondo conoscano la verità. Spero che tutti si uniranno a me, ai miei dottori e a quelli del mondo intero nella lotta contro questa tremenda malattia.
(Freddie Mercury, dal comunicato stampa con cui, il 23 novembre 1991, annunciò di avere l’AIDS)

La vera storia è che non facevo del sesso sicuro. È solo questo. È semplice.
(Magic Johnson, commentando le circostanze nelle quali contrasse il virus dell’HIV)

Non sono guarito, ma il virus HIV è addormentato nel profondo del mio corpo.
(Magic Johnson)

1 sieropositivo su 4 non sa di avere l’infezione.
(Anonimo) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi, Frammenti sul corpo umano | Contrassegnato | Lascia un commento

Frasi, citazioni e aforismi sulla forza

Nella vita ogni tanto si incontrano strani paradossi. Si nutre di merda eppure è l’animale più forte del mondo. E’ lo scarabeo stercoraro, in grado di trascinare e sollevare oggetti che superano di 1141 volte il suo stesso peso. Per comprendere la sua forza basta un paragone forse non preciso, ma sicuramente di grande effetto: se un uomo avesse la sua forza, sarebbe in grado di trascinare un elefante che porta inoltre un carico di mezza tonnellata.

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla forza. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul potere.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla forza

forza_force

Dalla scuola di guerra della vita. − Ciò che non mi uccide, mi rende più forte.
(Friedrich Nietzsche. Questa frase è diventata lo slogan dei Marines e in inglese suona come “does not kill us, makes us stronger”)

Le anime più forti sono quelle temprate dalla sofferenza. I caratteri più solidi sono cosparsi di cicatrici.
(Khalil Gibran)

Il cuore dell’uomo è come il vestito del povero; è dove è stato rammendato più volte che è più forte.
(Paul Brulat)

Ogni relazione alimenta una forza o una debolezza dentro di voi.
(Michael Murdock)

Il mondo spezza tutti e poi molti sono forti proprio nei punti spezzati.
(Ernest Hemingway)

Ho sviluppato una forza interiore che mi ha fatto dimenticare la povertà in cui versavo, la sofferenza, la solitudine e la frustrazione”
(Nelson Mandela)

Chi non ha affrontato le avversità non conosce la propria forza.
(Proverbio)

Non ci vuole molta forza per fare le cose, ma viene richiesta molta forza per decidere cosa fare.
(Elbert Green Hubbard)

Non c’è un regolo, un metro, o una scala graduata in tutto l’intero mondo lunga abbastanza per calcolare la FORZA e le capacità insite in te.
(Paul J. Meyer)

Possediamo una grande forza di cui facciamo buono o cattivo uso centinaia di volte al giorno.
(J. Martin Kohe)

La forza interiore è la protezione più potente che hai. Non aver paura di assumerti la responsabilità della tua felicità.
(Dalai Lama) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi | Contrassegnato | Lascia un commento

Scrittori di aforismi su Twitter, Laradiceno

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @laradiceno (Lara). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autrice scrive di sé: “Vorrei essere “un’intelligentissima sfumatura di blu” (cit.). In realtà ho due figli, un marito, una pianta (morta) di basilico, un libro mai scritto nel cassetto e 34589654 fantasie. Corro, parlo da sola e perlopiù scrivo”.

laradiceno_a_opt

@laradiceno si è iscritta a Twitter nel novembre 2010. “Twitter è la versione web della mia smemoranda del liceo” mi scrive l’autrice. “Pensieri colorati, gettati lì in un momento, che lasciano il posto ad altri, magari diversissimi, il momento dopo. Ho iniziato per diffondere il mio blog. E poi Twitter ha preso il posto del blog”.

Nella timeline di @laradiceno emerge una forte personalità, personalità così forte che è difficile da inquadrare e descrivere. In in suo tweet l’autrice si definisce “danneggiata, scomoda e forte” e in un altro dice di se stessa: “che volete farci sono un’inguaribile ottimista, un po’ nevrotica, però simpatica”. Ma forse il miglior modo per cercare di descrivere @laradiceno è rimandare a una pagina del suo blog dove l’autrice nell’articolo intitolato fotografia (adesso) scatta una instantanea di se stessa

Tra i tanti spunti (lucidamente contraddittori) presenti in questo articolo del suo blog ho estrapolato alcuni frammenti significativi: “La parola che dico più spesso è no”, “La frase che dico e in cui credo meno ‘sto benissimo’. La frase che mi dicono più spesso ‘stai benissimo’”, “Cuore in panne, facciata di gelo”, “sorrido molto per cortesia e rido poco”, “Per non sentire male finisce che non sento niente”, “Più che vivere ultimamente mi sto capitando”, “Aspetto un cambiamento glorioso che non sono in grado di costruire”, “Penso spesso ‘avrei dovuto’ e ‘non avrei dovuto’ e mi mando affanculo”, “Aspetto e odio aspettare”.

@laradiceno descrive bene le tante contraddizioni tra l’essere e l’apparire, tra il vivere e il guardarsi vivere, tra il sentire troppo e il non sentire più niente, tra la voglia di cambiamento e l’accidia, tra le gambe lunghe e sottili e la paura di mettere chili, tra l’avrei dovuto e il non avrei dovuto, tra il dire sempre di no e un inguaribile ottimismo, tra l’essere nevrotica e l’essere simpatica e leggera, tra l’emotività e il sarcasmo (“educazione al sarcasmo. importante quasi quanto quella sentimentale”). Ecco che allora il significato dell’espressione “danneggiata, scomoda e forte”, altro non è che una specie di insoddisfazione e inquietudine perenne (“mi attorciglio intorno alla mia irrequietezza senza ombra di rassegnazione”), di fronte a un mondo che, con i suoi schemi e i suoi stereotipi (simboleggiati nelle “signore milanesi”), non si adatta a quello cosi diverso e talora senza senso (“che senso ha? nessuno. ma il senso non è mai stato dalla nostra parte”) dell’autrice. Che se il mondo mette sempre i puntini sulle i, @laradiceno invece “li sparge in giro, li numera, li unisce con la penna blu e ci disegna una giraffa”.

Il fatto è che @laradiceno ha troppe forme ed è troppo colorata per il mondo (“ho una gamma di difetti con le più svariate sfumature, come la scatola da 50 pastelli caran d’ache”), è troppo diluviante (“diluvio. voce del verbo diluviare prima persona singolare”), anche se poi in questa gamma di colori e di forme e di diluvi, in questo scrivere a sproposito (“ho sempre una frase a sproposito per tutto”), si percepisce una tendenza a cercare il blu: “Non so che forma prenderò, ma so che sarà blu. E spero blu colore a olio”. Blu come il mare, blu come la profondità, blu come la penna per scrivere, blu come l’assoluto, blu in quanto contrapposto all’azzurro “ero giovane, sapevo essere solo azzurra. ora sono blu. non ci sarei mai riuscita allora”. Un blu che non si può spiegare “a chi vede tutto azzurrino”, perché “il blu richiede dedizione e cura per essere capito e diventare caldo”.

