Scrittori di aforismi su Twitter, Pupitto

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @Pupitto (Pupitto). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autore scrive di sé: “34enne ‘zitello’ napoletano, vivo in Sardegna per lavoro. Di me so questo e che una volta ero una persona molto diversa da quella che avrei voluto essere, mentre adesso mi sento molto più vicino a quella persona, quindi più a mio agio con me stesso”.

@Pupitto si è iscritto a Twitter da poco più di un anno, nel marzo 2015. “Ho pensato: tutti quelli che mi conoscono sono già a conoscenza del mio livello di disagio, quindi mi sa che ‘espando il mio territorio’ e lo faccio conoscere anche a degli sconosciuti. Il nome Pupitto perché è il nomignolo che tutti utilizzano per chiamare mio papà sin da quand’era un bambino. Nomignolo che io ho ‘ereditato’ e che porto con orgoglio”.

Pupitto

In un suo tweet @Pupitto scrive: “Donare un sorriso ha una duplice funzione: coprire le nostre ferite e guarire un po’ quelle degli altri” ed è quello che l’autore fa molto bene regalandoci un sorriso con la sua battuta veloce e leggera, mai banale e ovvia. @Pupitto ama esprimersi attraverso l’ironia, l’arguzia, lo sberleffo, lo scherzo, il paradosso e soprattutto attraverso i giochi di parole e i dialoghi non sense. Si veda ad esempio il suo tweet più retwittato: “-Da dove vieni? -Dall’ex Jugoslavia, Montenegro. E tu? – Dalla Campania, limoncello” oppure si veda uno dei suoi tanti dialoghi all’insegna dell’assurdo dove da uno strafalcione grammaticale l’autore crea un situazione assolutamente surreale: “-Se condurrei una Maserati, sicuramente non mi farei vedere in giro con du’ befane come loro. – Conducessi. – Esatto, con du’ cessi come loro”.

Il senso di comicità di cui è dotato l’autore ci consente di osservare la realtà delle cose e degli uomini fino alla loro più intima e inconfessabile essenza, scoprendone ed evidenziandone i lati buffi, le limitatezze, le sconcezze, le mediocrità, le banalità e le ridicolaggini. Spesso il leit-motiv è l’incomunicabilità tra le persone, come se ognuno andasse su un proprio binario linguistico e concettuale che non comunica con quello degli altri. Prima avevo fatto l’esempio della Maserati e del gioco di parola conducessi/con du’ cessi, ma a volte basta semplicemente una parola come “Svelto” per creare una specie di tic linguistico quasi all’insegna dell’allucinazione, della follia e dello straniamento: ” – Che detersivo usi per lavare i piatti? – Svelto. – Chedetersivousiperlavareipiatti?”

Ovviamente Pupitto non è sempre comico, perché ci sono dei momenti in cui non è possibile “ridere quando non c’è proprio niente da ridere”. Così, in mezzo a questo comicità spesso surreale, talora emergono tweet assolutamente seri, che mostrano il lato più filosofico e riflessivo dell’autore, quasi delle massime di vita o “perle di stanchezza” per usare una espressione dell’autore: “Per rendere migliore la nostra vita, bisogna farci entrare alcune persone. Per renderla perfetta, bisogna farne uscire altre” o “Le cose che hai perso, ti hanno reso più forte, ma mai quanto quelle che non hai mai avuto” o anche “La vita mi ha insegnato che alcune cose la vita non le insegna”.

Presento una raccolta dei migliori tweet di @Pupitto

**

@Pupitto, tweet scelti

­Da dove vieni?
­Dall’ex Jugoslavia, Montenegro. E tu?
Dalla Campania, limoncello

Vendo scalette per quelli che non ci arrivano.

­Se condurrei una Maserati, sicuramente non mi farei vedere in giro con du’ befane come loro.
Conducessi.
Esatto, con du’ cessi come loro.

