Frasi, citazioni e aforismi sull’avere e il possesso

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sull’avere e il possesso. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sui desideri, Frasi, citazioni e aforismi sul fareFrasi, citazioni e aforismi sui ricchi e la ricchezza e Frasi, citazioni e aforismi sul risparmio.

**

Frasi, citazioni e aforismi sull’avere e il possesso

Avere

La felicità non è avere quello che si desidera, ma desiderare quello che si ha
(Oscar Wilde)

Insensati come siamo, noi vogliamo conquistare tutto, come se avessimo il tempo di possedere tutto.
(Imperatore Federico II di Svevia)

Nasciamo senza portare nulla, moriamo senza portare via nulla. Ed in mezzo litighiamo per possedere qualcosa.
(N. Nur-ad-Din)

Non si può avere tutto. Voglio dire, dove lo metteresti?
(Steven Wright)

La vita non è un avere e un prendere, ma un essere e un diventare.
(Mirna Loy)

Questo è mio, questo è tuo. Ecco l’inizio dell’usurpazione del mondo.
(Blaise Pascal)

Le cose che una volta possedevi, ora possiedono te.
(Dal film Fight Club)

Non c’è nulla di sbagliato nelle persone che possiedono ricchezze. Lo sbaglio avviene quando le ricchezze si impossessano delle persone.
(Billy Graham)

L’atomo è vuoto. Già questa evidenza dovrebbe insegnarci ad attribuire meno valore al possesso delle cose e a ciò che è materiale.
(Fabrizio Caramagna)

La ricchezza non consiste nell’avere grandi ricchezze, ma nell’avere pochi bisogni.
(Epitteto)

Non è ciò che hai, è ciò che usi che fa la differenza.
(Zig Ziglar)

L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto,
poiché l’amore basta all’amore.
(Khalil Gibran)

Non posso averti ma, dato che t’amo, posso esserti.
(Jacques Prévert)

L’uomo non conosce la vera gioia perché desidera sempre ciò che non ha.
(Bacchilide)

Preferisco ciò che ho a ciò che spero
(Sant’Agostino)

Guadagnare in ciò che si ha significa perdere in ciò che si è.
(Lao Tzu)

La vera perfezione per l’uomo consiste non in ciò che ha, ma in ciò che egli è.
(Oscar Wilde)

È il cuore che rende un uomo ricco. Egli è ricco a seconda di quello che è, non a seconda di ciò che ha.
(Henry Ward Beecher)

Non chiedermi che cosa ho, ma che cosa sono.
(Henrich Heine)

Dice il vento: oggi possiedo cento prati di cento margherite, tre cime da cui spazzo delicatamente la neve, un campanile e una nuvola a forma di drago che porto a spasso nel cielo, domani chissà. Gli uomini invece vogliono possedere le cose per sempre, e non si accorgono che le cose possedute ti entrano nell’anima e poi te la fanno scoppiare.
(Fabrizio Caramagna)

Io non ho ciò che possiedo, e nemmeno ho ciò che faccio. Io ho solo ciò che sono.
(Anonimo)

Molti uomini, come i bambini, vogliono avere una cosa ma non le sue conseguenze.
(José Ortega Y Gasset)

Cerchiamo di non essere troppo esigenti: è meglio possedere diamanti di seconda scelta che non possederne affatto.
(Mark Twain)

Non è ricco colui che possiede molto, ma colui che dona molto.
(Erich Formm)

Un amico è la cosa migliore che tu possa avere, e la cosa migliore che tu possa essere.
(Douglas Pagels)

Si ama eternamente tutto ciò che non si può avere.
(Jules Renard)

Alcune cose diventano tanto nostre che le dimentichiamo.
(Antonio Porchia)

Ora non è il momento di pensare a quello che non hai. Pensa a quello che puoi fare con quello che hai.
(Ernest Hemingway)

Tutta la nostra scontentezza per ciò che non abbiamo mi parve derivare dall’ingratitudine per ciò che abbiamo.
(La Rochefoucauld)

