Frasi, aforismi e battute divertenti sui farmaci

Secondo una previsione la spesa globale per i farmaci raggiungerà quasi 1.300 miliardi dollari entro il 2018, con un incremento di circa il 30% rispetto al livello del 2013. Tra i mercati quello statunitense si conferma il più grande, rappresentando circa 1/3 del totale a livello mondiale, mentre l’Italia si mantiene al settimo posto.

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sui farmaci. Tra i temi correlati si veda Frasi, aforismi e battute divertenti sui medici e la medicina.

**

Frasi, aforismi e battute divertenti sui farmaci

farmaci

L’ultima volta che sono andato dal medico mi ha dato tante medicine che, una volta guarito, sono stato male per un mese intero.
(Groucho Marx)

Io mi rifaccio gli occhi davanti alle pillole. Quasi tutti le prendono, dall’umile aspirina alla pillola multicolorata, formato gigante a tre strati, che ti mette a dormire, ti sveglia, ti stimola e ti rilassa tutto in uno. È un’epoca di pillole.
(Malcolm Muggeridge)

Se gettassimo in fondo al mare tutte le medicine che utilizziamo, sarebbe tanto meglio per noi e tanto peggio per i pesci.
(Oliver Wendell Holmes)

Uno dei principali doveri del medico è quello di educare le masse a non prendere le medicine.
(William Osler)

Un medicinale miracoloso è qualsiasi medicina che faccia ciò che l’etichetta dice che farà.
(Eric Hodgins)

Nessuna famiglia prende così poche medicine come quella del dottore, eccettuata quella del farmacista.
(Oliver Wendell Holmes)

Molti devono la loro vita alle medicine, ad esempio i farmacisti.
(Anonimo)

Dio che depressione! Forse è meglio se prendo un altro paio di aspirine, solo che così sono… due… quattro… sei aspirine; sto diventando aspirinomane! Qua finisce che me le sbriciolo dentro un pezzo di giornale e me le fumo.
(Woody Allen)

Le medicine per la memoria non funzionano. I pazienti dimenticano di prenderle.
(Paolo Burini)

In Farmacia per errore ho dato un foglio scarabocchiato da mio nipote invece della ricetta.
Mi han dato una scatola di Xanax e 2 di Plasil.
(Zziagenio78, Twitter)

Niente da dire contro i medici, gente grandiosa: prima quando si aveva una puntura di zanzara ci si grattava, oggi ci possono prescrivere dodici pomate diverse e nessuna serve.
(Gottfried Benn)

– Anche tu in farmacia, devi prendere qualche farmaco?
– No, sono venuta a controllare quante persone si siano ammalate oggi.
(MLicenza, Twitter)

Basta un poco di zucchero
e la pillola va giù
e tutto brillerà di più.
(Mary Poppins)

Ci sono certe pastiglie di farmacia che ci curano, se non altro, dalla tristezza di aver perso tanti bottoni della biancheria intima.
(Ramón Gómez de la Serna)

Se volete la vitamina C o il beta-carotene, non ricorrete al flacone nell’armadietto dei medicinali, ma al cestino della frutta o alla verdura verde in foglia.
(T. Colin Campbell)

Bene. Io vorrei conoscere personalmente i signori che di mestiere inventano i nomi delle medicine. Quelli che prendono lo stipendio per battezzare le supposte.
(Luciana Littizzetto)

Negli anni sessanta la gente prendeva gli acidi per rendere il mondo strano. Ora il mondo è strano, e la gente prende il Prozac per renderla normale.
(Anonimo)

In calo cure per Alzheimer, aumentano farmaci per virilità. Vedremo vecchi con pene duro, ma non si ricorderanno a cosa serva.
(Anonimo)

La città non crolla perché c’è l’analgesico, il liquida-ansia, lo psicofarmaco, il sonnifero, il sedativo, non crolla perché tenuta su ormai dalla verminaia rodente delle tossicomanie lecite e illecite.
(Guido Ceronetti)

Il tratto “anestetico” non è tipico solo delle droghe, ma anche dei farmaci che, per il loro valore anestetizzante e quindi nichilistico, hanno un successo da far invidia al sistema moderno delle merci, dal momento che nessun bene di consumo può competere con loro in termini di soddisfazione e di piacere.
(Umberto Galimberti)

Ci sarà in una delle prossime generazioni un metodo farmacologico per far amare alle persone la loro condizione di servi e quindi produrre dittature, come dire, senza lacrime; una sorta di campo di concentramento indolore per intere società in cui le persone saranno private di fatto delle loro libertà, ma ne saranno piuttosto felici.
(Aldous Huxley)

Un farmaco è una sostanza che iniettata in un ratto produce un articolo.
(Arthur Bloch)

I prodotti farmaceutici per cani e gatti dovrebbero essere prima sperimentati sull’uomo, tenuto in appositi stabulari.
(Guido Ceronetti)

Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, né suggerirò un tale consiglio; similmente a nessuna donna io darò un medicinale abortivo.
(Ippocrate di Coo)

Il 90 percento del denaro investito in ricerca sui farmaci è per malattie che colpiscono il 10 percento della popolazione mondiale. Un paradosso su tutti: ogni anno le aziende farmaceutiche dedicano gran parte di fondi a patologie come obesità o impotenza, mentre malaria e tubercolosi, che da sole uccidono 5 milioni di persone ogni anno nei Paesi in via di sviluppo, non attirano alcun finanziamento.
(Carlo Urbani)

