Frasi, aforismi e battute divertenti sul congiuntivo

L’indicativo esprime un fatto presentato come vero, reale, sicuro. Il congiuntivo esprime un fatto presentato come possibile o come solo pensato, desiderato, temuto. Rispetto all’indicativo che esprime il piano oggettivo della realtà, il congiuntivo sottolinea un evento soggettivo, irreale, esprimendo un’opinione personale, un desiderio, una preoccupazione, un’attesa, una probabilità.

Presento una raccolta di frasi, aforismi e battute divertenti sul congiuntivo. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla grammatica, Frasi, citazioni e aforismi sull’ignoranza e Frasi, citazioni e aforismi sul linguaggio.

**

Frasi, aforismi e battute divertenti sul congiuntivo

congiuntivo

Allarme congiuntivo. La situazione è grammatica.
(egyzia, Twitter)

– Qual è la prima cosa che guardi in un uomo?
– I congiuntivi.
(dasydaniela, Twitter)

Cari uomini: invece di depilarvi, lustrarvi e lampadarvi, imparate a scoprire quanto potere abbia su una donna un congiuntivo corretto.
(UnoFRAtanti, Twitter)

Chi parla male, pensa male e vive male. Bisogna trovare le parole giuste: le parole sono importanti!
(Nanni Moretti in Palombella Rossa)

Il congiuntivo non è una malattia degli occhi.
(Anonimo)

-Se condurrei una Maserati, sicuramente non mi farei vedere in giro con du’ befane come loro.
-Conducessi.
-Esatto, con du’ cessi come loro.
(pupitto, Twitter)

– Se io sarei sindaco, riparerei le strade.
– fossi.
– Sì, riparerei anche i fossi.
(Anonimo)

Fantozzi, batti lei?
(Dal film Fantozzi)

Certo, il congiuntivo non è necessario per vivere, ma grazie a lui si vive meglio: la vita si riempie di sfumature e possibilità.
(Alessandro D’Avenia)

Tra le buone maniere e il congiuntivo, è una bella gara a chi si estingue prima
(istintomaximo, Twitter)

Se avessi voluto essere maltrattato da tutti, sarei nato congiuntivo.
(dbric511, Twitter)

I giovani hanno paura di affrontare il futuro. -Il congiuntivo invece lo ignorano del tutto.
(ilgemelloraro, Twitter)

Il congiuntivo è morto, dicono. Omicidio, suicidio o evento accidentale? Nessuna di queste cose. Credo si tratti della conseguenza logica di un fenomeno illogico. Sempre meno italiani, quando parlano, esprimono un dubbio; quasi tutti hanno opinioni categoriche su ogni argomento (vino e viaggi, case e calcio, sesso e sentimenti). Pochi dicono ‘Credo che col pesce si possa bere anche il vino rosso’. I più affermano ‘Credo che col pesce si può bere anche il vino rosso’ (poi ordinano Tavernello bianco frizzante).
(Beppe Severgnini)

La crisi del congiuntivo non deriva dalla pigrizia, ma dall’eccesso di certezze. L’affermazione ‘Speravo che portavi il gelato’ non è solo brutta: è arrogante (“Come si permette, questo qui, di venire a cena senza portare il gelato?”). La frase ‘Speravo (che) portassi il gelato’ è invece il risultato di una piccola illusione, cui segue una delusione contenuta e filosofica. Accade, nella vita, che la gente dimentichi di portare il gelato.
(Beppe Severgnini)

Sono una facile, lo confesso, se sai usare la punteggiatura e il congiuntivo, io m’innamoro
(LilaSchon, Twitter)

Io ti amavo. Poi hai detto: “Se io avrei”.
(Anonimo)

Progressi moderni: cibo senza grassi, sigaretta senza nicotina, gel doccia senza sapone… frasi senza congiuntivo.
(Fabrizio Caramagna)

Quando il ragazzo che ti piace ti dice le prime frasi e tu sei in trepidazione, perché preghi la Madonna che azzecchi i congiuntivi.
(dasydaniela, Twitter)