Quelli che hanno molto sono spesso avidi; quelli che hanno poco mettono sempre quel poco in comune.
(Odcar Wilde)

Chiunque abbia qualcosa che non usa, è un ladro
(Mahatma Gandhi)

Nulla vi apparteneva, se non quei pochi centimetri cubi che avevate dentro il cranio.
(Goerge Orwell)

Noi non possediamo nulla al mondo, perché il caso ci può togliere tutto tranne il potere di dire “io”.
(Simone Weil)

Perché l’unica cosa che non abbiamo riesce sempre a rovinarci quello che abbiamo?
(Carrie Bradshaw, in Sex and the City)

Ogni persona ha ciò che non vuole, e ciò che vorrebbe l’hanno gli altri.
(Jerome K. Jerome)

Le cose che vale la pena avere – le cose buone, belle, onorevoli e nobili – sono difficili da ottenere.
(Cassandra Clare)

Il segreto della felicità non è nel possesso delle cose, ma nel godimento che se ne trae.
(Eugène Delacroix)

L’amore non dà nulla se non se stesso,
non coglie nulla se non da se stesso.
L’amore non possiede,
né vorrebbe essere posseduto,
poiché l’amore basta all’amore.
(Khalil Gibran)

Che cosa possiedi di te stesso dentro un bosco? La tua anima è nelle foglie…
(Fabrizio Caramagna)

Ogni possesso incrementato ci carica di nuova stanchezza.
(John Ruskin)

Quando entra in gioco il possesso delle cose terrene, è difficile che gli uomini ragionino secondo giustizia.
(Umberto Eco)

La salute è il più grande possesso.
La contentezza è il più grande tesoro.
La fiducia è il più grande amico
(Lao Tzu)

Il possesso è una forma di avarizia, e un avaro non può fiorire. Un avaro è sempre in uno stato di costipazione spirituale, è malato. Devi aprirti, condividere. Condividi ciò che hai e crescerà; condividi di più e crescerà. Continua a dare, e riceverai ancora. La sorgente è eterna, non essere avaro. Di qualsiasi cosa si tratti – amore, saggezza… qualsiasi cosa, condividi. Non possessività vuol dire condividere.
(Osho)

Non temere se il tuo cavallo scappa. Se ti appartiene ritornerà. E se non tornerà, è perché non è mai stato tuo.
(Proverbio cinese)

Chi per caso viene in possesso di un’ingente somma di denaro sarà o molto felice o molto infelice.
(Proverbio cinese)

Ricco non è colui che possiede, ma colui che dà, colui che è capace di dare.
(Papa Giovanni Paolo II)

La felicità non è tanto nell’avere quanto nel condividere. Noi viviamo con ciò che prendiamo, ma ci facciamo una vita con ciò che diamo.
(Winston Churchill)

Meno si è, e meno si esprime la propria vita; più si ha, e più è alienata la propria vita.
(Karl Marx)

La vita migliore è quella in cui gli impulsi creativi giocano la maggior parte e gli impulsi possessivi la più piccola.
(Bertrand Russel)

Avere poco è possedere. Avere tanto è essere perplessi.
(Lao Tzu)

Possedere vuol dire dipendere da qualcosa e da qualcuno.
(Dacia Maraini)

Un uomo non può possedere più di quanto il suo cuore possa amare.
(Dal film Educazione siberiana)

Possediamo soltanto ciò che sappiamo di dover perdere, ciò che desideriamo perdere.
(Ursula Kroeber Le Gun)

Possedere un bene non serve a niente se non si è pronti a perderlo. E i beni la cui perdita è più facilmente tollerabile sono quelli che, perduti, non possono essere oggetto di rimpianto.
(Seneca)

Non è felice quello a cui la fortuna non può dare di più, ma quello al quale non può togliere nulla.
(Francisco De Quevedo)

Ogni uomo può dire quante oche o quante pecore possiede, ma non quanti amici.
(Cicerone)

