I proverbi lombardi più belli e famosi

Presento una raccolta dei proverbi lombardi più belli e famosi. Sono modi di dire, detti e proverbi che esprimono una sapienza millenaria e che riescono a descrivere, con poche parole, gli ambiti più diversi dell’esperienza e saggezza lombarda. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi su Milano, I Proverbi veneti più belli e famosi e Proverbi romani e detti romaneschi.

**

I proverbi lombardi più belli e famosi

El mond l’è mezza de vend e mezz de comprà
Il mondo è metà da vendere e metà da comprare.

Ne a l’ustaria ne in lecc se diventa vecc.
Né in osteria né a letto si diventa vecchi.

L’aqua la fa mal, la bev dumà la gent de l’uspedal.
L’acqua fa male, infatti la bevono in ospedale.

Laurà cun legria, l’è ‘l mej mestéè che ga sia.
Lavorare con allegria, è il più bel mestiere che ci sia.

Andar in còlara l’è da om, stàragh l’è da bestia.
Andare in collera è da uomo, starci è da bestia.

Ciàpèn da chi che’l piàns e daghèi a chè’l che’l grègna.
Prendi soldi a chi si lamenta e danne a chi sorride.

A’ sto mund gh’è tre qualità de becch: becch cuntent, becch rabient, becch innucent.
Al mondo ci sono tre tipi di cornuti: il contento, il rabbioso e l’ignaro.

Se l’invidia la fuss un mal, tutt al mond al sariss un uspedàl.
Se l’invidia fosse un male, tutto il mondo sarebbe un ospedale.

De matt ghe n’è de trii sort: matt propi, matt che fa de matt, matt che fa deventà matt.
Di matti ce ne sono di tre tipi: quelli veri, quelli che fingono di esserlo, quelli che fanno diventare matti.

Al dutur e al cunfessur bisogna dich tuscoss.
Al medico e al confessore bisogna dire tutto.

La boca i ghe l’à toeucc, el co i ghe l’à poc.
La bocca l’hanno tutti, la testa in pochi

Pöi l’è r’fradé d’moi.
Poi è il fratello di mai.

Cent amis de spess hin pocch, on nemis l’è semper tropp.
Cento amici spesso sono pochi, ma un nemico è sempre troppo.

I dané i han fa de carta per fai vulà e i han fa rutund per fai birlà.
I soldi li hanno fatti di carta per farli volare e li hanno fatti rotondi per farli girare.

I cinch ghei i è ul princìpi del milion.
I cinque centesimi sono l’inizio del milione.

La mama l’è na cuèrta de lana.
La mamma è una coperta di lana (cioè la mamma dà calore e protezione)

Quell che te ghe insegnet al tò fioeu, te ghe’hee insegnet al fioeu del tò fioeu.
Quanto insegni a tuo figlio, lo insegni al figlio di tuo figlio.

A perdonà ai cattiv se fa tort ai bon.
A perdonare ai cattivi si fa torto ai buoni.

El var pussé una giurnada de suu de masc che ‘l Dom de Milan.
Vale di più una giornata di sole di maggio che il Duomo di Milano.

Per scampà on pezz ghe voeur bon zòccor, bon broccol, bon capél e pocch cervell.
Per vivere a lungo occorrono buoni zoccoli, buoni broccoli, buon cappello e poco cervello

Mesterasc, danerasc.
I mestieri che non vuol fare nessuno sono quelli più redditizi.

Va scuà l mar.
Va a spazzare il mare (cioè vai a perder tempo altrove).

Al povrét agh manca tant, a l’avar agh manca tut.
Al povero manca tanto, all’avaro manca tutto.

A’ndà s’bèca, a stà a cà l’sèca.
Ad uscire si rimorchia, a stare a casa rinsecchisce.

Al calt del lensòl ‘l fa mia buì al paròl.
Il caldo del lenzuolo non fa mica bollire l’acqua nella pentola

Per spusass ghe vôr: lüu, lée e anca la bursa di danée.
Per sposarsi occorrono: lui, lei e anche la borsa dei soldi.

Cent’an de murùs, gnanca un dé de spus.
Sono meglio cento anni da fidanzati che un un solo giorno da sposati.

Chi sent e tas el mantée la pas.
Chi sente e tace mantiene la pace.

Ul cafè al va bevu sbruient, sedent e per nient.
Il caffè va bevuto bollente, seduti e senza motivo.

Amùr de fradèi, amùr de cortèi.
Amore di fratelli, amore di coltelli.

Tre coss impossibel: fa tasè i donn, fa corr i vecc, fa sta fort i bagaj
Tre sono le cose impossibili: far tacere le donne, far correre i vecchi, tenere fermi i ragazzi.

