Scrittori di aforismi su Twitter, cristianik1

Nella sezione Scrittori di aforismi su Twitter l’articolo di oggi è dedicato a @cristianik1 (Avalon). Nella breve nota biografica che mi ha inviato, l’autrice scrive di sé: “Ho un’innata curiosità che mi porta ad avere svariati interessi, culturali e sportivi, di conseguenza le giornate mi risultano sempre troppo brevi.
Da ciò il mio essere nottambula.
Ho fame di tempo, ho fame di vita.
Da ottimista cronica mi nutro di positività, speranza e credo nel prossimo che pur non finisce mai di deludermi.
Ho anch’io un lato in ombra, quello del disincanto, dove prevalgono atmosfere gotiche dai toni cupi e in cui il peso della fatalità che incombe, alita sul collo.
Mi piace descrivermi come una macchia di colore, in un paesaggio in bianco e nero”.

@cristianik si è iscritta a Twitter nel dicembre 2011: “Da prolissa, iscrivermi a Twitter, è stata una sfida, che ho raccolto però solo un po’ di anni dopo. Il mio stile è cambiato nel tempo e forse cambierà ancora. Unici punti fermi, il rispetto verso il prossimo e il desiderio di condividere emozioni, non polemiche”. E a proposito della scelta del suo nome Avalon, l’autrice mi spiega: “Avalon, è legato sia al mito di re Artù che alle raffinate note dell’omonima canzone dei Roxy Music”.

Come scrive in un suo tweet, l’autrice ama prendere “una manciata di emozioni”, trasformarle in parole scritte e donarle a chi vuole leggerle “con gli occhi del cuore”. “Sono una di quelle che ancora arrossisce, perché il linguaggio delle emozioni lo sento sulla pelle” scrive @cristianik1 in un altro suo tweet. Quello che ne viene fuori è un linguaggio “a forma di cuore”, dove però si innesta anche una componente di saggezza e razionalità. L’emozione non parla con una voce impetuosa e senza argini, ma è sempre incanalata all’interno di un percorso di lucidità e di consapevolezza.

Il cuore di @cristianik è un cuore “infuocato”, ma saggio, un cuore che va ai mille all’ora (“peccato è tutto ciò che oscura il cuore”) ma che è consapevole dei limiti. L’autrice è innamorata della vita “Soffro, amo, perdo, vinco, piango, rido, fuggo, torno, cado, mi rialzo e ricomincio il giro. Vivo”, ma non si abbandona mai al suo vortice sfrenato e irrazionale nè cade negli abissi della disperazione. Quello di @cristianik non è un cuore infranto o spezzato, ma un cuore sano, che sa godere – senza patemi e dolori – delle mille pulsazioni vitali. In un suo tweet scrive: “Mente aperta, occhi attenti e cuore spalancato. È così che va vissuta la vita”. Il cuore è spalancato, ma gli occhi sono attenti e la mente, nella sua apertura, sa cogliere e definire i diversi ambiti della vita senza mai farsene travolgere.

“Mi piace pensarmi come ad un insieme di istanti, composto da luci e da ombre. Un destino da svolgersi, una storia di vita da ricordare” scrive l’autrice in un altro suo tweet. E’ proprio questo senso del destino, che viene costruito giorno dopo giorno, usando ingredienti semplici come il cuore, ma anche la fiducia, la consapevolezza e la saggezza, connota la scrittura dell’autrice. Che si interroga sulle persone e sulle cose dandoci ogni volta la sua risposta e la sua visione del mondo, senza mai pretese di arroganza o di sapienza nè tantomeno salti nel vuoto, ma sempre usando la semplicità e ascoltando – mi si perdoni l’ossimoro – la voce lucida del cuore.

Presento una raccolta dei migliori tweet di @cristanik1

**

@cristianik1, Tweet scelti

Soffro, amo, perdo, vinco, piango, rido, fuggo, torno, cado, mi rialzo e ricomincio il giro.
Vivo.

Non è tanto il voltar pagina, quanto il ricominciare a leggere.

Ringrazio tutti coloro che hanno migliorato la mia vita, uscendone.

L’unica volta che ho dato una seconda possibilità ho rimediato una seconda sconfitta… La matematica non è un’opinione!

Tieniti stretto chi ritorna a cercarti dopo ogni discussione, perché vuol dire che gli importa più di te che del suo orgoglio.

Con il tempo non si diventa esigenti, ma selettivi.

Più sei forte e più perdoni.

Il pudore della tristezza,
la sfontatezza della felicità.

È impossibile non essere belli quando si è felici.
È una bellezza che viene da dentro, ed è forse la bellezza più vera.

