Frasi, citazioni e aforismi sugli idoli

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sugli idoli. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sull’ammirazione, Frasi, citazioni e aforismi sulla celebrità, la fama e la gloria, Frasi, citazioni e aforismi sul mito e Frasi, citazioni e aforismi su Dio.

**

Frasi, citazioni e aforismi sugli idoli

Idoli

Ella era l’idolo che seduceva in lui tutte le volontà del cuore, rompeva in lui tutte le forze dell’intelletto, teneva in lui tutte le più segrete vie dell’anima chiuse ad ogni altro amore, ad ogni altro dolore, ad ogni altro sogno, per sempre, per sempre
(Gabriele D’Annunzio)

L’idolo è un Dio portatile, sempre disponibile
(Anonimo)

Se il cielo si vuota di Dio, la terra si popola di idoli.
(Karl Barth)

Non inseguiamo gli idoli che danno false speranze.
(Papa Francesco)

La giovinezza e la bellezza sono degli idoli che ci fanno piegare le ginocchia.
(George Sand)

Nessuna nazione può sopravvivere senza miti, e nessun giovane può crescere senza idoli.
(Yasmina Khadra)

Un idolo è quando ti crolla il mondo addosso e tu ti rialzi con la forza della sua musica.
(Anonimo)

Quando un idolo cade, non lo fa a metà, si schianta e si spezza e finisce per farsi seppellire da un letto di letame. Diventa allora difficile raddrizzarlo e, anche se rimesso in piedi sul suo vecchio piedistallo, delle macchie indelebili denunciano la sua caduta.
(John Steinbeck)

Addio Gary Cooper, addio Che Guevara, ci si fa degli idoli per nscondere le nostre imperfezioni.
(Hubert Félix Thiéfaine)

Siamo personaggi pubblici, non dovremmo avere idoli da venerare. Io ne ho uno che sta sopra a tutti gli altri: Valentino Rossi. Darei tutto per essere come lui.
(Brad Pitt)

Per più di vent’anni aspettavo la domenica per il rito dello stadio con gli amici. I miei idoli erano Rivera e Prati. Andavamo presto, prima al bar Cicala, in piazzale Lotto, gestito da interisti che ogni volta ci dicevano “ma non potete andare da un’altra parte?”, poi guardavamo lo stadio che si riempiva ed era già uno spettacolo.
(Teo Teocoli)

I Beatles avevano molto da insegnare sull’arte della composizione; la loro musica era una sorta di seminario sulla storia della musica. Con idoli come loro, come non desiderare di dominare tutti gli elementi dell’arte musicale?
(James Russell Smith)

L’uomo non può vivere senza inginocchiarsi davanti a qualcosa. Se l’uomo rifiuta Dio, si inginocchia davanti ad un idolo.
(Fëdor Dostoevskij)

Un cielo senza Dio è pronto a popolarsi di idoli. L’idolo delle ideologie, l’idolo del potere e del possesso, l’idolo della realizzazione di sé.
(Susanna Tamaro)

L’eternità è il più grande degli idoli: il più possente tra i concorrenti di Dio.
(GK Chesterton)

I social hanno fatto incontrare la domanda di chi è sempre in cerca idoli e l’offerta di gente che non vive se non è idolatrata.
(pellescura, Twitter)

La saggezza non sta nel distruggere gli idoli, sta nel non crearne mai.
(Umberto Eco)

Gli uomini, non appena hanno atterrato un idolo, corrono a rizzarne un altro.
(Arturo Graf)

Non è mai stato rovesciato un idolo, se non a vantaggio di un altro idolo.
(Alphonse Karr)

Togliete gli idoli ai sensi, piangeranno come bambini disperati.
(Jean-Pierre de Caussade)

Non bisogna toccare gli idoli, se non si vuole che la doratura ci resti sulle mani.
(Gustave Flaubert)

Ci sono stati party nei quali me ne sono rimasta in silenzio per ore ascoltando i miei idoli mentre si tramutavano in persone sciocche e meschine.
(Marilyn Monroe)

