100 frasi napoletane

Frasi napoletane - Aforisticamente
Frasi napoletane - Aforisticamente

Massimo Troisi a proposito del dialetto napoletano diceva: “Penso, sogno in napoletano, quando parlo italiano mi sembra di essere falso”.

Presento una raccolta di 100 frasi napoletane da condividere sui social. Nella raccolta sono presenti aforismi, detti, proverbi e frasi napoletane e in napoletano (anche di autori celebri come Totò, Troisi, De Filippo, Pino Daniele) sull’amore e sulla vita con diverse frasi divertenti e spiritose.

Tra i temi correlati si veda I proverbi napoletani più belli e famosi, Proverbi napoletani sulla fortuna, la sorte e il destino, Le frasi e battute più belle di Totò, Le frasi e battute più belle di Massimo Troisi e Le frasi e citazioni più celebri di Eduardo De Filippo.

**

100 frasi napoletane

Adda passà ‘a nuttata.
Deve passare la notte. Deve passare questo brutto periodo.

E figlie so’ ppiezz”e còre.
I figli sono pezzi del proprio cuore.

Ògne scarrafóne è bbèllo ‘a màmma sóia.
Ogni scarafaggio è bello per la propria madre.

Ccà nisciuno è fesso.
Qui nessuno è stupido.

L’ignorante parla a vanvera.
L’intelligente parla poco.
‘O fesso parla sempre.
(Totò)

Ma quelli che dicono
“Se hai bisogno ci sono”
Vuij l’at vist poi?

A ppava’ e a mmuri’, quanno cchiù tarde è pussìbbele.
Pagare e morire, il più tardi possibile.

Chi nun sape chiagnere nun sape manche rirere.
Chi non sa piangere non sa neanche ridere.

‘A vita è tosta e nisciuno ti aiuta, o meglio ce sta chi t’aiuta ma una vota sola, pe’ puté di’: “t’aggio aiutato”.
La vita è dura e nessuno ti aiuta, o meglio c’è chi ti aiuta ma una volta sola, per poterti dire: “ti ho aiutato”.
(Eduardo De Filippo)

Vide Napole, e po muore.
Espressione con la quale si vuole alludere alla bellezza di Napoli, dopo di che non c’è altro di più bello da vedere.

Marta: Quando c’è l’amore c’è tutto.
Gaetano: No, chell’ è ‘a salute!
(Massimo Troisi)

A gent parla assai.. senza sape’ nu cazz.
La gente parla assai… senza sapere niente.

O Ricco po’ addiventa’ povero;
o povero po’ addiventa’ ricco;
ma o’ scemo è sempe scemo.
(Totò)

Menomale che nella vita ci vuole culo perché si ce vulevn e zizz stev nguaiat.
Meno male che nella vita ci vuole culo perché se ci volevano le tette stavo inguaiata.

A ‘o core nun se cumanna.
Al cuor non si comanda.

O peggio difetto ‘e chi se crere furbo è ppenzà ca tutte ll’ate so’ scieme.
Il peggior difetto è chi si crede furbo e pensa che tutti gli altri sono scemi.

Il vaffanculo è bello.
Ma il chitemmuort è tutta nata cos.

Tutto ‘o lassato è perduto.
Ogni occasione lasciata è persa.

Tutt quant tenimm nu cor, ma poc e nuij o sapimm usà.
Tutti quanti abbiamo un cuore ma pochi di noi lo sanno usare.

Scuordt e chi se scurdat e te.

Ma po’ ce stai tu
Che quando ridi e m’abbracci
Num m’o scordo cchiù.
(Pino Daniele)

L’attenzion è a carezza cchiu’ bell.
L’attenzione è la carezza più bella.

Chiu ‘a cap è vacant chiu ‘a lengua è long.
Più la testa è vuota, più la lingua è lunga.

Si sy felice, tienatell pe te. Ca aro nun arriv l’invidia, arriv a sfurtun..
Se sei felice tientilo per te. Che dove non arriva l’invidia, arriva la sfortuna.

Vuless putess e facess er’n tre fess.
Se volessi potessi e facessi erano tre fessi.

Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha rat, ha rat.
Chi ha avuto, ha avuto, e chi ha dato, ha dato.

‘O cummanna’ è meglio d’ ‘o fottere.
Comandare è meglio che fottere.

Si ‘a guerra se perde l’ha perduta ‘o popolo; e si se vence, l’hanno vinciuta ‘e prufessure.
(Eduardo De Filippo)

‘A femmena pe’ l’ommo addiventa pazza, l’ommo p’ ‘a femmena addiventa fesso.
La donna per l’uomo impazzisce, l’uomo per la donna rimbecillisce.

