Scrittori di aforismi su Twitter, Emilia974

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @Emilia974 (Chimera Mera Chi!?). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autrice scrive di sé: “Credo che la domanda più difficile a cui dare una risposta sensata, sia ‘Chi sei?’ o ‘Descriviti’. E’ impossibile conoscere perfettamente se stessi. Personalmente, ho una vaga idea di me ed è in continua evoluzione. Di una cosa sono certa, so di essere un enorme frullatone pieno di tutto e di niente; chissà, magari a qualcuno prima o poi verrà la voglia di bermi, e mi troverà persino buona. Nel frattempo, la vita mi condizionerà aggiungendo, levando e modificando gli ingredienti, e rincarando e restringendo le dosi”.

@Emilia974 si è iscritta a Twitter nell’ottobre 2013. “Per me Twitter è un mezzo per poter dar sfogo a pensieri che nella quotidianità tengo solo per se me, con in più la soddisfazione di sapere che qualcuno questi pensieri li leggerà e che, in quei pensieri che credevo solo miei, qualcuno ci si ritroverà; ovviamente vale anche per me leggere gli altri e ritrovarmi tra una risata e una riflessione. Penso sia molto eccitante raccontarsi in poche battute ad estranei, senza avere l’obbligo della conoscenza”.

Emilia974

E’ difficile definire la scrittura di @Emilia974. Molti delle battute contenute nei suoi tweet potrebbero far pensare a una scrittura e un linguaggio umoristico (linguaggio che su un social come Twitter è dominante), ma in realtà l’autrice è qualcosa di più e di diverso. Come lei stessa mi confida via email, “non scrivo da ‘personaggio’, scrivo quello che penso alternando i miei stati d’animo e le persone, nella vita reale, sono sfaccettate”. E a rafforzare l’interpretazione di una autrice “sfaccettata” si potrebbero citare due suoi tweet dove afferma: “A quelli che mi dicono seri ‘ho capito come sei’, gli chiedo se possono spiegarmi, così forse capisco anch’io” e “Una vita alla ricerca di me stessa e alla fine, trovo una che neanche mi somiglia”.

Il fatto è che – per dirla con Walt Whitman – @Emilia974 contiene “infinite moltitudini” dentro di sé che si riflettono in una infinità di registri di scrittura. E così al registro ironico e autoironico (“Ho un’età compresa tra la demenza giovanile e la demenza senile”) si alterna il registro sentimentale (“Per me, l’amore è qualcuno che si prende cura di me, meglio di come faccio io”), quello sarcastico e scettico (“Sai qual è il premio per chi non scende a compromessi? La gastrite”), quello saggio (“Non permettere a nessuno di farti dimenticare che il grande amore della tua vita, sei tu”), quello asociale (“Non sono asociale, faccio selezione all’ingresso” o “Gli amici possono tradirti, i nemici mai. Strana la vita”), quello “incazzato” e “polemico” (“Se devo proprio metterci un pietra sopra, ti sotterro prima” o “Ma quelli che, quando sei incazzato, invece di assecondarti, tirano fuori la logica, vogliono morire di morte violenta”?), quello poetico e fantasioso (“Chissà perché non sfruttano l’energia dei bambini per illuminare l’intero Pianeta”) e così via, in una varietà di toni e registri che non può che nascere da una particolare “sensibilità” nel vedere il mondo che ci circonda (“La vita insegna a tutti, ma imparano solo i sensibili”), mondo che appare a volte buffo, a volte ostile, a volte accogliente, a volte nero, a volte luminoso, mai però del tutto comprensibile.

Presento una raccolta dei migliori tweet di @Emilia974.

**

@Emilia974, Tweet scelti

Sono una donna, mi sento trascurata anche se ti allontani per andare a pisciare.

– Come faccio a fargli capire che mi piace?
– Prova a baciarlo.
– E se poi mi rifiuta?
– Eh, t’attacchi al cazzo!
– Dici che funziona?

Una donna che ha ragione, ha ragione.
Un uomo che ha ragione, è single.

Per me, l’amore è qualcuno che si prende cura di me, meglio di come faccio io.

Io propongo di legalizzare l’intelligenza.

“Addio per sempre”
E poi:
– 1.730 messaggi
– 67 telefonate
– 12 mazzi di fiori
– 98 “capitavo da queste parti”
– 1 tentato suicidio

La civiltà finisce dove inizia il buffet.

Ho un’età compresa tra la demenza giovanile e la demenza senile.

Le donne quando chiedono un consiglio non vogliono un parere, vogliono una conferma di quello che hanno già deciso.

Più che chiudermi a riccio, mi arrotolo a Girella.

