Frasi, citazioni e aforismi sugli aquiloni

Annunci

Gli aquiloni furono inventati 2800 anni fa in Cina, paese dove erano disponibili i materiali più adatti alla loro costruzione. Fonti medievali cinesi riportano l’uso degli aquiloni per la misura delle distanze, per la verifica della velocità del vento, per il sollevamento umano, per le segnalazioni e le comunicazioni durante le operazioni militari.

Presento la più ampia raccolta in lingua italiana di frasi, citazioni e aforismi sugli aquiloni. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul cielo e Frasi, citazioni e aforismi sulle farfalle.

**

Frasi, citazioni e aforismi sugli aquiloni

aquiloni_kites

Dammi ancora un pomeriggio di giochi, la voglia di non tornare a casa e un aquilone grande che sappia di colori e di vento.
(Fabrizio Caramagna)

L’immaginazione è l’aquilone più alto sul quale si possa volare.
(Lauren Bacall)

Ero fatta per essere aquilone.
Ne sono certa, dentro di me ci sono nuvole e cielo.
E vento, a volte gelido e tagliente, altre dolce, come alito caldo.
(Odisseas Elitis)

L’aquilone è un po’ come la felicità. Ci fa capire che a volte bisogna essere appesi ad un filo per volare in alto.
(CannovaV, Twitter)

Il cuore è come un aquilone, c’è più gusto a farlo volare vicino ai cavi dell’alta tensione.
(Comeprincipe, Twitter)

Gli aquiloni che salgono in alto
rivelano mondi verticali inaspettati.
(Fabrizio Caramagna)

Attaccarsi alla coda del sogno più colorato e farsi portare a spasso nel cielo come un aquilone.
(followfabrizio, Twitter)

Con un nodo stringevo il filo dell’aquilone al mio polso.
Non volevo che il cielo si allontanasse da me.
(Fabrizio Caramagna)

I figli sono come gli aquiloni. Arriva il giorno in cui si innalzano e tu devi insegnare loro a volare, tenendoli con quel filo esile che si dipana dalle tue mani. Possono cadere a terra più volte e tu dovrai ripararli e innalzarli ancora nel vento. Ti chiederanno sempre più spago e per ogni metro che si dipanerà dalle tue mani, il tuo cuore si riempirà di gioia e di tristezza. Via via che l’aquilone si allontanerà, avvertirai che il filo che ti unisce a lui prima o poi si spezzerà e lo vedrai volare libero e solo nel cielo della vita. In quel momento ti renderai conto di aver assolto il tuo compito di genitore e ti augurerai che il vento sia sempre propizio.
(Romano Battaglia)

Non lo so, però basta che mi si tenga come si tengono gli aquiloni.
(incagliatoh, Twitter)

L’aquilone si è rotto.
Lo spago tienilo comunque.
(Ghiannis Ritsos)

L’azzurro di certe giornate in cui il cielo ti fa venire voglia di diventare un aquilone.
(Ferzan Ozpetek)

Rimandare i pensieri importanti, uscire in un parco e far volare aquiloni a sette code.
(Fabrizio Caramagna)

Ritorneranno gli aquiloni a farci alzare la testa.
(19geri78, Twitter)

Avrei voluto essere capace di fermarli così com’erano, certi momenti. Come quegli aquiloni che restano sospesi per lunghissimi istanti nel cielo e sembra che nessun vento, nessuna tempesta riesca a portarli via.
(Fabrizio Caramagna)

Un uomo che non riesce a far volare un aquilone, non riesce a far felice una donna.
(Ferzan Ozpetek)

Senza un legame un aquilone non sarebbe libero di volare, così è l’amore
(clex71, Twitter)

Mettere gli occhi dentro ad un tuo pensiero e sentirsi come un aquilone che colora le nuvole
(cryscryx, Twitter)

Un aquilone è l’ultima poesia che hai scritto,
così l’affidi al vento,
ma non la lasci andare
finché qualcuno non ti trova
qualcos’altro da fare.
Un aquilone è un patto di gloria
da stipulare con il sole,
così ti fai amici il campo
il fiume e il vento.
(Leonard Cohen)

Un aquilone è fatto di vento e di bambini.
Dentro di esso c’è l’anima colorata dei bambini e l’anima spaziosa e spensierata del vento.
E quando l’aquilone vola, fa le capriole come i bambini e vuole scappare come il vento.
(Fabrizio Caramagna)

Se compri un aquilone, butti soldi al vento.
(Anonimo)

Oggi dal cilindro del mondo è uscito un asso di vento, un re di aquiloni, un fante di sguardi di giacinti, un dieci di risate di bambini, un sette di serenità.
(Fabrizio Caramagna)

Il sole scintillava sull’acqua, dove dozzine di barche in miniatura navigavano sospinte da una brezza frizzante. In cielo due aquiloni rossi con lunghe code azzurre volavano sopra i mulini a vento, fianco a fianco, come occhi che osservassero dall’alto San Francisco, la mia città ‘adozione. Improvvisamente sentii la voce di Hassan che mi sussurrava: per te farei qualsiasi cosa. Hassan, il cacciatore di aquiloni.
(Khaled Hosseini, Il cacciatore di aquiloni)

Chissà che sapore ho nella tua testa.
Di bambini e prati e aquiloni e stelle che nessuno ha mai visto, forse.
(Fabrizio Caramagna)

