I proverbi siciliani più belli e famosi

Presento una raccolta dei proverbi siciliani più belli e famosi. I proverbi siciliani sono modi di dire, detti e frasi che esprimono una sapienza millenaria e che riescono a descrivere, con poche parole, gli ambiti più diversi dell’esperienza e saggezza umana. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla Sicilia, I Proverbi napoletani più belli e famosi e Proverbi romani e detti romaneschi.

**

Proverbi siciliani più belli e famosi

Proverbi Siciliani

Aceddu `nta la aggia non canta p`amuri, ma pi raggia.
(L’uccello in gabbia non canta per amore, ma per rabbia)

‘A megghiu parola è chidda ca ‘un si dici.
(La miglior parola è quella che non si dice)

Cu’ perdi un amicu, scinni un scalino.
(Chi perde un amico, scende di uno scalino)

Voi sapiri qual’è lu megghiu jocu? Fà beni e parra pocu.
(Vuoi sapere qual’è il miglior gioco? Fai del bene e parla poco)

Cu’ s’ammuccia soccu fa, è signu chi mali fa.
(Chi nasconde quel che fa, vuol dire che male fa)

Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna `n ci nni dari.
(Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede.

Cui scippa vigna, e chianta vigna, mai vinnigna.
(Chi toglie la vigna, e ripianta la vigna, non raccoglie mai)

A fimmina intra comu ‘na mischina… fora comu ‘na riggina.
(La moglie dentro casa può vestire come una poveretta… quando esce deve vestire come una regina)

Geniu fa biddizza.
(Intelligenza fa bellezza)

U megghiu beni è lu menu mali.
(Il male minore, questo è il miglior bene)

Li megghiu parenti su ‘li spaddi.
(I migliori parenti sono le proprie braccia)

L’omu è lu focu, e la donna è la stuppa; lu diavulu veni e ciuscia.
(L’uomo è il fuoco, la donna è la stoppa, il diavolo viene e ci soffia)

La bona mugghieri è la prima ricchizza di la casa.
(La buona moglie è la prima ricchezza della casa)

Lu gilusu mori curnutu.
(Il geloso muore cornuto)

A fissaziuni jè peggiu da malatìa.
(La fissazione è peggio della malattia)

Cu’ voli puisia venga ‘n Sicilia.
(Chi vuole poesie, venga in Sicilia)

E’ bona donna, donna chi nun parra.
(Una buona moglie è quella che parla poco)

Donne e cavaddi, pigghiali di li vicini.
(Donne e cavalli, prendili dai vicini)

Megghiu muriri chi mali campari.
(Meglio morire che vivere male)

Sciarri di maritu e mugghieri, durano finu a lu lettu.
(Le liti tra marito e moglie finiscono sempre a letto)

Cu’ asini caccia e fimmini cridi, faccia di paradisu nun ni vidi.
(Chi insegue gli asini e crede alle donne, non vedrà il paradiso)

U bonu no vali cchiù di nu tintu sì.
(Il no detto con grazia vale più del sì detto sgarbatamente)

A vita iè comu a scala do puddaru: iè cutta e china ‘i medda.
(La vita è come la scala del pollaio: è corta e piena di merda)

A li poviri e a li sbinturati cci chiovi ‘nta lu culu macari assittati.
(Ai poveri e agli sventurati piove nel culo anche da seduti)

Carciri, malatia e nicissità, si viri lu cori di l’amici.
(Nel carcere, nella malattia e nelle necessità, si vede il cuore degli amici)

Li guai di la pignata li sapi la cucchiara.
(I guai della pentola li conosce il cucchiaio)

Munti cù munti non s`incontrunu mai.
(I monti non s’incontrano mai con altri monti)

Occhi chi aviti fattu chianciri, chianciti.
(Occhi che avete fatto piangere, piangerete)

Li megghiu sciarri su’ chi parenti.
(Le liti più grandi sono tra parenti)

Cummannari è megghiu ri futtiri.
(Comandare è meglio di fottere)

Lu Signuri duna viscotta a cù nun havi anghi.
(Dio dona biscotti a chi non ha i denti)

U rispettu è misuratu, cu lu porta l’havi purtato.
(Il rispetto è misurato.Chi lo porta lo riceve)

Beni di furtuna, passanu comu la luna.
(I beni acquistati con la fortuna, passano come la luna)

Si vo’ passari la vita cuntenti, statti luntanu di li parenti.
(Se vuoi stare sereno, stai lontano dai parenti)