Presento una selezione di tweet di @laradiceno

**

@laradiceno, Tweet scelti

“casa” è dove non trattieni la pancia.

(a volte mi sento il ritratto di dorian gray in soffitta ad incassare i colpi delle vite degli altri che invece vanno avanti a meraviglia).

voi che sorridete più ai cani che ai bambini io davvero non vi capisco.

quella voglia di mettere i puntini sulle i, invece li spargo in giro, li numero, li unisco con la penna blu e ci disegno una giraffa.

(chissà se si vede da fuori che me ne vado in giro così tua).

non puoi spiegare il blu a chi vede tutto azzurrino.

ho detto un “non importa” di troppo ed è successo che è diventato vero.

faccio un discorso ad alta voce in cucina da sola, che non capisco neanche del tutto, ma mi do ragione, non prima di litigarmi un po’

indosso braccia, mangio parole, respiro ricordi, ascolto profumi, annuso pensieri. c’è qualcosa che non torna.

il mio mezzo di trasporto preferito è la bici. ma anche la musica non scherza.

quando si chiude una porta io sono quella che resta fuori. senza chiavi. e inizia a piovere. e il postino mi dà una lettera di equitalia.

a volte si va lontani solo per vedere se qualcuno ci viene a raggiungere anche lì.

“non ti riconosco più” è una di quelle frasi che fanno più male a chi le dice che a chi le sente.

a mia sveglia è un 5enne che alle 6 arriva, mi tira una manata in faccia nel buio e chiede “il cielo sono le sabbiemobili dei palloncini?”

quel genere di cuore che se vede un infarto arrivare lo guarda e gli dice “pivello”.

il pigiama è un luogo molto bello. Continua a leggere

Pubblicato in Aforismi su Twitter | Contrassegnato | Lascia un commento

100 Frasi per dire ti amo

Presento qui di seguito la più ampia raccolta in lingua italiana di frasi per dire “Ti amo”. Sono frasi e citazioni tratte da poesie, romanzi, testi filosofici, saggi, libri di aforismi e altro ancora. In questa selezione di frasi con la parola “ti amo”, non possono mancare alcuni tweet tratti da quel favoloso mondo pieno di talento che è Twitter.

Tra i temi correlati si veda anche L’amore ai tempi di Twitter – 300 frasi, aforismi, pensieri e tweet sull’amore e l’innamoramento e Mi manchi – 100 frasi, aforismi e tweet sulla mancanza e infine Frasi, citazioni e aforismi sull’anima gemella.

**

100 Frasi per dire ti amoTi-amo

E come ogni giorno, ti amo di più
oggi più di ieri e meno di domani
(Rosemonde Gerard)

Ti amo – questa parola è la più misteriosa che ci sia, l’unica degna di essere commentata nei secoli. La “o” dell’ultima parola quasi non si sente, batte le ali e si invola.
(Christian Bobin)

Ti amo.
Tre secondi per dirlo.
Tre ore per spiegarlo.
E una vita intera per provarlo.
(Anonimo)

Due persone dicono reciprocamente “ti amo”, o lo pensano, e ciascuno vuol dire una cosa diversa, una vita diversa, perfino forse un colore diverso o un aroma diverso, nella somma astratta di impressioni che costituisce l’attività dell’anima.
(Fernando Pessoa)

“Ti amo” è una parola troppo grande per me,
ma troppo piccola per quello che provo per te.
(Anonimo)

Gli uccelli notturni beccano le prime stelle che splendono come la mia anima quando ti amo.
(Pablo Neruda)

“Ti amo da morire”
Ma io voglio dei ti amo da vivere.
(Anonimo)

Io ti amo non solo per ciò che sei,
ma per ciò che io sono quando sono con te.
Io ti amo non solo per ciò che tu hai fatto di te stesso,
ma per ciò che tu stai facendo di me.
Io ti amo per la parte di me che riesci a tirare fuori.
(Elizabeth Barrett Browing)

Ti amo: Queste frasi d’amore che tanto si ripetono non sono mai le stesse. Hanno lo stesso suono tutte quante, ma ha ciascuna una vita vergine e sola, se riesci a coglierla. E non stancarti mai di ripetere le parole uguali: proverai l’emozione che sente l’anima quando vede spuntar la prima stella e poi, come la notte avanza, la vede ripetersi in altre stelle, con diversi riflessi e un’unica anima.
(Pedro Salinas)

Se ti amo così male, è perché ti amo troppo.
(Paul Géraldy)

Dire a qualcuno ‘Io ti amo’ equivale a dire ‘Tu dovresti vivere per sempre’.
(Madeleine Engle)

Noi donne travisiamo sempre le parole degli uomini. Quando ci dicono “ti amo” noi ci facciamo dei viaggi pazzeschi. Capendo “ti amo”.
(egyzia, Twitter)

Cari homi sapiens sapiens, state sereni e non temete. Dire una volta tanto “ti amo” non crea né impotenza.
(Luciana Littizzetto)

Ci ho pensato tanto, e il risultato è che Ti Amo. Ti Amo quando hai freddo e fuori ci sono 30 gradi. Ti Amo quando ci metti un’ora ad ordinare un Sandwich. Amo la ruga che ti viene quì quando mi guardi come se fossi pazzo. Mi piace che dopo una giornata passata con te, sento ancora il tuo profumo sui miei golf…e sono felice che tu sia l’ultima persona con cui chiacchero prima di addormentarmi la sera. E non è perchè mi sento solo. E non è perchè è la notte di Capodanno. Sono venuto stasera perchè quando ti accorgi che vuoi passare il resto della vita con qualcuno, vuoi che il resto della vita inizi il più presto possibile.
(dal film Harry ti presento Sally)

Un centinaio di cuori sarebbero troppo pochi per contenere tutto il mio amore per te. Ti amo
(Anonimo)

Se dovessi scegliere tra respirare e amarti, io userei il mio ultimo respiro per dirti ti amo.
(DeAnna Anderson)

– Terry: Ti amo.
– Calvero: Sprecare l’amore per un vecchio?
– Terry: L’amore non è mai sprecato.
(Dal film Luci della ribalta)

L’ io-ti-amo è senza sfumature. Esso sopprime le spiegazioni, gli accomodamenti, le graduazioni, gli scrupoli.
(Roland Barthes)

Dire ti amo a qualcuno è forse la suprema preghiera umana.
(Georges Dor)

Attenti alla grammatica.
“pò” non è “po’,
“ce” non è “c’è”,
“lo” non è “l’ho”
“anche io” non è “ti amo”
(Fabrizio Caramagna)

È curioso come ti ami sempre, anche quando non ti amo.
(Marguerite Duras) Continua a leggere

Pubblicato in Amore | Contrassegnato | 2 commenti

Frasi, citazioni e pensieri sulla semplicità

Un errore diffuso è pensare che il semplice sia facile, il complesso difficile. Molto spesso è vero il contrario. Lo diceva anche Ovidio duemila anni fa. “La semplicità, è cosa rarissima ai nostri tempi”. Ogni tanto, nelle esperienze della nostra vita, incontriamo persone “semplici” che sono molto più intelligenti di tanti cosiddetti “intellettuali. E anche i più grandi progressi sono spesso soluzioni semplici di problemi che sembravano inestricabilmente complicati.

