Frasi, citazioni e aforismi sui barbari e la barbarie

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sui barbari e la barbarie. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla civiltà, Frasi, citazioni e aforismi sulla storia, Frasi, citazioni e aforismi sulla bestialità e la disumanità e Frasi, citazioni e aforismi sul fanatismo.

**

Frasi, citazioni e aforismi sui barbari e la barbarie

Barbari

Dal fanatismo alla barbarie non c’è che un passo.
(Denis Diderot)

Chiunque può essere un barbaro; rimanere un uomo civilizzato richiede uno sforzo terribile.
(Leonard Woolf)

Il barbaro o deride senza riserve o venera senza riserve.
(Nicolás Gómez Dávila)

Noto un imbarbarimento dei barbari.
(niky_lista, Twitter)

Parlando dello sviluppo della civiltà, Giambattista Vico spiegava come via via, nel corso dei secoli, si è passati dalla barbarie alla società della ragione, chiarendo che è la parte più umana – la ragione ma pure il rispetto degli affetti – che riesce a dominare gli istinti. Senza questi freni siamo barbari. Ecco, attualmente viviamo una fase di regressione verso la barbarie. Le sembra che oggi si applichi la ragione?
(Vittorino Andreoli)

I popoli più civilizzati sono tanto vicini alla barbarie quanto lo è alla ruggine il ferro più levigato. I popoli, come i metalli, non brillano che in superficie.
(Antoine De Rivarol)

Le invasioni dei barbari essendo oggi improbabili, La Natura vi supplisce con le invasioni interne e legali: i Vandali sono all’Edilizia, Attila dirige la riforma agraria, i Goti aspettano di andare al potere. Tutti mirano a distruggere qualcosa perché il barbaro, sempre stupido ed impaziente, deve muoversi e fare altrimenti si annoia
(Ennio Flaiano)

La civiltà dorme su una immensa miniera di barbarie.
(François Guizot)

Ognuno chiama barbarie quello che non è nei suoi usi.
(Michel de Montaigne)

Pare non esista popolo che non abbia una sua particolare crudeltà, e ogni nazione sia impressionata soltanto da quella delle altre nazioni, quasi la barbarie fosse un fatto di costume, come le mode e gli abiti.
(Charles-Louis de Montesquieu)

Dentro l’uomo convivono il barbaro e il civile, e lavora un po’ l’uno e un po’ l’altro. E dire se l’uomo è barbaro o civile è come parlare del tempo. Non si sa mai che tempo farà domani.
(Fabrizio Caramagna)

Il vero barbaro è colui che pensa che ogni cosa sia barbara tranne i propri gusti e i propri pregiudizi.
(William Hazlitt)

Forse qualcuno ricorderà un personaggio famoso; Attila. Sono convinto che Attila è uno dei più grandi personaggi della storia. Senza dubbio il più calunniato. Passò alla storia come “barbaro” e “flagello di Dio”. I Romani, soprattutto durante la decadenza, erano meno “barbari” e meno “flagelli”? Aggiungiamo che tutti gli storici dell’epoca erano Romani. Si conosce uno storico unno?
(Millor Fernandes)

La civiltà non ha cancellato la barbarie, l’ha perfezionata e resa più crudele e barbara.
(Voltaire)

I delitti dell’estrema civiltà sono certamente più atroci di quelli dell’estrema barbarie.
(Jules-Amédée Barbey d’Aurevilly)

Il gran leggere ci ha portati a una colta barbarie
(Georg Christoph Lichtenberg)

La barbarie è lo stato naturale dell’umanità. La civiltà è innaturale. È un capriccio delle circostanze. E la barbarie, alla fine, deve sempre trionfare.
(Robert Ervin Howard)

La civiltà dista solo ventiquattro ore e due pasti dalla barbarie
(Neil Gaiman)

E’ proprio del barbaro distruggere ciò che non può comprendere.
(Arthur Charles Clarke)

La storia dell’uomo non presenta altro che un passaggio continuo da un grado di civiltà ad un altro, poi all’eccesso di civiltà, e finalmente alla barbarie, e poi da capo.
(Giacomo Leopardi)

L’estrema civiltà genera l’estrema barbarie.
(Pierre Drieu La Rochelle)

La civiltà è la pelle d’agnello con cui la barbarie si camuffa.
(Thomas Bailey Aldrich)

Il cieco sviluppo della tecnica rafforza l’oppressione sociale, e a ogni passo lo sfruttamento minaccia di trasformare il progresso nel suo contrario, la barbarie completa.
(Max Horkheimer)

Quando vedo tutte queste persone che passeggiano o mangiano telefonando, tutte con un occhio sulla borsa, questa mi pare l’immagine stessa della barbarie.
(Fabrice Luchini)

La barbarie è necessaria ogni quattro o cinquecento anni per riportare il mondo in vita. Altrimenti sarebbe già morto di civiltà.
(Edmond e Jules de Goncourt)

La storia ci insegna che quando una razza barbarica si confronta con una cultura dormiente, i barbari vincono sempre.
(Arnold J. Toynbee)

Sul destino della civiltà occidentale, giunta a questo alto grado di saturazione, mi verrebbe voglia di scrivere una poesia che comincia così: Signore, mandaci subito i barbari! Non farceli meritare di più!
(Joan Fuster)