Fa male conoscere i propri idoli, mai sbirciare dietro le quinte della fama e della celebrità, perché se lo fai li vedrai per come sono davvero.
(Dalla serie tv Big Bang Theory)

Gli idoli sceglieteveli tra i morti così non c’è pericolo che vi deludano.
(FeniceArde, Twitter)

Il selvaggio s’inchina davanti a idoli di legno e di pietra; l’uomo civile di fronte a idoli di carne e sangue.
(George Bernard Shaw)

I mass media, col loro culto della celebrità e il relativo contorno di fascino e richiami sensazionali, hanno fatto dell’America un paese di fan, di spettatori. Dando corpo e sostanza ai sogni narcisistici di fama e gloria, incoraggiano l’uomo comune a identificarsi con gli idoli dello spettacolo e a odiare la “massa”, moltiplicando le sue difficoltà ad accettare la banalità dell’esistenza quotidiana.
(Christopher Lasch)

La fama, che è l’opinione che il mondo esprime sui pregi di alcuni uomini, è l’idolo al quale gli spiriti più fini hanno in tutti i secoli bruciato i loro incensi.
(Richard Blackmore)

Un giorno fu chiesto a rabbí Bunam: «Che cosa s’intende oggi quando si parla di un sacrificio per gli idoli?». Egli rispose: «Vi farò un esempio. Quando un uomo pio e giusto che siede con gli altri a tavola e che mangerebbe volentieri ancora qualcosa, vi rinunzia per mantenere la sua reputazione, ebbene questo è un sacrificio agli idoli»
(Gianfranco Ravasi)

Il rapporto tra un idolo e un fan è come quello tra la mano e l’occhio: se la mano si fa male l’occhio piange, se l’occhio piange la mano asciuga.
(Anonimo)

La formula dell’idolo consiste in questa contraddizione: l’idolo è il mio schiavo di cui io sono schiavo.
(P. Duchamp)

Le masse si raccolgono davanti alla televisione a guardare teleromanzi, film, idoli rock, e vivono selvagge emozioni attraverso questi simboli; ma nelle loro vite quotidiane sono emotivamente morte.
(Jim Morrison)

Nella sua inconsistenza e nella sua banalità, l’individuo che non possiede capacità straordinarie cerca di scaldarsi alla luce riflessa dei suoi idoli.
(Christopher Lasch)

Gli idoli addormentano, mentre il divino inquieta
(Don Dino Pirri)

L’idolo si differenzia da Dio in questo: che egli è qualcosa mentre Dio è tutto.
(Ludwig Feuerbach)

Dio ci dà la libertà, gli idoli ci fanno servi
(Luigino Bruni)

Gli imperi degli idoli non hanno discendenti, i loro primogeniti muoiono, perché l’idolo è seducente, ma sterile.
(Luigino Bruni)

Ognuno di noi vive di piccole o grandi idolatrie, ma la strada che porta a Dio passa per un amore esclusivo a Lui.
(Papa Francesco)

Gli uomini tendono sempre a costruirsi idoli per sbarazzarsi della fatica di servire l’eterno e consegnarsi passivamente a semplice datità.
(Pavel Florenskij)

Cobain: morto a 27 anni idolo delle folle.
Io a 27 anni: idolo di mia zia per la mia imitazione di Pippo.
(Diodeglizilla, Twitter)

Quando i nostri idoli cadono dagli altari, i lividi ce li facciamo noi.
(Paolo Poli)

Gli uomini cercano sempre Iddio e trovano sempre un idolo.
(Richard Hugo)

Mi sono guardato bene dal fare della verità un idolo; ho preferito lasciarle il nome più umile di esattezza.
(Marguerite Yourcenar)