Presento qui di seguito una raccolta di frasi, citazioni e pensieri sulla semplicità. Per i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla falsità, le persone false, l’ipocrisia e la finzione.

**

Frasi, citazioni e pensieri sulla semplicità

semplicità_simplicity

Che fine ha fatto la semplicità? Sembriamo tutti messi su un palcoscenico, e ci sentiamo tutti in dovere di dare spettacolo.
(Charles Bukowski)

Le cose migliori nella vita sono le più vicine: il respiro nelle narici, la luce nei tuoi occhi, i fiori ai tuoi piedi, gli incarichi nelle tue mani, il sentiero del bene proprio davanti a te. Allora non cercare di afferrare le stelle, ma svolgi le semplici cose della vita come vengono, sicuro che le funzioni quotidiane e il pane quotidiano sono le cose più dolci della vita.
(Robert Louis Stevenson)

Nella casa di una famiglia felice, semplici stoviglie di ceramica risplendono più della giada.
(Proverbio cinese)

Potrei vivere nel guscio di una noce, e sentirmi re dello spazio infinito.
(William Shakespeare)

Qualsiasi sciocco può fare qualcosa di complesso; ci vuole un genio per fare qualcosa di semplice.
(Pete Seeger)

Si può essere felici anche mangiando un cibo molto semplice, bevendo acqua pura e avendo come cuscino unicamente il proprio braccio ripiegato.
(Confucio)

La bellezza è come una gemma preziosa, per la quale la migliore montatura è la più semplice.
(Francesco Bacone)

La natura tende sempre ad agire nel modo più semplice.
(Jacques Bernoulli)

La capacità di semplificare significa eliminare il superfluo in modo che sia la necessità a parlare
(Hans Hofmann)

Accendere un fuoco in un camino è il piacere più solido di qualsiasi altra cosa al mondo.
(Charles Dudley Warner)

Se la vista di cieli azzurri ti riempie di gioia, se le cose semplici della natura hanno un messaggio che tu comprendi, rallegrati, perché la tua anima è viva.
(Eleonora Duse) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi | Contrassegnato | Lascia un commento

Scrittori di aforismi su Twitter, Ida_bauer_

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @ida_bauer_ (oh, beh). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autrice si descrive stenograficamente in tre parole: “Nonostante. Since 1982″.

ida_bauer_opt

@ida_bauer_ si è iscritta a Twitter nel maggio 2011. “Su Twitter ho trovato l’amore. Magari, con un po’ di culo, riesco anche a trovare un nuovo lavoro” mi scrive l’autrice, che poi a proposito del suo nickname spiega: “Ida è il caso Dora di Freud. Sono una psicologa, inevitabile pescare da lì. Ho scelto proprio lei per due motivi. Il suo sintomo più conclamato è l’afonia. Che sia il non sentirsi ascoltato, o il rifiuto di dire, o il non aver (più) niente da dire, credo che tutti soffriamo di una qualche forma di afonia, senza magari rendercene conto. Ma, soprattutto, Ida Bauer guarisce, ed io ho un amore smodato nei confronti della guarigione. Che prevede il fatto che uno si sia ammalato, ovvio”.

La scrittura di @ida_bauer_ è in perenne bilico tra la normalità e la voglia di perdere il controllo (“Vado fuori di testa, serve niente?”), tra il distacco emotivo (“- Lei cosa prende? – Del distacco emotivo, per favore. Sa, è per il cuore”) e le emozioni che pulsano sotto diversi strati (“In questo periodo indosso le emozioni a cipolla”), tra l’agire (- Lei cosa prende? – Una decisione, per favore. Corretta, grazie”) e l’indecisione (“Toh. Una decisione. Qualcuno la prenda”), tra la lucida e dolorosa capacità introspettiva (“Della capacità introspettiva e di altri strumenti di tortura”) e la tentazione di lasciar perdere le tante verità (“Ormai è tardi. La cerco domani, la verità”), le tante evidenze di cui è pieno il mondo (“L’evidenza è pregata di presentarsi solo se serve a qualcosa, grazie”).

Non c’è una conclusione, ma solo una eterna frammentazione e biforcazione delle cose (“E poi, non sono abbastanza matura per concludere le cose. I maturi concludono le cose. Quelli come me, al limite, osservano incuriositi”) e in questa frammentazione l’autrice inserisce anche la propria identità, che viene vista da un attore esterno ed è descritta come se fosse spezzata in due unità. “Del resto, io è una vita che provo ad essere migliore di me e non ci sono ancora riuscita” e anche “Il mio pessimo umore deve essere a conoscenza di qualcosa che ignoro”.

In questo girare intorno intorno al mondo, a volte @ida_bauer_ sente il bisogno di cadere (“Ogni tanto sento il bisogno di cadere. Di cadere e farmi parecchio male. Così, per prendere una pausa dall’obbligo di farcela sempre”), di scivolare in fondo alla lista delle priorità (“Vado a scivolare in fondo alla lista delle priorità”), di disorientarsi (“State comodi, mi disoriento da me”). Che forse tutto questo cadere in basso non è altro che un modo per non sentire troppo da vicino le emozioni, queste emozioni da cui a volte è necessario ripararsi con un impermeabile (“Ho bisogno di un impermeabile. Emotivo”), queste emozioni che non fanno neanche leggere un libro (“Ti dispiacerebbe mancarmi un po’ meno? Sto cercando di leggere”). Perché talvolta, per non soffrire, conviene “riporre le aspettative negli appositi contenitori per lo smaltimento”.

In questa scrittura che descrive cose e persone e i bei tempi migliori (“i tempi migliori sono attesi al punto accoglienza, grazie”) non c’è mai acredine o tristezza o amarezza, ma sempre leggerezza (“E, tra tutte le possibili grandi conquiste esistenziali, la leggerezza rimane la mia preferita” e anche “- Lei cosa prende? – Tutto alla leggera, per favore. Senza astio, grazie”) e un senso sottile di ironia e autoironia. Anche nelle cose più tragiche, quelle in cui non c’è niente da ridere, @ida_bauer_ sorride e ci fa sorridere con la sua ironia inconfondibile. Come scrive bene in suo tweet, “Il fottuto istante tra una risata e l’altra, quello in cui ti ricordi che, di fatto, c’è ben poco da ridere. E, di conseguenza, ridi”.

Presento una selezione di aforismi di @ida_bauer_

***

@ida_bauer_ , Tweet scelti

Ripassiamo insieme:
– i limiti si superano
– i confini si rispettano.

