Frasi, citazioni e aforismi di Margaret Atwood

Margaret Atwood (nata in Canada a Ottawa, il 18 novembre 1939) è considerata una delle più importanti scrittrici viventi. È conosciuta particolarmente per i suoi romanzi e le sue poesie, ma è anche nota per la sua notevole attività a favore del femminismo.

Presento una raccolta di frasi, citazioni e aforismi di Margaret Atwood. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi di Banana Yoshimoto, Le più belle frasi di Marguerite Yourcenar e Frasi, citazioni e aforismi di Oriana Fallaci.

**

Frasi, citazioni e aforismi di Margaret Atwood

Gli eschimesi hanno 52 termini per indicare la neve, perché essa per loro è tanto speciale; ce ne dovrebbero essere altrettanti per l’amore – The Eskimo has fifty-names for snow because it is important to them. There ought to be as many for love.

Esisto in due posti. Qui, e dove sei tu – I exist in two places, here and where you are.

Vorrei essere l’aria che abita in te per un momento, solo uno. Vorrei passare inosservata ma esserti necessaria. – I would like to be the air that inhabits you for a moment only. I would like to be that unnoticed and that necessary.

Gli uomini hanno paura che le donne ridano di loro. Le donne hanno paura che gli uomini le uccidano – Men are afraid that women will laugh at them. Women are afraid that men will kill them.

La stupidità è la stessa cosa che il male se giudichi dai risultati.

Una casa piena di nient’altro che di te stesso. È pesante, questa leggerezza. È schiacciante, questo vuoto – A home filled with nothing but yourself. It’s heavy, that lightness. t’s crushing, that emptiness.

È impossibile descrivere una cosa esattamente com’era, perché ciò che dici non può mai essere esatto, devi sempre trascurare qualcosa, ci sono troppe facce, lati, fattori che si intersecano. Ci sono troppi gesti, con questo o quel significato, troppe forme che non si possono mai descrivere completamente, troppi sapori, nell’aria o sulla lingua, troppe mezze tinte, troppe.

Il vantaggio di essere celibi è che quando si vede una bella ragazza non ci si deve rattristare all’idea di averne una brutta a casa.

Oggi pensiamo ancora a un uomo potente come a un leader nato e a una donna potente come a un’anomalia – We still think of a powerful man as a born leader and a powerful woman as an anomaly.

Un topo in un labirinto è libero di andare ovunque, purché rimanga all’interno del labirinto.

La guerra è ciò che accade quando il linguaggio fallisce.

“Dovrebbe” è una parola futile. Riguarda cosa non è successo. Appartiene a un universo parallelo. Appartiene a un’altra dimensione dello spazio.

Perché vogliamo con tale ostinazione commemorare noi stessi?
Perfino quando siamo ancora vivi. Desideriamo affermare la nostra esistenza, come i cani che fanno la pipì sugli idranti antincendio. Mettiamo in bella mostra le nostre fotografie in cornice, i nostri diplomi di pergamena, le nostre tazze placcate argento; mettiamo i monogrammi sulla nostra biancheria, incidiamo i nostri nomi sugli alberi, li scarabocchiamo sulle pareti dei bagni pubblici. È sempre lo stesso impulso. Cosa speriamo di ricavarne? Approvazione, invidia, rispetto? O semplicemente attenzione, di qualunque tipo riusciamo a ottenerne?
Come minimo vogliamo un testimone. Non sopportiamo l’idea che alla fine le nostre voci tacciano, come una radio che si sta scaricando.

Vorrebbero leggermi dentro, ma non c’è niente di più opaco della trasparenza totale.

L’acqua non oppone resistenza. L’acqua scorre. Quando immergi una mano nell’acqua senti solo una carezza. L’acqua non è un muro, non può fermarti. Va dove vuole andare e niente le si può opporre. L’acqua è paziente. L’acqua che gocciola consuma una pietra. Ricordatelo, bambina mia. Ricordati che per metà tu sei acqua. Se non puoi superare un ostacolo, giragli intorno. Come fa l’acqua.

Pensavamo di scappare dagli adulti e ora siamo adulti.

Un e uno e uno e uno non equivalgono a quattro. Ognuno rimane unico, non c’è modo di unirli insieme. Non possono essere scambiati, l’uno con l’altro. Non possono sostituirsi a vicenda.

C’è la storia, poi c’è la vera storia, poi c’è la storia di come è stata raccontata la storia. Poi c’è quello che lasci fuori dalla storia. Anche questo fa parte della storia.

Nessuno muore per mancanza di sesso. È per mancanza di amore che moriamo.

Un libro non ti dice che cosa pensare o come agire. Non dà risposte. Ti dice cosa sentire. Ti mostra che cosa si sente.

Leggere e scrivere è importante per la democrazia.

La gente piange ai matrimoni per lo stesso motivo per cui piange per le storie a lieto fine: perché vuole disperatamente credere in qualcosa che sa non essere credibile

Il modo migliore per mantenere un segreto è fingere che non ce ne sia uno.