‘A vita è ‘n’affacciata ‘e fenesta.
La vita è un affacciarsi alla finestra. La vita è breve, una fugace visione che presto svanisce.

Da cà a dimane nasceno ciente pape.
Da qui a domani nascono cento papi. Tutto può accadere in poco tempo.

‘A lira fa ‘o ricco, a crianza fa o’ signore.
I soldi fanno il ricco, ma è l’educazione a fare il signore.

Chi nasce ciuccio, ciuccio se ne more.
Chi nasce asino, asino rimane.

‘A mmerda sott’acqua nun se vede.
(Dalla serie Tv Gomorra)

Mo ce ripigliamm’ tutt’ chell che è ‘o nuost’.
(Dalla serie Tv Gomorra)

A guerra nun ‘a vince chi è chiù forte, ‘a vince chi è chiù brav’ a aspetta’. E chest’ nisciuno lo sap’ fa meglio di noi femmine!
(Dalla serie Tv Gomorra)

Napule è mille culure
Napule è mille paure
Napule è a voce d’ ‘e criature.
(Pino Daniele)

Nun te fà ‘ncantà a stu monno, so tutt brav’a recità.

Nce stanno uommene, uommenicchie, uommenone e quaquaraquà.
Ci sono uomini, ometti, omoni e nullità.

3 modi gentili a napoli per dire non ho voglia:
– Si, po’ vrimm
– Si, po’ te faccij sapé
– Si, po’ c’iorganizzam
(Aforismi napoletani)

‘E voglia ‘e mettere rum, chi nasce strunz’ nun po’ addiventà babbà.
Hai voglia a metterci il rum, chi nasce stronzo non può diventare babà.

A vita è nu surris, chi nu rir mor accis.
La vita è un sorriso, chi non ride muore ucciso.

La mia mente dice: “Vai in palestra!”
Ma il mio corpo dice: “Ma chi! Mo me schiattà n’gopp o’ divano è chi se vist se vist”.

Quatto li cose a ‘o munno ca fanno cunzula’: ‘a femmena, l’argiamma, lo suonno e lo magna’.
Quattro le cose al mondo che consolano: la donna, il denaro, il sonno ed il mangiare.

E denare fann’ venì a’ vista e cecate!
Il denaro fa venire la vista ai ciechi!

Càrte e ddònne fànno chéllo che vvònno.
Carte e donne fanno quello che vogliono.

Quann duij vonn, cient nun ponn…
Quando due vogliono, cento non possono…

Bisogna dispiacersi fino a un certo punto.
Poi…
Ma che me ne fooot….

A volte parlo tra me e me…
E’ già simm assaij.
A volte parlo tra me e me…
E già siamo troppi.

E strunze saglieno sempe a galla.
Gli stronzi vengono sempre a galla.

Ommo ‘nzurato, ommo ‘nguajato.
Uomo sposato, uomo inguaiato.

Nisciuno è nato ‘mparato.
Nessuno è nato istruito.

A speranza è ‘u ppane d’ ‘i puverielle.
La speranza è il pane dei poveri.

A lira fa ‘o ricco, a crianza fa o’ signore.
I soldi fanno il ricco, ma è l’educazione a fare il signore.

Chi chiagne fotte a chi ride.
Chi piange frega a chi ride.

‘O pesce gruosso se magna ‘o piccerillo.
Il pesce grande mangia il piccolo.

Fatte curaggio ca ‘a vita è nu passaggio.
Fatti coraggio e non disperarti perché la vita è solo un passaggio.

Je so pazz’ e te.
Io sono pazzo di te.

L’avaro nun magna pe’ ’nu cacà.
L’avaro non mangia per non cacare.

Certe persone sembrano sceme…
Poi le guardi meglio e invece…
So’ proprij strunz

A lavà a cap ‘o ciucc s’ perd o tiemp, l’ acqua e o sapon.
A lavare il capo all’asino si perde tempo, acqua e sapone.

Statte tranquill l’invidia prima o poi si paga.
Stai tranquillo, l’invidia prima o poi si paga.

Non vi date troppe arie o ventilator già o’ teng appicciat
Non vi date troppe arie che il ventilatore già lo tengo acceso.

Chi bella vo’ paré’, pene e guaie adda’ paté’.
Chi bella vuole apparire un po’ deve soffrire.