Ai sani ho sempre preferito i guariti.

L’egocentrico ha bisogno di un pubblico.
Per questo, spesso, appare altruista.

Le cose che non voglio sapere hanno sempre una grande voglia di incontrarmi.

Vado fuori di testa, serve niente?

Ti dispiacerebbe mancarmi un po’ meno?
Sto cercando di leggere.

In questo periodo indosso le emozioni a cipolla.

Faccio parte di quelli lì, quelli così banali da pensare davvero le cose che dicono.

Sparatevi un selfie.
Magari senza selfie.

– Lei cosa prende?
– Una decisione, per favore. Corretta, grazie.

– Lei cosa prende?
– Del distacco emotivo, per favore. Sa, è per il cuore.

– Lei cosa prende?
– Niente sul serio, grazie.

– Lei cosa prende?
– Fiato, per favore. Abbastanza per continuare, grazie.

Si consiglia di ricambiare il sentimento per non perdere la priorità acquisita.

Uh! Che bella scusa! È nuova?

Del tacere e di altre ottime idee rivoluzionarie.

Niente fa incazzare un burattinaio come un burattino che si accorga dei fili.
E li tagli.

M’è andato un “non importa” di traverso.

Vi va bene che ho tutti i veli pietosi in lavanderia.

Ogni tanto sento il bisogno di cadere. Di cadere e farmi parecchio male. Così, per prendere una pausa dall’obbligo di farcela sempre.

Finiremo col chiedere scusa per esserci difesi.

Ti richiedono perfezione come se loro ne avessero.

Della capacità introspettiva e di altri strumenti di tortura.

No, non esco.
Domani devo incazzarmi presto.

Vado a scivolare in fondo alla lista delle priorità.

(quelle cose belle ed inutili, come l’essere felici per qualcun altro) Continua a leggere

Pubblicato in Aforismi su Twitter | Contrassegnato | Lascia un commento

Frasi, citazioni e aforismi sulla pazienza

La parola pazienza ha origine dal latino “patire” (cfr. il greco pathein e pathos, dolore corporale e spirituale). La pazienza è la qualità e l’atteggiamento di chi è in grado di accettare i contrattempi, le avversità, le difficoltà e il dolore con animo tranquillo. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla fretta.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla pazienza

pazienza_patience

Come può una società – che si fonda su sughi pronti, ricette di torte veloci, cene surgelate, e fotocamere istantanee – insegnare la pazienza ai suoi giovani?
(Paul Sweeney)

La pazienza è qualcosa che si ammira nel guidatore dietro voi e si disprezza in quello che sta davanti.
(Mac McCleary)

Occorre molta pazienza per impararla.
(Stanisław Jerzy Lec)

Ogni potere umano è composto di tempo e di pazienza.
(Honoré de Balzac)

Che io possa avere la forza di cambiare le cose che posso cambiare, che io possa avere la pazienza di accettare le cose che non posso cambiare, che io possa avere soprattutto l’intelligenza di saperle distinguere.
(Tommaso Moro)

La pazienza è la più grande delle preghiere.
(Buddha)

Quando ho piantato il mio dolore nel campo della pazienza, mi ha dato il frutto della felicità.
(Kahlil Gibran)

Sempre la solita impazienza quando ordino un libro: vorrei che all’indomani fosse già arrivato. Questa volta si tratta del “Libro della Saggezza” detto anche “Libro di Salomone”. Sono migliaia di anni che esiste ed ho fatto a meno di leggerlo durante tutto questo tempo; che importanza può avere ora un ritardo di due settimane?
(Carlo Gragnani)

Quanto poveri sono coloro che non hanno pazienza!
Quale ferita guarì mai,se non per gradi.
(William Shakespeare)

II mondo non fu fatto in un giorno.
(Anonimo)

La fede muove le montagne, la pazienza raggiunge le cime.
(Ewa Radomska) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi | Contrassegnato | Lascia un commento

Frasi, citazioni e aforismi sulla luce

Il 13 dicembre è il giorno di Santa Lucia, la santa che secondo la tradizione diffonde la luce attraverso i suoi occhi accecati. Il poeta Dante, nella Divina Commedia, riserva a Santa Lucia il compito di illuminare la strada dell’uomo nel suo cammino verso Dio. E in alcuni paesi Santa Lucia è festeggiata come emblema della luce che ha il sopravvento sul buio.

In occasione del giorno di Santa Lucia, che secondo la tradizione era considerato il giorno più corto dell’anno, presento qui di seguito una raccolta di oltre 100 frasi, citazioni e aforismi sulla luce.

**

100 frasi, citazioni e aforismi sulla luce

luce_Light.jpg

La prima creatura di Dio fu la luce.
(Francesco Bacone)

La vita è una grande avventura verso la luce.
(Paul Claudel)

Le persone sono come le vetrate.
Scintillano e brillano quando c’è il sole, ma quando cala l’oscurità rivelano la loro bellezza solo se c’è una luce dentro.
(Elisabeth Kubler-Ross)

La più importante qualità di una casa è la luce. Quanta luce fa entrare? Lo stesso vale con le persone.
(arli3, Twitter)

A quanto possiamo discernere, l’unico scopo dell’esistenza umana è di accendere una luce nell’oscurità del mero essere.
(Carl Gustav Jung)

A quale età si osserva meglio la luce?
(Marco Ercolani

Il mio primo ricordo è luce – la luminosità della luce – luce tutto intorno.
(Georgia O’Keeffe)

Il vero amore è come una finestra illuminata in una notte buia. Il vero amore è una quiete accesa.
(Giuseppe Ungaretti)

L’amore è una parola di luce, scritta da una mano di luce, su una pagina di luce.
(Khalil Gibran)

Avevo dimenticato quanta luce c’è nel mondo, fino a quando non me l’hai donata.
(Ursula K. Le Guin)

Ci sono due tipi di luce – la luce che illumina, e il bagliore che oscura.
(James Thurber)

La luce può essere delicata, pericolosa, onirica, nuda, viva, morta, nebbiosa, chiara, calda, scura, viola, primaverile, cadente, dritta, sensuale, limitata, velenosa, calma e morbida.
(Sven Nykvist) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi | Contrassegnato | Lascia un commento

Frasi, citazioni e aforismi sui fiori

Curiosamente il colore più diffuso tra i fiori è il verde. Molti fiori non hanno infatti la necessità di essere appariscenti e colorati perché il loro polline viene trasportato dal vento e non dagli insetti. In seconda posizione si trova invece il bianco. Questo colore, come il verde, riflette in modo efficace i raggi ultravioletti, sui quali si basa la vista delle api e di altri insetti. Il bianco, inoltre, riflette al meglio la luce anche quando non splende il sole e può essere visto nell’ombra. In base alle preferenze degli insetti, vengono poi il giallo, l’azzurro e il rosa.

