Scrittori di aforismi su Twitter, Micalapo

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @Micalapo (Lampostil). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autore scrive di sé: “Bolognese d’Adozione, in provincia di Bologna. Nella vita offline faccio il giornalista, ma per non deludere mia madre le ho detto che sono disoccupato. Da piccolo dicevo che da grande avrei voluto colorare. Ma in casa c’erano solo biro, per cui mi sono accontentato di scrivere”.

@Micalapo si è iscritto a Twitter nell’ottobre 2011. “Scrivo su Twitter per ammazzare l’attesa tra il caricamento di una pagina web e l’altra. Sapete com’è, ho Internet Explorer”. E a proposito del suo account Lampostil, aggiunge: “Ho scelto Lampostil, perché, almeno qui, voglio vivere a colori”.

In un suo tweet @Micalapo riflettendo sulla scrittura di Twitter dice “Con parole diverse In momenti diversi A persone diverse Con umori diversi ma diciamo sempre LE STESSE COSE”, e forse questo è vero. In fondo anche nella timeline dell’autore ci sono i soliti temi ricorrenti di Twitter come il divano, i selfie, il lunedì, l’antagonismo uomo-donna, l’alcol e così via, ma quello che colpisce è il modo originale con cui questi temi vengono trattati.

I tweet di @micalapo sono un susseguirsi di concettuali, inarrestabili, magnifici paradossi, giochi linguistici, spaccati di irrealtà che ogni volta ci colpiscono per la loro originalità. Non sono sempre e solo battute, ma capovolgimenti improvvisi, sia a livello di linguaggio che di senso. Certi giochi di parola (che anche l’autore crea come “Verba volant, congiuntiva manco decollant”) finiscono per diventare delle vere e proprie invenzioni visive come: “Fa così caldo che mi appiccica il polpastrello allo schermo del telefffffffffffffffffffffffffffffff” o “Ei fu si co me si sb loc ca la bar ra spa zia tri ce?”.

In questo repertorio di invenzioni pirotecniche, @Micalapo crea paradossi concettuali come questo “I cani sono meglio degli umani che dicono che i cani sono meglio degli umani” (dove la frase potrebbe andare avanti all’infinito come in un gioco di specchi) oppure scardina il senso smontando e rimontando le parole: “- Non per vantarm… • Già detto – In un mondo parall… • Già detto – Moriremo senza sap… • Già detto – OLUCNAF! • Otted áig. .”. O si veda anche questa specie di elastico logico che finisce con una conclusione imprevedibile: “Vi ho mai raccontato di quella volta che volevo raccontarvi di questa volta ma non essendo ancora accaduta non ho potuto raccontarvela?”

In questa scrittura “divergente” e “paradossale”, il filo conduttore è l’ironia dell’autore, un ironia oscillante tra lo scetticismo di chi guarda il mondo agitarsi inutilmente e la presa di coscienza che le debolezze del mondo sono anche le proprie. Come scrive in un suo tweet: “Datemi un pigiama e vi guarderò dal divano mentre sollevate il mondo”.

Presento una raccolta dei migliori tweet di @Micalapo

**

@Micalapo, Tweet scelti

Verba volant, congiuntiva manco decollant.

– Ho saputo che ti sei iscritto all’Università
• Già
– Facoltà?
• Filosofia
– E dopo la laurea che farai?
• Il rinfresco.

Son tutti Rubik, col cubo degli altri.

VAI IN FERIE QUEST’ANNO?
A) Sì, nella migliore spa d’Italia
B) Sì, nella migliore isola caraibica
IO) Sì, nella migliore delle ipotesi

Si chiama “guardaroba” perché passi ore a guardar la roba che contiene per poi metter la solita felpa marcia sulla spalliera della sedia.

Ho voluto fidarmi di Orietta Berti che dice “quando l’amore viene il campanello suonerà”
A ottobre mi sposo con un corriere Bartolini.

Se volevo vivere sulle spalle degli altri, nascevo pappagallo.

Siete più contraddittori del Futuro Anteriore.

Siamo talmente bombardati di programmi di cucina che ieri un mio vicino si è suicidato tagliandosi le vene alla julienne.

