Le frasi più belle di Pino Daniele

Pino Daniele (Napoli, 19 marzo 1955 – Roma, 4 gennaio 2015), è stato un cantautore napoletano conosciuto in tutto il mondo, uno dei più grandi musicisti di sempre.

Presento una raccolta delle frasi più belle di Pino Daniele. Tra i temi correlati si veda Le frasi più belle di Fabrizio de André, Le più belle frasi di John Lennon, Le più belle frasi di Bob Marley e Le frasi più belle di Vasco Rossi.

**

Le frasi più belle di Pino Daniele

Abbracciami perché mentre parlavi
Ti guardavo le mani
Abbracciami perché sono sicuro
Che in un’altra vita mi amavi
Abbracciami anima sincera
Abbracciami questa sera
Per questo strano bisogno
Anch’io mi vergogno.
(Che male c’è, 1997)

Che male c’è
Che c’è di male
Se la mia vita ti appartiene
Ed è normale
Che male c’è
Che c’è di male
Se chiudo gli occhi
Ed insieme a te
Sto così bene
(Che male c’è, 1997)

Se mi guardi con gli occhi dell’amore
non ci lasceremo più
inganneremo il tempo e il dolore
sia l’estate che l’inverno.
E cambieremo il mondo ogni volta che vuoi
e fermeremo il mondo ogni volta che vuoi.
Perché non so che dire quando mi guardi così
non riesco mai a finire un discorso senza errori
perché mi fai impazzire quando mi guardi così
mi sembra di capire
che voglio solo te in questo mondo.
(Amore senza fine, 1998)

Noi che abbiamo un mondo da cambiare, mmh
Noi che ci emozioniamo ancora davanti al mare
Anna verrà
E sarà un giorno pieno di sole
E allora sì ti cercherei
Forse per sognare ancora.
(Anna verrà, 1989)

Cose inutili da fare
cose inutili da dire
Quante cose inutili
che abbiamo nella testa
ma il tuo sorriso resta.
(Sara, 2001)

Io ci sarò ad alzare il vento,
pensaci bene e poi fai posto al sentimento.
(Io ci sarò, 1984)

Lo sai che sulle nuvole
tutto diventa possibile
e non ci sono né paure né confini
e la mente non ha più limiti.
(Io vivo tra le nuvole, 2009)

Occhi che sanno cercare
anche quello che non c’è
e ci fanno confessare
tutto quello che vorremmo avere.
(Occhi che sanno parlare, 2005)

Ma po’ ce stai tu
Che quando ridi e m’abbracci
Num m’o scordo cchiù.
(Vita mia, 1987)

E a volte credo di star bene
pensando a quello che mi conviene
dimentico il mondo che respira
per averti vicina
(Anima, 1995)

Se la mia fede
È solo in quello che si vede
Forse i miei sogni
Nessuno mai li fermerà
(E allora portami via, portami via)
Portami via
Portami via con te
In questa lucida follia
(Anema e còre, 2008)

Tu dimmi quando, quando
Non guardarmi adesso amore
Sono stanco
Perché penso al futuro
Tu dimmi quando, quando
Siamo angeli che cercano un sorriso
Non nascondere il tuo viso
Perché ho sete, ho sete ancora, ho sete ancora
Tu dimmi quando, quando
Ho bisogno di te almeno un’ora
Per dirti che ti amo ancora.
(Quando, 1993)

Tanto l’aria s’adda cagna’.
(Quanno chiove, 1980)

E vivrò, sì vivrò
Tutto il giorno per vederti andar via
Fra i ricordi e questa strana pazzia
E il paradiso, che forse esiste
Chi vuole un figlio non insiste
(Quando, 1993)

je so’ pazzo je so’ pazzo
ho il popolo che mi aspetta
e scusate vado di fretta
non mi date sempre ragione
io lo so che sono un errore
nella vita voglio vivere
almeno un giorno da leone
e lo Stato questa volta
non mi deve condannare.
(Je so’ pazzo, 1979)