Presento qui di seguito la più ampia raccolta in lingua italiana di frasi, citazioni e aforismi sui fiori.

**

Frasi, citazioni e aforismi sui fiori

fiori_flowers

Tre cose ci sono rimaste del Paradiso: le stelle, i fiori e i bambini.
(Anonimo)

L’uomo diventerebbe folle di sogni se i fiori brillassero nel cielo e non ai suoi piedi.
(Grigore Vieru)

Una delle cose più affascinanti nei fiori è il loro meraviglioso riserbo.
(Henry David Thoreau)

I fiori hanno una espressione del volto, come gli uomini o gli animali. Alcuni sembrano sorridere; altri hanno un’espressione triste; alcuni sono pensierosi e diffidenti; altri ancora sono semplici, onesti e retti, come il girasole dalla faccia larga e la malvarosa.
(Henry Ward Beecher)

Il fiore che tieni nelle tue mani è nato oggi e ha già la tua età.
(Antonio Porchia)

Un fiore è breve, ma la gioia che dona in un minuto è una di quelle cose che non hanno un inizio o una fine
(Paul Claudel)

I fiori sanno ridere, i fiori sanno sorridere, i fiori sanno anche assumere un’aria triste, giungendo persino alla disperazione – ma nessun fiore sa piangere. La natura è totalmente stoica; per questo ci offre il più sublime esempio di coraggio ed è la nostra maggiore consolatrice.
(Malcolm de Chazal)

Mi chiedi perché compro riso e fiori? Compro il riso per vivere e i fiori per avere una ragione per cui vivere.
(Confucio)

Chi non ha pane, ma compera fiori, è un poeta.
(Proverbio Turco)

Dammi odoroso all’alba un giardino di fiori bellissimi dove io possa camminare indisturbato.
(Walt Whitman) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi | Contrassegnato | Lascia un commento

Frasi, citazioni e aforismi sulla politica

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla politica, in parte estrapolati da antologie che ho recentemente curato. Per gli articoli correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul potere e Frasi, citazioni e aforismi sulle elezioni, gli elettori e il voto.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla politica

politica

Anni fa le fiabe iniziavano con “C’era una volta…”.
Oggi sappiamo che iniziano tutte con “Se sarò eletto…”
(Carlyn Warner)

Non esistono governi popolari. Governare significa scontentare.
(Anatole France)

La politica è l’arte d’impedire agli avversari di fare la loro.
(Roberto Gervaso)

Gli uomini politici sono uguali dappertutto. Promettono di costruire un ponte anche dove non c’è un fiume.
(Nikita Chruščëv)

Ci sono degli uomini politici, che sarebbe bene chiamare politicanti, i quali, se avessero come elettori dei cannibali, prometterebbero loro missionari per cena.
(Henry Louis Mencken)

I pensatori della politica si dividono generalmente in due categorie: gli utopisti con la testa fra le nuvole, e i realisti con i piedi nel fango.
(George Orwell)

Politica non è un mestiere, è un servizio. Ma nel senso di servire, non di servirsi o circondarsi di servi.
(Marco Travaglio)

La politica è l’arte di servirsi degli uomini facendo loro intendere di servirli.
(Louis Dumur)

Ha tutte le caratteristiche di un politico moderno. È passato attraverso tutti i partiti.
(Goran Mrakić)

La coscienza dell’uomo politico è simile alla tela dello schermo cinematografico. Sempre bianca e immacolata, anche se sono stati proiettati molti orrori.
(Valeriu Butulescu)

L’uomo è per natura un animale politico.
(Aristotele) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi | Contrassegnato | 1 commento

Frasi, citazioni e aforismi sulla fretta

Essere impazienti, nervosi e sempre di fretta può essere anche una patologia. Secondo lo studioso LiJing Yan le persone che vanno sempre di fretta sono infatti affette da TUI (Time-urgency impatience – Impazienza da tempo e urgenza).

Presento un’ampia raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulla fretta. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul tempo

**

Frasi, citazioni e aforismi sulla fretta

Fretta

Dio ha fatto il tempo, ma l’uomo ha fatto la fretta.
(Proverbio irlandese)

Mai prima d’ora abbiamo avuto così poco tempo per fare così tanto.
(Franklin Delano Roosevelt)

Tra le molteplici definizioni che si possono attribuire al nostro specifico momento storico ve n’è una che forse, meglio delle altre, coglie il suo spirito: il nostro presente è l’epoca della fretta.
(Diego Fusaro)

Quella eccitantissima perversione di vita: la necessità di compiere qualcosa in un tempo minore di quanto in realtà ne occorrerebbe.
(Ernest Hemingway)

Qualunque cosa venga prodotta frettolosamente tra i rifiuti finisce facilmente.
(Saadi)

La fretta è del diavolo. La lentezza è di Dio.
(Henry Louis Mencken)

La natura non ha fretta, eppure tutto si realizza.
(Lao Tzu)

Chi ha fretta mostra che la cosa che sta per fare è troppo grande per lui.
(Lord Chesterfield)

Nell’amore non bisogna mai affrettare il piacere.
(Ovidio)

Gli uomini amano in fretta, ma odiano con calma.
(George Byron)

Per il corteggiamento vale il consiglio che Robert Schumann dava ai pianisti: “Andare lento e correre sono errori di pari gravità.
(Dino Basili)

L’eccessivo valore che diamo ai minuti, la fretta, che sta alla base del nostro vivere, è senza dubbio il peggior nemico del piacere.
(Hermann Hesse)

Meglio un pezzo di pane col formaggio piuttosto che una pizza lievitata in fretta, gommosa e indigeribile.
(Carlo Cracco)

Io la pazienza ce l’ho. È la fretta che mi frega.
(Anonimo)

Sono di fretta. Per che cosa?
Il sole e la luna non hanno fretta.
Fretta è credere che le persone possano andare oltre le gambe,
O che, saltando, possano atterrare oltre la loro ombra.
(Alberto Caeiro) Continua a leggere

Pubblicato in Calendarismi | Contrassegnato | Lascia un commento

Scrittori di aforismi su Twitter, Dbric511

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @dbric511 (Peanuts Buffer).

Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autore scrive di sé: “28 anni, laureato in economia, pescatore per hobby, adoro la musica: suono la batteria da 15 anni, ovviamente non quella dello smartphone, ma quella con i tamburi e le bacchette. Amo correre e andare in palestra, e amo prendere in giro quelli che lo fanno. Siete fissati, gli dico. E io sono il primo ad esserlo. Responsabile vendite in un’utensileria, non passa un giorno senza che le teorie darwiniane siano messe in crisi da esseri viventi tanto strani quanto diversi tra loro: i miei clienti. Survival of the fittest? Bad news, Charles. MI DISP. Appena posso viaggio (non QUEL genere di viaggio che pensate, eh) e una volta tornato a casa passo ore ad immaginare le foto che avrei potuto fare invece di fotografare il Blueberry Muffin di Starbucks o il BIG ‘uguale a quello della pubblicità’ MAC del McDonald’s. Caffè dipendente, perfezionista, cocciuto e determinato, sono introverso, ma non timido: me ne posso stare zitto per due ore, ma ci metto un secondo a mandarti a fanculo”.