Una certa dose di difficoltà è d’aiuto per l’uomo: per sollevarsi gli aquiloni hanno bisogno di vento contrario e non a favore.
(Goethe)

Bambino, se trovi l’aquilone della tua fantasia
legalo con l’intelligenza del cuore.
Vedrai sorgere giardini incantati
e tua madre diventerà una pianta
che ti coprirà con le sue foglie.
(Alda Merini)

Il cielo che diventa lentamente color lavagna e neanche un aquilone di gesso per poterci lasciare sopra graffiti.
(followfabrizio, Twitter)

– Cosa vorresti essere?
– Il filo dell’aquilone, per non lasciarti mai.
(vinkweb, Twitter)

Come l’aquilone, libero perché non tocca terra, ma impegnato a domare il vento non vede la mano che lo lega a sé.
(Comeprincipe, Twitter)

Tutto questo disincanto vi toglierà il piacere di restare a bocca aperta a guardare un aquilone volare.
(AlbertHofman72)

L’errore è tutto qui: non si lega un aquilone con la catena.
(antonella_frida, Twitter)

Lancia il tuo sogno nello spazio come un aquilone, senza sapere cosa ti porterà: una nuova vita, un nuovo amico, un nuovo amore, un nuovo paese.
(Anaïs Nin)

Che cavolo hai al posto del cuore?
Un aquilone.
(kenyavirzi, Twitter)

L’emisfero destro del cervello, quello delle emozioni, ha la capacità di uscire dal corpo e volare tra le nuvole come un aquilone.
(mesmeri, Twitter)

In pancia le farfalle e negli occhi gli aquiloni, alle orecchie canzoni, il sole alle spalle.
(trappolapertopi, Twitter)

Amo l’ostinazione degli aquiloni che sanno colorare il cielo andando controvento.
(emituitt, Twitter)

E’ una questione di punti di vista: come gli aquiloni, che pensano che la terra sia attaccata al filo.
(Anonimo)

Si possono scrivere sopra un aquilone tutti i nostri desideri e poi farlo volare; quando è bello alto si taglia la corda e le nostre preghiere le ascolta il cielo.
(Alessandro Gigli)

La produzione creativa dei bambini è paragonabile ad un aquilone, leggero, capace di far sognare, di volare verso la perfezione, ma delicato e facilmente distruggibile.
(Gerardo Leo)

Ognuno manda da una balza
la sua cometa per il ciel turchino.
Ed ecco ondeggia, pencola, urta, sbalza,
risale, prende il vento; ecco pian piano
tra un lungo dei fanciulli urlo s’inalza.
S’inalza; e ruba il filo dalla mano,
come un fiore che fugga su lo stelo
esile, e vada a rifiorir lontano.
S’inalza; e i piedi trepidi e l’anelo
petto del bimbo e l’avida pupilla
e il viso e il cuore, porta tutto in cielo.
(Giovanni Pascoli)

I figli sono come gli aquiloni,
passi la vita a cercare di farli alzare da terra.
Corri e corri con loro
fino a restare tutti e due senza fiato…
Come gli aquiloni, essi finiscono a terra…
e tu rappezzi e conforti, aggiusti e insegni.
Li vedi sollevarsi nel vento e li rassicuri
che presto impareranno a volare.
Infine sono in aria:
Gli ci vuole più spago e tu seguiti a darne.
E a ogni metro di corda
che sfugge dalla tua mano
il cuore ti si riempie di gioia
e di tristezza insieme.
(Erma Bombeck)

Giorno dopo giorno
l’aquilone si allontana sempre più
e tu senti che non passerà molto tempo
prima che quella bella creatura
spezzi il filo che vi unisce e si innalzi,
come è giusto che sia, libera e sola.
Allora soltanto saprai
di avere assolto il tuo compito.
(Erma Bombeck)

L’aquilone è allegro quando ostenta i suoi colori e freme nell’aria con impazienza. Un tempo erano di carta velina, con un’armatura di canne, quasi tutti a forma di rombo, più simili a un pesce piatto che a un alato. Erano più difficili da maneggiare, c’era uno squilibrio e una contesa tra il peso dell’armatura e la fragilità della carta. Ora sono imbruttiti ma funzionali come detta il progresso.
(Luigi Pintor)

È come far volare un aquilone: all’inizio bisogna correre forte tenendolo ben stretto nella mano, in alto tanto quanto il nostro braccio ci consente, finché l’aria non comincia a sollevarlo. Solo adesso puoi mollare la presa, ma è importante continuare a correre mantenendo il filo corto. Questo è il momento più difficile e faticoso ed è quello determinante per la riuscita del volo. Quando l’aquilone ha preso quota lo si affida alla forza del vento perché lo sostenga. Ora non è più necessario correre con lui. Bisogna solo allungare il filo piano piano, controllando sempre che non perda quota. L’aquilone andrà sempre più in alto e, col naso all’insù, lo si potrà ammirare austero, luccicante al sole. Un filo invisibile lo sostiene. E lungo quel filo corre l’amore autentico che non si spezza, l’amore che dà vita, che mai abbandona.
(Laura Tangorra)

Se la corda è lunga l’aquilone volerà in alto.
(Proverbio cinese)

Annunci