Scrittori di aforismi su Twitter, Sempreciro

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @sempreciro (Il Serpe loco). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autore scrive di sé: “Sono un Partenopeo nato povero e tale rimasto perché credo che le tradizioni di famiglia siano sacre. Mi son sposato giovane, ora ho tre figli di cui uno più vecchio di me. Non ho studiato, o meglio, le scuole che ho frequentato io non rilasciano Diplomi cartacei, e lavoro ininterrottamente dall’età di 13 anni. Non ho sogni nel cassetto perché li ho dovuti togliere per far spazio alle cartelle Equitalia”.

@sempreciro si è iscritto a Twitter nel maggio 2013. “In verità ho iniziato a scrivere su Twitter ad agosto 2014 perché volevo parlare di politica e di sport con i Vip’s: dopo 2 anni invece mi ritrovo a interagire con Fake, Haters e qualche psicopatico. Ma mi sono divertito ed emozionato tanto in questo periodo. Ricordo tutti gli Hashtag lanciati ed in particolare #AskMatteoRenzi, che in 24 ore ha ‘generato’ 60000 Tweet tutti da ridere, e #PicAmarcord, nato da un idea della vulcanica @LaWhoMargot, che ha fatto pubblicare a 5000 e passa account una loro foto da bambino. Ora il mio obiettivo su Twitter è solo rompere le scatole, cosa che per altro mi riesce particolarmente bene”. E a proposito della scelta del suo nome “Il Serpe loco”, l’autore mi scrive: “Il nome Serpe, nella versione originale ‘O Serp, è il soprannome che mi hanno affibbiato da ragazzo nel quartiere della periferia Nord di Napoli dove sono cresciuto: diciamo che ero ‘apprezzato’ per la mia cazzimma che, per assurdo, mi ha semplificato la vita complicandomela. Loco è stato aggiunto in corso d’opera perchè amo scrivere di pazzi e della pazzia.
(Vabbè, sono pazzo davvero, ma questo non posso dirlo altrimenti mi defollano tutti)”.

sempreciro

Una dei tweet che meglio definisce @sempreciro è: “Ti va di ridere con me per i prossimi 73 anni?”. In questo frase si coglie non solo l’umorismo e il dono della battuta di cui l’autore fa sfoggio con grande talento, ma anche quella specie di solarità e voglia di guardare le cose in modo positivo che è proprio del carattere dell’autore, ma è anche retaggio e segno di appartenenza a una terra, Napoli, dove le difficoltà vengono sempre affrontate con un sorriso: “#esserenapoletanovuoldire donare il sorriso anche nei momenti di difficoltà con un semplice ‘Nun te preoccupà, mo s’acconc tutt cos'”.

Così, se la vita non è sempre come ci aspettava (“Sto scrivendo il libro sulla mia vita. Il titolo sarà ‘Eppure, le premesse c’erano tutte'”) e se il mondo che ci circonda è spesso composto da gente piccola (“La gente è piccola, per questo mormora”) o malvagia (“Le persone cattive sono come le schegge di legno che si conficcano nelle mani: se non le togli subito, continueranno a farti male”) ovvero dedita al culto della falsità e dell’apparenza (“Volevo dire a quelli che cercano visibilità, che, alla Lidl, vendono i gilet catarifrangenti a 2 euro e 99”), al di là di tutto questo c’è sempre un motivo per sorridere, e a volte questo motivo è una battuta che sdrammatizza (“Destino, allora? Si può sapere cosa hai deciso?”) o più semplicemente un “ti voglio bene” e un abbraccio dato dal proprio figlio nel modo giusto (“- Papà, cos’è la felicità? + Hai presente quando tu mi salti addosso, mi abbracci e dici “Ti voglio bene”? Ecco, quella è la felicità”). Perché, come scrive giustamente l’autore in un altro tweet “se continuiamo a piangerci, prima o poi ci verranno i reumatismi”.

