Mario Postizzi, Una lama tra le nuvole

Avvocato ticinese, giurista e aforista, nato a Giubiasco nel 1952 e titolare di un importante studio legale a Lugano, vincitore del prestigioso premio per l’aforisma “Torino in Sintesi” (edizione 2010, categoria italiani all’estero), Mario Postizzi ha recentemente pubblicato, presso le raffinate edizioni Aragno, la raccolta di aforismi Una lama tra le nuvole.

Mario Postizzi (Foto per gentile concessione dell'autore)
Mario Postizzi (Foto per gentile concessione dell’autore)

Una lama tra le nuvole è il terzo libro di aforismi dell’autore, nel segno della continuità stilistica e di contenuto con i due precedenti (Gli spruzzi e le macchie, 2002 e Hommelettes, 2007). Il lettore non solo ritrova la stessa impaginazione di aforismi che si succedono a gruppi di tre per pagina scanditi da ampi spazi bianchi, ma quella medesima “lama” ironica che fa di Postizzi – come sottolinea bene nella prefazione l’italianista Anna Longoni – “un ritagliatore capace, col bisturi delle parole, di ferire e insieme risanare”.

Con la sua lama Postizzi non ha la pretesa di rivelare chissà quale verità, semmai accenni di piccole verità. I grandi temi come il Tempo, l’Eternità, la Democrazia, il Diritto, il Linguaggio e Dio vengono sempre raccontati con le minuscole (“la scrittura breve dovrebbe conoscere soltanto i caratteri minuscoli” scrive l’autore in un suo aforisma), perché le contraddizioni e i paradossi dell’esistenza si possono denunciare senza alzare la voce. Così il tono della massima si abbassa, diventa “minimo”, tocca altri tasti tra cui quello del disincanto, della malinconia e anche della scherzosità e spensieratezza.

Il libro è diviso in quattro sezioni, (Preludio, Nenia, Primo intermezzo, Secondo intermezzo a cui si aggiunge un Finale), veri e propri “movimenti” che danno ritmo e contenuto alla scrittura aforistica e dove alla riflessione sui grandi temi dell’esistenza (riflessioni che talora toccano anche le 5-6 righe, perché Postizzi è uno scrittore “brevilineo”, che sa accorciare o allungare con grande abilità la forma breve) si affiancano, specie nell’ultima parte del libro, i modelli del ritratto o del carattere (e talora anche dell’autoritratto come ci rammenta Postizzi: “Per giungere al bersaglio il colpo esploso dall’ironia deve almeno sfiorare l’autore”). Ecco quindi apparire una galleria di personaggi come il traditore, il sedentario, l’innamorato, il dilettante, l’ottimista, l’ateo e così via dove l’autore – messo da parte la forma dell’argomentazione e della riflessione – sceglie il tasto della leggerezza (parola richiamata anche nel titolo del libro, in quelle nuvole che circondano e “foderano” una lama), scrivendo aforismi che si sporgono sull’orlo della battuta e del gioco di parole (anche se poi il lettore torna subito indietro e si accorge dei pungiglioni e delle piccole grandi verità che erano rimaste nascoste).

Come scrive molto bene Anna Longoni (italianista davvero sensibile all’aforisma e nota per aver curato l’opera omnia di Ennio Flaiano) “Postizzi è un attento osservatore del mondo e delle persone: il suo è uno sguardo qualche volte indignato, qualche volta benevolo, ma sempre lucido, distante quanto basta per non farsi travolgere”. Il lettore troverà in Una lama tra le nuvole un significativo bagaglio di parole e riflessioni, di sorrisi ma anche di smorfie amare e spaesamenti, di “nuvole foderate” e “nuvole che danzano con movenze da spadaccino”, “scavi in profondità” e stramberie poetiche, “polvere terrena” e “cipria che svolazza nell’universo”, in un intreccio di temi che toccano la vita e “il gioco tragico e beffardo del destino”, anche se come scrive bene l’autore “l’esistenza ha un linguaggio troppo frammentario per saper raccogliere tutte le carcasse dei suoi aforismi” e molti dei nostri pensieri più belli ci lasciano senza parole (“dopo breve malattia ci ha lasciati senza parole il pensiero più bello”) e quindi anche senza scrittura.

Presento una breve selezione di aforismi tratti da Una lama tra le nuvole. Alcuni aforismi sono apparsi in anteprima nel dicembre 2013 nell’antologia The New italian Aphorists, una antologia di aforisti italiani contemporanei da me curata e pubblicata in versione bilingue italiano-inglese negli Stati Uniti con il patrocinio della Associazione taliana per l’Aforisma.

**

Mario Postizzi, Una lama tra le nuvole

Postizzilama

Il linguaggio non deve perdere i sensi se vuole restare a contatto con la realtà.

Con il plagio si portano a spasso le frasi degli altri. I più dotati di mano ignorano l’affidamento e vanno dritti all’adozione.

La nostra giungla quotidiana: così terrificante perché sprovvista di liane.

Di questi tempi l’economia è a bocconi.

Malgrado plotoni di grandi chef, non è ancora stata eseguita la ricetta per chi è condannato a morire di fame.

L’ultimo minuto e invisibile frammento, così infrangibile da non corrompersi, così leggero da non farsi rifiutare.

La verità va perseguita, non perseguitata.

Bacone ha parlato di giustizia rozza e selvaggia fondata sulle vendetta. Oggi il giudice veste Dolce e spesso Voltagabbana.

Il matrimonio: un amo che si è liberato troppo presto dalla sua esca.

Il tradimento reclama un freddo boia che mozzi la testa al gelido e pungente senso di colpa.

Come il silenzio non è mai completamente avvolto dal silenzio, così un commiato non è mai abbandono. Una partenza lascia sempre una scia, una goccia di serenità, un soffio di speranza, un altro e diverso battito del cuore.

Come spesso succede in una gara di slalom, la serenità inforca dopo poche porte.

Se hai le spalle al muro resta una consolazione: i piedi sono ancora per terra.

L’esperienza sta sempre in coda rispetto all’occhio brioso e alla mano agitata.

Gli scogli fanno gli sberleffi all’insistenza delle onde: sanno di avere un domani, senza stanchezza o rimpianto.

Da un davanzale, con un colpo d’ala, anche una briciola può spiccare il volo.