Scrittori di aforismi su Twitter, Theflynet

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @theflynet (dormo3ore). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autore scrive di sé: “Qualunque sogno arriva lo vivo, la visione prende forma, sono precipitato velocemente al contrario ed in questa gravità inseguita è un miracolo restare vivo”.

@theflynet si è iscritto a Twitter nel maggio 2009. “Credo di scrivere perché non so dove ho messo me stesso, e nel preciso istante in cui scrivo qualunque cosa, ho come l’illusione di riconoscermi” mi dice che l’autore che a proposito della scelta del suo account aggiunge: “Theflynet è un nome nato agli inizi di internet, mi piaceva l’idea di una mosca intrappolata nella rete che inesorabilmente diventava bersaglio di tutte le idee lanciate su internet”.

Theflynet

Ci sono autori di Twitter che è più facile descrivere e raccontare perché nei loro tweet lasciano agganci e frammenti scoperti della propria vita e altri che invece si nascondono, si mimetizzano, mostrano solo alcune facce (talora contradditorie) del proprio sé, in una identità quasi inafferrabile. @theflynet è uno di questi, e la sua inafferrabilità già lo si nota a partire dalle parole enigmatiche e spiazzanti del suo profilo “Ho perso la poesia. Colazione veloce a casa Huxley, caffè e mescalina. Cancello facce, elimino ricordi”. In questo mescolare “caffè e mescalina”, due sostanze diverse ma complementari, l’una la bevanda della lucidità e l’altra della psichedelia, quello che @theflynet insegue è l’altro, il diverso, l’eccezionale e per questo diventa difficile inquadrare la sua persona, incasellarla dentro schemi e modelli comuni. Del resto come scrive ironicamente in suo tweet “Il mio analista, ogni volta che mi vede, si sdraia sul lettino”.

Nei suoi tweet @theflynet descrive l’angoscia di diventare uno dei tanti (“Tra le cose più tristi ricordiamo il diventare uno dei tanti”), perché quello che conta non è la “retta via” ma la deviazione (“Spesso i viaggi più spettacolari sono deviazioni”), il labirinto, la dose giornaliera di cose impossibili (“Tiro avanti con dosi giornaliere di cose impossibili”), quel “cazzo di momento sbagliato” in cui “non sei stato mai più vivo di così”. In questo mondo di persone pericolosamente normali (“I disturbi mentali dei sani di mente sono i più inquietanti”), di “gente mascherata da gente mascherata”, di individui che ti distruggono appena mostri le tue debolezze (“La verità è che non appena mi apro mi chiudono fuori”), non ci sono alternative: o “fai il pazzo o impazzisci” e l’unico stile di vita è essere senza stile di vita (“Senza stile di vita come stile di vita”), sepolto vivo “sotto mezzo metro di fantasia”.

“Sbilanciatevi verso ciò che non siete diventati” scrive ancora in suo tweet indicandoci la direzione in cui ognuno di noi dovrebbe andare. Ma anche “L’intelligenza si paga con la guerra in testa per tutta la vita” perché è questa l’inquietudine e l’erranza, la storia di una mente che per troppa intelligenza e sensibilità non si riconosce nel mondo che lo circonda, un’anima pura che sente l’assoluto di cui è rivestita e vede intorno a sé solo limiti e finitudine.

Presento una raccolta dei migliori tweet di @theflynet.

**

@theflynet, Tweet scelti

Vorrei solo incontrarti ancora una volta per la prima volta.

Sei tra le cose che non dico a nessuno.

Dimenticherai cose che io ricorderò per sempre.

Tu sei il tipo che volta pagina o chiude il libro?
Io ti faccio saltare la biblioteca.

Quando ti ho detto che mi piacevi non intendevo tutti i giorni.

Tutto ciò che amerai verrà usato contro di te.

L’ironia è che non sarai mai felice se non sei stato infelice quanto basta.

Le persone speciali hanno un cuore grande come un bersaglio.
Le colpisci facile.

Spesso i viaggi più spettacolari sono deviazioni.

Delle persone guardo cosa guardano nelle persone.

La felicità è cadere a pezzi nelle mani giuste.

L’autoironia è suicidarsi prima che ti ammazzano gli altri.

Ti penso sempre
e lo scrivo sempre qui a sconosciuti.

Nessun neurone è stato maltrattato nella creazione di questo tweet.