@dbric511 si è iscritto a Twitter nel maggio 2012. “Scopro solo ora di essere iscritto dal maggio 2012″ mi confessa l’autore. “Ero convinto di essermi iscritto l’anno scorso. Ho cominciato ad usare Twitter solo nel nella primavera del 2013, più per leggere e conoscere, che per scrivere. All’inizio l’ho preso come una specie di diario Un enorme diario comune. Ho instaurato amicizie ‘vere’ anche se solo virtuali, ed è questa la vera forza di questo social. Penso che Twitter sia davvero un mondo a se stante, dove ognuno può ancora scrivere ciò che sente senza preoccuparsi di risultare simpatico, moralista, volgare, sdolcinato o acido. Fallo e basta, come dice mamma Nike”. A proposito della scelta del suo nickname Peanuts Buffer, l’autore spiega: “Quando ero in vacanza alle Canarie, su un barattolo di burro di arachidi di un supermercato vicino a dove alloggiavo c’era scritto proprio ‘Peanuts Buffer’, con la ‘F’ e non la ’T’. Il che trasforma ‘burro di arachidi’ in ‘memoria di arachidi’. Buffo e stupido, quindi come non utilizzarlo come mio Nick?”.

dbric_511_a.jpg

Il mestiere del battutista è quello di combinare le parole tra loro in modo che facciano ridere sempre, ovunque, tutti (o quasi tutti, il serioso o quello che ha bisogno che gli spieghino il senso delle battute sono sempre in agguato). Come un trapezista, il battutista salta da una battuta all’altra, trasformando le banalità in illuminazioni, dicendo cose note in modo ignoto e sorprendente, capovolgendo il serio in comico con un corto circuito logico e verbale. Ed è quello che fa molto bene @dbric511

La sua comicità è una specie di terrazza con vista sull’abisso delle nostre debolezze. Noi ridiamo, perché per un attimo @dbric511 ci mostra questo abisso e poi ci porta in salvo. Ridiamo dello scampato pericolo. Pensavamo di essere come i tanti protagonisti delle sue battute, forse lo siamo ancora, ma ridendo prendiamo le distanze per un attimo. Nella timeline di @dbric511 ci sono uomini che “sfottono le donne dicendo che non sanno parcheggiare sono gli stessi che poi non trovano il punto G nemmeno con 10 manovre”, “donne non hanno la forza per aprire un barattolo ma quando fanno shopping possono trasportare borse del peso 3 volte superiore al loro”, tipi che hanno “70 anni, 4 lauree, 6 premi nobel ma mentre aspettano la pizza giocheranno sempre con il bordo del tappo dell’acqua minerale”, duri che “Quando il gioco si fa duro, o si stanno facendo una lampada o si stanno depilando il petto”, naufraghi che potendo scegliere tra avere l’acqua e l’ultimo iPhone, sono indecisi se prenderlo “da 16 o 32 gb”, bagnanti che diventano “Tutti Peter Pan quando si tratta di fotterti l’ombra in spiaggia” o centauri che che indossano i giubbotti in pelle ‘DUCATI TEAM RACING’ e “non riescono nemmeno ad andare dritti con la bici”.

In questa variegata umanità (“umana, troppo umana”, come direbbe Nietzsche) @dbric511 si focalizza su alcuni temi come il rapporto uomo-donna (due specie che arrivano da pianeti totalmente differenti con i loro tic e le loro manie) e sul cosidetto “vivere online” che ha sostituito il nostro “vivere off line” (L’uomo usa solo il 10% del cervello e circa il 280% di batteria dello smartphone al giorno” e anche “1994: Che faccia! Che c’hai? T’è morto il gatto? :( 2014: Che faccia! Che c’hai? Finito i giga? :(.”.

Tra donne che si cimentano nei parcheggi e uomini che si cimentano nello stendibiancheria, uomini depilati e donne in perenne ritardo, vicini che la domenica “non vivono, aspirapolverano” e “buon lunedì” detto come un ossimoro, ascensori “fuori selfizio” e gente che legge libri in spiaggia “sintomo di batteria scarica”, la scrittura di @dbric511 si muove alla ricerca di obiettivi da colpire con i suoi pungiglioni logico-verbali, pungiglioni che – come appare nella foto del profilo di dbric511 – finiscono talvolta per colpire – con grande senso di autoironia – anche l’autore stesso.

Presento una selezione di tweet di @dbric511

**

@dbric511, Tweet scelti

Quello che ha inventato il plaid era senza piedi.

Se vai a lavorare canticchiando felice hai 3 possibilità:
– sei miliardario
– ti droghi
– sei uno dei 7 nani

Esempi di ossimori:
– ghiaccio bollente
– silenzio assordante
– buon lunedì

L’uomo usa solo il 10% del cervello e circa il 280% di batteria dello smartphone al giorno.

L’amicizia è quella cosa che ‘ci vediamo là’ ed entrambi sanno dov’è ‘là’.

Ah, che bello correre: l’aria fresca, il sole che brucia, il sudore sulla pelle, le gambe stanche, la maschera d’ossigeno, l’ambulanza.

Se avessi voluto essere maltrattato da tutti, sarei nato congiuntivo.

L’alcool è il ctrl+alt+canc della vita reale.

Se si potessero sentire i 10-20 secondi dopo la fine di una chiamata l’umanità si estinguerebbe in una settimana.

Penso che le coppie che vanno a cena fuori e si isolano con lo smartphone siano davvero tristi. Ora scusate, è arrivata la pizza.

Quando la batteria scende sotto il 10% usi lo smartphone con la stessa ansia di quello che nei film disinnesca le bombe.

Il fatto che se nomini ai ragazzini ‘Super Mario’ pensano a Balotelli e non ad un idraulico coi baffi è la prova che la società ha fallito.

Gente normale
1 cm=1 cm
3 cm=3 cm
7 cm=7 cm
12 cm=12 cm
Parrucchiere
1 cm=10 cm
3 cm=8 mt
7 cm=lunghezza equatore
12 cm=distanza Terra-Luna

La donna sbatte con l’auto sul palo perché ‘non l’ha visto’ ma scorge un capello diverso dai suoi sulla tua maglietta a 12 km di distanza.

Avete scheletri nell’armadio, sogni nel cassetto, cieli nella stanza, ma chi cazzo vi ha venduto la casa, il Mago di Oz?

Inizia la stagione in cui non capisci dove comincia la donna e dove finisce la sciarpa.

La donna non ha la forza per aprire un barattolo ma quando fa shopping può trasportare borse del peso 3 volte superiore al suo.

Tutti Peter Pan quando si tratta di fotterti l’ombra in spiaggia.