Gli idoli dell’uomo moderno avido, alienato sono la produzione, il consumo, la tecnologia, lo sfruttamento della natura. Quanto più ricchi sono i suoi idoli, tanto più l’uomo si impoverisce. Invece della gioia egli va in cerca di piacere e di eccitamento; invece di crescere cerca possesso e potere; invece di essere, egli persegue avere e sfruttamento; invece di ciò che è vivo sceglie ciò che è morto.
(Erich Fromm)

Ho veduto la gente sacrificare giovinetti e vergini ai piedi di questo idolo, e chiamarlo Dio; mescere vino e profumi ai suoi piedi e chiamarlo Re; bruciare incenso dinanzi alla sua immagine e chiamarlo Profeta; inginocchiarglisi davanti, adorarlo e chiamarlo Legge; combattere e morire per esso e chiamarlo Patriottismo
(Khalil Gibran)

Ogni uomo ha il suo Dio, ha cioè un valore supremo in base al quale egli giudica ogni cosa, in base al quale egli si orienta praticamente, per il quale, in caso estremo sacrifica tutto. E se questo non è il vero Dio, allora è un qualche idolo, un idolo vecchio o un idolo nuovo: denaro, carriera, sesso, divertimento – tutte cose di per sé non cattive, ma che non debbono prendere il posto di Dio, se si vuole che l’uomo non venga reso schiavo.
(Hans Küng)

Senza l’amore per i fratelli, Dio diventa un idolo. La preghiera solo un monologo. La fede, una sorta di superstizione.
(Don Dino Pirri)

L’arte del governo è l’organizzazione dell’idolatria.
(George Bernard Shaw)

La burocrazia è costituita da funzionari; l’aristocrazia, da idoli; la democrazia, da idolatri.
(George Bernard Shaw)

I fabbricatori di idoli sono tutti vanità e le loro opere preziose non giovano a nulla; ma i loro devoti non vedono né capiscono affatto e perciò saranno coperti di vergogna.
(Isaia, Antico Testamento)

Non ti farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io, il Signore, sono il tuo Dio, un Dio geloso.
(Esodo, Antico Testamento)

La superstizione trasforma la divinità in idolo, e l’idolatra è molto più pericoloso perché è un fanatico.
(Johann Gottfried von Herder)

Liberami ancora, Signore, dalla schiavitù del possesso, dal delirio del potere, dall’inganno di ogni idolatria.
(Don Dino Pirri)

Gli idoli di legno, indorati e argentati, sono una menzogna; a tutte le genti e ai re sarà evidente che essi non sono dèi, ma lavoro delle mani d’uomo e che sono privi di ogni qualità divina. A chi dunque non sarà evidente che non sono dèi?
(Libro di Baruc, Antico Testamento)

L’invenzione degli idoli fu l’inizio della prostituzione, la loro scoperta portò la corruzione nella vita. Essi non esistevano al principio né mai esisteranno. Entrarono nel mondo per la vanità dell’uomo, per questo è stata decretata per loro una rapida fine.
(Libro della Sapienza, Antico Testamento)

Gli idoli delle genti sono argento e oro, opera delle mani dell’uomo. Hanno bocca e non parlano, hanno occhi e non vedono, hanno orecchi e non odono, hanno narici e non odorano. Hanno mani e non palpano, hanno piedi e non camminano; dalla gola non emettono suoni. Sia come loro chi li fabbrica e chiunque in essi confida.
(Salmi, Antico Testamento)

Un fabbricante di idoli non è mai un idolatra.
(Proverbio cinese)

Idolatra. Chiunque professi una religione che non condividiamo e la cui simbologia si differenzi nettamente dalla nostra.
(Ambrose Bierce)

L’idolo è un inganno, perché distoglie dalla realtà chi lo serve per confinarlo nel regno dell’apparenza. Ora, non è questa una tentazione propria della nostra epoca, che è la sola sulla quale noi possiamo agire efficacemente? Tentazione d’idolatrare un passato che non esiste più, dimenticandone le carenze; tentazione d’idolatrare un futuro che non esiste ancora, credendo che l’uomo, con le sole sue forze, possa realizzare la felicità eterna sulla terra!
(Papa Benedetto XVI)