In questo filo di umorismo che colpisce cose e persone senza mai essere nero e sarcastico (piuttosto c’è un giusto granello di follia e imprevedibilità, un “rompere le scatole” senza mai superare il limite), si innesta un altro filo, quello amoroso, ed ecco che allora la frase che ho citato all’inizio “Ti va di ridere con me per i prossimi 73 anni?”, è anche un invito sentimentale rivolto all’altra persona, in un oscillare di presenza (“Sto con te. Perché sei il posto più bello del mondo”) e assenza (“Ma quante notti ancora hai deciso di mancarmi?”), sfida (“Sei come una sfida. E non voglio assolutamente perdere”) e rimpianto (“A me hai tolto il sonno, ma tu hai perso il privilegio di essere sognata”). Che poi questo gioco di contrasti è un po’ il destino di tutti i canzonieri amorosi da quando esiste la scrittura e da quando esiste l’amore.

Presento una raccolta dei migliori tweet di @Sempreciro

**

@sempreciro, Tweet scelti

I bambini lo sanno quando sei triste.Ti vengono vicino e ti fanno credere di aver bisogno di coccole.
Ed invece sono loro che le fanno a te.

Volevo dire a quelli che cercano visibilità, che, alla Lidl, vendono i gilet catarifrangenti a 2 euro e 99.

Non giudicate i matti prima di aver ascoltato le loro storie.

Con i neuroni che hai nel cervello,
non ci fai neanche un gruppo su WhatsApp.

Tra tutte le cose che non capisco,
tu sei la più bella.

La gente è piccola, per questo mormora.

Da un recente studio dell’Inps,emerge che un 30enne che entra adesso nel mondo del lavoro,andrà in pensione
19 anni e 4 mesi dopo il decesso

A 25 anni:Amò, lo famo strano?
A 45 anni:Amò, lo famo? Strano!

L’80% dei miei followers è donna.
Per non farmi defolloware sto pensando di iniziare tutti i miei tweet con “Premesso che hai ragione tu”

– Papà, cos’è la felicità?
+ Hai presente quando tu mi salti addosso, mi abbracci e dici “Ti voglio bene”? Ecco, quella è la felicità.

Sono cresciuto credendo che ecc ecc significasse ecchecazzo ecchecazzo

Eppure, quando da bambino guardavo questo mondo dalle spalle di mio padre, a me sembrava più bello.

Che strane le donne: prima ti dicono dobbiamo parlare, poi parlano solo loro.

-Per mia moglie, io vengo prima di tutti.
+Ti ama così tanto?
-No, soffro di eiaculazione precoce.

Non è sexy ciò che esponi in vetrina ma ciò che fai capire di avere in magazzino.

Le persone cattive sono come le schegge di legno che si conficcano nelle mani: se non le togli subito, continueranno a farti male.

Se volete mangiare la vera pizza Napoletana a Roma andate da Michele ai tribunali.
Uscita 19 del raccordo, dopo 215 Km uscita Napoli centro.

Sto scrivendo il libro sulla mia vita.
Il titolo sarà “Eppure, le premesse c’erano tutte”

I battutisti le fanno ridere per farle innamorare.
I poeti scrivono versi per farle sciogliere.
Poi arrivano i palestrati e se le scopano.

Se qualche volta ti senti inutile, pensa come si sente il preservativo “Non si sa mai” che hai messo nel portafoglio nell’Estate del 1998.

Biglietti,prego.
+Ecco.
-Ma è un ridotto,e lei non mi sembra un bambino!
+Ora no,ma quando son partito avevo 8 anni.

Situazione sentimentale: mi asciugo le lacrime con il phon.

Sto con te.
Perché sei il posto più bello del mondo.

Ti va di ridere con me per i prossimi 73 anni?

Ha detto mia Nonna che lo sa da una vita che le salsiccie fanno male, ma dice che se ci metti vicino i friarielli abbatti il rischio del 94%

È più semplice giudicare che cercare di capire, ma agli stupidi le cose difficili non piacciono.

– A pà! Me passi er cucchiaio?
+ Come si dice? Per pia….
– Scusa. A pà me passi er cucchiaio per pia er brodo?

Beati i nudisti che non hanno il problema della prova costume.

Siamo passati dal ” Dormo solo con 2 gocce di Chanel n°5″ al ” Dormo, ma solo con 20 gocce di Xanax 0,75″

-A cosa pensi?
+All’infinito.
-A cosa pensare?

– Ci vediamo stasera.
+ Ti aspetto con ansia.
– Lascia stare, quella la porto io.

Chissà quanto costano al chilo
le alici nel paese delle meraviglie.