Chèl che l’sà a l’laùra, chèl che l’sà mìa l’insègna.
Chi sà lavora, chi non sa insegna.

El vin l’è la teta di vecc.
Il vino è la mammella dei vecchi.

La bóca l’è la cumudità de la zét.
La bocca è la comodità della gente (cioè con la bocca puoi raccontare quello che ti fa più comodo)

Scampa vecc chi cura pussé el stomegh che la bocca.
Diventa vecchio chi cura più lo stomaco che la bocca.

Dopo la quarantìna ü dulùr ògne matìna.
Dopo i quarant’anni un dolore ogni mattina.

I sbaja pò i précc a dì mèsa.
Sbagliano anche i preti a dire messa.

In d’una cà i sta bè duma tri done: Ona viva, ona morta e ona piturada in su la porta.
In una casa stanno bene solo tre donne: una viva, una morta e una disegnata sulla porta.

A dés agn l’è ü s-cèt, a vint agn l’è ü paù, a trènt agn l’è ü leù, a quaranta l’è ü béstiù, a sinquanta l’è ü volpù, a sessanta l’è ü capù, a setanta l’è ü s-cetù, a otanta l’è ‘n del balù.
L’uomo a 10 anni è un ragazzo, a 20 è un pavone, a 30 è un leone, a 40 è un bestione, a 50 è un volpone, a 60 è un cappone, a 70 è un ragazzone, a 80 è nel pallone.

Chi nass bella, nass maridada.
Chi nasce bella nasce sposata.

Padrùn cumanda, cavàll tròtta.
Padrone comanda, cavallo trotta (cioè ognuno deve avere il suo ruolo)

Bèl tép e bèla zét no i stoeufa mai.
Il bel tempo e la bella gente non vengono mai a noia.

Pecàt confessàt, l’è més perdonàt.
Peccato confessato è mezzo perdonato

A dientà ècc, a s’diènta s-cècc.
Diventando vecchi si diventa bambini.

Pan vin e gnocca, e s’el voeur fioccà, ch’el fiocca
Pane vino e donna, e se vuol nevicare che nevichi.

La cunsulasion d’un dasprad l’e’ ved un altor anda’ in malura
La cosolazione di un disperato è vedere un altro andare in malora

Dané fà dané, pioecc fa pioecc.
Soldi fan soldi, pidocchi fan pidocchi (Cioè chi ha più soldi più guadagna)

La tropa cunfidenza la fa perd la riverenza.
La troppa confidenza fa perdere il rispetto.

Súra glòria, sóta misericòrdia.
Sopra gloria, sotto miseria (cioè la ricchezza ostentata nasconde miseria)

El prim ann a brazz a brazz, el segond pattej e fass, el terz ann cuu a cuu, el quart ann quant’è mai t’hoo cognossuuù
Il primo anno a braccetto, il secondo fasce e pannolini, il terzo schiena a schiena, il quarto quando mai ti ho conosciuto.

Chi sùmena spin al vaghi miga a pé biòt.
Chi semina spine non vada a piedi nudi (cioè chi semina zizzania deve poi sopportarne le conseguenze)

Quando i nass i è töi bèi, quando i se spûza i è töi sciòrr, quando i mör i è töi bràe.
Quando si nasce si è tutti belli, quando ci si sposa si è tutti ricchi, quando si muore si è tutti bravi.

Mangia pòcch, mangia pian, va de lontan se semper allegher se te voeuret staa san.
Mangia poco, mangia piano, vai lontano e sii sempre allegro se vuoi star sano.

Chi volta el cuu a Milan le volta al pan
Chi volta le spalle a Milano, le volta al pane

Pret e pij hin mai sagoj
Preti e polli non sono mai sazi.

rdel bé, àrdel toet, l’òm sensa palànche com’a l’è broet.
Guardalo bene, guardalo tutto, l’uomo senza soldi com’è brutto.

Mè crèt a metà de chèl che s’vèt e a negót de chèl che s’sènt
Bisogna credere a metà di quello che si vede e a niente di quello che si sente.

Persagh, fich e mlon tòti bon ala sò stagion.
Pesche, fichi e meloni sono buoni alla loro stagione.

Faa e desfaa l’è tutt on lavorà.
Fare e disfare è tutto un lavorare.

La bocca l’è minga stracca se la sa nò de vacca.
La bocca non è stanca se non sa di mucca (cioè un pranzo deve terminare sempre con un pezzo di formaggio)

L’è mèi ü rat in bóca al gat, che ün òm in mà a ün aocàt.
È meglio un topo in bocca ad un gatto, che un uomo in mano ad un avvocato.