– Scusa, ti va di sottoscrivere una campagna contro il bipolarismo?
• NO, dove devo firmare?

– Che hobby avevi da ragazzo?
• Fumetti.
– E poi?
• Smettei.

– Ti amo.
• Faccio un giro di preventivi e poi ti dico.

“Ti lascio perché stai correndo un po’ troppo”
– Ex di Bolt –

Grazie per il follow! Se ti va, seguimi anche in garage che c’ho una lavatrice rotta da portare in discarica e da solo non riesco.

Chi mangia:
– il kebab senza cipolla
– il prosciutto senza grasso
– la pizza senza mozzarella
si merita una MOGLIE SENZA FIGA.

Non date la colpa al sudore.
Siete viscidi anche d’inverno.

Son campione olimpico nel rovinare volontariamente le foto altrui piazzandomi all’improvviso dietro le coppiette che si fanno i selfie.

La vita è un fantastico viaggio in cui quando ti sta scoppiando la vescica il primo wc pubblico è nell’emisfero opposto al tuo.

Questa cosa dei colleghi che al rientro dalle ferie ESISTONO deve finire.

Al bar sono quello che passa tra i tavoli a finire le birre degli altri.

Meglio noto come l’Abominevole Uomo del “Le bevi?”

Tra i pittori francesi celebrano tanto Cézanne o Matisse, eppure nei musei la stanza più affollata è sempre quella di Toilette.

• Guarda papà, ci sono delle dita dei piedi in movimento!
– Calmati figliolo, si tratterà di allucinazione
• E IO CHE HO DETTO??

Mai discutere con un poeta del twitter: ti trascina al suo livello poi ti affoga nel mare dentro.

Fa talmente caldo che non rivolgo apposta la parola alle persone per non rompere il ghiaccio.

Pigrizia: Netflix
Gola: IG
Invidia: FB
Ira: Twitter
Avarizia: Amazon
Lussuria: Tinder
Superbia: Linkedln
Lavorare: Mai

Fa così caldo che mi appiccica il polpastrello allo schermo del telefffffffffffffffffffffffffffffff

Da come siete cresciuti, i vostri genitori da piccoli non vi hanno seguito.
Vi hanno defollato.

Dietro una tastiera sembriamo tutti intelligenti.
Se poi non ci digitiamo sopra, ancor di più.

– Hai una sigaretta da offrirmi?
• Finite, mi spiace
– Ma se hai il pacchetto pieno!
• Sì, ma ho finito quelle da offrire.

Passeremo a miglior vita perché se aspettiamo che passi lei da noi ciao.

È iniziato ufficialmente il periodo dell’anno in cui iniziano ufficialmente un sacco di periodi dell’anno.

• Levami una curiosità, Cielo
– Dimmi
• Sei contento di essere il protagonista del libro più famoso di Moccia?

• Da quant’è che non fai sesso?
– Che ore sono?
• Le 16.35
– Dodici anni.

Bei tempi quando lo smartphone che tenevamo in mano 24 ore su 24 non suonava ed era di carne.

A barolo siamo bravi tutti.

Se si annoda i capelli e s’inginocchia per togliere una macchia dal pavimento, non è quella giusta.
Ma ci sta che ti fossi illuso.

– Caro, una notizia buona e una cattiva
• Vai con la buona
– Puoi esultare: non sono incinta
• EVVAIII!! E la cattiva?
– Sto scherzando.

Ci ricorderanno come la generazione da non ricordare.

Non ho mai fatto la ceretta total body, ma dicono che come sensazione sia simile alla rimozione del pigiama il lunedì mattina.

Siediti con me: ti offro la metà asciutta del bicchiere mezzo pieno.

– Ti piace bere?
• Vin troppo.

Sei la persona giusta al momento non m’interessi grazie.

– Qual è il tuo piatto preferito?
• Quello di carta, così non devo lavarlo.

– Non ti ho visto ieri sera, dov’eri?
• Bocconi
– Festa di laurea?
• No, sul pavimento con 2 mojito e 4 long island in corpo.

