Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @_golgota (Stefano). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l'autore scrive di sé: "Generazione '80, archeologo (anche se sto cercando di smettere). Sono nato a Roma nel momento storico sbagliato, fossi nato 2.000 anni fa ora probabilmente sarei già morto".

@_golgota si è iscritto a Twitter nel gennaio 2012 "ma come molti ho iniziato a usare questo social solo tempo dopo. Scrivo qui perché è un luogo dinamico e non impegnativo, sarò strano ma utilizzo Twitter come piattaforma di microblogging per i miei interessi". E a proposito della scelta del suo account, l'autore spiega: "Ho scelto il nome golgota per 3 motivi: mi piace il suono della parola, è un luogo chiave per la storia e ricorda i miei studi per la tesi".

Golgota

Nei suoi tweet @_golgota descrive eventi, situazioni e stati d'animo della nostra quotidianità attraverso metafore e schemi di pensiero tratti dal mondo dell'archeologia e della storia (ricordiamo che l'autore è un archeologo). Si veda ad esempio questo mirabile tweet dove con poche parole e una sottile ironia l'autore crea un collegamento tra la nostra epoca e il medioevo: "Il Giubileo, la crisi economica, la spinta conservatrice, un nuovo stato islamico che preme sull'Europa. Alla fine non è così male sto 1300". Oppure quest'altro tweet, dove con un salto logico del pensiero, l'autore descrive uno dei mali del nostro tempo, l'abusivismo: "Scoperta a Pisa una chiesa abusiva dell'XI secolo accanto a una piscina". O si veda questa surreale battuta che inquadra la lentezza della nostra burocrazia partendo da Romolo: "21 Aprile 753 a.C., Romolo traccia un solco con l'aratro lungo le pendici del Palatino. È così che iniziano i lavori della metro C". O infine quest'altra battuta sul labirinto dei nostri ospedali: "L'antica pianta del labirinto di Cnosso progettata da Dedalo è ancora visibile in qualunque ospedale".

Quello che @_golgota fa molto bene nei suoi tweet è coniugare senso dell'ironia e prospettiva storica, memore della grande lezione che ci offre la storia, cioè di essere un faro gettato sul passato per illuminare il presente. E così l'autore, viaggiando nello spazio e nel tempo e osservando i diversi strati di cui è fatta la storia, compone una specie di racconto che, per frammenti e folgorazioni, illumina gli avvenimenti presenti.

In questa descrizione della nostra epoca, che sembra assomigliare più al medioevo che a un periodo di lumi , @_golgota racconta i tanti paradossi e vizi del nostro tempo. L'onestà è una virtù sempre più rara ("Passo la mattinata ad ascoltare i racconti del più grande tombarolo romano che ha continuato a ripetere 'peccato che sei nato onesto'. Eh."), le raccomandazioni e il clientelismo muovono i fili del mondo (soprattutto quello del lavoro) e ogni cosa sembra avere una parvenza di assurdo. In questo mondo alla rovescia, l'autore descrive le difficoltà di un laureato con un brillante curriculum che non riesce a trovare il giusto riconoscimento professionale al suo percorso di studi. "'Più studierai e meno faticherai" dicevano i professori a scuola. E avevano ragione. Ora passo le giornate a casa sul divano" scrive in un suo tweet e in un altro aggiunge: "I calciatori della mia età iniziano a ritirarsi. Loro vanno in pensione e io sto ancora a consegnà il curriculum". Perché in fondo, in questa nostra epoca, avere lauree e titoli è un segno di demerito e non di merito e lo dice bene l'autore quando dice: "Curioso sto fatto che per ricoprire cariche pubbliche si inventino lauree finte e per avere un posto da dipendente omettiamo di averle". E in un altro suo tweet, con la sua solita carica paradossale e surreale, scrive: "Gli intellettuali hanno detto che i giovani non muoiono di fame quindi non devono emigrare ma sopravvivere qui sennò non sanno che scrivere".
Presento una raccolta dei migliori tweet di @_golgota

**

@_golgota, Tweet scelti

Italia fortissima con l'arco e con la spada. Quando si parla di medioevo non siamo secondi a nessuno.

Non si respirava quest'aria di serenità dall'assassinio dell'arciduca Francesco Ferdinando.

"Più studierai e meno faticherai" dicevano i professori a scuola. E avevano ragione. Ora passo le giornate a casa sul divano.

Il Giubileo, la crisi economica, la spinta conservatrice, un nuovo stato islamico che preme sull'Europa. Alla fine non è così male sto 1300.

Ho due cani. La femmina ogni tanto e senza motivo si avvicina al maschio e gli abbaia nelle orecchie. Questo è tutto ciò che so sull'amore.

Ho nostalgia dell'epoca d'oro medievale quando un maniscalco si occupava solo di cavalli e non veniva su Twitter a dirci la sua sui vaccini.

Il mio ex datore di lavoro ha votato la Raggi perché vuole onestà, io invece da lui voglio i 2000 euro che mi deve da due anni.

Te sei tatuato "memento audere semper" e poi aspetti fori dar bagno mezz'ora perché non hai bussato.

Scoperta a Pisa una chiesa abusiva dell'XI secolo accanto a una piscina.

Ho fatto il liceo solo per disquisire con gli altri liceali su quale sia la scuola migliore mentre i diplomati all'alberghiero lavorano.

Tra noi e il medioevo c'è solo l'energia elettrica.