L’unico peccato originale è la cattiva abitudine dell’umanità di digerire meglio la stupidità che il dolore.

Vivi con chi vuoi, ma sogna me, ti prego sogna me.

L’intelligenza si paga con la guerra in testa per tutta la vita.

Non illudetevi, alla fine i cattivi vincono sempre perchè i buoni vanno pazzi per le favole.

Tiro avanti con dosi giornaliere di cose impossibili.

Perdonami per aver detto la verità quando era il momento di mentirti.

Alle volte ti leggo e poi penso al perchè tu non abbia nessuno addosso che ti ami così violentemente da toglierti il tempo per scrivere.

Goditi questo cazzo di momento sbagliato, quello in cui non sei stato mai più vivo di così.

Twitter è un gioco dove vince chi usa meglio le parole e perde chi le prende troppo sul serio.

Niente da dichiarare. Giorni pieni di cose che non voglio e vuoti di cose che voglio.

Spiacente, l’amore che sta vivendo non esiste.

Mano nella mano ci si lancia meglio.

Tutto ciò che non sono ha causato tutto ciò che sono.

L’unico social che fa socializzare gli asociali, era ovvio fosse un casino.

La verità è che non appena mi apro mi chiudono fuori.

Se cado io ti fai male tu.

Il mio analista, ogni volta che mi vede, si sdraia sul lettino.

A quale niente pensi quando dici che non pensi a niente?

I disturbi mentali dei sani di mente sono i più inquietanti.

Come dirglielo che con il follow defollow follow defollow follow defollow non nascono i bambini?

Quando si sono estinte le persone che ti sorridono senza volere nulla in cambio?

Senza schiaffo al culo e tirata di capelli è un amore platonico.

Spostare il momento giusto in questo momento.

Il silenzio ha il volto delle cose che hai perso.

Sono single perchè non voglio restare solo.

Divertiti, è più tardi di quanto pensi.

La luce che indossi dipende da cosa metti dentro.

La tua vita può cambiare in un secondo, ed è appena passato.

Ogni tweet è un codice, chi retwitta l’ha decifrato, a suo modo.

Ce l’hai con il mondo e il mondo sei tu.

Perchè scrivi solo cose tristi?
perchè quando sono felice non esisto.

Si lo so sei indispensabile, avanti un altro.

Più conosco le persone e più apprezzo la fotosintesi clorofilliana.

Sepolto vivo sotto mezzo metro di fantasia.

Mano nella mano ci si lancia meglio.

Dopo il followback c’è il calo del desiderio.

Io per te uscirei il sabato sera.

Lo strano caso del dottor TL e mister DM.

Mi follano e 20 minuti dopo mi defollano, datemi il tempo di visionare il vostro cazzo di curriculum diosanto.

La verità è che siamo ciò che nascondiamo.

Droga e alcool è roba da dilettanti, quelli veramente bravi si fanno di realtà pura, quella di tutti i giorni.

Ti uccidono e poi hanno paura di non poterti abbracciare.

Come quando sorridi e il tempo si contrae.
Come quando soffri e il tempo si dilata.

O fai il pazzo o impazzisci.

Il segreto della felicità è tenerlo segreto.

La verità è che siamo bravissimi a sognare passioni che non possiamo permetterci.

La carbonara ha l’anima.
La gente no.

Vado matto per gli umani ben riusciti.

Impiegano più tempo le donne a pensare a ciò che gli uomini stanno pensando che gli uomini a pensare ciò che realmente pensano.

Quando non ci scriviamo iniziano a moltiplicarsi le volte che vorrei dirti che mi manchi.

E’ la mente che ci fa belli o brutti, idioti o geniali, vivi o morti.

Qualunque frase è una poesia se mentre la leggi ci entri dentro.

Il tuo futuro ti implora di fare qualcosa, ora.

Ogni volta che mi vieni in mente ricordo che non esisti.

Sorrido sguaiatamente come forma di estrema protesta al destino.

Odio quando mi chiedono se vedo il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto, sopratutto quando non c’è nessun fottuto bicchiere.

-Che cuore grande che hai
-è per farti soffrire meglio.

Come quando corri felice a perdifiato per abbracciarlo forte, ed invece lo attraversi soltanto perchè uno dei due non esiste.

E poi dovresti vedermi mentre aspetto che accadi.

Ti prego, torna da te.

Dimmi qualcosa che mi faccia andar via con te addosso.