La fortuna di essere single è che, quando a casa non c’è il cane, comando io.

Per tutti quelli che scrivono nella bio ‘amo la vita’, mi viene da credere che il sentimento non sia corrisposto.

La donna ideale con la quale passare il resto della vita, è quella capace di passare il resto della vita anche da sola.

­Livello d’inglese?
Ottimo.
Traduca ‘la mia donna è nella fase di sindrome premestruale’.
Kill Bill.
Assunto.

Una sconfitta, se ci ha insegnato qualcosa, è una vittoria.

Ci tenevo a far sapere a tutti quelli che, da piccolo, mi dicevano “quando crescerai, capirai” che, per ora, non ho ancora capito un cazzo.

­Prometti d’essergli fedele sempre, nella gioia e nel dolore, in salute e in malattia, di amarlo e onorarlo tutti i gg della tua vita?
­Bau.

Per rendere migliore la nostra vita, bisogna farci entrare alcune persone.
Per renderla perfetta, bisogna farne uscire altre.

­Il mio sogno è diventare ostess o fotomodella.
+Si scrive con l’acca.
Ok. Il mio sogno è diventare ostess ho fotomodella.

Se t’ama un mese, è un fuoco di paglia.
Se t’ama un anno, è un’esperienza.
Se t’ama 5 anni, è un’illusione.
Se t’ama per sempre, è un cane.

­Hey Gigi, sei pronto per la rapina?
Senti Peppe, non so come dirtelo, ma io mi chiamo fuori.
Hey Fuori, sei pronto per la rapina?

Tenetevi strette le persone che vi fanno ridere anche quando non c’è niente da ridere.

­Che detersivo usi per lavare i piatti?
Svelto.
Chedetersivousiperlavareipiatti?

Signore, non perdonarli, perché sanno quello che fanno, ma lo fanno lo stesso.

Per quanto è vero che i nostri cani siano gli amici meno bravi a parlarci, è altrettanto vero che siano quelli più bravi a leggerci.

­Se colmerei le distanze che ci separano, tornerei insieme a Massimo, il mio ex.
Colmassi.
Sì, lui.

­Hai figli?
No.
Ma ti sei sposato?
No.
Sei fidanzato?
No.
E cosa stai facendo nella vita?
Tutto il resto.

Quando cercate per forza di piacere a tutti, dovreste tener conto che manco i quadri di Van Gogh e i libri di Dostoevskij hanno tale potere.

Se le chiedi di mostrarsi a 360 gradi e lei si mostra 4 volte a 90, allora è quella giusta.

Vendo libro di grammatica usato.
Con dizioni ottime.

Qual è la sigla di Bologna?
BO.
Non sai mai un cazzo.

­Da quando facetti quell’errore sono nella merda.
+Si dice ‘feci’.
Ok, scusa la volgarità. Da quando facetti quell’errore sono nelle feci.

L’uomo saggio è colui che, quando una donna gli dice “fai come vuoi”, si mette in partenza insieme alla Cristoforetti.

Mostri che sono sotto il letto perché hanno paura di quelli sopra.

Mi amo da morire e il sentimento è reciproco.

La persona giusta, che sia un amico o un partner, ha una qualità magica: ti resta sempre accanto senza mai occupare il tuo spazio.

I ricordi più belli non saranno mai foto.

­Sei uno stronzo bastardo, ma ti amo.
+Potresti ripetermelo senza quelle brutte parole?
Ok, sei uno stronzo bastardo.

Sono un uomo di sani principi e di finali di merda.

­Livello d’inglese?
+Ottimo.
Traduca ‘mia moglie ha trovato un capello rosso nella mia macchina’.
+The final countdown.
Assunto.

Le cose che hai perso, ti hanno reso più forte, ma mai quanto quelle che non hai mai avuto.

Quando imposto la sveglia e il cellulare mi dice che dormirò meno di 7 ore, mi sveglio stanco per principio.