“Se io avrei il coraggio, me lo farei un tatuaggio.” Bravo, trovalo e tatuati un congiuntivo.
(sissetta80, Twitter)

Pensavo fosse amore invece hai sbagliato un congiuntivo.
(ChiNonMuore1, Twitter)

In amore il condizionale è d’obbligo, ma il congiuntivo sarebbe gradito.
(Comeprincipe, Twitter)

Congiuntivo: che congiunge, che unisce. Ecco perché non lo usa più nessuno.
(alfcolella, Twitter)

Il passato si dimentica.
Il presente si vive.
Il futuro di sogna.
Il congiuntivo si sbaglia.
(dbric511, Twitter)

Tra le specie protette, inserirei anche le persone che usano correttamente il congiuntivo.
(istintomaximo, Twitter)

Amo chi sa usare il 3C. Congiuntivo, Cervello, e Cuore.
(pea_terrible, Twitter)

Ogni giorno sui social network vengono abbandonati milioni di congiuntivi. Aiutaci a fermare questa strage, adotta anche tu un congiuntivo.
(Michele Dalai, Twitter)

Pensate pure all’infinito. Ma ogni tanto usate il congiuntivo.
(matteograndi, Twitter)

Il conduttore si chiamava Cosimo. Parlava una lingua elementare e ipnotica caratterizzata da una radicale e spietata eliminazione del congiuntivo.
(Gianrico Carofiglio)

E se investissi, comprassi, producessi, vendessi? Se andassi, votassi, dessi, volessi… E’ importante, il congiuntivo. Necessario. Per dare conto, compiutamente, di ipotesi, desideri, possibilità. Nell’epoca dell’economia della conoscenza, il linguaggio è cardine fondamentale non solo del “discorso pubblico” ma anche delle competenze più sofisticate della ricerca, della scienza, dell’economia. La sua articolazione è essenziale. Nell’età dell’incertezza e della “società liquida”, il congiuntivo è il modo verbale della complessità contemporanea. Altro che abolirlo, come vorrebbero alcuni. Va salvaguardato. Usato. Diffuso. Per la qualità del nostro parlare. E dunque del nostro fare.
(Antonio Calabrò)

Non vedo perché dobbiamo rinunciare alle molte finezze, alle innumerevoli sfumature che il congiuntivo ci offre. Esiste una differenza notevole tra «capisco che Giovanna è felice» e «capisco che Giovanna sia felice»: nel primo esempio si tratta di una constatazione evidente, nel secondo significa che mi rendo conto delle ragioni della felicità di Giovanna; esiste una notevole differenza tra «dicono che le elezioni sono in autunno» e «dicono che le elezioni siano in autunno»: nel primo caso si dà la cosa come sicura, nel secondo caso si dubita della notizia, non si è del tutto convinti che sia vera.
(Gian Luigi Beccaria)

Se dunque l’indicativo indica certezza, e il congiuntivo ci dà invece la possibilità di esprimere meglio un nostro giudizio, una nostra ipotesi, un nostro dubbio, un nostro pensiero, non si vede perché si debba rinunciare al congiuntivo, dal momento che significa rinunciare a un mezzo che coglie intense sfumature. Non usarlo significa (forse) semplificare, ma certamente significa dire di meno.
(Gian Luigi Beccaria)

Il congiuntivo è crollato assieme a noi. La sua caduta ha anticipato la crisi di tanti nostri comportamenti quotidiani: bici sui marciapiedi, pedoni assatanati, auto ferme sugli scivoli per disabili
(Alfio Caruso)

La mia vita è purtroppo fatta al congiuntivo: fa’, o mio Dio, ch’io abbia una forza indicativa!
(Sören Kierkegaard)

Commenti:

  • ANDREATTA TULLIO

    Manca la più celebre frase cinematografica sul congiuntivo:
    «Batti»
    «Che fa, ragioniere, mi da del tu?»
    «No. Batti, lei!»

    aprile 30, 2016
    • maria gabriella

      Fantozzi, ma soprattutto Filini sono leggendari durante la partita a tennis.

      luglio 29, 2016

Sorry, the comment form is closed at this time.