Tu cerchi di possedere, e più ci provi, più l’amore si rivela qualcosa di impossibile, e più l’altro inizia ad allontanarsi da te. Meno possiedi, più ti senti vicino all’altro. E se non possiedi affatto, se tra gli amanti scorre libertà, si ha un grande amore
(Osho)

Tutti nella vita hanno la stessa quantità di ghiaccio; però il ricco d’estate e il povero d’inverno.
(Anonimo)

L’uomo non è la somma di ciò che ha, ma la totalità di ciò che non ha ancora, di ciò che potrebbe avere.
(Jean Paul Sartre)

Amate per amare, non per avere qualcosa in cambio, altrimenti non è amore.
(Leo Buscaglia)

Non rovinare quello che hai desiderando ciò che non hai. Ricorda che ciò che ora hai un tempo era tra le cose che speravi di avere.
(Epicuro)

Sono ricco dei beni di cui ho fatto a meno.
(Etienne Vigée)

Chi non è soddisfatto di ciò che ha non sarebbe soddisfatto neppure se avesse ciò che desidera
(Bertold Auerbach)

Non sarete mai degni della felicità, finché possiederete qualche cosa, finché il vostro odio contro i ricchi proverà soltanto il desiderio d’esser ricchi al posto loro.
(Emile Zola)

Tanto hai quanto speri. Spera molto, avrai molto.
(Padre Pio)

Aver visto molto e non avere niente, è avere gli occhi ricchi e le mani povere.
(William Shakespeare)

Il benessere non è di chi lo possiede, ma di chi se lo gode.
(Benjamin Franklin)

Tu puoi avere tutto quello che desideri se abbandoni la convinzione che non puoi averlo.
(Robert Anthony Robbins)

Il desiderio fa fiorire ogni cosa; il possesso rende tutto logoro e sbiadito.
(Marcel Proust)

Chi più possiede, più debbe temere di non perdere.
(Leonardo Da Vinci)

È molto meglio desiderare che avere… Il momento del desiderio, quando sai che qualcosa sta per succedere – è il più esaltante.
(Anonimo)

La felicità è meglio immaginarla che possederla.
(Jacinto Benavente)

Un oggetto posseduto raramente mantiene lo stesso fascino che aveva quando acquistato.
(Plinio Il Giovane)

Si ama solamente ciò in cui si persegue qualcosa d’inaccessibile, quel che non si possiede.
(Marcel Proust)

Se vuoi avere qualcosa da una donna chiedile tutto. Se vuoi avere tutto non concederle niente.
(Roberto Gervaso)

La proprietà ha per unica e gloriosa origine la forza: essa nasce e si conserva con la forza, e non cede che a una forza più grande.
(Anatole France)

Il comunismo non funziona perché le persone amano possedere le cose.
(Frank Zappa)

Finché ciascuno aspira ad avere di più, non potranno che formarsi classi, non potranno che esserci scontri di classe e, in termini globali, guerre internazionali. Avidità e pace si escludono a vicenda
(Erich Fromm)

Bolscevico: un uomo che non ha nulla e vuol dividerlo con gli altri.
(John Garland Pollard)

Questa è una ingiustizia di Dio, che dopo di essersi logorata la vita ad acquistare della roba, quando arrivate ad averla, che ne vorreste ancora, dovete lasciarla!
(Giovanni Verga)

Possedere significa sbandierarlo ai quattro venti, chiamare gente a raccolta perché veda e ammiri fino a farsi uscire gli occhi dalla testa.
(Ryszard Kapuscinski)

Ci sono al mondo solo due classi di uomini: quelli che hanno e quelli che guadagnano. I primi si coricano, gli altri si agitano.
(Alfred De Vigny)

Sembrerebbe che l’avere costituisca una normale funzione della nostra esistenza, nel senso che, per vivere, dobbiamo avere oggetti. Inoltre, dobbiamo avere cose per poterne godere. In una cultura nella quale la meta suprema sia l’avere – e anzi l’avere sempre più – e in cui sia possibile parlare di qualcuno come una persona che « vale un milione di dollari », come può esserci un’alternativa tra avere ed essere? Si direbbe, al contrario, che l’essenza vera dell’essere sia l’avere; che, se uno non ha nulla, non è nulla.
(Erich Fromm, Avere e essere)