Dalla creazione del mondo, la barbarie umana non ha fatto un solo passo verso il progresso. Nel corso dei secoli, l’abbiamo soltanto ricoperta con una mano di vernice, nient’altro
(Jack London)

L’uomo, nel civilizzarsi, non ha forse fatto altro che complicare la sua barbarie e raffinare la sua miseria?
(Paul Bourget)

Un tratto fondamentale della modernità: i barbari sono dentro. Il di fuori è diventato interno.
(De Roger-Pol Droit)

Nella vendetta e in amore la donna è più barbara dell’uomo.
(Friedrich Nietzsche)

L’amore verso un solo essere è una barbarie: esso infatti si esercita a detrimento di tutti gli altri. Anche l’amore verso Dio.
(Friedrich Nietzsche)

Tormento il più crudele
d’ogni crudel tormento
è il barbaro momento
che in due divide un cor.
(Pietro Metastasio)

Cosa aspettiamo qui riuniti al Foro?
Oggi devono arrivare i barbari.
Perché tanta inerzia al Senato?
E i senatori perché non legiferano?
Oggi arrivano i barbari
Che leggi possono fare i senatori?
Venendo i barbari le faranno loro
(Konstantinos Kavafis)

Oggi arrivano i barbari
e i barbari disdegnano eloquenza e arringhe.
Tutto a un tratto perché questa inquietudine
e questa agitazione? (oh, come i visi si son fatti gravi)
perché si svuotano le vie e le piazze
e tutti fanno ritorno a casa preoccupati?
Perché è già notte e i barbari non vengono.
È arrivato qualcuno dai confini
a dire che di barbari non ce ne sono più.
Come faremo adesso senza i barbari?
Dopotutto, quella gente era una soluzione.
(Konstantinos Kavafis)

La barbarie piuttosto che la noia.
(Théophile Gautier)

Alarico diceva che un “demone” lo spingeva contro Roma. Ogni civiltà stremata aspetta il suo barbaro, e ogni barbaro aspetta il suo demone.
(EM Cioran)

Scrivere una poesia dopo Auschwitz è un atto di barbarie.
(Theodor Adorno)

La vera barbarie è Dachau; la vera civiltà è anzitutto la parte dell’uomo che i campi di sterminio hanno voluto distruggere.
(André Malraux)

Altro è primitivo altro è barbaro. Il barbaro è già guasto, il primitivo ancora non è maturo.
(Giacomo Leopardi)

Solo i barbari non sono curiosi di sapere da dove vengono, come giunsero ad arrivare dove sono ora, dove sembrano andare, se ci vogliono andare, e, se così, perché, e se no, perché no.
(Isaiah Berlin)

I barbari sono quelli che negano la piena umanità degli altri. Ciò non significa che essi ignorino realmente la loro natura umana, né che la dimentichino, ma che si comportano come se gli altri non fossero umani, o non completamente.
(Tzevetan Todorov)

Il rispetto per il passato, ecco il tratto che distingue l’istruzione dalla barbarie; le tribù nomadi non hanno né storia né nobiltà.
(Aleksandr Sergeevič Puškin)

La capacità dell’uomo di commettere barbarie è pari solo alla sua fantasia.
(Dal film A Beautiful Mind)

Il modo perfettamente “razionale” in cui noi uomini alleviamo gli animali per ucciderli, tagliando la coda ai maiali perché quelli dietro non la mordano a quelli davanti, e il becco ai polli perché, impazzendo nella loro impossibilità di muoversi, non attacchino il vicino, è un ottimo esempio della barbarie della ragione.
(Tiziano Terzani)

Per il solo fatto d’esser parte di una massa, l’uomo discende molti gradini nella scala della civilizzazione. Preso da solo, era forse un uomo civile; nella massa, è un istintivo, perciò un barbaro.
(Sigmund Freud)

Più la guerra attrae e affascina la mia mente con le sue situazioni tremende, più io sento in profondità ogni anno… quale vile e perversa follia e barbarie sia tutto ciò.
(Winston Churchill)

L’America può essere unica nell’essere un paese che è saltato dalla barbarie alla decadenza senza toccare la civiltà.
(Oscar Wilde)

Voi barbari dell’Occidente siete stati educati a rafforzare il corpo, noi veniamo educati a rafforzare la mente e la mente va dove vuole.
(Valeria Massimo Manfredi)

La libertà senza socialismo è privilegio, ingiustizia; il socialismo senza libertà è schiavitù, barbarie.
(Mikhail Bakunin)

La mia morte non è che una riedizione ben miserabile del Calvario. È ingiusta, inumana e barbara.
(Jacques Fesch)

L’uomo nasce barbaro, e si redime dalla bestialità coltivandosi. La cultura è quella che fa gli uomini, e tanto meglio quanto più è grande. Grazie a essa la Grecia poté definire barbaro tutto il resto dell’universo.
(Baltasar Gracián)

“Varo, rendimi le mie legioni”.
(Esclamazione d’Augusto dopo la tragica sconfitta subita da Varo per opera di Arminio, capo barbaro)

Noi rispettiamo e veneriamo chi è di nobile origine, ma chi è di natali oscuri, né lo rispettiamo, né l’onoriamo. In questo, ci comportiamo gli uni verso gli altri da barbari, poiché di natura tutti siamo assolutamente uguali, sia Greci che barbari.
(Antifonte)