– Mamma, stasera vado a cena con un ex detenuto, tossico, sposato e con 5 figli.
– COMEEEEEEEE!!? NON MANGI A CASA??

Mi faccio due domande e mi do quarantaquattro risposte in fila per sei col resto di due.

Più sei gentile e più gli stupidi credono che tu sia stupido.

Gli amici possono tradirti, i nemici mai.
Strana la vita.

Ti posso disturbare un attimo?
– No, grazie. Sono già disturbata di mio.

Ti compri uno smartphone e ti ritrovi un telefono fisso. Sempre attaccato al caricabatteria.

Vorrei rifare le ferie perché non le ho capite.

Lavatevi tranquillamente col sapone ché tanto non va’ via il battesimo.

Più brutto che sentire la mancanza di qualcuno è non sentirne la presenza.

Chi rimanda a domani non è pigro, è ottimista.

È semplice: se piaci è corteggiamento, se non piaci è stalking.

Mai pretendere quello che non si è disposti a dare.

Vorrei dire all’uomo della mia vita di sbrigarsi ad arrivare, se non vuole un’alcolizzata.

Mai una proposta indecente da un uomo decente.

– Festeggi San Valentino?
– Sono atea.

Volevo amarmi, ma mi vedo più come un’amica.

Non sono asociale, faccio selezione all’ingresso.

Chi trova un amico, perde un accendino.

Sai qual è il premio per chi non scende a compromessi?
La gastrite.

Mai un ex che attraversi la strada mentre sono in macchina.

Non mi sentivo così in ansia da 10 minuti.

Bah! Secondo il mio modestissimo parere “perché SI” e “perché NO” sono delle ottime risposte.

Si chiamano SEGHE MENTALI perché chiamarle percezioni amplificate della realtà come sviluppo del sesto senso, faceva troppo da seghe mentali

Ogni volta che tengo acceso il cuore, mi si scarica il cervello.

Precisiamo: la donna non la dà, lo prende.

Studi scientifici dimostrano che quando un uomo ha ragione, successivamente una donna soffre di mal di testa.

Quando avevo 20 anni, i 40enni erano vecchi. Adesso che ho 40 anni, i 20enni sono coetanei.

È un cuore, non un open space.

È sempre bene mantenersi depilate e in ordine. Non si sa mai. 😉
Metti caso finisci in ospedale.

-Chi siamo noi?
-DONNE!
-E cosa vogliamo?
-Scarpe
Borse
Vestiti
Il principe azzurro
La Luna
L’amor che move il Sole e l’altre stelle

Un giorno arriverà il ciclo contemporaneamente a tutte le donne del mondo e sarà l’Apocalisse.

Se la gente si accorge che sei furbo, non sei poi tanto furbo.

– Voi uomini siete così!
– Così come?
– Visto? Non capite mai niente!

Non è vero che le donne vogliono avere sempre ragione. Dico bene o dico giusto?

Strano come l’ironia della sorte faccia di un uomo senza palle un coglione.

Morirò senza sapere perché nei film, dopo aver scopato spudoratamente, lei si alza e si porta via mezzo letto per coprirsi.

Ok, non hai il senso dell’ironia, però se ti mando affanculo, spero tu abbia almeno il senso dell’orientamento.

A quelli che mi dicono seri “ho capito come sei”, gli chiedo se possono spiegarmi, così forse capisco anch’io.

Fate attenzione: se al citofono non si qualificano con “io”, non bisogna aprire.

Non diamanti, ma uomini brillanti.

Per essere felici ci vorrebbero più orgasmi e meno seghe mentali.

– Qual è la tua posizione preferita?
– Con il cuscino sotto.
– E lui dietro?
– Lui chi?

Se devo proprio metterci un pietra sopra, ti sotterro prima.

Porto fortuna agli uomini: subito dopo me trovano tutti la donna giusta.

Tutte le volte che sopravvaluto qualcuno, sottovaluto me.

Ci sono persone che quando se ne vanno, ci lasciano dei vuoti che possiamo finalmente riempire di felicità.

La donna è pesante quando l’uomo è troppo leggero.

Volevo dire agli uomini che noi donne ce ne accorgiamo se ci toccate con passione o se ci fate il test per il controllo della qualità.

Tenetevi strette le persone che vi chiedono “perché sei triste?” mentre stai ridendo.

Volevo dire anticipatamente all’uomo della mia vita: complimenti per il coraggio.

Sono single, perché troppo intelligente per gli scemi e troppo scema per gli intelligenti.

Non sono pigra, mi rendo inutile per stimolare le capacità degli altri.

Se vuoi veramente qualcuno, respira profondamente e aspetta che la voglia ti passi.