Vorrei che mi volessi come i bambini vogliono l’ovetto kinder alla cassa del supermercato.

Prima di sentire dolore quanta vita sentivi?

L’assurda malattia per cui se non muori, non vivi.

Dove vuoi che venga?
Vienimi in mente.

Scrivo poesie solo per accarezzarti in posti che non posso raggiungere.

La tua anima gemella ha messo su famiglia con un altro.

Senza stile di vita come stile di vita.

Un passo indietro signori, senza anima non si entra.

Come disinstallare definitivamente un amore e altri manuali.

Amiamo gli estranei perchè sono esattamente quello che crediamo.

Se ami le pause impari a dare il giusto valore alle parole.

I tweet più belli ti fanno inciampare sulle cose che pensavi di conoscere a memoria.

Spaccare un amore per capire il meccanismo.

In che senso nonostante io faccia del mio meglio siete meglio voi?

L’unica cosa che so dell’Amore é che alla fine lui muore.

Le incarto il futuro, così lo vive più tardi?

Se stai male per ciò che loro pensano di te, appartieni a loro.

Ogni volta che non sono me stesso non so con quale me scusarmi.

Dal labirinto forse esci, nella retta via ci muori dentro.

Corriamo contro i sorrisi, le urla, il fiatone e la voglia di vomitare perchè abbiamo inghiottito l’universo senza accorgerci.

Amore tranquilla dormi pure, è tutto fuori controllo.

La verità è che la vita va sbattuta al muro al limite del piacere.

Cosa ti aspetti dall’umanità?
L’estinzione.

Come quando ti rivoltano il cuore per vedere se è della misura giusta.

Anche le farfalle nello stomaco nel loro piccolo si incazzano.

Ho voglia di fartela aumentare la voglia.

Gente mascherata da gente mascherata.

Ridiamo e scherziamo ma là fuori ci sono persone ovunque.

I tuoi baci e altri punti di non ritorno.

È che noi psicopatici sappiamo accontentarci di un qualunque caos a caso.

Tu che continui a dirmi che non ci sarà un domani ed io che ho dentro tutto l’amore dei prossimi 1000 anni.

L’unica cosa normale in tutto ciò che sta accadendo è che precipitiamo e non smettiamo di guardarci.

Non potrei, non potrò, non posso e altre cose così.

Perdo accendini come fossero amori.

Due parole in un infinito senza margini.
Cosa sei.

Tra le cose più tristi ricordiamo il diventare uno dei tanti.

– cosa prende?
– qualcosa di onnipotente grazie.

Trovi te stesso e non sei più te stesso.

Il mondo si divide in peccatori che bruceranno all’inferno per l’eternità e innocenti che bruceranno all’inferno per l’eternità.

Tre secondi in cui credi di volare mentre precipiti nella voragine, la felicità.

Salve, vorrei denunciare le coincidenze per tentata violenza.

Che entri la realtà solo con due gocce d’illusione addosso.

Perdo parti di me in parti di te.

Con le vie di mezzo ci rivesto i divani.

Non twittate che vi si vedono i neuroni.

Fammi morire un attimo e vengo.

Gli esseri umani uccidono gli esseri umani che uccidono gli esseri umani perchè non si uccidono gli esseri umani.

Mai una volta che quel coglione allo specchio ti abbracci.

Dammi una trentasettesima possibilità per essere la persona che avrei dovuto essere.

La morte è il vero piano B.

Download dei fallimenti personali in corso.

Mi vergogno un pò per gli account che spariscono e poi ritornano, sembrano quelli che fingono di morire per vedere chi piange.

Premi un pulsante per selezionare il mondo che preferisci.

In fondo non siamo altro che poco più di un post-it nel calendario cosmico.

La passione, l’amore ed il rispetto.
Esauriti questi, siamo solo ricordi.

Sprecare il tempo in 140 caratteri è una forma d’arte moderna.

Io non ho ancora capito se avete più account o amanti.

Fare l’amore è meno complicato che chiedere scusa.

Se usciamo insieme ti prometto di baciarti sul collo nei momenti meno opportuni.

Ti spiano, questione di accenti.

Per rianimarlo basta defollarlo.

Scambiamoci gli organi sessuali in segno di pace.

Sbilanciatevi verso ciò che non siete diventati.

Esco da ogni certezza più sporco di prima.

Infilami le dita nel cuore e schioccale come per farlo ripartire.