Barzellette per bambini

Qui di seguito una raccolta di oltre 60 barzellette per bambini. Una serie di barzellette divertenti e spiritose che possono essere lette e raccontate a tutti, bambini compresi, durante una festa o un pomeriggio di giochi. Ci sono naturalmente anche quelle di Pierino sulla scuola. Tra i temi correlati Frasi, citazioni e aforismi sulla scuola.

**

60 barzellette per bambini

barzellette per bambini

Una bambina torna a casa dopo il suo primo giorno di scuola. La madre le chiede: “Che cosa hai imparato oggi?”
La bambina risponde: “Non abbastanza, vogliono che torni anche domani”.

I padroni sono usciti e in casa c’è solo il cane. A un certo punto suona il telefono e il cane risponde: “Bau!”
– Come scusi? – chiede la persona all’altro capo della linea.
– Bau! Bau!
– Pronto, non la capisco.
– Senta, B come Bologna, A come Ancona, U come Udine…

Pierino torna da scuola molto contento. La sua mamma gli domanda:
– Ti vedo felice! Ti piace la scuola, vero?
– Mamma, per piacere, non confondere l’andata con il ritorno!

Tre calzolai di una stessa via mettono dei cartelli davanti ai loro negozi per attirare i clienti.
Il primo scrive: “Qui il calzolaio più bravo del mondo!”.
Il secondo: “Qui il calzolaio più bravo dell’universo!”
Il terzo, più furbo, scrive: “Qui il calzolaio più bravo…della via!”

– Pierino viene interrogato dalla maestra che le chiede “Pierino, ascoltami bene: io studio, tu studi, egli studia, noi studiamo, voi studiate, essi studiano. Che tempo è?” Pierino le risponde: “Tempo sprecato signora maestra”.

Che cosa hanno in comune un televisore e una formiche? Le antenne!

Qual è il colmo per un elefante? Bere dalla cannuccia!

Un signore passeggia in città con un leone al guinzaglio. Un vigile lo vede e ordina: “Porti immediatamente quel leone allo zoo!”
– Signorsì, signor vigile.
Ma il giorno dopo il vigile vede di nuovo il signore a passeggio con il leone.
– Le avevo detto di portarlo allo zoo! – dice il vigile.
– Signorsì, signor vigile. Ieri l’ho portato allo zoo, e oggi lo porto al cinema.

La mamma a Pierino: “Se prendi un bel voto a scuola ti do dieci euro”.
Il giorno dopo Pierino dice alla mamma: “Ho una bella notizia”.
La mamma: “Hai preso un bel voto a scuola?”
Pierino: “No, hai risparmiato dieci euro”.

Perché gli elefanti non vanno mai in bicicletta?
Perché non hanno il pollice per suonare il campanello!!

Un gatto ha deciso di mangiarsi un topolino che gli gira intorno da parecchi giorni. Si nasconde dietro una porta e:
“Bau, bau, bau.”
Il topolino sentito abbaiare, convinto che dietro la porta ci sia un cane, esce dalla tana senza preoccuparsi. Il gatto lo mangia.
“Ma come hai fatto?” chiede la gatta al marito.
“Cara mia, oggi, se non parli almeno due lingue…”

La maestra controlla che i suoi studenti abbiano svolto i compiti per casa e per primo interroga Pierino.
Gli chiede: “Pierino, hai studiato geografia?”
“Certamente” risponde il bambino.
“Allora, dimmi, dove si trovano gli Stati Uniti?”
Con aria soddisfatta, Pierino dice: “A pagina 120”

Una bambina entra nella casa di un’indovina. La bambina bussa e l’indovina chiede “Chi è?”
E la bambina dice “Incominciamo bene”…

Qual è il colmo per un muratore? Avere paura del cemento armato.

Due pazzi si incontrano.
– Ciao che mi racconti di bello
– Ieri ho spedito una lettera
– Ah sì? A chi l’hai spedita?
– A me stesso
– E che cosa ti sei scritto?
– Non lo so, non mi è ancora arrivata.

Sapete qual è il ballo preferito dagli scimpanzè? L’orango-tango

Pierino alla maestra: “Maestra, non può punire qualcuno per qualcosa che non ha fatto,vero?”
“Certamente no!”
“Beh, allora… Io non ho fatto i compiti!”