La nebbia agli irti colli
La pioggia nel pineto
La quiete dopo la tempesta
Tutte poesie scritte nel week-end, sicuro.

Siamo nel 2014 e ancora non hanno inventato una Tv intelligente che alzi il volume in automatico quando mangi le patatine.

Gli uomini che sfottono le donne dicendo che non sanno parcheggiare sono gli stessi che poi non trovano il punto G nemmeno con 10 manovre.

La donna non dimentica: sposta il file nel cestino. Lo può lasciare li per anni, ma ci mette 5 secondi a ripristinarlo e a farti il culo.

Puoi avere 70 anni, 4 lauree, 6 premi nobel ma mentre aspetti la pizza giocherai sempre con il bordo del tappo dell’acqua minerale.

– Cosa fai nella vita?
– Sono un life-changing forgetting sommelier
– Cioè?
– Bevo per dimenticare.

Secondo recenti studi, nel 99,8% degli uomini, l’erezione del colletto delle loro polo è inversamente proporzionale a quella del loro pene.

Doccia DONNA:
Risciacquo
Shampoo
Balsamo
Scrub
Doccia gel
Crema
UOMO:
Risciacquo
Annusata alle ascelle
Risciacquo
Elicottero col pisello

Foto su IG: super figa
Foto su TW: figa ma non troppo
Foto su FB: carina tendente a figa
Foto su FB in cui è taggata da un’amica: gremlin

Quella sottile linea tra ‘mi trucco un po” e ‘Moira Orfei’.

Le valigie delle donne quando viaggiano sono composte da 23,8 kg di niente da mettersi.

La domenica non mi servono orologi, mi bastano i rumori del vicino.
– Che ore sono?
– Mah, saranno le aspirapolvere meno un quarto.

Bisognerebbe vivere con la stessa tranquillità dei protagonisti di malattie misteriose che chiamano il dottore dopo 2 mesi di febbre a 48°.

Dio li fa e poi li mette a sudare vicino a te.

Una donna che parcheggia in retromarcia.
Guarda il video che ha commosso il Web.
Dura 6 ore.

Un uomo che stende la biancheria.
Guarda il video che ha commosso il web.
Dura 4 ore.

Quella sottile linea tra ‘galletta di riso’ e ‘polistirolo pressato’.

Leggere un libro in spiaggia è sintomo di batteria scarica.

Anche quest’anno, a Natale, diciamo tutti insieme:
SI ai cotechini con le lenticchie
NO ai cotechini coi leggings

Gli errori veramente gravi della vita sono pochi, una frase detta male, una rinuncia, un tradimento, dire al parrucchiere “bah, fai tu’.

Quando il gioco si fa duro, i duri o si stanno facendo una lampada o si stanno depilando il petto.

La donna quando torna da una vacanza non disfa la valigia, toglie le ruote dall’armadio.

Grandi domande dell’umanità:
– senso della vita
– vita dopo la morte
– dove cazzo va il dentista quando ti lascia da solo nella stanza

Non vi preoccupate, finirà di piovere prima o poi, non appena lassù gli arriva la bolletta dell’acqua.

Se siete in un’isola deserta e potete scegliere tra avere l’acqua e l’ultimo iPhone, lo prendete da 16 o 32 gb?

Non riusciamo a far andare nel verso giusto una chiavetta USB, figuriamoci la vita.

Facciamo una raccolta fondi per regalare una fotocamera decente a quelli che avvistano gli UFO.

La tua ragazza prende il tuo smartphone in mano e tu fai la stessa faccia rilassata dei condannati a morte mentre camminano il miglio verde.

Cose più pericolose mentre si è alla guida:
4) sonno
3) alcool
2) droga
1) notifiche

Inizia il periodo in cui l’uomo viene visto dalla sua donna non più come ‘amore’, ‘compagno’ o ‘anima gemella’ ma come ‘scaldapiedi’.

Ere geologiche:
– mesozoico
– paleozoico
– 5 minuti e mi alzo

Quelli che ‘Amo le sfide’, ‘Il pericolo è il mio mestiere’, ‘Il rischio è la mia droga’ e poi al massimo li vedi stampare senza anteprima.

Gli uomini che dicono di piangere solo per amore non hanno i mignoli dei piedi.

L’unica donna a cui bastava il bagaglio a mano per viaggiare era Mary Poppins.

Pensi di essere dipendente da Twitter?
▫️si
▫️no
✔️aggiungi ai preferiti

Mamme state attente a vostro figlio: oggi una sigaretta, domani uno spinello, settimana prossima magari si compra un paio di pinocchietti.

L’utente Twitter lo riconosci subito, è quello che guida senza bestemmiare stando dietro in coda ai trattori durante la vendemmia.

Su Beautiful il prete, quando si sposa qualcuno, alla fine dice la frase solenne: ‘finché Brooke non vi separi’.

Nella vita bisognerebbe avere la stessa insistenza e perseveranza del correttore dell’iPhone quando scrive ‘è’ e tu vuoi scrivere ‘e’.

Le donne chiamano i propri uomini ‘tesoro’, ‘amore’, ‘cucciolo’, ‘orsacchiotto’ e ‘visto che sei in piedi’.

Per te qual è la più grande soddisfazione della vita?
◻️famiglia
◻️lavoro
◻️laurea
✔️avere 4 tacche quando agli altri non prende un cazzo.

– Scopiamo?
– Non potresti essere più dolce?
– Scopiamo in pasticceria?

L’ultimo 1% di batteria dello smartphone dura più del 99% precedente.

Sono entrato in un ascensore senza specchi. Era fuori selfizio.

La donna ci mette poco ad ammettere di aver torto e a scusarsi col suo uomo,più o meno lo stesso tempo che c’ha messo la Chiesa con Galileo.

Ogni mattina in Africa una gazzella pigra si sveglia e si dice: ‘Da domani vado a correre tutte le mattine, promesso’.

Facciamo una raccolta fondi destinata alla Fortuna per farle fare sta cazzo di operazione laser agli occhi.

Come sta andando in palestra?
◻️ benissimo
◻️ bene
◻️ insomma
✔️ mi apriresti il barattolo di Nutella che non ce la faccio?

Inizia la stagione di quelli che indossano i giubbotti in pelle ‘DUCATI TEAM RACING’ che non riescono nemmeno ad andare dritti con la bici.

Le ere più lunghe della storia della terra:
4) paleozoico
3) mesozoico
2) sta scrivendo…
1) amore, mi dò una sistemata e arrivo.

Ho letto un articolo che diceva che la masturbazione rende ciechi. Letto, insomma, non proprio. Me lo sono fatto leggere.

In quale bidone della raccolta differenziata vanno buttati i ragazzini che ti danno del lei?

Quando Dio distribuiva la coerenza, io stavo ordinando un decaffeinato senza zucchero con un bombolone alla crema.