La delicatezza di quei fiori che nascono negli angoli d’ombra.

Essere mite non vuol dire essere debole. La mitezza è l’arte di capire, perdonare e appianare i contrasti.
Per essere mite, devi essere forte.

La felicità non è intelligente, si può essere felici per nulla.
La tristezza invece, ha sempre una sua motivazione, un suo perché.

La più alta forma di altruismo è dare agli altri ciò che vorresti ricevere tu.

La vita non va mai sfiorata, bisogna affondarci le mani.

La guerra degli stupidi è sempre stata la vendetta.

Chi ha sempre bisogno di competere con il prossimo, ha già perso con se stesso.

La peggior forma di abbandono, è la mancanza di attenzione.

Chi non risponde ti ha già risposto.

Le tempeste le vivi solo se rimani in superficie, perché nel fondo il mare è sempre calmo.

La speranza è un rischio che voglio continuare a correre.

Chi si atteggia vittima, molto spesso è carnefice.

Riconoscersi simili è un privilegio per pochi.

L’egoista si riconosce subito,
non ha mai sensi di colpa.

Dignità è una parola che racchiude tanti significati.
Il più importante, quello di non scadere mai nel ridicolo.

Non sono mai arrivata ad odiare veramente qualcuno,
Il disprezzo mi è sembrato più che sufficiente.

Chi si veste di sorrisi, è sempre alla moda.

Il vigliacco usa le parole che può, il coraggioso le parole che deve.

Peggio di un uomo cattivo c’è solo un uomo debole.

La delusione non è altro che una scomoda realtà che ti ostinavi a non voler vedere.

Mi piace la parola “disincanto”, perché pur esprimendo la fine di un’illusione,conserva un po’ il sapore dell’incanto in cui si è creduto.

Chi è sensibile non è debole, ma coraggioso.
Sa che verrà ferito più di chiunque altro e nonostante questo, ti verrà incontro a cuore aperto.

Vorrei che la vita fosse semplice.
Un bacio dopo l’altro,
un giorno dopo l’altro.
Nulla più.

Certe volte far pace è più doloroso che litigare.
La testa perdona ma il cuore continua a sanguinare

Se getti per terra solo spine ricordati di non camminare scalzo.

Il ricordo è come una canzone che odi in lontananza, senti la melodia, ma ti sfuggono le parole.

Voglio essere memoria, non ricordo.

Ci vuole tanto per comprendere e così poco per fraintendere.

Con il tempo non si diventa esigenti, ma selettivi.

Peggio di un parassita che non sa di esserlo, c’è la pianta che non si accorge di nutrirlo

Piacere a tutti è impossibile, piacere a se stessi è raro.

Mente aperta, occhi attenti e cuore spalancato.
È così che va vissuta la vita.

Le etichette mi danno fastidio persino sui vestiti, immagina sulle persone!

Ciò che non dimentichi torna a trovarti quando si abbassano le difese sentimentali.

Sono una donna d’estate.
Ne porto il colore negli occhi, nei capelli, nel profumo di campi di grano, nel cuore riarso, da nostalgia e passione.

E voglio strappare sorrisi, non ricucire rapporti.

Scrive di notte chi di giorno legge la vita.

È la tua luce che spaventa il prossimo, non la tua ombra.

Ti aspettavo da tanto,
ti ho incontrato per caso,
ti perderò per scelta,
ti ritroverò per necessità.
Perché da tanto amore
non si sfugge.

Basta può essere anche una parola consolatoria.

La verità è relativa, la bugia è assoluta.

Delle follie non si rimpiange l’averle fatte, ma il fatto che siano finite.

Ogni giorno è un nuovo inizio, e poi ci sono i giorni che hanno il sapore di una rinascita… Oggi è uno di quelli.

La delusione porta con sé il rammarico di averci creduto.

La pazienza ha un limite che l’amore sposta ogni giorno più avanti.
Finché ne vale la pena…

La persona più felice è quella predisposta al cambiamento.

Amo quegli occhi che sorridono prima delle labbra.

La dimenticanza è la vendetta dei forti.
Il rancore quella dei deboli.

Se preferisci il tormento alla serenità , vuol dire che sei innamorato.

In ogni amore persistono sempre zone d’ombra.
Un amore perfettamente chiaro, perfettamente compreso, è un amore morto.

Tutti cercano di conquistare il tempo e si dimenticano che l’unica cosa che sa fare è scorrere.

È così facile riconoscere le persone buone, sono così goffe quando provano a fare le stronze.

Nella melodia della mia vita, l’invidia è una stonatura che non possiedo.

Ama come vuoi, non come devi.

Baciami la gola, perché è lì che si fermano le mie tristezze.