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata.
(Non lodare la giornata se non è passata la serata)

Ama a cui t’ama, a cui nunt’ama, lassalu.
(Ama chi ti ama, chi non t’ama lascialo)

Cu accatta abbisogna di cent’occhi; cu vinni d’unu sulu.
(Chi compra ha bisogno di cento occhi; chi vende di uno soltanto)

Li parenti su’ parenti e li stranii su’ su sempri li stranii.
(I parenti sono parenti, e gli estranei sono sempre estranei)

Fimmina senza amuri è fiore senza oduri.
(Donna senza amore, è fiore senza profumo)

Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
(Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire)

Dio ti scansi di lu malu vicinu, e di principianti di viulinu.
(Dio ci liberi del cattivo vicino, e del suonatore principante di violino)

Li difetti de la zita s’ammuccianu cu la doti.
(I difetti della fidanzata si nascondono con la dote)

A pignata ‘ncomuni, non vugghi mai.
(La pentola in comune non bolle mai)

Cu fa credenza senza aviri pignu perdi la roba l’amicu e lu ‘ngegnu.
(Chi presta senza avere un pegno perde sia il prestito che l’amico)

Di lu nemicu, ‘un pigghiari consigghiu.
(Dal nemico, non prendere consigli)

Dopu a quarantina, un mali ogni matina.
(Dopo i 40 anni un male ad ogni nuovo giorno)

Lu pisu di l’anni, è lu pisu cchiù granni.
(Il peso degli anni è il peso più gravoso da portare)

Lu giuvini può muriri, ma lu vecchiu non può campari.
(si può morire da giovani ma è certo che un vecchio non può campare in eterno)

Si lu giuvini vulissi e lu vecchiu putissi, non ci saria cosa ca non si facissi.
(Se i giovani volessero e gli anziani potessero, non ci sarebbe cose che non si facesse)

Cu’ nesci, arrinesci.
(Chi esce dal proprio paese, trova la fortuna)

Aspittari e non veniri, jiri a tavula e non manciari, jiri o lettu e non durmiri su` tri peni di muriri.
(Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire)

‘A vucca è quantu n’aneddu si mangia turri, palazzu e casteddu.
(La bocca ha un piccolo diametro ma per golosità può sprecare tutto ciò che possiedi)

Casa senza omu, casa senza nomu.
(Casa senza uomo, casa senza nome)

Amuri nun senti cunsigghi.
(Amore non sente consigli)

A pignata vaddata non vugghi mai.
(La pentola guardata non bolle mai)

A lupu vecchiu, nun si ‘nzigna la tana.
(A vecchio lupo non si insegna la tana)

L’omu senza furtuna, va sempri a la peduna.
(L’uomo senza fortuna va sempre a piedi)

Contra a’ furtuna nun vali sapiri.
(Contro la fortuna non vale il sapere)

Vecchiu ‘nnammuratu di tutti è trizziatu.
(Vecchio innamorato è da tutti deriso)

Attacca lu sceccu unni voli u patruni.
(Lega l’asino dove vuole il padrone)

Cu lu vinnri e lu cumprari, nun c’è amici nè cumpari.
(Con il vendere e il comprare, non ci sono amici né compari)

Amicu cu tutti e fidili cu nuddu.
(Amico con tutti, fedele con nessuno)

Fa’ beni e scordatillu, fà mali e pensaci.
(Fai del bene e dimenticalo, fai del male e ricordalo)

Cu si marita sta cuntentu un jornu cu ammazza ‘n porcu sta cuntentu un annu.
(Chi si sposa è felice un giorno, chi ammazza un maiale è felice un anno)

L’amuri e comu lu citrolu comincia duci e poi finisci amaru.
(L’amore è come il cetriolo, comincia dolce e finisce amaro)

Lu monucu sciala e lu cunventu paga.
(Il monaco mangia e il convento paga)

Unu sulu non è bonu mancu ‘mparadisu.
(Sa soli non si sta bene neanche in paradiso)

Si voi campari ‘mpaci, ascuta, varda e taci.
(Se vuoi campare in pace, ascolta, guarda e taci)

Rizzi, pateddi e granci, spenni assai e nenti manci.
(Ricci, patelle e granchi, molto spendi e poco mangi)

Bon tempu e malu tempu, nun dura tuttu tempu.
(Buon tempo e brutto tempo non durano sempre)

Cui tempu aspetta, tempu perdi.
(Chi tempo aspetta, perde tempo)

