Proverbi emiliani e romagnoli

I proverbi rappresentano un concentrato d’esperienze che si sono formate nel corso del tempo grazie alla saggezza e allo spirito d’osservazione di generazioni di uomini e donne. In mancanza della trasmissione ai posteri con la scrittura, la formula più efficace era quella del proverbio: una frase corta, spesso in rima o con assonanze, facile da ricordare e legata, il più possibile, alla lingua e alla realtà del luogo.

Presento una raccolta di proverbi emiliani e romagnoli. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi su Bologna, I proverbi lombardi più belli e famosi e I proverbi veneti più belli e famosi.

**

Proverbi emiliani e romagnoli

Dona giuvna, vëin, turtél e va là che’l mond l’è bèl – Donna giovane, vino, tortellino e dai che il mondo è bello.

Se t’vò stè ben, magna fort e be de’ ven! – Se vuoi star bene, mangia molto e bevi vino.

A taevla e a laet. An vol i rispaet – A tavola e a letto. Ci vuole rispetto.

Murir incô o murir edmàn l’è l’istàs, sôl êssregh pasdmàn – Morire oggi o morire domani è lo stesso, l’importante è esserci dopodomani.

S’t vù vivar in aligrì guêrdat’d davanti e no di drì – Se vuoi vivere sereno guarda avanti e non dietro.

La blazza per un an, la buntè per sèimper – La bellezza per una anno, la bontà per sempre.

L’amizezzia fa grandi el zoi e cinèń i dśgost – L’amicizia fa grandi le gioie e piccoli i dispiaceri.

La muiér l’è una sèrva che biśàggna tratèr da regèńna – La moglie è una serva che bisogna saper mettere su un trono.

Al cór l’è come uń magatt;al và spàiś pòch a la vòlta – Il cuore è un tesoro, sarebbe una rovina spenderlo in un sol colpo.

L’inteligiànt vòl savàir,al sumarnaz vòl insgnèr – L’intelligente vuole istruirsi,lo stupido insegnare.

Tu sò e métt là che la sô la vgnarà. – Non vi è nulla di inutile, nemmeno l’inutilità stessa.

Una bona dbuda la t’fa rómpar mej l’êria e la t’fa vdé è mond pió bël – Una buona bevuta ti fa romper meglio l’aria e ti fa vedere più bello il mondo.

La brasala ‘d chijetar a la pè sempar piò granda – La braciola degli altri sembra sempre più grande.

La prèscia bisàgna lassèrla al levri – La fretta bisogna lasciarla alle lepri (cioè non bisogna affrettare le cose)

Bì e’ ven e lassa andê l’aqua a e’ mulen ­- Bevi vino e lascia andare l’acqua al mulino.

Dl’aqua non bi che i palmun ai marzarì – Dell’acqua non bere, chè i polmoni ti si marciranno.

Rèmin da navighê, Cesena da cantê, Furlé da ballé, Ravena da magnê, Lugh da imbrujê, Faenza da lavurê, Jemula da fè’l’amor – Rimini per navigare, Cesena per cantare, Forlì per ballare, Ravenna per mangiare, Lugo per imbrogliare, Faenza per lavorare, Imola per fare l’amore.

Al prémm turtèl, an vén mâi bèl – Il primo tortellino non viene mai bene.

Cum stè? Cumè e pes te paier – Come stai? Come un pesce nel pagliaio (cioè, sto poco bene)

E porta via anche e fom mal pepie – Porta via anche il fumo alle pipe (una persona di mano lesta)

In Paradis, ai è una scrana preparè par la premma nóra e madóna ch’i en andè d’acórd – In Paradiso c’è una sedia preparata per la prima nuora e suocera che sono andate d’accordo.

Santa in cisa, dievl in ca – Santa in chiesa, diavolo in casa.

La pulizia la sta ben dimpartot all’infura de portafoi – La pulizia sta bene ovunque tranne che nel portafoglio.

I prit i canta e icsé i incanta. I prit i prega, mo a me i n’u m’frega – I preti cantano e così incantano. I preti pregano ma non mi fregano.