Ad una donna bella si perdona tutto, tranne che essere intelligente.

A volte l’intelligenza si misura in base alla capacità di astensione.

La bellezza è lo stato d’animo di chi si sente amato.

Di una donna impegnativa, ricorderai gli sforzi per domarla, e la soddisfazione nell’aver avuto per un attimo, in pugno il suo cuore.

Chi disturba i disturbatori?
Chi li ignora.

Peccato è tutto ciò che oscura il cuore.

Non sarai mai grande se darai importanza ad ogni piccolezza.

Siamo esseri fragili, anche se cerchiamo di nasconderlo.
Ogni ferita che infliggiamo al prossimo, ne provoca una uguale a noi stessi.

La cosa più pericolosa che puoi fare, è innamorarti.

L’amore senza tormento è come un libro con tutti i fogli in bianco.

Ho sempre amato la notte,
non scende a compromessi e tutto scolora dinanzi a lei.
Non ha rivali.

La passione deve turbare, l’amore deve rassicurare.

I tweets sono come gli aeroplanini di carta, volano solo se sospinti dal vento del retweet.

Tra la normalità e la follia c’è un filo sottilissimo, quasi invisibile, al punto che i folli si ritengono normali e i normali, folli.

Amo il mio corpo non per vanità, ma perché è il posto in cui vivo.

Quando piangi per chi non lo merita,fermati e guardati allo specchio.
Amare gli altri è stupendo, ma amare te stesso è necessario.

Il mondo è pieno di storie d’amore che hanno un solo protagonista.

Anche per essere matti ci vuole stile.

Se non puoi essere un successo, sii almeno una sconfitta spettacolare.

L’impossibile è invisibile al cuore.

Quando diamo a qualcuno la nostra fiducia, lo rendiamo più ricco.

Il destino è come un cecchino,
se prende la mira, non hai scampo.

I legami più forti si creano dopo aver condiviso un dolore piuttosto che un successo.

L’amore spiegato in poche parole:
Affinità elettive,
intimità affettive.

Dedica tempo a chi ti dedica attenzioni.

Tieniti vicino chi ti rende migliore.

Lo strazio non è nell’essere ignorati, quanto nel non essere compresi.

Ci sono giorni che sembrano sospesi in attesa di un evento,
di un segreto non ancora rivelato.

Essere fraintesa è peggio che essere odiata.

Le cicatrici ci ricordano che siamo stati feriti, ma che siamo guariti

Il buon umore dovrebbe essere un vestito elegante, da indossare tutti i giorni, e non solo nelle grandi occasioni.

Non esiste pace in amore, solo ogni tanto qualche tregua.

Non sarò mai una delle tante, ma tante in una.

È inevitabile innamorarsi di chi odora della tua stessa follia.
È questione di olfatto.

Sentirti ridere è il suono più bello che io conosca.

Spesso si finge d’essere felici solo per pudore, perché niente è più intimo della sofferenza.

Amo la notte, perché di notte tutti i colori si uniformano ed i rumori si attenuano.
Il cuore si placa
ed il respiro si fa lieve.
Dormo

E c’è chi manda via l’amore quando arriva, per timore che poi se ne vada.

Ai piedi per terra, preferisco i piedi sulla sabbia.

L’ottimista è un sognatore,
il pessimista anche, ma i suoi si chiamano incubi.

La cosa che più mi piace dei sogni è la loro elasticità,
in contrasta con la rigidità della realtà.

Il bene non va mai sprecato, si ricicla.

La felicità è immediata, è il dolore che ha una sua storia.

Non esistono amori giusti o sbagliati, ma amori possibili o impossibili.

L’umorismo serve a rendere più facile la vita,a smussare gli angoli,a farti capire che le cose importanti sono veramente poche, due o tre.

Ho un’anima docile, ma un cuore ribelle.

Acerbo è un aggettivo che amo, sa di nuovo, di fresco, di qualcosa che è in divenire.

Il valore di una persona dipende dal numero di volte che ha saputo ammettere i propri errori.

I limiti li supera chi non li ha.

Serenità è anche una scarsa memoria.

Adoro l’ironia delle persone serie.

Scrive di pancia, chi ha il cuore in testa.

C’è chi preferisce avere l’ultima parola e chi l’ultimo silenzio.

È la somma di tutto ciò che sei che fa la differenza.

La vita è un percorso per raggiungere la fiducia in se stessi.

Per fortuna la risata è ancora più contagiosa della tristezza.

C’è tanta poesia nelle vite difficili.

Voglio rimanere così, con il cuore ingenuo e ancora acerbo, perché è la frutta matura quella che cade a terra.