Frasi, citazioni e aforismi sul sacro e la sacralità

Che cos’è il sacro? Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi sul sacro e la sacralità. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla religione, Frasi, citazioni e aforismi su Dio, Frasi, citazioni e aforismi sull’estasi e Frasi, citazioni e aforismi sui santi e la santità.

**

Frasi, citazioni e aforismi sul sacro e la sacralità

Sacro

Il sacro è l’esperienza trascendentale del mistero.
(Francesco Grisi)

L’essere umano, fin dallo sbocciare della sua umanità, è sensibile al sacro e possiede una dimensione spirituale.
(Yves Coppens)

Il «sacro» è quanto non può essere per nessun motivo oltraggiato.
(Christoph Schönborn)

Il sacro fa paura. Ma anche la sua assenza, anche il mondo dissacrato, senza regole, senza divieti.
(Guido Ceronetti)

“Sacro” non è un luogo speciale: è un luogo in apparenza uguale a tutti gli altri, il cui scopo è quello di trattenere, nel modo in cui ciò è possibile a un uomo, quello che Dio ci ha comunicato: la Sua memoria, ossia la memoria della Sua venuta nel mondo, della Sua presenza, i libri che contengono la Sua parola.
(Luca Doninelli)

Meno sono gli iniziati, più sacro è il mistero.
(Voltaire)

Non ci interessa un sacro che non sia fioritura d’umano, che non accada al centro della vita.
(Ermes Ronchi)

Rispetto ciò che ti è sacro, rispetterai ciò che mi è sacro.
(Ulrich Fleischhauer)

Nessuna cosa vivente deve essere uccisa, non il più piccolo animale o insetto, perché ogni vita è sacra.
(Buddha)

Non ci sono posti che non sono sacri; ci sono solo luoghi sacri e luoghi profanati.
(Wendell Berry)

C’è nell’intimo di ogni essere umano, dalla prima infanzia sino alla tomba e nonostante tutta l’esperienza dei crimini commessi, sofferti e osservati, qualcosa che ci si aspetta invincibilmente che gli faccia del bene e non del male. È questo, prima di tutto, che è sacro in ogni essere umano. Il bene è l’unica fonte del sacro.
(Simone Weil)

Per la teologia, solo ciò che è sacro è vero, per la filosofia solo ciò che è vero è sacro.
(Ludwig Feuerbach)

Sacro” è parola indoeuropea che significa “separato”. La sacralità, quindi, non è una condizione spirituale o morale, ma una qualità che inerisce a ciò che ha relazione e contatto con potenze che l’uomo, non potendo dominare, avverte come superiori a sé, e come tali attribuibili a una dimensione, in seguito denominata “divina”, pensata comunque come “separata” e “altra” rispetto al mondo umano. Dal sacro l’uomo tende a tenersi lontano, come sempre accade di fronte a ciò che si teme, e al tempo stesso ne è attratto come lo si può essere nei confronti dell’origine da cui un giorno ci si è emancipati.
(Umberto Galimberti)

Il sacro è un prodotto culturale, e quindi, se è un prodotto culturale, varia da contesto a contesto. Ogni civiltà ha la sua idea di sacro, ha le sue cose sacre, per dirla con Lévi-Strauss. Quindi, noi abbiamo una categoria concettuale, che ci permette di avere una visione unitaria del sacro, ma in realtà esistono tanti prodotti sacri quante sono le culture. Ogni cultura cambia, ogni cultura ha una storia e quindi con il variare della storia, con il divenire storico muta anche la nozione di sacro all’interno di ogni cultura. Quindi il sacro è una variabile storica.
(Marcello Massenzio)

Il sacro non è mai qualcosa che coincide con la normalità. Sacro evoca sempre l’idea della straordinarietà, di ciò che è oltre il quotidiano, ciò che è oltre il normale. Lo spazio sacro è lo spazio dove non si può andare normalmente. Il tempo sacro è un tempo fuori dell’ordine normale
(Marcello Massenzio)

Di fronte al sacro perdiamo ogni potenza e intrepidezza: nei suoi confronti siamo impotenti e trepidi. E tuttavia nessuna cosa è sacra in virtù di sé stessa, ma invece perché io la dichiaro sacra, cioè in virtù della mia sentenza, del mio giudizio, delle mie genuflessioni, insomma della mia – coscienza.
(Max Stirner)

È il culto dei devoti che rende un tempio un luogo sacro vivo. La deità nel tempio è solo un riflesso dello spirito dei devoti.
(Mahatma Gandhi)

Noi diciamo che la Costituzione è sacra, è inviolabile. Perché è sacra e inviolabile? Perché è a fondamento appunto del nostro vivere civile, oggi, appunto, in questo particolare momento della nostra storia. Infatti sacro non necessariamente si lega alla dimensione religiosa.
(Marcello Massenzio)

Sacro è il senso di un altro mondo senza scorie terrene. Un fiore o un tramonto possono essere sacri quando ci aprono le porte verso l’invisibile.
(Fabrizio Caramagna)

Il riso è sacro. Quando un bambino fa la prima risata è una festa. Mio padre, prima dell’arrivo del nazismo, aveva capito che buttava male; perché, spiegava, quando un popolo non sa più ridere diventa pericoloso. (da la Repubblica del 20 novembre 2006, p. 42)“
(Dario Fo)

Sacro, per me anche un solo sguardo è sacro
un battito del tuo cuore per me è sacro…
(Mike Oldfield)

In chiesa, la musica sacra renderebbe ognuno di noi un credente – ma per fortuna si può contare sui predicatori per ripristinare l’equilibrio.
(Mignon McLaughlin)

La troppa familiarità con le cose sacre allontana forse da Dio. I sagrestani non entrano in Paradiso.
(Ennio Flaiano)

Non sono in cerca di santità, sacralità, purezza; queste cose si trovano dopo questa vita, non in questa vita; in questa vita che cerco di essere completamente umano: di sentire, dare, prendere, ridere, perdermi, ritrovarmi, ballare, amare e fare l’amore, di essere, insomma, umano.
(C. JoyBell C.)