I sold i fa andè l’aqua par l’insò – I soldi fanno andare l’acqua verso l’alto (cioè i soldi permettono di ottenere qualsiasi cosa)

E’ pass par quant l’è longh la gamba, e’ bcôn par quant l’è lêrga la boca – Il passo per quanto è lunga la gamba, il boccone per quanto è larga la bocca.

L’a piò côran lò che un zezt d’lumêgh – Ha più corna lui di un cesto di lumache.

Un’ basta avè la rasònm, bsogna ch’i t’la dëga – Non basta avere ragione: bisogna che te la diano.

Da chi trop spess i va a cunsè, b-sogna sempra diffidé – Da chi troppo di frequente si va a confessare, bisogna sempre diffidare.

Chi ch’cardess a tot quel che po’ insugnê, mat è po’ dvintê – Chi credesse a tutto quello che può sognare, matto può diventare.

Il muschi i gh’én sèt més a l’an, i rompabàl tüt l’an – Le mosche ci sono sette mesi l’anno, i rompiscatole tutto l’anno.

Quand al gal canta da galen-na, la ca va in arven-na – Quando il gallo canta da gallina, la casa va in rovina.

Avrel, tott i dè un barel – Aprile, tutti i giorni un barile di pioggia.

Nissun piat gòsta e vèl come i caplètt al dè’d Nadèl – Nessun piatto gusta e vale quanto i cappelletti il giorno di Natale.

Tre aqui cunsumèdi: lavèr la chèrna, daquèr al vèin e lavèr un cuntadèin – Tre acque consumate: lavare la carne, aggiungere acqua al vino e lavare un contadino.

Danna ch’la pianza, amm ch’al zura, caval ch’al suda, i ein fèls come giuda – Donna che pianga, uomo che giuri, cavallo che sudi; sono falsi come giuda.

La memoria dal creditour l’è samper piò bòna ed quella dal debitour – La memoria del creditore è sempre più buona di quella del debitore.

Quand a manca al pess è bon anch i gambar – Quando manca il pesce sono buoni anche i gamberi.

I fàt en màsti, e al parol en famen – L’operato è degli uomini, la parola delle donne.

A far i fat su an s’insporca mai el man – Chi si fa i fatti suoi, non si sporca mai le mani.

J’omi cativi e al vèin bon i düri pocu – Gli uomini cattivi e il vino buono durano poco.

Al prem còulp an casca l’alber – Al primo colpo non cade l’albero.

Dal det al fat ai un gran trat – Dal detto al fatto vi è un gran tratto.

El donn egli ein come el castagn, ed fùra la blozza e déintr’al magagn – Le donne sono come le castagne, fuori la bellezza e dentro le magagne.

S’a vrì vèdor il pen-i dl’infèron, al fornèr d’istè e al molinèr d’invèron – Se volete vedere le pene dell’inferno, fate il fornaio d’estate e il mugnaio d’inverno.

Ai puvrètt agh manca di mòndi, mo ai avêr agh manca tót – Ai poveretti mancano molte cose, ma all’avaro manca tutto.

U j è ch’magna par campê e chi ch’magna par s-ciupê – C’è chi mangia per campare e chi mangia per scoppiare.

Sa żèint ân a vôt campêr, i tô fàt agh èt da fêr – Se vuoi vivere cent’anni, non devi essere troppo curioso.

A d’aenter mond an si porta che al bain e al mael – All’altro mondo si portano solamente le azioni buone e brutte, mai i beni terreni.

S’a j acàt chi ch’ha invantê la fadiga a i vol fê un brudet – Se trovo chi ha inventato il lavoro gli voglio fare un brodetto.

Dov an î è al soul, î è spass al duttaur – Dove non arriva il sole, spesso arriva il dottore.

Aqua d’curri. Tott i mael la porta vi – L’acqua che scorre tutti i mali se li porta via.

Chi compra tèra, compra guèra – Chi compra della terra, compra della guerra.

È mond l’è fat in tond e chi ch’a n’sa navighê è va a fond – Il mondo è fatto rotondo e chi non sa navigare va a fondo.

A tô un vëcc da è su usitéri, l’è l’instess che mandêl a è zimiteri – Togliere a un vecchio le sue abitudini, significa mandarlo al cimitero.