Mangio per dimenticare di essere a dieta.

Ogni volta che un italiano dice “pultroppo”, i trentatré trentini che andarono a Trento tutti e trentatré trotterellando, si suicidano.

Le donne vivono in media più a lungo degli uomini per compensare il tempo perso a farsi capire da loro.

Quando sei felice, tutte le persone intorno sembrano felici.
Quando sei triste, tutte le persone intorno sembrano felici

Persone che rimangono esattamente dove ti hanno abbandonato: indietro.

Sono campionessa mondiale di triplo sbalzo d’umore carpiato avvitato con due roteazioni e mezzo di coglioni.

Mi servirebbe una vita sabbatica.

Vorrei dire all’uomo della mia vita, che anche quest’anno si è perso la scopata di inizio anno.

Cambiare idea non è da incoerenti, è da intelligenti. Pensare una cosa, ma dirne un’altra e poi farne un’altra ancora, questa è incoerenza.

– Ma cosa fai sempre su Twitter?
– Mamma,hai presente quando da piccola giocavo con gli amichetti immaginari?
– Si.
– Ecco, sono tutti lì

I miei non sono pensieri, sono origami.

“Mi piaci cosi come sei”
Poi:
– Troppo socievole
– Poco romantica
– Ridi troppo
– Parli poco
– Troppo grassa
– Troppo magra
Addio

Il vero ottimista è quello che pensa “Peggio di così non può andare”.

Puoi avere il pisello di 23 cm, ma se sei tirchio, fa niente. Offro io.

Ho trovato la zanzara che mi ha torturato tutta la notte, ma non riesco ad ucciderla. È sangue del mio sangue.

Non permettere a nessuno di farti dimenticare che il grande amore della tua vita, sei tu.

Non capisco perché verso i 40 anni, si debba far finta di essere adulti.

Chissà come soffre il divano quando non ci sono.

Che sono una persona altruista, si evince dal fatto che non dico tutto quello che penso.

Volevo dire all’uomo della mia vita, che ho lungamente dimostrato di saper stare benissimo da sola. Adesso puoi venire.

Ci sono uomini che per una scopata ti proiettano nella più bella storia d’amore mai esistita.

I regali più belli me li faccio da sola, quando scelgo le persone che voglio nella mia vita.

Parlatemi facile ché sono mora per errore.

SINGLETUDINE meritava molto più di PETALOSO, cari i miei cruscotti.

Mi raccomando ragazze: a testa bassa solo se c’è qualcosa di grosso da vedere.

Le mie tette fanno risaltare gli occhi.

La tragedia è quando i pochi non sono neanche buoni.

Ottobre è il mese del “Minchia, non hai caldo vestito così?” e il “Minchia, non hai freddo vestito così?”.
In loop.

Sono campionessa mondiale di lancio del mio peso morto sul divano.

– Amore, oggi non mi trovi più bella?
– Di chi?

Sono campionessa mondiale nel dire la verità facendola sembrare una bugia.

Ho l’ansia senza prestazione.

Ho insegnato ai miei ex come ci si deve comportare in un rapporto di coppia e poi sono andati a fare pratica con altre.

Situazione sentimentale: le altre s’innamorano degli uomini giusti ed io non scopo nemmeno con quelli sbagliati.

– Hai mai fatto una pazzia per amore?
– Si. C’ho creduto.

Gli uomini più gnocchi se li beccano gli uomini.
Che vita demmerda.

– Amore, secondo te sono grassa?
– Ma no, tesoro! Dai, rotola da me che ti abbraccio.

Ho imparato così bene a farmi scivolare le cose addosso, che nella prossima vita potrei rinascere Aquafan di Riccione.

Prima di parlare, ascolta.
Prima di scrivere, pensa.
Prima di arrenderti, prova.
Prima di andare a fare la spesa, mangia.

Difendersi dalle persone stupide, è come cercare di spiegare ai piccioni che devono cagare lontani dalla gente.

Siamo di passaggio nella nostra vita, figuriamoci nella vita degli altri.

La vita mi piace, il mondo un po’ meno.

Si stava meglio quando la mamma ci rincorreva con il mestolo di legno intorno al tavolo della cucina.

Dio creò prima l’Uomo, poi la Donna, infine li osservò e disse: “Charles, lascia perdere la Teoria dell’evoluzione e prepara i popcorn”.

Si baci chi può.

Volevo dire all’uomo della mia vita di stare tranquillo: i mal di testa me li sto facendo venire tutti adesso.

Sono così fortunata che riesco a trovare l’ago cadendo di culo nel pagliaio.

Alla sincerità si può rispondere in due modi:
• Grazie
• Fanculo

– Cosa fai nella vita?
– Prendo appunti per la prossima.