Io per lei
Ho due occhi da bambino
Se sei tu il mio destino
Allora portami via
Io per lei
Ho deciso di cambiare
Di smettere di rovinare
Sempre tutto per colpa della solitudine
Di questa solitudine
(Io per lei, 1995)

Se tu fossi quì
Non mi nasconderei davanti
Agli occhi tuoi
Ti direi quello che non
Ti ho detto mai
Sceglierei i momenti giusti da ricordare
(Stare bene a metà, 1997)

Ci vuol talento per chiamarlo amore
Se chiudi gli occhi ti scoppia il cuore
E allora resta, resta cu’ mme’
Qui sul mio cuore.
(Resta cu’ mme’, 1995)

Vivrò così
Cercando un senso anche per te.
(Voglio di più, 1980)

Io che non seguo il mio cuore
perché so già dove mi porterà
fra milioni di persone
lui ha scelto te, e non ti tradirà.
(Dubbi non ho, 1997)

I te pens accusi, per ore e ore
I te voglie accussì, te voglie ancora e si chest nunn’è amore
ma nuje che campamme a ffà e se chiove o jesce o sole
je te vogli pensà
pecchè senza ‘e te nun sò niente !
(Senza ‘e te, 2001)

Io non voglio indifferenza
Voglio più coscienza.
(Tempo di cambiare, 2001)

Vorrei rubare per un’ora
qualche sorriso e qualche storia però
il tempo sta cambiando
Schizzechea
(Schizzechea, 1988)

Napule è mille culure
Napule è mille paure
Napule è a voce d’ ‘e criature.
(Napule è, 1977)

Napule è na’ camminata, inte e viche miezo all’ ato
Napule è tutto nu’ suonno e a sape tutto ‘o munno
Ma nun sann’ a verità
Napule è mille culure, Napule è mille paure
Napule è nu sole amaro, Napule è addore è Mare.
(Napule è, 1977)

Allerìa, pe’ ‘nu mumento te vuò scurd
che hai bisogno d’alleria,
quant’e sufferto ‘o ssape sulo Dio.
E saglie ‘a voglia d’allucc,
ca nun c’azzicche niente tu,
vulive sulamente da
e l’alleria se ne va.
(Alleria, 1980)

Se avessi avuto almeno un’occasione
adesso che so capire le parole
ma il ricordo di un amore
continua a viaggiare nella testa.
(Vento di passione, 2007)

A me me piace ‘o blues e tutt’ ‘e juorne aggia cantà.
(A me me piace ‘o blues, 1980)

Parole e musica nascono assieme. È roba che fa da sempre parte della mia vita. Perché io stesso nasco in musica. In questo suono a tratti mediterraneo, io e i miei ci riconosciamo. Napoli è molto vicina all’Africa e anche all’America.

Scrivo canzoni perché non riesco altrimenti a dire quello che sento. Cerco di non scrivere testi, ma poesie d’amore.

Non ho paura della vita, ho paura di altre cose. Ho paura soprattutto dei cretini.

Vivo fregandomene delle classifiche, del marketing e della discografia. Tanto i risultati arrivano quando non ci pensi proprio. La paranoia della classifica o del disco suonato in radio, la rincorsa agli umori e ai gusti di direttori artistici dei network… Basta! Ho vissuto in questo lavoro momenti belli e voglio continuare a viverli. Non sapendo che cosa vuole la gente io faccio quello che mi sento. Le nuove stagioni non mi fanno paura. Cerco di invecchiare con dignità, senza smettere di combattere, tirando fuori la grinta quando la sento.

L’esperienza serve a poco se non a capire la cosa più importante, e cioè che il come conta più del quando e del quanto. Si deve acquisire un metodo e non inseguire il mercato, non fare cose che non ti appartengono

Se sono ancora qua forse è perché non mi sono mai considerato un cantautore ma un musicista che suona, e i musicisti che suonano non hanno età.

Io faccio e dimentico. Il verso più bello forse lo devo ancora scrivere.

Morirò con la chitarra in mano.

Siamo angeli che cercano un sorriso
(Quando, 1997)