Nun sputà n’ciel ca n’facc te torna.
Non sputare in cielo perché in faccia ti torna, ovvero nella vita non si deve “sputare” sulle cose buone perché se ne avrebbe danno.

È meglio a tene’ ‘a mala spina ca nu malo vicino.” – È meglio avere una spina nel fianco che un cattivo vicino.

L’avaro nun magna pe’ ’nu cacà.
L’avaro non mangia per non cacare.

A lavà a cap ‘o ciucc s’ perd o tiemp, l’ acqua e o sapon.
A lavare il capo all’asino si perde tempo, acqua e sapone.

So’ cadute l’anielle, ma so’ restate ‘e ddéte!
Sono caduti gli anelli ma sono rimaste le dita. È arrivata d’improvviso la povertà, ma resta ancora la possibilità di rifarsi una vita.

Pazzo chi joca e pazzo chi nun ghioca.
Pazzo chi gioca e pazzo chi non gioca. È folle rischiare, ma lo è altrettanto non prendere mai rischi.

T’e’ luvato ‘a vocca a ‘o cane e t’ ‘e miso mmocca ‘o lupo.
Ti sei levato dalla bocca del cane e ti sei messo nella bocca del lupo. Ti sei tolto da un guaio e ti sei cacciato in un altro peggiore.

Quann’ jesce ‘a strazziona, ogne fesso è professore.
Dopo l’estrazione dei numeri, ogni stupido è professore. Dopo che sono successe le cose, chiunque dice la sua opinione.

Nun sputà n’ciel ca n’facc te torna.
Non sputare in cielo perchè in faccia ti torna, ovvero nella vita non si deve “sputare” sulle cose buone perché se ne avrebbe danno.

‘A vita è comme ‘a scala do vallenaro: è corta e chiena ‘e merda.
La vita è come la scala del pollaio: è breve e piena di merda.

Sott’ ‘e coperte nun se canosceno miserie.
Quando si è sotto le coperte con una donna si dimentica ogni povertà.

Chi troppo lo sparagna, vien la gatta e se lo magna.
Chi troppo risparmia, viene la gatta e se lo mangia.

Chi vince primma, perde doppo.
Chi vince prima, perde dopo. Ovvero la ruota gira.

Quanno ‘o diavulo tuoio jeva a’ scola, ‘o mio era maestro.
Quando il tuo diavolo andava a scuola il mio era già maestro, ovvero non pensare di fregarmi.

Si ‘o prestito fosse buono se mprestarria ‘a mugliera.
Se il prestito fosse sicuro, si presterebbe la moglie. Ovvero, è meglio non fare prestiti.

Chi tene belli denare sempe conta; chi tene bella mugliera sempe canta.
Chi ha bei denari sempre conta; chi ha bella moglie sempre canta.

A ’stu munno, si ’nce lieve curnute e giudicate, nun ce resta cchiù nisciuno.
A questo mondo, se levi i cornuti e i delinquenti, non ci resta più nessuno.

Senza ‘e fesse ‘e diritte nun camparriano.
Senza i fessi i furbi non camperebbero.

‘A légge è fatta p”e fesse.
La legge è fatta per i fessi.

Ogne bella scarpa cu’ ‘o tiempo addiventa scarpone.
Ogni bella scarpa col tempo diventa scarpone, ovvero anche le donne più belle diventano brutte e sgraziate.

Primm’ e cunfett’ e poi e difett’.
Prima le nozze e poi i difetti.

A’ vita è n’apertura e cosce e ‘na chiusura e cascia.
La vita è un’apertura di cosce e una chiusura di cassa. Inizia con un rapporto sessuale e termina con una bara.

A chi parla areto, ‘o culo ‘o risponne.
A chi parla alle spalle, risponde il sedere.

Non dobbiamo voltare pagina.
Ammà cagnà propr o libr.
Non dobbiamo voltare pagina, dobbiamo proprio cambiare libro.

A mare calmo ogni strunz è marinaio!!!
Col mare calmo ogni incapace è marinaio.

L’invidia te magna vivo e te lassa morto.
L’invidia ti mangia vivo e ti lascia morto.

Quanno Pullecenella va ‘n carrozza, tutti ‘o vedeno.
Quando Pulcinella va in carrozza, tutti lo guardano, ovvero quando un povero fa qualcosa di diverso è adocchiato da tutti,

‘O munno è munno: chi saglie e chi va a funno!
Il mondo è mondo: c’è chi sale e chi va a fondo!

In questa vita siamo solo di passaggio.
Nun ve fermat’ a romper’ o’ cazz’.