Non prolungate mai il sonno artificialmente con calmanti delle farmacie. I vecchi hanno piccolissimo bisogno di dormire.
(Paolo Mantegazza)

Ci sono farmaci che come effetto principale hanno degli effetti collaterali.
(Gerhard Uhlenbruck)

Quasi tutti gli uomini muoiono per le loro medicine, e non per le loro malattie.
(Molière)

È morta di quattro medici e due farmacisti.
(Molière)

La medicina consiste nell’introdurre medicamenti che non si conoscono in un corpo che si conosce ancora meno per guarire delle malattie di cui non sa niente.
(Voltaire)

Il desiderio di prendere medicine è forse la grande caratteristica che differenzia l’uomo dagli altri animali.
(William Osler)

Le sostanze che i dottori prescrivono come medicamenti, sono in gran parte venefiche e atte a provocare malanni. Nella libreria medica molti sono i libri che trattano de’ Rimedi de’ mali – non uno ch’io sappia, che si occupi dei Mali de’ rimedi.
(Carlo Dossi)

Veleni e medicine sono spesso fatti con le stesse sostanze, sono solo dati con intenti diversi.
(Peter Mere Lathan)

Per un’affezione che i medici guariscono coi loro farmaci, costoro ne provocano dieci in soggetti sani, inoculando quell’agente patogeno mille volte più virulento di qualunque altro microbo: l’idea di essere malati.
(Marcel Proust)

Farmacista. Complice del medico, benefattore del becchino e fornitore della famiglia dei vermi.
(Ambrose Bierce)

Omicidi, crimini, povertà. Queste cose non mi spaventano. Quello che mi spaventa sono le celebrità sulle riviste, la televisione con cinquecento canali, il nome di un tizio sulle mie mutande, i farmaci per capelli, il viagra, poche calorie.
(Dal film Fight Club)

L’orina di vacca è il solo medicamento di cui i monaci fossero autorizzati a servirsi, nelle prime comunità buddhiste. Restrizione quanto mai sensata. Se uno aspira alla pace, la raggiungerà soltanto respingendo tutto ciò che è causa di turbamento, tutto ciò che l’uomo ha innestato sulla semplicità, sulla salute originaria. Niente rivela meglio il nostro decadimento quanto lo spettacolo di una farmacia: tutti i rimedi desiderabili per ogni nostro male, ma nessuno per il male essenziale, quello da cui nessuna invenzione umana ci potrà guarire.
(EM Cioran)

Anche una piccola supposta ha la sua dignità. Quando è chiamata a compiere il suo dovere lo fa fino in fondo e senza mai guardare in faccia nessuno. Si mette subito in cammino cercando umilmente la propria strada. E se qualcuno le si para davanti dicendole con presunzione ed arroganza: ‘Lei non sa chi sono io’, quasi sempre si tratta di uno stronzo.
(Mirco Stefanon)

Dio ha dato agli uomini la scienza perché potessero gloriarsi delle sue meraviglie. Con esse il medico cura ed elimina il dolore
e il farmacista prepara le miscele. Non verranno meno le sue opere! Da lui proviene il benessere sulla terra.
(Siracide, Antico Testamento)

Il giovane medico comincia la sua professione prescrivendo venti medicine per ogni malanno, e quello vecchio finisce per prescriverne una sola per venti malanni.
(William Osler)

Il miglior farmaco del medico è Tintura di tempo!
(Béla Schick)

Se il tempo curasse tutto, la farmacia venderebbe orologi.
(Anonimo)

Entrare in una farmacia per comprare il viagra, sentirsi dire che non te lo danno e provare un senso di impotenza.
(Anonimo)

“Urologo sbaglia a prescrivere medicina: il paziente ha un’erezione per 36 ore”. Tutti in farmacia a comprare la medicina sbagliata.
(NicolaBrunialti, Twitter)

In farmacia ci vorrebbe il camerino per provare i profilattici: “Non c’è la misura più piccola? E di un altro colore?”.
#FalloProtetto
(itscetty, Twitter)

Sei nato perché la farmacia era chiusa.
(Anonimo)

-Scusi, per la felicità?
-Tutto dritto, all’angolo c’è una farmacia.
(Masse78, Twitter)

Quando ho mal di testa non vado in farmacia, ma in libreria.
(Fabrizio Caramagna)

Non c’è medicina che guarisca quello che non guarisce la felicità.
(Gabriel García Márquez)

Ci sono persone che creano dipendenze emotive e poi ci sono persone che creano dipendenze ai farmaci.
(alemarsia, Twitter)

Potremo dire di essere sulla strada giusta quando saremo riusciti a creare farmaci contro le aspettative.
(Comeprincipe, Twitter)

Contro la depressione, ci vuole un amante, che però ti farà soffrire d’ansia.
Almeno si cambia farmaci.
(lafranci82, Twitter)

Nel mondo c’è un ordine naturale di farmacie, poiché tutti i prati e i pascoli, tutte le montagne e colline sono farmacie.
(Paracelso)

Fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo.
(Ippocrate)