Non puoi chiamarla gabbia quando le chiavi per fuggire via sono tra le tue mani.

Mettiti lì, tra le cose che devo ancora vivere.

Se riesco a perdere la Metro che passa ogni 6 minuti, come posso sperare di prendere il treno che passa una sola volta nella vita?

Della mia pazzia mi piace la logica.

A forza di piangervi addosso, vi verranno i reumatismi.

Nun te se incula neanche la supposta, figurati noi.

Se la cantano, se la suonano, e vorrebbero farla ascoltare a noi.

Dicono “Mi piacciono le persone che dicono le cose in faccia” senza specificare che l’importante è che la faccia non sia la loro.

Evoluzione vacanze Italiani
1970:Casa mare pe 2 mesi
1990:villaggio,15 giorni,ma non famo un cazzo
2010:annamo a Ostia
2015:famose na doccia

Ma quante notti ancora hai deciso di mancarmi?

Affinità, complicità, onestà.

I gradi di giudizio in Italia;
-Primo grado
-Appello
-Cassazione
-Domenica live
-Don Mazzi

Destino, allora?
Si può sapere cosa hai deciso?

Nove ore di fila per entrare al padiglione Giapponese dell’Expo.
In nove ore, in aereo, vai a mangiare il Sushi a Osaka.

Se un gruppo di amici e familiari si riuniscono e parlano tanto bene di te,è molto probabile che si trovino a un funerale.
Al tuo funerale.

Volevo dire a quelli che danno lezioni di vita che anche noi abbiamo letto tutto il Manuale delle giovani marmotte.
Ma restiamo umili.

Siamo quelli che cantavano a squarciagola “Voglio una vita spericolata” ed ora ci ritroviamo a bloccare sconosciuti seduti su un divano.

Mia moglie dice che non faccio nulla in casa
Io lo dico a mio figlio che a sua volta lo dice alla sorella
Il cane, preoccupato, si nasconde.

👵 Un caffè con ginseng e latte di soia
🙏 Certo
👨 Per me lungo in vetro con latte di capra tiepido
🙏 Si. Per lei?
🙍 Un caffè. Li fate ancora?

Se Kafka ci legge, riapre il processo.

-Papà, la Nonna dice che sei pazzo e credi di essere un Dio.
-La Nonna scherza.Dai ora vieni a tavola.Su, siediti qui,alla destra del padre.

È di sera che i fantasmi si materializzano.
Oramai sono di famiglia, ho dato un nome ad ognuno di loro: Malinconia, Tristezza e Mimanchi.

A me hai tolto il sonno, ma tu hai perso il privilegio di essere sognata.

Se vai via, portati pure l’armadio, che a me gli scheletri fanno impressione.

Tra tutti i complimenti che un uomo può ricevere, quello più bello, che a me emoziona sempre, è “Tu sei una brava persona”.
E basta.

Ne ho abbastanza di te, ma dammene un altro po’.

E tutta colpa dei vostri genitori.
Che cazzo gli costava comprare una culla con la sponda più alta?

Se volevo svegliarmi allegro, nascevo chirurgo.

-In quale personaggio storico ti identifichi?
+Sempronio
-Sempronio? E perché?
+Viene dopo Tizio e Caio.In pratica non se lo incula nessuno

– Ti capita mai di parlare da solo?
+ Eh si, a volte anche per strada.
– E grave?
+ Non credo, però ora stiamo zitti che la gente ci guarda

Sono campione Mondiale di “Trova la fila più corta con la cassiera più lenta”.

Quando gli amici dei tuoi nemici diventano tuoi amici, i nemici restano senza amici,gli amici sono senza nemici e i nemici odiano gli amici.

Gentile genitore,per garantire il buon funzionamento della scuola,le chiediamo;
-Carta igienica
-Mattoni
-100 kg di cemento
-Una betoniera

Sono andato in chiesa per confessare i miei peccati.
Il parroco mi dice che non è di sua competenza,devo andare in procura.

Se ti aspetta la sera è quando ti vede fa le feste o è il tuo cane o è l’ansia.

– Papà, cos’è l’amore?
+ E quella cosa per cui vale sempre la pena metterci tutto te stesso.

Il vero uomo non ti aspetta sotto casa.
Il vero uomo sale da te e mentre tu finisci di prepararti, fa’ la lavatrice e ti passa la folletto.