Cui libbiru pò stari nun si stassi a ‘ncantari.
(Chi può star libero, non vada a cercare catene)

Cu’ arrobba pri manciari, nun fa piccatu.
(Chi ruba per mangiare, non fa peccato)

Vinu vecchiu e ogghiu novu.
(Il vino deve essere vecchio e l’olio nuovo)

Libbirtati e saluti cui ha, è riccu e nun lu sa.
(Chi ha salute e libertà, è ricco e non lo sa)

Servu d`autru si fa cu dici i sigretu ca sapi.
(Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri)

Cu lassa a vecchia ppà nova peggiu s’attrova.
(Chi lascia la vecchia per la nuova peggio trova)

Cu pava prima, mangia pisci fitusu.
(Chi paga prima, mangia pesce marcio)

L’amuri è amaru, ma arricria lu cori.
(A volte, l’amore è amaro, ma addolcisce il cuore)

Carni fa carni, pani fa panza, vinu fa danza.
(La carne fa carne, il pane fa pancia, il vino fa danzare)

Dissi ‘ u vermi a nuci: dammi tempu cca’ ti spirtusu.
(Disse il verme alla noce: dammi tempo che ti buco)

Cui di vecchi si ‘nnamura, si nni chianci la svintura.
(Chi si innammora di un uomo anziano, ne piangerà la sorte)

Cu spatti avi a megghiu parti.
(Chi divide ha la parte migliore)

Cu sputa ‘ncelu ‘nfacci ci tonna.
(Chi sputa in cielo, in faccia gli ritorna)

Cu voli u spassu s’accatta a signa.
(Chi vuole un passatempo si compra la scimmia)

L’anni passano supra di nui.
(Gli anni passano sopra di noi)

Cu’ pecura si fa, lupu su’ mancia.
(Chi pecora diventa, viene mangiato dal lupo)

A testa ianca, spissu lu sennu manca.
(A capelli bianchi spesso manca il senno, cioè nonostante si abbiano i capelli bianchi non si è ancora maturi)

Cchiu scuru di menzannotti nun po fari.
(Più buio di mezzanotte non può fare)

Ccu amici e ccuparenti, ‘un accattari e ‘un vinniri nienti.
(Con gli amici e con i parenti, non comprare e non vendere niente)

Cu’ è picciutteddu nun è puvireddu.
(Chi è giovane non è povero)

Dui su` i putenti, cu avi assai e cu non avi nenti.
(Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente)

Fimmina barbuta, mancu di luntanu si saluta.
(Donna barbuta, neanche di lontano si saluta)

Diu a cu’ voli beni, manna cruci e peni.
(Dio manda dolori e pene, a chi vuole bene)

Cu du’ vucchi vo basari l’una o l’altra hav’a lassari.
(Chi vuole baciare due bocche deve lasciar o l’una o l’altra)

Cu avi lingua arriva a Roma.
(Chi ha lingua arriva a Roma)

Di marti nè si spusa nè si parti.
(Di martedì né si sposa né si parte)

Nun c’è sabitu senza suli e nun c’è fimmina senza amuri.
(Non c’è sabato senza sole e non c’è donna senza amore)

Nuddu si pigghia si non si rassumigghia.
(Le persone si scelgono perchè si somigliano)

Zoccu ora si schifia veni lu tempu ca si ddisia.
(Quello che adesso si disprezza un giorno sarà desiderato)

La matinata fa la jurnata.
(La mattinata fa la giornata)

La donna, lu ventu e la vintura pocu dura.
(La donna, il vento e la sorte poco durano)

A minchia nunn’avi occhi: unni s’anfila s’anfila, e su ss’anfila è megghiu.
(Il pene non ha occhi: dove si infila si infila, e se si infila è meglio)

Acqua ca duna a tanti vadduni a mari non ci n’arriva.
(Acqua che va in tanti torrenti non arriva al mare)

A lavari la testa a lu sceccu si perdi acqua, sapuni e tempu.
(A lavare la testa all’asino si perde acqua, sapone e tempo)

Bisogna masticari feli si voi doppu agghiuttiri lu meli.
(Bisogna saper masticare fiele se dopo si vuol godere il miele)

Quannu tu manci chiuditi la porta e quannu parri votiti d’arreri.
(Quando mangi chiudi la porta, quando parli guardati alle spalle)

A lu stru di cannula, non pigghiari ne fimmina, ne tila.
(Con poca luce non scegliere ne moglie ne stoffa)