Cosa fa un gallo in una chiesa?
Il chicchirichetto.

Pierino torna dalla scuola e dice a papà: Papà, devi essere orgoglioso di me. Oggi sono stato l’unico della classe a saper rispondere ad una domanda che ci ha fatto la maestra.
– Bravo figlio mio! E quale era la domanda?
– “Chi ha rotto la finestra?”

Un bambino al papà: “Papà Papà dove si trovano i Monti Carpazi?”
“Chiedi a tua madre è lei che sistema la casa!”

– Il mio gatto ripete esattamente le mie stesse parole.
– Allora è un genio!
– Ma no, ha mangiato il pappagallo!

Il bambino al papà:
“E’ vero che le carote fanno bene alla vista?”
Il papà: “Certo! hai mai visto un coniglio con gli occhiali?”

Una mamma a un figlio a cui gli a promesso una bici. Appena comprata il bambino la prova e dice alla mamma:
– “Guarda mamma senza mani” e la mamma: “Stai attento”.
– “Guarda senza piedi” e la mamma “Attento che ti fai male”
Bummmmm….. “Guarda mamma senza denti!!”

Prof: dimmi dei nomi di animali che iniziano con la lettera E…
Io: ermellino…
Prof: bravo continua..
Io:ermellino…, er gatto, er cane, er topo…

Il figlio: “Papà, papà, vero che senza gli occhiali ci vedi il doppio?”.
“Beh, purtroppo sì, caro”.
“Allora toglieteli e guarda la pagella che mi hanno consegnato oggi!”

Pierino racconta ad un amichetto: per invecchiare bene bisogna tenersi in forma. Mia nonna all’età di 45 anni ha cominciato a farsi 5 chilometri a piedi ogni giorno. Adesso ne ha 97 e non sappiamo dove sia.

Una mortadella chiede ad un coltello :”Tu cosa provi nei miei confronti?”……
il coltello risponde :”Affetto”!!!

Pierino, lo sai che non si può dormire in classe!
Lo so, signora maestra, ma se lei parlasse un po’ meno si potrebbe!

Un automobilista si perde e chiede ad un passante: “Scusi, signore, mi può dire dove mi trovo?”.
“Lei si trova dentro la sua macchina!”, replica il passante.

La maestra chiede a uno scolaro:
“Quali sono i mari che hanno il nome di un colore?”
“Il Mar Nero, il Mar Rosso… e… il Marrone!”

Un gatto corre velocissimo verso l’edicola, arriva e chiede:
– E’ uscito Topolino?

– Cosa mi consigli per aumentare l’intelligenza?
– La vitamina D
– La vitamina di chi?
– Tanta, prendine tanta…

Qual è la città preferita dai ragni?
Mosca!

Lezione di matematica. La maestra decide di interrogare Pierino:
“Pierino dimmi , hai 100 euro nella tasca destra e 50 in quella sinistra, che cos’hai in tutto???
E Pierino: “I pantaloni di qualcun altro, signora maestra!!!”

– Colonello, mi porti un bicchier d’acqua senza limone!
– Mi spiace Generale, posso portarle un bicchier d’acqua senza ghiaccio, perché il limone è finito!

Luigino, perché salti come un matto dopo aver bevuto lo sciroppo per la tosse?
“Perché mi sono dimenticato di agitarlo prima!”

Un ladro entra in una villa… e ruba tutti i gioielli; quando sta per scappare sente una vocina che dice:
“Signore mi scusi… può portare via anche la mia pagella?”

Prima che suoni la campanella la maestra assegna il titolo del tema da svolgere a casa: “Che cosa vedo fuori dalla finestra”.
Il giorno dopo Carletto consegna un foglio in bianco e la maestra gli chiede: “Come mai non hai scritto niente?”
“Perché le tapparelle della finestra erano abbassate!”

Un bimbetto di sette anni si sente molto infelice perché i genitori lo trascurano.
Alla sera, finite le preghiere, aggiunge: “Gesù, fa che io diventi un televisore: così i miei genitori mi guarderanno un po’ di più…”

Perché non bisogna mai mettere un pesciolino rosso nell’acqua minerale?
Perché se noi si gasa e crede di essere un pescecane!

Cameriere…- dice un tale seduto a un tavolo della trattoria – potrebbe farmelo cuocere ancora un po’, questo pollo? Si sta mangiando tutte le patatine!