Roma ha visto
7 Re
276 Papi
11 Presidenti Repubblica
27 Premier
33 Sindaci
Tutti uomini.
Alle prossime elezioni voto per una donna.

Volevo chiedere a quelli che toccano il fondo di fare piano perché, sotto, ci sono io.

Faccio e rifaccio la somma di tutti i momenti in cui ti penso, ma il risultato è tutte le volte lo stesso: sempre.

Volevo fare il maiale nel forno,
ma in due non ci entriamo.

Regalami un sorriso, perché nelle lacrime ho già rischiato di annegare un sacco di volte.

Ma se litigano pure Batman e Superman, come possiamo pretendere di andare d’accordo noi?

– Dottore, è grave?
+ Può pagarmi subito?

Devo chiedere scusa solo a me stesso,anche se so che non le accetterà mai.

Belli i modi di dire, ma preferisco i modi di essere.

– Papà, a che serve la notte?
+ Agli uomini per regolare i conti con la propria coscienza.

Certo che sti Russi son proprio furbi.
Prima ci mandano il freddo, e poi ci vendono il gas per riscaldarci.

– Ciao grande!
+ Ciao enorme!
– Tu sei immenso!
+ Si, ma tu infinito!
– Ahaha! Sei un grande!
+ Grazie, pure tu.
– Mi ricordi il tuo nome?

Le donne:
– A 15 anni Teen
– A 30 anni Vamp
– A 45 anni Milf
– A 60 anni Cougar
– A 75 anni Inps

Situazione sentimentale: vado all’Ikea a comprare un letto singolo

L’unica magia del Natale è che ti fa’ sparire in pochi secondi tutta la tredicesima.

Volevo dire a quelli che parlano a vanvera,che possono anche evitare di aprire la bocca:voi non lo sapete,ma si può anche respirare col naso

-Amò. Due notizie, una bella è una brutta
+Dimmi la brutta
-Sò finiti i soldi e non possiamo far la spesa.
+E la bella?
-Iniziamo la dieta!!

In un mondo migliore, io non ci sarei.

Amami. E fallo adesso.
Poi per pentirti hai ancora tanto tempo.

L’ottimista non ha mai un piano B, al massimo prevede un piano A-bis.

#Jovanotti dice che lavorare gratis non è un male se serve per fare esperienza.Chissà come erano diventati esperti gli schiavi in Egitto.

Vedi figlio mio?
Un giorno tutta questa ansia sarà tua.

Voi ci scherzate, ma siamo nel 2016 e quì ci sono ancora persone che litigano con i fake.

Il mese scorso ho comprato una confezione di preservativi da 6 ed una scatola di Moment Act da 24.
Indovinate cosa vado a ricomprare oggi?

Per sapere quando sarà maltempo e finirà sto caldo non ho bisogno di vedere le previsioni meteo:mi basta consultare il mio piano ferie.

Twitter è bello, ma la versione Italiana non è riuscita bene

– Ma tu sei un salutista?
+ No. Solo buongiorno e buonasera.

– Buongiorno Professore. Le volevo chiedere se mia figlia è carente in qualche materia.
+ Solo in una.
– Bene! Quale?
+ Quella grigia.

-Cerchi lavoro?
+Si!! Sono un fashion blogger con master in communicaemoticons.
-Ottimo!! Ci vediamo domattina alle 4 ai mercati generali.

#esserenapoletanovuoldire donare il sorriso anche nei momenti di difficoltà con un semplice “Nun te preoccupà, mo s’acconc tutt cos”

– Dimmi gli 8 vizi capitali.
+ Ma non erano 7?
– Na volta. Mò so 8: Avarizia,superbia, lussuria, accidia, gola, ira, invidia e defollow.

Cose importanti:
– I soldi
– Il successo
– La salute
.
Cose indispensabili:
– L’aria
– Tu
– L’aria che respiri tu

Io parlo di calcio perché l’ho praticato a livello quasi professionistico.
Ero nel vivaio del Napoli,tra il Rododendro e le piante grasse.

Twitter è la scuola dove danno le principali lezioni di vita.
Per chi se le perde, su Facebook fanno i corsi serali e di recupero.

