Le frasi più celebri di Hillary Clinton

Hillary Diane Rodham Clinton, nata Hillary Diane Rodham (Chicago, 26 ottobre 1947), è una politica statunitense del Partito Democratico candidata per la Presidenza degli Stati Uniti. Nel 1975 sposa Bill Clinton, che nel 1992 diventa presidente degli Stati Uniti Nel 2000 diventa senatrice dello Stato di New York, fino al 2008. In quell’anno perde le primarie democratiche contro Barack Obama, che però la chiama come segretario di Stato nella sua prima amministrazione. Presento qui di seguito una selezione delle frasi più celebri di Hillary Clinton. Tra i temi correlati si veda Le frasi più celebri di Donald Trump e Frasi, citazioni e aforismi sulla donna.

**

Le frasi più celebri di Hillary Clinton

Hillary Clinton

Le donne sono il più grande serbatoio inutilizzato di talenti del mondo. È giunta l’ora che prendano il posto che spetta loro, là dove si decide il destino della loro gente, dei loro figli e nipoti.

Questa vittoria non riguarda una persona. Appartiene a generazioni di donne e uomini che hanno combattuto, si sono sacrificate, e hanno reso questo momento possibile.

Questo momento è per tutte le bambine che pensano in grande – This moment is for every little girl who dreams big.
(Affermazione con cui ha aperto il suo discorso alla convention democratica di Philadelphia)

Fate lavorare le donne: faranno da volano alla crescita economica in tutti i settori. Mandate una bambina a scuola anche solo un anno: il suo reddito crescerà nella vita, i suoi bambini avranno più probabilità di sopravvivenza e la sua famiglia sarà più sana negli anni a venire.

I diritti umani sono i diritti delle donne, ed i diritti delle donne sono i diritti umani.

E’ ridicolo che gli insegnanti e gli infermieri abbiano tasse più alte rispetto ai manager e ai gestori dei fondi finanziari.

La sfida ora è di fare politica come fosse l’arte di far diventare ciò che appare impossibile, possibile.

Siamo qui per portare avanti la causa delle donne e per portare avanti la causa della democrazia, e rendere assolutamente chiaro che le due sono inseparabili. Non ci può essere vera democrazia fino a che le voci delle donne non saranno ascoltate.

Le armi non garantiscono sicurezza

Lesbiche, gay, bisessuali e transgender americani sono nostri colleghi, insegnanti soldati, amici, i nostri cari e sono cittadini a tutti gli effetti, uguali a noi e meritano i diritti di cittadinanza. Questo include il matrimonio

I diritti delle donne e delle ragazze restano ancora il grande lavoro incompiuto del 21° secolo.

Quando le donne hanno successo il mondo ha successo. Quando le donne e le ragazze prosperano, intere società prosperano.

La cosa peggiore che possa accadere nella democrazia – così come nella vita di un individuo – è quello di diventare cinici riguardo il futuro e perdere la speranza.

Mi rifiuto di cedere al mai. La parte più bella di un’esperienza è la voglia di provarci, di mettersi in gioco

Io non ho avuto altri figli ma non significa che non ne ho voluti altri. Le giovani donne devono superare i luoghi comuni.

Un uomo che si fa provocare da un tweet non è un uomo a cui si può affidare un’arma nucleare.

E’ la prima volta che un partito nomina una donna per la presidenza. E quando non ci sono soffitti il limite è il cielo.

Noi non possiamo vivere per vedere la gloria, come dice la canzone dal musical Hamilton. Ci uniamo volentieri alla lotta. La nostra eredità è quella di aver piantato dei semi di un giardino che non vedremo mai. E non vale solo in questa sala, ma in tutto il mondo.

C’è grande coerenza in quello che sono e faccio, e credo che la gente possa finalmente affermare: “Sai una cosa? Ho imparato a conoscerla”.