Un taglialegna va in un negozio di abbigliamento e chiede alla commessa: “Vorrei un paio di jeans.”
E la signorina domanda: “Che taglia?”
“La legna!!!”

Pierino fa a suo babbo: “Babbo cosa troverò quest’anno sotto l’albero di Natale?”
“Il Pavimento!”

Qual è la pianta più puzzolente?
Quella dei piedi!

Dopo una gara con le macchinine, un bimbo torna a casa triste e la mamma gli chiede:
“Tesoro perché sei triste?”
“Perché alla gara sono arrivato secondo!”
La mamma risponde:
“Ma tesoro, non si può arrivare sempre primi! Anche essere secondi è un ottima classificazione!”
“Sì lo so! Ma non se a giocare sono solo due persone!!!”

Che cosa è una zebra? Un cavallo evaso dal carcere!

Pierino: “Mamma ti diverti a lavare i vetri?”
“No, Pierino, è molto faticoso!”
“Allora sorridi: ne ho appena rotto uno!”

Un uomo grassoccio sale su una bilancia della farmacia e introduce la moneta.
La bilancia allora:
“Prego, salire uno alla volta!”

La maestra chiede a un alunno: “Dimmi il nome di un rettile”
“Un Cobra”
“Bravo, ed ora dimmi il nome di un altro rettile”
E l’alunno: “Un’altro cobra!”

“Vorrei tanto sapere come fa un bambino ad uscire dalla pancia della mamma!” Dice un bambino ad un amico.
“Io invece – risponde l’altro – vorrei tanto sapere come fa ad entrare!..”

Una formica e un millepiedi vengono invitati da uno scarabeo per il tè.
La formica giunge puntuale mentre il millepiedi arriva con un ritardo di un’ora.
– Cosa ti è successo?
– Fuori dalla porta c’è un cartello con scritto: “Per favore pulirsi i piedi…”

Cliente al portiere d’albergo
“Vorrei un letto molto robusto”
“Sarà accontentato…però non mi sembra che lei sia molto grosso”
“Lo so, ma ho il sonno molto pesante…”

Pierino al compagno alla fine del compito in classe: “Come è andata?”.
“Male, ho consegnato il foglio in bianco!”.
“Maledizione anch’io; la maestra penserà che abbiamo copiato!”.

– Pierino, dimmi una parola con la doppia P.
– Bottiglia.
– E dov’è la doppia P?.
– Nel tappo!.

Pierino chiede alla maestra se può andare in bagno e la maestra gli dice di no. Alla fine della lezione la maestra dice a Pierino: “Adesso vai pure in bagno!”
“No non serve signora maestra ho aperto l’atlante e lo fatta nell’oceano”.

Al manicomio ci sono tre matti. Un gruppo di psicologi, per studiare le loro reazioni, assegnano un coniglio ad ogni matto. I matti sono rinchiusi in tre stanze separate. Gli psicologi vanno dal primo e vedono che ha afferrato il coniglio per le orecchie e fa:” Vrrrrrrrrrrrrrrrr!!!” con la bocca. “Ma cosa stai facendo con il coniglio?” gli chiedono. E il matto, stupito: “Quale coniglio, io sto guidando il mio scooter!”
Gli psicologi, accigliati, vanno dal secondo matto che sta facendo la stessa cosa del primo. Gli chiedono: “Ma cosa stai facendo con il coniglio?”Il secondo matto, sbalordito chiede: “Quale coniglio? Io sono sul mio scooter!”
Gli psicologi, seccati, vanno dal terzo matto e vedono che sta accarezzando il coniglio e gli dicono: “Molto bravo! Almeno tu non stai andando ‘in moto’ come gli altri!”
Il matto esclama: “Ma come? Sono già partiti? Vrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr!!!”

Un signore vede dalla parte opposta della strada un tizio che gli sembra un suo vecchio amico. Attraversa e gli dice:
“Mario, mio vecchio amico, come sei cambiato!”
“Ma… veramente…”
“Prima eri alto, ora sei basso; prima eri grasso, ora sei magro…”
“Ma io mi chiamo Giovanni!”
“E hai pure cambiato nome!”

Era talmente magro, che il suo pigiama a righe aveva una riga sola!

Sapete perché il pomodoro non riesce a dormire? Perché l’insalata… russa!