La carne no.
L’olio di palma nemmeno.
I grassi neppure.
L’alcool ancora peggio.
Tenit!
Ca’ sta’ ‘o bancomat, facitammell vuje ‘a spesa!

Ho un solo punto debole: io.

La felicità è come una donna:se la trascuri, ti lascia per un altro.

Prima di sparare nel mucchio è sempre consigliabile accertarsi di non farne parte.

Non è che non voglio incontrarti, ma se hanno fatto un marciapede su ogni lato della strada, un motivo ci sarà.

Dio ci segue, ma ci ha messo in mute.

La libertà è un privilegio che va conquistato e poi difeso con ardore.
E solo chi pensa che gli sia dovuta, vivrà con la mente in una gabbia

Fittasi spalla per pianti.

Sei più falso di un “Lo faccio domani” detto da una farfalla.

La chiamano campagna elettorale perché ai candidati invece del voto dovresti dargli una zappa.

L’amore ai tempi del twitter
– Ciao, di dove sei?
+ Palermo. E tu?
– Milano. Scopiamo?
+ Minchia! Quanto ce l’hai lungo?

Se “Punta il dito” fosse una disciplina olimpica, non basterebbero migliaia di medaglie d’oro.

Ho tanti cazzi per la testa e tu, onestamente, sei l’ultimo dei miei pensieri.
Si, l’ultimo.
Prima di addormentarmi.

Diffidate da quelli che dicono per sempre: in realtà sono mutui.

– Non vedo l’ora di andare in pensione per dedicarmi al mio orto.
+ Ma tu non hai un orto!
– Se è per questo, non avrò nemmeno una pensione.

Mancano 9 giorni a “Ma che fine hanno fatto tutti gli schiaccianoci, è possibile che ogni anno dobbiamo comprarne due nuovi?”

Dormo poco, mi sveglio stanco.
Dormo troppo, mi alzo stanco.
Chissà che faccio nel sonno che mi sfianca invece di farmi svegliare riposato.

I consigli per avere un corpo perfetto;
– Fare attività fisica
– Una sana alimentazione
– Buon equilibrio mentale
– Usare filtri Instagram

5 semplici mosse per trovare lavoro:
1)Scrivi un Cv Europeo
2)Apri internet
3)Cerca voli su e-dream
4)Saluta i parenti
5)Non tornare piú

L’assurdo di questo posto è che per tanti, troppi, un Follow o un RT vale più di un terapeutico “Come stai?”.

Giuda va’ rivalutato.
Lui almeno tradì per 30 denari mentre qui c’è gente che ti tradisce per 10 rt.

– Papà, cos’è il rispetto?
+ Hai presente quando Mamma sta zitta e ascolta me?
– Ahh! Ok, allora il rispetto è quando Mamma dorme.

Ti va di salire a vedere la mia collezione di cadaveri di ragazze salite a vedere la mia collezione di cadaveri?

Se tutti i maschi avessero la forza di certe donne, potrebbero addirittura definirsi Uomini.

Evoluzione Tuitstarz.
A 2000 flwr “Io retuitto tutti”
A 10000 “Ma chi vi conosce?”
A 20000 “Datemi del voi”
A 30000 Messaggio alla nazione.

Al tuo peggior nemico augura una donna con il ciclo, il primo giorno di saldi e la sua carta di credito priva di disponibiltà.

L’Italia è quel paese dove ognuno pensa solo ai cazzi suoi e tutti guardano i cazzi degli altri.

Sto talmente a pezzi che nemmeno il campione mondiale di puzzle riuscirebbe a ricompormi.

Mi manchi come i 999983 euro che mi servono per diventare milionario.

Beati i bipolari che non restano mai da soli.

– Dice che ti ama tanto.
+ Esagerata, mente.

Volevo andare in vacanza ma su Instagram è tutto esaurito.

E nemmeno stamattina mi ha svegliato la telefonata di un notaio che mi comunica che ho ereditato 30 milioni d’euro e una casa a Capri.

Guardami come la bambola di porcellana sul letto di mia madre guarda il lampadario da 40 anni.

Scusate, passa da qui il mi manchi delle 23 e 45?

Sei come una sfida.
E non voglio assolutamente perdere.

L’invidia è il male del millennio, di quello precedente, di quello prima e di quello prima ancora.
E purtroppo lo sarà dei prossimi.