Pure, i grandi Maestri di Vita hanno fatto proprio dell’aut-aut tra avere ed essere il nucleo centrale dei rispettivi sistemi. Il Buddha insegna che, per giungere allo stadio supremo dello sviluppo umano, non dobbiamo aspirare ai possessi. E Gesú: «Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la propria vita per me, colui la salverà. Infatti che giova all’uomo l’aver guadagnato il mondo intero, se poi ha perduto o rovinato se stesso?» (Luca, IX, 24-25). Maestro Eckhart5 insegnava che non avere nulla e rendersi aperti e «vuoti», fare cioè in modo che il proprio io non ostacoli il cammino, costituisce la condizione per il raggiungimento di ricchezza e forza spirituali. Marx affermava che il lusso è un vizio esattamente come la povertà e che dovremmo proporci come meta quella di essere molto, non già di avere molto.
(Erich Fromm, Avere e essere)

Dal momento che la società nella quale viviamo è dedita all’acquisizione di proprietà e al guadagno, di rado ci capita di trovarvi manifestazioni della modalità esistenziale dell’essere, e la maggior parte di noi considera la modalità dell’avere come la più naturale, anzi l’unico stile di vita accettabile; tutto questo ha per conseguenza che per la gente riesce particolarmente difficile comprendere la caratteristica della modalità dell’essere, e persino capire che l’avere non è che uno dei possibili indirizzi.
(Erich Fromm, Avere e essere)

Per coloro i quali ritengono che l’avere sia una categoria assolutamente naturale dell’esistenza umana, potrà risultare sorprendente apprendere che molte lingue non hanno un termine equivalente ad «avere». Cosí a esempio, in ebraico «io ho» deve essere espresso mediante la forma indiretta jesh li («è a me», è mio). In effetti, le lingue in cui il possesso viene espresso in questa forma anziché con l’«io ho», sono la maggioranza
(Erich Fromm, Avere e essere)

È triste avere senza essere, ma com’è difficile essere senza avere.
(Roberto Gervaso)

1990) Avere o essere?
2015) Ostentare l’avere od ostentare l’essere?
(Esercizinvolo, Twitter)

Mi domandi quale sia la giusta misura della ricchezza? Primo avere il necessario, secondo quanto basta.
(Seneca)

Vai avanti nella vita con quello che hai. Ti fai una vita con quello che dai.
(Winston Churchill)

Basta che lui ci sia, non importa che sia mio, proprio come i grandi alberi nei parchi, alla cui ombra riposano tutti e non appartengono a nessuno.
(Banana Yoshimoto)

A volte capiamo veramente quello che vogliamo solo quando non possiamo più averlo.
(Anonimo)

Per avere qualcosa che non hai mai avuto devi essere disposto a fare qualcosa che non hai mai fatto.
(Thomas Jefferson)

Se nulla mi appartiene, allora non devo assolutamente sprecare il tempo preoccupandomi di cose che non sono mie. Meglio vivere come se oggi fosse il primo (o l’ultimo) giorno della vita.
(Paulo Coelho)

Nella vita bisogna essere sempre come su questa nave: dei passeggeri. Non bisogna possedere nulla!
(Tiziano Terzani)

Tutto è vanità, vanità è desiderare, possedere è vanità
(José Saramago)

C’è un solo modo per possedere tutto: non desiderare niente.
(EM Cioran)

Non resistere, non giudicare e non avere attaccamento sono i tre aspetti della vera libertà e di un vivere illuminato.
(Eckart Tolle)

**

Proverbi

Chi non ha mai avuto mostra più del dovuto.

Chi non ha, ha bisogno di chi ha e chi ha, ha bisogno di chi non ha.

Meglio aver da avere che aver da dare.

Quel che non si può avere si brama.

Quel che si ha si disprezza e quel che non si ha si desidera.

Vivi di quel che hai e non di quel che aspetti.

Le cose possedute si hanno in picciol pregio.