Frasi, citazioni e aforismi sulle gambe

Un metro e ventitrè centimetri di gamba, dal tallone fino all’anca. Sono queste le misure di Ana Hickmann, modella brasiliana ventinovenne che vanta le gambe più lunghe sulle passerelle. Un record che le è valso anche una menzione nel Guinness dei Primati. Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sulle gambe. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sul camminareFrasi, citazioni e aforismi sul sedere e il culo, Frasi, citazioni e aforismi sui piedi e la sezione Frasi e aforismi sul corpo.

**

Frasi, citazioni e aforismi sulle gambe

gambe_legs

Le gambe delle donne sono dei compassi che misurano il globo terrestre in tutte le direzioni, donandogli il suo equilibrio e la sua armonia.
(Bertrand Morane)

Una delle più grandi opere d’ARTE del mondo: una donna con delle belle gambe che esce dalla macchina.
(Charles Bukowski)

Cosce. Sono le colonne d’Ercole del sesso. Nelle donne, pur rimanendo affusolate e lisce, sono particolarmente robuste rispetto alle altre membra del corpo. Custodiscono e difendono il loro segreto. Ma quando arriva l'”apriti Sesamo” si spalancano come le ali di una farfalla.
(Massimo Fini)

Mi domando se ci si può interessare all’anima di una donna le cui gambe sono irrimediabilmente troppo corte.
(Henry de Montherlant)

La felicità sculetta, ed ha gambe lunghissime e lisce
(AlbertHofman72, Twitter)

Se la luna avesse delle belle gambe, sarebbe l’amante perfetta.
(Carlos Sawedra Weise)

Le cosce delle donne sono la prova dell’esistenza di Dio.
(Giorgio Albertazzi)

Gambe. Nessuno crederà seriamente che, nelle donne, servano per camminare. Sono due puri strumenti di lussuria creati per la dannazione dell’uomo.
(Massimo Fini)

Mi sono sempre piaciute le gambe. È stata la prima cosa che ho visto quando sono nato. Ma allora stavo cercando di uscire. Da quel momento in poi ho sempre tentato di andare nell’altra direzione, ma con fortuna piuttosto scarsa.
(Charles Bukowski)

Sono due i motivi per cui mi trovo nel mondo dello spettacolo, e sono quelli su cui mi vedete proprio adesso.
(Betty Grable)

Una donna è giovane quanto le sue ginocchia.
(Mary Quant, inventrice della minigonna)

Ad Hollywood non mi apprezzeranno fin quando non mostrerò le mie gambe.
(Katharine Hepburn)

Le gambe di una ragazza sono le sue migliori amiche, ma anche le migliori amiche si devono prima o poi separare.
(Redd Foxx)

Se non ci fossero le calze, le gambe delle donne sarebbero soltanto mezzi di locomozione.
(Jean Cocteau)

Accavallò le gambe e si tirò su la gonna. Si può andare in paradiso anche prima di morire.
(Charles Bukowski)

E allungaje ‘e gambe, aristendije ‘e gambe, aritiraje ‘e gambe, aricoprije ‘e gambe… io jee tajerei quee gambe!
(Dal film Bianco, Rosso e Verdone)

Cosa sono realmente le gambe lo sapevano bene in epoca vittoriana quando, con opportuna pudicizia, coprivano anche quelle delle sedie.
(Massimo Fini)

Quando non posso aprire le tue gambe, apro un libro o una bottiglia di vino. Per questo ho la casa piena di libri e di bottiglie vuote
(mheathcliff, Twitter)

La mia donna dalle gambe a razzo
Da i movimenti d’orologeria e di disperazione
La mia donna dai polpacci di midollo di sambuco
La mia donna dai piedi a iniziali
(Andrè Breton)

Essere felice perché sì,
perché respiro e perché respiri,
essere felice perché tocco il tuo ginocchio
ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
e la sua freschezza.
(Pablo Neruda)

Le gambe nella donna sono il perfezionamento della sua volontà.
La gamba erotica abbandonata mollemente sul letto è un adescamento naturale del non riposo. Appena l’uomo toccherà quell’arto inerte diventerà un abile corridore, si farà in quattro per procurare sangue e tranquillità a quelle forme insostituibili, perfette sia per l’ozio che per la procreazione.
Ma le gambe delle donne hanno molti occhi che l’uomo non vede e molte labbra di cui non si accorge. Sono occhi e labbra che cercano l’amore sì, ma soprattutto la vita dell’amore.
(Alda Merini)

Con una bella donna che gli apre le gambe a compasso, l’uomo ha un bel problema a trovare la quadratura del cerchio.
(Guido Rojetti)

Le gambe snelle e tornite come legno levigato con cura, si assottigliavano progressivamente fino alla caviglia da dove aveva inizio, con una leggera curva, il tenero collo del piede.
(Jun’ichirō Tanizaki)

Ginocchia molto vicine: gambe a X
Ginocchia molto lontane: gambe a XXX
(arcobalengo, Twitter)

Molti sono convinti di avere tutti ai loro piedi solo perché stanno sempre con le gambe in aria.
(alemarsia, Twitter)

Danno lezioni di Stile a gambe aperte.
(ziacoca, Twitter)

Ogni donna la sua fortuna ce l’ha fra le gambe.
(Honorè De Balzac)

Se vuoi che lei ti apra le gambe, devi prima clitofonare
(Arcobalengo, Twitter)

“Mamma, cos’hanno i maschi, tra le gambe?”. “La coda, Amore. In genere hanno la coda tra le gambe”.
(Egyzia, Twitter)

Ti dona proprio la coda tra le gambe.
(Ida_Bauer, Twitter)

Essere donna ti permette di accavallare tranquillamente le gambe, senza temere di schiacciare il cervello tra di esse
(Anonimo)

Quattro gambe buono, due gambe cattivo.
(George Orwell , La fattoria degli animali)

È così grande la malvagità del mondo che devi consumarti le gambe a forza di correre per evitare che te le freghino.
(Bertolt Brecht)

Peccato che queste gambe così finemente progettate per correre, si limitino al mèro rincorrere.
(wzgore, Twitter)

Si sta come su un’ altalena, a cercare la forza nelle gambe per spingersi sempre più in alto.
(maco83, Twitter)

Uomini, le gambe depilate solo se siete caduti dalla moto e vi siete fatti 100 metri raschiando l’asfalto.
(david_isayblog, Twitter)

Bugia non si vergognava di nulla; nemmeno di quelle sue ridicole gambe corte.
(Antonio Castronuovo)

“Gambe in spalla” solo se ti ha disegnato Picasso.
(diodeglizilla, Twitter)

Lo stinco di una gamba è un aggeggio per trovare i mobili quando c’è buio.
(Colin Bowles)

Le radici sono importanti, nella vita di un uomo, ma noi uomini abbiamo le gambe, non le radici, e le gambe sono fatte per andare altrove.
(Pino Cacucci)

Una bella donna non è colei di cui si lodano le belle gambe o le braccia, ma quella il cui aspetto complessivo è di tale bellezza da togliere la possibilità di ammirare le singole parti.
(Lucio Anneo Seneca)