Esistono 4 tipi di lavatrici:
– quella super silenziosa
– quella silenziosa
– quella leggermente rumorosa
– quella del tuo vicino

Sintomo inequivocabile che la società ha fallito è che i ragazzi quando li senti dire ‘pelo’ stanno parlando di depilazione e non di figa.

Fanno lo screenshot dei DM porno scrivendo ‘ODDDIOO TUTTI A ME I MANIACI XD’ e poi vedi le sue foto e puoi farci un calendario da officina.

Il negozio dei cinesi qui vicino è aperto 365 giorni al mese.

Ci sono dei culi che hanno veramente delle belle ragazze

Le donne non vedono la spia dell’olio accesa ma il calzino fuori posto lo scorgono in un area che va dai 40 ai 70 metri di distanza.

Il bugiardino del Moment è così lungo che se lo leggi tutto poi ti viene mal di testa e devi prendere un Moment.

– Dove passi il Natale?
– Online.

– Scopiamo?
– Col cazzo!
– Eh certo, sennò con cosa secondo te?

É vero amore se ti guarda con gli stessi occhi con cui guarda l’ultimo paio di scarpe tacco 12 della sua misura scontate del 70%.

Come sarebbe a dire che nemmeno quest’anno hanno trovato la cura per quelli che appendono i Babbi natale sul tetto?

Ho incontrato il genio della lampada e come primo desiderio gli ho chiesto di farmi capire le donne. Si è suicidato.

La mattina la gente ride, scherza, è felice, io in testa ho lo screensaver con i tubi 3D di Windows 98.

Una di queste sere il mio divano prende e se ne esce con qualcuno, così, per darmi l’esempio.

Molti confondono il termine ‘introverso’ con il termine ‘timido’. Un introverso non parla molto, ma ci mette 3 secondi a mandarti a fanculo.

ARMADIO: TU&LEI
Lo paghi TU
Lo trasporti per le scale TU
Lo monti (3 ore, 82 bestemmie) TU
Chi continua a mettere i vestiti sulle sedie? TU

Il brutto di National Geographic è che ti ricorda che persino gli stercorari hanno una vita sessuale più intensa di te.

Chi siamo?
Da dove veniamo?
Perché gli hotel delle città di mare si chiamano tutti ‘Miramare’ anche se sono a 12 chilometri dalla spiaggia?

Se la fallisci 10 volte è una sfida
Se la fallisci 100 volte è un’impresa
Se la fallisci sempre è la dieta.

Grandi domande
Chi siamo?
Da dove veniamo?
Chi cazzo è quel ‘signor Mario’ che su Telemarket compra un quadro da 9000 € alle 7 di mattina?

Le donne sono quelle creature meravigliose che davanti a un PC dicono di aver schiacciato dei tasti che nemmeno la tastiera sapeva di avere.

Se le tratti bene, tutte le donne faranno altrettanto con te. A meno che tu non sia una frizione.

I miei vicini la domenica non vivono, aspirapolverano.

La pazienza è la virtù di chi aspetta un pacco da Bartolini.

Come a dire che il Vinavil è fatto per incollare e non per farselo seccare sulle mani e poi togliere la pellicina?

Non capisco come faccia la gente a ridere la mattina, io comunico solo con rumori simili a quelli della stampante quando finisce i fogli.

Un uomo sa sempre come far sentire meglio la sua donna. No, aspetta un momento, quello è l’Oki.

Gente attiva, felice, lucida la mattina, io in testa ho il rumore che fanno i camion della differenziata quando svuotano i bidoni del vetro.

Pensate che figata per un millepiedi quando deve fare la cacca: può stare metà in bagno e metà in salotto.

Quello che ha inventato il detto “l’attesa del piacere è essa stessa il piacere” non è mai stato a Gardaland.

1994:
Che faccia! Che c’hai? T’è morto il gatto? :(
2014:
Che faccia! Che c’hai? Finito i giga? :(

Per evitare lo scioglimento dei ghiacciai basterebbe mettergli vicino i piedi delle donne d’inverno.

Chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa quello che lascia e sa anche quello trova: rotonde. Rotonde ovunque.

A quelli saccenti, che pensano di sapere tutto, che hanno sempre la risposta pronta, chiedigli come fa il coccodrillo.

Domanda ‘amore, ma cosa fai sempre con l’iPad in mano?’
Risposte
-vedo il meteo (Twitter)
-leggo le mail (Twitter)
-sto su Twitter (YouPorn)

Dopo Sabato Santo c’è Pasqua, dopo Pasqua c’è Pasquetta, dopo Pasquetta c’è il Maalox Plus.

Stanotte scatta l’ora solare: i cinesi del negozio qui vicino potranno lavorare un’ora in più.

Le mamme davanti alla scuola con i SUV in doppia fila sono transformers che non ce l’hanno fatta.

Il lunedì mattina affronto la vita con la stessa faccia di un bambino a cui è appena caduto per terra il gelato.

– Scopiamo?
– Scherzi, sono una all’antica
– Habemus sexus filiam mei?

Outfit invernale:
UOMO:
A casa: jeans felpa
Fuori: idem
DONNA:
Fuori: dama dell’800
A Casa: boscaiolo eschimese della Groenlandia del Nord

Ci sono mattine che per nascondere le occhiaie non dovresti usare gli occhiali da sole, ma un casco da astronauta.

Se l’Italia vince i Mondiali l’Unieuro ti regala una Tv, MediaWorld uno smartphone e il negozio di animali un unicorno.

Se Dio oggi decide di distribuire qualcosa cade male, sono tutti in fila per l’iPhone 6.

Con la mia ragazza faccio a testa o croce per portar fuori la spazzatura. Se esce testa, la porto fuori la sera, se esce croce, la mattina.

Possiamo andare sulla Luna, modificare il DNA, ma ancora non sappiamo perché la donna mentre dorme necessiti del 92% del letto matrimoniale.

Foto appena sveglia!! :) E invece:
8 ore di trucco
152 prove
87 filtri
6 ore di Photoshop
Foto inviata alla CIA per modificare i lineamenti

L’anello mancante tra l’uomo e la scimmia sono quelli che indossano il giubbotto in pelle con i pantaloni della tuta.

La scrittura dei Sumeri già era cuneiforme e complicata di suo, chissà come cazzo facevano a capire quello che prescrivevano i dottori.

Il microsecondo, in fisica, corrisponde al tempo che passa tra lo scatto del semaforo verde e il suono del clacson di quello dietro di te.

Molte donne col freddo indossano i calzettoni di lana sotto il ginocchio. Molti uomini hanno problemi di erezione. Coincidenze? Non credo.

Su Focus c’è ‘storia dell’universo’, dove hanno appena fatto la classifica delle cose più veloci al mondo:
3. Fotone
2. Luce
1. Defollowback

Stamattina c’è stato un referendum per dividere il mio corpo dal letto e ha vinto il no con il 110% dei voti.

Pubblicato in Aforismi su Twitter | Contrassegnato | Lascia un commento