Il genio è una capacità infinita di causare dolore.

Per sopravvivere nella natura bisogna conoscere i propri predatori e non sembrare delle prede. Questa è una lezione di vita che tutte le giovani donne dovrebbero apprendere, per essere preparate a reagire…

Credo che gli scrittori siano come i giocatori d’azzardo: a volte vincono, altre perdono.

Volevamo rendere il mondo un posto migliore. Migliore non significa mai migliore per tutti, significa sempre peggiore per alcuni.

La catastrofe genera invenzioni.

Chi di noi può resistere alla tentazione di essere ritenuto indispensabile?

L’amore. Ossessione cons sfumature di nausea.

La follia è solo un’amplificazione di ciò che sei già.

Il passato è molto più sicuro, perché tutto ciò che è in esso è già successo. Non può essere cambiato; quindi, in un certo senso, non c’è niente da temere.

Quando sei giovane, pensi che tutto ciò che fai sia usa e getta. Ti muovi di ora in ora, accartocciando il tempo tra le mani, gettandolo via. Sei la tua auto in corsa. Pensi di poter sbarazzarti delle cose, e anche delle persone – lasciandole alle tue spalle. Non conosci ancora l’abitudine che hanno di tornare indietro.

Non voglio vedere nessuno. Mi sdraio in camera da letto con le tende tirate e il nulla che mi cola come un’onda lenta. Qualunque cosa mi stia succedendo è colpa mia. Ho fatto qualcosa di sbagliato, qualcosa di così enorme che non riesco nemmeno a vederlo, qualcosa che mi sta affogando. Sono inadeguata e stupida, senza valore. Potrei anche essere morta.

Twitter è comunicazione, e la comunicazione è qualcosa che piace molto agli esseri umani.

L’unico modo in cui puoi scrivere la verità è pensare che ciò che scrivi non verrà mai letto. Non da un’altra persona, e nemmeno da te in un secondo momento. Altrimenti inizi a giustificarti.

Come potrei dormire con un uomo simile… Solo il vero amore potrebbe giustificare la mia mancanza di gusto.

L’odio sarebbe stato più facile. Con l’odio, avrei saputo cosa fare. L’odio è chiaro, metallico, con una sola faccia incrollabile; a differenza dell’amore.

Puoi pensare chiaramente solo se sei vestito.

Ho avuto in dono la voce. Questo è quanto diceva la gente. Ho coltivato la mia voce, perché sarebbe stato un peccato sprecare un simile talento.

È un paradiso, ma non si può uscirne. E tutto ciò da cui non si può uscire è l’inferno.

Esiste più di un genere di libertà, diceva Zia Lydia. La libertà di e la libertà da. Nei tempi dell’anarchia, c’era la libertà di. Adesso vi viene data la libertà da. Non sottovalutatelo.

Vivevamo di abitudini. Come tutti, la più parte del tempo. Qualsiasi cosa accade rientra sempre nelle abitudini. Anche questo, ora, è un vivere di abitudini. Vivevamo, come al solito, ignorando. Ignorare non è come non sapere, ti ci devi mettere di buona volontà

Il guscio dell’uovo è liscio e insieme minutamente granuloso, piccoli cristalli di calcio sono evidenziati dalla luce, come crateri sulla luna. È un paesaggio glabro, però perfetto, come il deserto dove si rifugiavano i santi, perché le loro menti non fossero distratte dal lusso e dalla mondanità. Penso che questo dovrebbe essere l’aspetto di Dio: un uovo. La vita sulla luna potrebbe non trovarsi sulla superficie, ma all’interno.

Ricorda, però, che anche il perdono è un potere. Chiederlo è un potere, e negarlo o concederlo è un potere, forse il più grande.

Una voce è un dono umano; dovrebbe essere apprezzata e utilizzata, mormorare un discorso umano completo è possibile. L’impotenza e il silenzio vanno assieme.

Bene, forse sono una omosessuale latente. – Si fermò a considerarlo per un momento. – O forse sono una eterosessuale latente. Comunque sono molto latente.

Credo nella resistenza così come credo che non può esserci luce senza ombra, o meglio, nessuna ombra senza luce.

Non ho mai capito perché la gente consideri la giovinezza come il tempo della libertà e della gioia. Accade probabilmente perché hanno dimenticato la propria.

Il movimento #MeToo è sintomo di un sistema giuridico inceppato. Troppo spesso le rimostranze delle donne e di altre vittime di abuso non ricevono la giusta attenzione da parte delle istituzioni, quindi si è usato un nuovo strumento: internet. […] Se il sistema giuridico viene aggirato perché considerato inefficace, cosa prenderà il suo posto?

Una guerra tra le donne, rispetto a una guerra contro le donne, dà sempre benefici a coloro che alle donne non augurano del bene.

Qual è la tua parola preferita?
E. È così pieno di speranza.

Leggo per piacere e questo è il momento in cui imparo di più.

Se aspettassi la perfezione, non scriverei mai una parola.