Un giorno speriamo di liberare ogni uomo sulla faccia della terra dalla tendenza a identificare la nostra forza e virilità con la capacità di controllare la vita e stroncare i sogni di donne e bambine.

Siamo qui per portare avanti la causa delle donne e per portare avanti la causa della democrazia, e rendere assolutamente chiaro che le due sono inseparabili. Non ci può essere vera democrazia fino a che le voci delle donne non saranno ascoltate.

Si fanno le campagne con la poesia ma si governa con la prosa.

L’America è a una resa dei conti. Potenti forze minacciano di dividerci. Dobbiamo decidere se lavorare tutti insieme per sollevarci tutti insieme. Perché siamo più forti quando siamo uniti»

L’estremismo prospera nell’ignoranza e nella rabbia, nell’intimidazione e nella viltà.

In troppi casi, la marcia verso la globalizzazione ha significato anche l’emarginazione delle donne e delle bambine. E questo deve cambiare.

La vita è un mix di ruoli differenti. Molti di noi stanno facendo del loro meglio per trovare il giusto equilibrio… Per me, l’equilibrio è famiglia, lavoro e servizio.

Ogni nazione dovrà essere con noi o contro di noi. Chi nutre o finanzia i terroristi pagherà un caro prezzo.

Non sopporto più di vedere l’incapacità di reagire di certe persone perché non sono felici della loro vita. I soldi certo aiutano, avere taluni privilegi finanziari è senza dubbio un vantaggio, ma è necessario lavorare su se stessi e, soprattutto, fare qualcosa.

Durante la Prima guerra mondiale, il 90 per cento delle vittime era formato da soldati, mentre nei recenti conflitti in Africa il 90 per cento delle vittime è costituito da civili. Ecco perché deve cambiare anche il modo di fare la pace: occorre aumentare la partecipazione delle donne.

Piangiamo tutti per le stesse tragedie, vogliamo la libertà, desideriamo che la nostra dignità venga rispettata. Credo che viaggiare apra e arricchisca la nostra mente.

[Rispondendo a Donald Trump] Negli anni ’70 io lavoravo per il Children’s Defense Fund e mi battevo contro la discriminazione dei bambini afroamericani nelle scuole. Lui nel frattempo veniva querelato dal Dipartimento di Giustizia per discriminazione razziale nei suoi condomini. Negli anni ’80 io lavoravo per riformare le scuole in Arkansas. Lui si faceva prestare 14 milioni di dollari da suo padre. Negli anni ’90 ho detto a Pechino che i diritti delle donne sono diritti umani. Lui insultava una donna, Alicia Machado, ex miss Universo, definendola una «macchina per mangiare»

Ogni persona sopravvissuta a violenza sessuale merita di essere ascoltata, creduta e sostenuta.

Nella Bibbia si chiede a Gesù quante volte si dovrebbe perdonare, e lui risponde settanta volte sette. Bene, voglio che sappiate che sto mantenendo questa media.

Dobbiamo ricordare che, così come una visione positiva della vita può promuovere la buona salute, altrettanto possono farlo dei quotidiani di gentilezza.

Ogni nazione deve essere o con noi, o contro di noi. Coloro che nutrono i terroristi, o che li finanziano, stanno per pagare il loro prezzo.

Cerchiamo di essere chiari: l’Islam non è il nostro avversario. I musulmani sono persone pacifiche e tolleranti e nulla hanno a che fare con il terrorismo.

E’ importante che il nostro impiego garantisca maggiore flessibilità in modo da consentire alle donne di ricoprire incarichi di alto profilo, riuscendo al contempo a prendersi cura non solo dei figli, ma anche dei genitori anziani.

Più riusciamo a vedere il mondo con gli occhi di qualcun altro, più si capisce che, al di là delle differenze, abbiamo tutti aspetti umani in comune.

La vita è troppo breve, il tempo è troppo prezioso, e la posta in gioco è troppo alta per soffermarsi su quello che avrebbe potuto essere. Dobbiamo lavorare insieme per quello che ancora può essere.