Aveto notato come i complimenti imbarazzino le donne belle e manco per niente quelle brutte?

Il cuore è mio e non lo gestisco io.

Quelli che vedono il bicchiere sempre mezzo pieno sono astemi.

Chissà come ce l’hanno lungo quelli che fanno sesso a distanza.

Non riesco a mantenere la linea neanche al telefono.

Ho pensato una cosa intelligente, ora devo solo capirla.

Il segreto è scrivere banalità con originalità. Difficilissimo.

Gli uomini sono convinti che per le donne contino le dimensioni. Illusi. Per le donne contano dimensioni, solidità, resistenza e qualità.

Volevo dire all’uomo della mia vita che l’ho idealizzato, ma va bene anche se si materializza.

L’amore è quando, inaspettatamente, il cuore decide di attribuire particolari divini ad una persona comune.

– Quello stronzo mi ha fatta soffrire.
– Beviamoci sopra.
– Ok. Tu bloccalo a terra, che io vado a prendere le birre.

Sei veramente triste quando nessuno si accorge che sei triste.

Le donne non sono incoerenti, vogliono solo mettere alla prova l’attenzione degli uomini.

Sto aspettando che mi dici che mi stai aspettando.

Chissà perché non sfruttano l’energia dei bambini per illuminare l’intero Pianeta.

Non sono né carne, né pesce.
Sono un carboidrato.

L’uomo, quando contraddice una donna, dovrebbe tenere a mente che ha dato inizio ad una partita a scacchi con il diavolo.

Come sarebbe a dire che la federa del cuscino non si usa come salvietta struccante?!

Che sei diventato vecchio, lo capisci dal fatto che hai sviluppato gli anticorpi alle minchiate.

Coppie famose:
– Giulietta & Romeo
– Starsky & Hutch
– Diabolik & Eva Kant
– Stanlio & Ollio
– Il Senso di Fame & il Senso di Colpa

Come si chiama quando tutto va bene?
Inculata.

Ti faccio il mazzo e non sono neanche fioraia.

Che poi, per educazione dici al cretino “Scusa, forse non mi sono saputo spiegare” e il cretino non capisce neanche che è per educazione.

Non cerco di capirmi perché poi ci rimarrei troppo male.

Gli indecisi sono fortunati.
Hanno più scelte a disposizione.

Quindi, il bacio in pubblico tra due gay, è ostentazione, mentre quello di due etero, è passione. Non sono omofobi, sono cretini proprio.

Quando stai male comincia la selezione naturale degli amici.

Se non funziona il piano A, provo con il lato B.

Sai, quando mangi piccante, poi vai in bagno e chiedi scusa a Dio, promettendo che non lo farai mai più e poi lo rifai?
Ecco, io vivo così.

Per oggi ho consumato tutti gli UFFA a disposizione.

Ogni mattina, una donna si sveglia e se ne frega se dovrà correre più veloce del leone, se prima non ha scelto cosa mettere.

Una vita alla ricerca di me stessa e alla fine, trovo una che neanche mi somiglia.

L’unica amicizia di comodo che ho è il divano.

L’amore dovrebbe essere semplice come un:
– Ti voglio
– Prendimi

Litigate con uno bravo, a letto.

“Per te ci sarò sempre” non è sinonimo di “Avvelenami costantemente l’anima con i tuoi problemi”.

Il divano ha ragioni che la volontà non conosce.

Le speranze appese a un filo ormai sono asciutte.

Due bottarelle fatevele dare in testa, chissà si assesta.

L’attività emotiva è sfiancante.

Volevo dire all’uomo della mia vita che l’aspetto nella prossima vita.

Quello che è per pochi lo vogliono tutti.

Sono talmente timida, che mi spoglio per non farmi guardare negli occhi.

Vuoi salire a vedere la mia collezione di psicopatici?

Sono quella che quando qualcuno sta in ansia per me, vado in ansia.

La verità è che non mi sento ancora pronta a sacrificare una parte dell’armadio per amore di un uomo.

Quando vuoi, mi puoi.

Se dopo un po’ alcuni rapporti scemano è perché non erano molto intelligenti neanche prima.

La voce della donna è di norma più acuta e alta di quella maschile, perché si è dovuta adattare al peggior sordo di chi non vuol sentire.

Forse l’amore perfetto è quello tra due cinici.

Se son rose, il fioraio ha sbagliato indirizzo.

Il momento più brutto della vita è sempre quello che arriva dopo il peggio di così non può andare .

La vita insegna a tutti, ma imparano solo i sensibili.

A dare non c’è nulla da perdere se dall’altra parte c’è chi sa ricevere