Il vostro parere è molto importante per me, perché mi restituisce quella serenità che serve per prendere la decisione opposta.

Donne difficili dentro costumi facili.

Mio nonno si è fatto i cazzi suoi ed effettivamente è campato quasi cent’anni.
Però al funerale non c’era nessuno.

Siete la prova vivente che la prova può essere anche morente.

Si torna sempre dove si è riusciti a far passare un’immagine di noi che ci gratifica

Il fondo del barile dice che potete smettere di raschiare perché avete già iniziato a scrostare il pavimento.

– GIÀ TE NE VAI?
• Lo so scusate, ma stasera devo andare a letto presto che domani devo alzarmi tardi.

Era una persona generosa.
Mandava piselli in DM, ma già sgusciati.

Non per criticare, ma leggendo le battute sui pianeti scoperti dalla Nasa, il livello è davvero Terra Terra Terra Terra Terra Terra Terra.

Specchio, specchio delle mie brame,
COME FANNO I VEGANI SENZA SALAME?

Vivi ogni giorno come fosse il penultimo.
Perché l’ultimo tra saluti, pianti, le promesse, le cose, in genere è un po’ dispersivo.

Dio li fa, poi per l’assistenza esternalizza tutto a Houston.

Il mio nutrizionista dice che se continuo così, tra un paio d’anni avrò i numeri giusti per sfondare nel mondo dell’obesità.

Vi ho mai raccontato di quella volta che volevo raccontarvi di questa volta ma non essendo ancora accaduta non ho potuto raccontarvela?

State calmi, che se qualcuno per scherzo vi ruba il caricabatterie smettete di esistere.

– Cosa fai a San Valentino?
• Gli spacco l’aureola.

– Sei l’uomo che ogni donna vorrebbe al suo fianco
• Per essere felice?
– No, per spingere il carrello.

Si tatuano “ALL NIGHT LONG” poi l’ultima seratona che han fatto è il torneo rionale di Scala 40 disputato in tuta con sotto il pigiama.

Sei la Donna che cercavo da una vita e che continuerò a cercare perché tu hai preferito andare con l’altro che ce l’ha più lungo.

Non ci si improvvisa costruttori di arche.
Ci vuole un certo knoè how.

Sto sgombrando la parte in cui avevo messo l’arte per metterci un frigo bar.

Sesso, droga e stelline in brodo.

Sei la cosa più bella che mi potesse capitare di schivare.

Non trovate che la parola PUSH sia un po’ “spinta”?

Se twitter è lo specchio della società, passatemi il Vetril.

– Posto più assurdo dove l’hai fatto?
• Lavatrice
– Capirai, sopra la lavatrice ormai è un classico
• No sopra: dentro.

-Come va?
•Come vuoi che vada?
-Non si risponde a domanda con domanda
•Dove sta scritto?
-Cosa?
•Non si risponde a domanda con domanda.

I cani sono meglio degli umani che dicono che i cani sono meglio degli umani.

Con parole diverse
In momenti diversi
A persone diverse
Con umori diversi
ma diciamo sempre LE STESSE COSE.

Divorato dall’ansia, non ho retto e ho sbirciato l’inizio del 2017:
TRANQUILLI RAGHI, IL DIVANO C’È.

Almeno una volta l’anno penso che una visita ai parenti sia giusto farla.
Domattina telefonerò al Cup per prenotarla.

– Bella Fedez, ci sei a Capodanno?
• No mi spiace: sono a letto con l’influencer.

Se siamo tutti d’accordo, possiamo partire:

MENO 118.400
MENO 118.399
MENO 118.398
MENO 118.397
MENETORNOALETTO, SCUSATE.
#Capodanno

Ei fu si co me si sb loc ca la bar ra spa zia tri ce?

Mi fate suonare il cellulare, che sono a tavola con gente taciturna e mi serve un rumore per scoreggiare?

– Dimmi la verità: secondo te son bravo a tingermi i capelli?
• Abbastanza, ma hai grossi margini di ricrescita.

Quelle donne perfette,
che scaldano il cuore, ti ardono in petto, ti incendiano l’anima e ti bruciano la frizione.
La terza, in 6 mesi.