U curnutu e canusciutu sulu ‘o so paisi, u cretini unni và và.
(Il cornuto è conosciuto solo al suo paese il cretino ovunque va)

Non si può mungiri a petra pi nesciri sugu.
(Non si può mungere la pietra ed aspettare che esca il succo)

Lassau rittu la povera nanna, lu risu cu li guai vannu a vicenda.
(Questo disse la nonna, riso e guai si avvicendano)

Prima di fari un passu, assicurati di putiri fari l’autru.
(Prima di fare un passo assicurati di poterne fare un altro)

Cu arrobba fa un piccatu, ni fa centu cu è arrubbatu.
(Chi ruba fa peccato, chi è derubato ne fa cento)

Marititi, marititi ca abbenti, ti levi un pinseri e ti ni metti tanti.
(Se credi che con il matrimonio ti togli un pensiero ricordati che ne metti cento)

Cu campa drittu, campa afflittu.
(chi vive diritto, vive afflitto)

Jurnata rutta perdila tutta.
(La giornata partita male prenditela di riposo)

Chiddu ca non s’è fattu tra mercuri e giovi, non si farà tra venniri e sabatu.
(Quello che non è stato fatto fra Mercoledì e Giovedì difficilmente verrà fatto fra Venerdi e Sabato)

Non mettiri puddicini ‘o suli.
(Non mettere i pulcini al sole, cioè non prendere iniziative avventate)

Prima ‘i parari mastica i paroli.
(Prima di parlare mastica le parole)

Ognunu sapi quantu l’avi.
(Ognuno sa quanto ce l’ha lungo, cioè ognuno conosce il proprio valore)

L’Amuri è musuratu, cu lu porta, l’havi purtatu.
(L’amore è misurato, chi lo porta, lo riavrà indietro)

La bona fimmina fa la casa, la pazza la sdirrubba.
(La donna buona fa la casa, la pazza la distrugge)

Lingua bona, bona l’arma.
(Lingua buona, buona l’anima)

Quannu la lingua voli parrari, prima a lu cori a dumannari.
(Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore)

Quannu u diavulu t`alliscia voli l`arma.
(Quando il diavolo ti adula vuole l`anima)

I picciuli sunnu nta vucca di tutti e nta sacchetta di nuddu.
(I soldi sono sulla bocca di tutti e nella tasca di nessuno)

‘I fìmmini quarchi vota dìcinu ‘u veru, ma nun lu dìcinu nteru.
(Le donne qualche volta dicono il vero, ma non lo dicono per intero)

Si voi pruvari li peni di lu ‘nfernu, lu ‘vernu a Missina, e la stati a Palermu.
(Se vuoi provare le pene dell’inferno passa l’inverno a Messina, e l’estate a Palermo)

Tri sonu li boni muccuni: ficu, pessica e muluni.
(Tre sono i buoni bocconi: fichi, pesche e meloni)

Pri mennuli muddisi a l’Aragona pri picciotti beddi a la Favara.
(Ad Aragona per le mandorle spaccatelle, a Favara per le belle donne)

Di’ ni scansa di calamitati, d’omini spani e fimmini varvuti.
(Dio ci liberi dalle disgrazie, dagli uomini glabri e dalle donne pelose)

Lu sazio nun cridi a lu dijunu.
(Chi è sazio non crede al digiuno)

‘si servi du patruni un si servu bonu ‘né p’unu, ‘né pi l’autru’.
(Se servi due padroni, non sarai un buon servo né per uno, né per l’altro)

Malidittu u mummuriaturi, ma chiù assai cu si fa’ mummuriari.
(Maledetto chi sparla, ma di più chi si fa sparlare)

La calunnia si non tingi pingi.
(La calunnia se non macchia ti segna)

Bona maritata senza soggira e cugnata.
(Una donna è ben sposata se non ha suocera e cognata)

Quannu la furtuna vota ogni amicu s’alluntana.
(Quando la fortuna volta le spalle, tutti gli amici si allontanano)

Quannu l’amuri voli, trova locu.
(Quando l’amore vuole, trova come fare)

Tutti i cunsigghi pìgghia, ma u to nun u lassari.
(Ascolta tutti i consigli, ma non abbandonare la tua idea)

Di quattru cosi nun t’ha fidari: Sirinitati di nvernu e nuvuli di stati, chiantu di fimmina e caritati di frati.
(Di quattro cose non ti fidare: sereno d’inverno e nuvole d’estate, pianto di donna e carità di frate)