Il solo Tempio veramente sacro è il mondo degli uomini uniti dall’amore
(Lev Tolstoj)

È sacro il luogo del dolore
(Oscar Wilde)

Guai al popolo che per la speranza di una grandezza impossibile o per semplice disperazione giunge a considerare il suo «Capo» come un essere provvidenziale e sacro, dotato di un potere magico e di un’onnipotenza miracolosa.
(Karl Jaspers)

Tutte le cose di cui mi occupo sono profane; ma il Milan è sacro.
(Silvio Berlusconi)

Il diavolo può citare la Sacra Scrittura per i suoi fini.
(William Shakespeare)

Senza l’arte non avremmo il concetto del sacro; senza la scienza, adoreremmo sempre falsi dei
(WH Auden)

Non c’è niente di tanto sacro che il denaro non possa violare, niente di tanto forte che il denaro non possa espugnare
(Marco Tullio Cicerone)

Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo.
(Pier Paolo Pasolini)

Ogni guerra di libertà è sacra, ogni guerra d’oppressione è maledetta.
(Jean-Baptiste Henri Lacordaire)

Siamo arrivati a un tal grado di imbecillità, da considerare il lavoro non solo come onorevole, ma persino come sacro, mentre non è che una triste necessità.
(Remy de Gourmont)

Qui non c’è niente di sacro tranne l’osso dove si prendono i calci.
(Marcello Marchesi)

Vi è qualcosa di sacro in ogni essere che non sa di esistere, in ogni forma di vita indenne da coscienza.
(EM Cioran)

Ogni gesto di un essere umano è sacro e pregno di conseguenze.
(Paulo Coelho)

Tu sei l’unico testo sacro che esista al mondo.
(Osho)

Le storie si raccontano di notte, perché di notte il sacro è reale, e chi sa raccontare racconta sapendo che il nome è quella cosa che il nome nomina.
(Eduardo Galeano)

Il vincolo più sacro della società è l’amicizia.
(Mary Wollstonecraft)

L’amicizia, in sé stessa un santo legame, è resa più sacra dall’avversità.
(John Dryden)

Ognuno sia sacro a se stesso. Ecco. Appunto così: ogni uomo sia per se stesso sacrosanto!
(Maksim Gor’kij)

Esiste un luogo “sacro” che si chiama anima. Laddove tutto quello che conta si incide in modo indelebile. Parole gesti e pensieri sono fotografati per l’eternità. Perciò… quando bussi a quella “porta” prima di entrare… lima le unghie togli le scarpe spogliati delle bugie e vestiti solamente di te… sii te stesso.
(Silvana Stremiz)

La cosa più bella che possa capitare a un essere umano, è di scoprire il fuoco sacro, il fuoco della sua anima. E di fare in modo che la vita intera sia l’espressione di questa anima.
(Annie Marquier)

La lealtà è un debito, e il più sacro, verso noi stessi, anche prima che verso gli altri.
(Luigi Pirandello)

L’egoismo è la più sacra e la più certa tra le leggi della natura.
(Marchese De Sade)

Il Sacro Romano Impero non era né sacro, né Romano, e nemmeno era un impero…
(Voltaire)

Dal sacro l’uomo tende a tenersi lontano, come sempre accade di fronte a ciò che si teme, e al tempo stesso ne è attratto come lo si può essere nei confronti dell’origine da cui un giorno ci si è emancipati.
(Umberto Galimberti)

È l’interdetto sacro che protegge la natura, non la buona educazione, non la legge civile. Se l’ulivo è sacro a un Dio, l’ulivo non sarà tagliato. Se il maiale è sacro, nessuno lo mangerà.
(Guido Ceronetti)

Ci sono soltanto due religioni vere: una che adora e riconosce senza alcuna forma il sacro che abita in noi e intorno a noi e un’altra che lo riconosce e l’adora nella forma più bella. Tutto ciò che vi è in mezzo è idolatria.
(Johann Wolfgang Goethe)

La storia “sacra” sia chiamata col nome che merita: storia maledetta; le parole “Dio”, “salvatore”, “redentore”, “santo” siano usate come insulti, come marchi d’infamia.
(Friedrich Nietzsche)

Ci sono tre tipi di menzogne: le menzogne, le sacre menzogne e le statistiche.
(Mark Twain)

Io divoro la mia esistenza con un appetito insaziabile. Come finirà tutto ciò? Lo ignoro. [… ] Sono scandaloso. Lo sono nella misura in cui tendo una corda, anzi un cordone ombelicale, tra il sacro e il profano.
(Pier Paolo Pasolini)

Se c’è qualcosa di sacro, il corpo umano è sacro.
(Walt Whitman)

Non c’è nulla di così secolare che non possa essere sacro, e questo è uno dei più profondi messaggi dell’Incarnazione.
(Madeleine L’Engle)