­Amore, cosa prepari stasera?
­La valigia.

Mi piace molto trasgredire durante il sesso. Ad esempio, ieri, a un certo punto, ho anche cambiato mano.

La vita mi ha insegnato che alcune cose la vita non le insegna.

Il mio desiderio è quello di rubare qualche attimo del vostro tempo per dirvi che l’anagramma di “bibliotecario” è “beato coi libri”.

­Hey amico, come va la vita? Di dove sei?
­Africa, Benin. E tu?
Europa, non c’è mal, graz.

Ci ostiniamo a cercare forma di vita aliena su altri pianeti quando quelli che mangiano l’insalata al ristorante sono già tra noi.

­Non lo amo. Se lo amerei, glielo direi a Massimo.
+Amassi.
Vabbè, è uguale. Se lo amerei, glielo direi a Massi.

Potreste essere così gentili da spostare i vostri ampi bagagli culturali che non riesco a passare?

Dio, se ci sei, non si vede.

Donare un sorriso ha una duplice funzione:
coprire le nostre ferite e guarire un po’ quelle degli altri.

­Livello di napoletano?
+Ottimo.
Traduca ‘sono furbo, opportunista, risoluto, scaltro, cattivo e malizioso’.
+Teng’ ‘a cazzimma.
Assunto!

Ogni tanto entro su Facebook e scrivo cose tipo ‘doccia time’ o ‘pranzo time’ per farli sentire a loro agio.

La vita è un viaggio: quanto più alta sarà la capacità di affidarti all’essenziale, più basso sarà il peso del bagaglio che dovrai portare.

Ho le farfalle nel voltastomaco.

L’ignorante è come il cornuto: solo chi lo è non lo sa.

Inizio serata con amici:
quella non ha tette
l’altra ha gambe storte
lei è del Toro.
3 bottiglie di vino dopo:
bello quel comodino.

Mi avevano chiesto di essere umano, ma ho voluto strafare e sono diventato anche caso.

Se la desideri solo nella testa, è una cotta.
Nella testa e nel cuore, è amore.
Nella testa, nel cuore e nel pisello, è magia.

Alcune persone hanno avuto il potere di farmi migliorare.
Altre quello di farmi peggiorare.
Quello di cambiarmi l’hanno avuto solo i viaggi.

Non per vantarmi, ma le donne mi chiedono sempre di uscire.
Dalla loro vita.

“Come ce l’hai duro” me l’hanno detto solo quando facevo il panettiere.

Che delusione scoprire che la scrittrice Banana Yoshimoto, il calciatore Felipe Melo e la tennista Arantxa Sanchez non sono della Macedonia.

Ieri ho capito che stavamo esagerando con l’alcol quando un mio amico ha detto “da quest’occhio non ci sento bene”.

­Livello d’inglese?
+Ottimo.
Traduca ‘noi facciamo la vita da nababbi e voi continuate a prenderla nel culo’.
+Spending review.
Assunto!

Qualcuno deve aver fatto spargere la voce che ‘strisce pedonali’ e ‘passerella di moda’ siano sinonimi, altrimenti non si spiega.

Dopo aver staccato la sveglia, sono sempre indeciso: mi giro dall’altra parte e continuo a dormire o continuo a dormire in questa posizione?

Donna di rientro da una vacanza.
Amiche: bella la città? Monumenti, piazze, musei, cibo?
Uomo di rientro da una vacanza.
Amici: scopato?

Sentirsi importanti è il primo passo verso un successo.
Sentirsi indispensabili è il primo passo verso un fallimento.

Tenetevi strette le persone che, se vi parlano prima delle 10, è solo per dire “caffè?”.

Panico e proteste tra i giovani a Napoli, dopo aver saputo che adesso in scooter si può andare in 2:
“perché hanno ridotto i posti”?

