Frasi, aforismi e battute divertenti sugli ex compagni di classe

Presento una raccolta di frasi, aforismi e battute divertenti sugli ex compagni di classe ed ex compagni di scuola.
Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla scuola, Frasi, aforismi e battute divertenti sui coetanei e Frasi, aforismi e battute divertenti sugli ex e le ex.

**

Frasi, aforismi e battute divertenti sugli ex compagni di classe

Mi piace andare a scuola, perché da grande faremo delle cene con tutti gli ex compagni di scuola.
(Altan)

Il fatto è che i compagni di classe sono davvero una categoria a parte. Si può anche non frequentarli per decenni, ma c’è sempre qualcosa che li unisce. Per noi almeno, è così.
(Tredici ex compagni di classe, La Stampa di Torino)

Quarant’anni dopo, un piccolo gruppo si ritrova su facebook, poi su wathsapp, sempre più numerosi e la magia si ricrea! Il tempo sembra non essere trascorso: la complicità, la goliardia, la voglia di riscoprirsi e raccontarsi….noi, ora cinquantenni, con lo stesso spirito dei bambini che si erano salutati tanti anni fa.
(Ex compagni di classe della V elementare, La Stampa di Torino)

L’email: «Raduniamo tutta la classe?». C’è chi si fa prendere dal panico e si finge malato. Il timore di scoprirsi invecchiati e meno in carriera degli altri. Poi la sorpresa: ritrovarsi è uno shock. Positivo
(Elisabetta Montanari, Il Corriere)

Chissà che fine ha fatto il tale, così bravo a scuola, oppure il tal altro, che invece era per tutti un asino patentato? Chissà se verrà anche la compagna di banco a cui abbiamo affidato per anni i nostri pensieri più segreti? E quella così antipatica che sparlava alle spalle di tutti?
(Elisabetta Montanari, Il Corriere)

Ma quali sono le motivazioni che spingono un gruppo eterogeneo di persone a ritrovarsi dopo tanto tempo? Forse sarebbe meglio conservare i ricordi della giovinezza così come sono, incastonati nel passato ideale. E poi perché sottoporsi allo stress di venire giudicati, soppesati per l’aspetto, per la riuscita professionale e personale, quando sarebbe così facile lasciare le cose come stanno. Ma qualcosa che resta, al di là delle chiacchiere e dei ricordi tra vecchi compagni di scuola, c’è. È l’emozione di guardarsi indietro e, con un senso di vertigine, scoprire quanta strada abbiamo fatto e la direzione che abbiamo preso. È la certezza di venire proprio da lì, di avere delle radici e delle motivazioni in comune con quelli che, a prima vista, sono solo un gruppo di signori di mezza età un po’ sciupati. E invece sono proprio loro: i tuoi compagni di scuol
(Elisabetta Montanari, Il Corriere)

Vecchi compagni di scuola che diventano degli strafighi mentre quando erano in classe con te sembravano il fratello minore di Sampei…
(Anonimo)

Questa sera, dopo 10 anni, ho la cena con gli ex compagni di scuola. C’è chi si è sposato, chi ha avuto figli e poi ci sono io che cerco ancora di posizionare bene i piedi all’interno delle mattonelle per non calpestarne i bordi.
(Anonimo)

Ex compagni di scuola sono amministratori delegati e io non ho ancora capito come mangiare un panino con la salsa senza farla colare tutta
(mariodvs, Twitter)

I sono miei ex compagni di classe che hanno figli della mia età.
(Tremenoventi, Twitter)

Ormai ogni giorno apro Facebook e gioco a “indovina chi dei miei ex compagni di scuola si sposa oggi”
(bttigiulia, Twitter)

Una home Facebook invasa da ex compagni di scuola in preda a matrimoni e pannolini BASTAAA sono ancora troppo giovane per tutto questo.
(Rote_fuchs, Twitter)

Incontrare vecchi compagni di scuola:
“Ma quanto tempo! Questi sono i miei TRE figli. Tu che mi racconti?”
“Io ho una begonia rosa.”
(Seppington, Twitter)

Ma i vostri vecchi compagni di scuola come sono adesso?
I miei, salvo uno, hanno tutti l’invecchiamento precoce
(Anonimo)

C’è tutta una letteratura sul fatto dei due vecchi compagni di scuola che si incontrano da adulti e poi uno dei due non riconosce l’altro e finge invece di ricordarsi benissimo. A me questo non è mai capitato, io mi sono sempre ricordato dei compagni di scuola, a cominciare da quelli delle scuole elementari e quelli del liceo. Non quelli dell’Università, perché all’Università si hanno compagni spuri, ma quelli che erano compagni di classe veri, quelli vicini di banco, quelli che stanno dietro, quelli sì che te li ricordi.
(Andrea Camilleri)

Ho sbagliato festa! Ho sbagliato villa… Infatti me coincideva tutto: er cancello, er chiosco, er vialetto… Solo che quando so’ entrato m’è preso un colpo, perché ho visto duscento teste bianche, tutti vecchi, co’e rughe in faccia [passano due invitati] me so’ detto: ammazza come ce siamo ridotti!
(Dal film Compagni di scuola)

Grazie a Facebook ritrovo i miei compagni di scuola e scopro cosa hanno fatto in questi anni: mangiare.
(Anonimo)

Su Facebook hai tutti i tuoi vecchi compagni di scuola. Su Twitter hai tutti quelli che avresti voluto avere come compagni di scuola.
(dbric511, Twitter)

Che bello, Facebook ti fa ritrovare i tuoi vecchi compagni di classe dopo anni! E poi continui a ignorarli su Facebook per altri anni!
(Zziagenio78)

Ci sono 5 tipi di amici:
– Gli ex compagni di classe
– Gli amici sui social
– I compagni di classe
– Gli amici del mare
– i tuoi veri amici
(Anonimo)

Alla cena coi compagni di scuola vado sereno. Dopo oltre 20 anni, cambiano le materie ma resto quello avulso e distratto seduto in fondo.
(andrea_picchio, Twitter)

Alcune figure mitologiche:
– Minotauro
– Ciclope
– Unicorni
– Ex compagni di classe
(Anonimo)

Arriverà la fine ma non sarà la fine, sarà un gruppo WhatsApp degli ex compagni di scuola.
(dudek_kvar, Twitter)

Com’era il mio rapporto coi compagni di classe:
– Ehi ciao
– Ehi ciao
Fine.
(Anonimo)

Un minuto di silenzio per quei compagni di classe che alla fine della scuola hanno detto “Ci sentiamo durante l’ estate così ci organizziamo per vederci” perché io non mi ricordo più come sono fatti e come si chiamano
(Autoscribo, Twitter)

Non siate stronzi con i vostri compagni di classe, magari uno di loro diventerà famoso fra un paio di anni.
(Anonimo)

Finita la quinta elementare, nel lontano 1974, non ci siamo più frequentati per quaranta anni. Ognuno è andato per la propria strada: le medie, le superiori, il lavoro, il matrimonio, i figli, le tante cose della vita. Poi, tre anni fa, da poco passati i cinquanta, alcuni di noi si sono ritrovati ed abbiamo avuto la sensazione di esserci lasciati solo il giorno prima.
(Tredici ex compagni di classe, La Stampa di Torino)

Ma vi immaginate mai come sarà incontrare i vostri compagni di classe delle superiori tra vent’anni? Chi sarà genitore, chi sarà sposato, chi divorziato, chi avrà realizzato i suoi sogni, chi non si parla più da anni. Ci penso spesso e non vedo l’ora di scoprirlo.
(Anonimo)