Uso i selfie di voi appena svegli per ammansire il cane dei vicini.

Le unghie sulla lavagna hanno un suono fastidioso, ma anche la successione di fonemi che compone la frase “FERIE FINITE” non scherza.

Certo che chiamarsi Damocle doveva essere una bella spada di Damocle per Damocle.

– La conobbi una sera a casa da amici e capii subito che era una donna intelligente.
• Perché?
– Andò con un altro.

Educarne uno, per andare a bere in due.

Tu scendi dalle stelle.
Io cado dalle nuvole.
Facciamo il viaggio insieme così smezziamo i costi?

– E tuo marito dov’è?
• Si sta dedicando al dolce…
– BEATA TE! il mio in cucina non muove un dito…e che dolce è?
• Far niente.

T’appisoli 20min al sole senza protezione e ti svegli che la vicina d’ombrellone sta scaldando biberon del figlio sulla tua schiena.

• Che materia porta?
– INPS
• Enunci la 1° Legge della Previdenza
– “All’aumentare del n° di anni, la distanza dalla pensione non cambia”

Anch’io amo leggere Niezt…leggere Nictz…Niechz…PER QUANTO ULTIMAMENTE HEGEL MI APPASSIONA DI PIÙ.

Vi meritate uno che si merita una come voi.

“Un consiglio in meno, un buon esempio in più, grazie”
Staff

Anch’io pensavo si scrivesse:
– Qual’è
– Un’ottimo
– Sta sera
A SETTE ANNI PERÒ

Il lunedì mattina non importa se sei leone o gazzella.
L’importante è che tu sia un animale fondamentalmente taciturno.

Volevo dire una cosa al neo-ex della mia ex:
Se era buona, me la tenevo io.

– Sei bravo a letto?
• Mi rigiro un po’ all’inizio, ma appena prendo sonno non mi muovo tutta notte.

Ormai con il sesso si consumano più tunnel carpali che calorie.

Ai prossimi 50 che mi seguiranno, in regalo l’ecografia delle mie ghiandole sudoripare.

Quando fate vacanza di coppia non esagerate con le foto ai paesaggi, altrimenti si capisce che avete la fidanzata cessa.

– Posizione preferita?
• Seduto
– Con lei sopra?
• No, con lei da sua madre.

Datemi un pigiama e vi guarderò dal divano mentre sollevate il mondo.

Non condivido le tue idee, ma darei la vita per permetterti di esprimerle mentre inforni le lasagne.

Non condivido le tue idee, ma il problema non si pone perché ne sei totalmente privo.

– Pratichi sport?
• Sci
– Da quanti anni?
• Scei. Ma non ti interescia sciapere quale?

Sabato Italiano
LEI
•Lava
•Stende
•Stira
•Annaffia
•Spolvera
•Cucina
•Intonaca i muri
LUI
•Fa la formazione di Fantacalcio, cagando

– Non per vantarm…
• Già detto
– In un mondo parall…
• Già detto
– Moriremo senza sap…
• Già detto
– OLUCNAF!
• Otted áig.

– Amò, ho una notizia buona è una cattiva…da dove inizio?
• Scegli tu
– Vabbè, vado con la prima: TI LASCIO
• Ok. E quella cattiva?

Vivi ogni giorno come se fosse il primo dopo l’accredito dello stipendio.

La donna è un uomo con 6 mani in più.

– Babbo, cos’è il riscaldamento globale?
• Mangiare una caldarrosta mentre ti spalmi l’Autan, figliolo.

Se è quella giusta, vi ha confuso con un altro.

– La prima domanda che le fai dopo aver fatto sesso?
• Come hai detto che ti chiami?

Prima che il gallo canti, mettetegli al collo una corona di rosmarino e vedrete che un mezzo abbassamento di voce gli viene.

Non mi sono mai sbattuto più di tanto per vincere il Nobel perché tanto le mensole del salotto son già tutte occupate.

“Mi sembri un tipo più intelligente della media”
“Ti ringrazio, ma il merito non è mio: è della media”

Riprenditi pure le tue pillole, Saggezza.
Vado di birra.