Con l’art e con l’ingann se viv mitaa de l’ann, e con l’ingann e con l’art se viv anch l’oltra part
Con l’arte e con l’inganno si vive mezzo anno, e con l’inganno e con l’arte si vive l’altra parte

Busej e giurament, de solit i è parent.
Bugie e giuramenti, di solito sono parenti.

La pressa l’è buna de ‘nda al cess quand che la scapa.
La fretta è buona per andare al gabinetto quando scappa.

En dòe ‘l pàsa èl bèèr el va fö la sapiènsa.
Dove entra il bere, se n’esce il sapere.

A fa l’ost ghe voor tri ròb: la dòna bèla, el vin bun e l’òmm cuiun
Per fare l’oste ci vogliono tre cose: la donna bella, il vino buono e l’uomo coglione.

Nò iè proerbe, se nò iè proàcc
Non sono proverbi, se non sono provati.

Ul ben dal padrun l’è cumè al vin in dal fiasch: incoeu l’è bun duman l’è guast
La riconoscenza del padrone è come il vino nel fiasco: oggi è buono, domani è guasto.

Al dé de ‘ncö gh’è piö tante tràpole che ratt.
Oggi ci sono più trappole che topi.

La buna femna la fa la cà e la mata la fa desfà.
La buona femmina fa la casa e la matta la disfa.

Chi bén compra, bén vend.
Chi bene compera, bene vende.

L’amor sénza barùfa al fè la mufa.
L’amore senza baruffa fa la muffa.

La matìna l’è la regiura del fà.
La mattina è la madre del fare.

La roba bonna l’è mai pagada assé.
La roba buona non è mai pagata abbastanza.

Pan d’un dì, vin ad n’an e na vècia ad disdòt an
Pane di un giorno, vino di un anno ed una vecchia di diciotto anni.

A vend per el besogn se ghe perd semper.
A vendere perché se ne ha bisogno ci si perde sempre

I danè guadagnà senza sudur, se spénden senza dulur.
I soldi guadagnati senza sudore si spendono senza dolore

L’è dificil trovà el medich de la malattia de l’amór.
È difficile trovare il medico per la malattia dell’amore.

L’è mèj vess amis d’un sciur avar che d’un puarett generus.
E’ meglio essere amico di un ricco avaro che di un poveretto generoso.

Visin, spin.
Vicini, spine (cioè il rapporto coi vicini è spesso difficile)

Chi sa el latin el loda l’acqua e el bève l vin
Chi sa il latino loda l’acqua ma beve il vino.

A spià i afari di olter se fa ben i soeu.
A spiare gli affari degli altri si fanno bene i propri.

La roba truvada e minga restituida l’è mezza rubada.
La roba trovata e non restituita è mezza rubata.

Parecc del gal foera di bal, parecc dela galina toecc in cantina.
Parenti del gallo fuori dai… piedi, parenti della gallina tutti in cantina.

La fomna zùena e l’om ècc impinìss la ca de scecc.
La donna giovane e l’uomo vecchio riempiono casa di bambini.

Amur e gelusia se fann sémper cumpagnia.
Amore e gelosia si fanno sempre compagnia.

La belezza di donn l’è in di oeucc di òmen.
La bellezza delle donne è negli occhi degli uomini.

Pòver e vécc, nu gh’è de pécc.
Povero e vecchio, non c’è di peggio.

El riss el nass in l’acqua e el moeur in del vin.
Il riso nasce nell’acqua e muore nel vino.

L’amur l’è orb.
L’amore è cieco.

Stomegh voeuj, cervell slavàa
Stomaco vuoto, cervello slavato.

Var mia cur, basta rivà in temp.
Non serve correre, basta arrivare in tempo

Quando l’ taca a ‘gnì ol pil grisì, lassa la fónna e taches al vi.
Quando inizia a diventare il pelo grigio, lascia la donna e attaccati al vino.

Magna, bef e tas, s’at vö vivar in pas.
Mangia, bevi e taci se vuoi vivere in pace.

Per gram che ‘l sìes un mestée, ‘l porta l danée.
Per gramo che sia, un mestiere porta comunque soldi.

Pulènta frègia, strachì che spössa l’è la baüssa di milanéss
Polenta fredda e stracchino puzzolente ingolosiscono i milanesi.

Pöta da ostér, caala da malghéss, aca da urtulana, porca da mulenér, lassàghele a chi gh’j-à
Ragazza da osteria, cavalla da malghese, mucca da ortolana, porca del mugnaio, lasciarle ai loro padroni.

La vitta l’è on bòof.
La vita è un soffio.