Poi vi racconterò di quando, il 09.08.2015 alle ore 23.45, dopo 4 anni dall’acquisto della lavastoviglie, ho scoperto che va messo il sale.

Gioco di mano, gioco di single.

­Che film hai guardato ieri?
X­Men ­ L’inizio.
E come mai? Era così brutto?

Il mondo dei sogni diventa irraggiungibile se già ci vivi dentro.

Questa mattina mi preme farvi sapere che, per il mio collega, durante le telefonate, sua moglie si chiama “oh” e la sua amante “pulcina”.

Mi avvalgo della facoltà di visualizzare senza rispondere.

Il vicino ha comprato cose molto carine:
1 vaso per ornare il giardino
1 quadro per abbellire la camera
1 trapano per rompermi i coglioni.

“Sono fatto così” come giustificazione solo se sei un omino di “Esplorando il corpo umano”.

Anni fa, ho provato a laurearmi in farmacia, ma i clienti in fila mi deconcentravano.

­Presto cambierò la pavimentazione in casa.
In gres?
Ingress, camer, tutt la cas.

Mi sento bene con me stesso e benissimo con te stesa.

Ho capito che non era quella giusta perché parlava.

Rientrare in casa subito dopo essere uscito perché ho dimenticato qualcosa.
Tre volte al giorno dopo i pasti.

Vi racconto un segreto:
non le piacciamo se la facciamo ridere, ma la facciamo ridere se le piacciamo.

Oggi sono rientrato in palestra dopo 3 settimane e ho fatto 3 serie di pettorali, 2 serie di addominali e 5 serie di figure di merda.

­
L’unica volta in cui ho fatto impazzire una donna a letto, è stata quando ho tirato tutto il piumone dalla mia parte.

­Livello d’inglese?
+Ottimo.
Traduca ‘grasso’.
+Fat.
Traduca ‘gatti’
+Cats.
Li metta in una frase.
+Fat i cats tuoje.
Le faremo sapere.

Buona parte dell’eleganza di una donna sta nel modo che ha di parlare delle altre donne

Nei calendari sardi, agosto arriva fino al 61.
Poi inizia ottobre.

­Una volta vendetti un cd di quel cantante romano di ‘Roma capoccia’.
+Venditti.
Si, vabbè. Una volta venditti, ma il nome te lo ricordi?

Ormai io e il mio pisello ci parliamo.
Stamattina mi ha detto “sono nelle tue mani”.

Una volta mi sono innamorato di una ragazza perché mi parlava con gli occhi.
Poi è finita perché non capivo mai un cazzo.

Ho perso troppo tempo a cercare me stesso.
Poi ho capito che quel ‘me stesso’ che intendevo io, non era da cercare.
Era da fare.

Qui nessuno dice che le gambe non dovete aprirle, anzi…
Però, se tra un’apertura di gambe e l’altra, aprite anche qualche libro, è meglio.

Ho comprato preservativi ritardanti e stanno funzionando benissimo:
è una vita che non si tromba.

L’omofobo è quella persona che non è felice della propria vita e cerca di rendere infelice anche quella degli altri.
Senza riuscirci.

­Secondo te, perché mi ha lasciato?
+Perché ti sei impegnato troppo a toglierle il sorriso e troppo poco a toglierle i vestiti.

Prima di dichiararti libero, sii te stesso.

­Che preliminari fai prima del sesso?
+Alzo la tavoletta.

Ma quando vi colorate i capelli di verde, di preciso, cercate di piacere a uomini di quale pianeta?

E anche oggi abbiamo fatto talmente tanto sesso che ci fa male la mano.

Il segreto è essere come panna e fragola: ottimi da soli, perfetti insieme.

Commenti:

  • Marina

    Un viaggio! In una città, in un modo di far ridere che ha una storia… umorismo, quotidiano, poesia, da Totò a Pupitto! Che bella bella persona!

    settembre 25, 2016

Sorry, the comment form is closed at this time.