I proverbi abruzzesi più belli e famosi

Annunci

Presento una raccolta dei proverbi abruzzesi più belli e famosi. Tra i temi correlati si veda I proverbi pugliesi più belli e famosi, I proverbi calabresi più belli e famosi e I proverbi napoletani più belli e famosi.

**

I proverbi abruzzesi più belli e famosi

E’ trèste chije nen té ninde, ma è ‘cchijù trèste chije nen té nisciéne.
E’ triste chi non ha niente, ma è più triste chi non ha nessuno.

A chije aspette, n’hêre ije ne pare sétte.
A chi aspetta, un’ora glie ne sembrano sette.

Bbesògna fatijà pe’ no’ mmorì màje; e bbesògna penza ca se mòre cràje.
Bisogna lavorare come se non si dovesse morire mai e bisogna pensare come se si dovesse morire domani.

Fà prime lu ciele a rannuvelirse, ca na fèmmene a vestirse.
Fa prima il cielo ad annuvolarsi, che una donna a vestirsi.

Fa bbèn, e scùordetene; fa mal’e ppjìenzece.
Fai bene a dimenticare; fai male a pensarci

Dòpe li cumbitte hésce li defitte.
Dopo i confetti escono i difetti [ovvero, dopo il matrimonio si scoprono i difetti]

Genta trèste, ‘nnumenate e vèste.
Appena se ne parla, ecco che la gente cattiva appare.

Prjìeut’ e ppulle nen ze vède ma’ satulle.
Preti e polli non si vedono mai sazi.

A lavà la cocce all’asin ‘c sà ‘rmette tempe e sapone.
A lavare la pelle all’asino, ci si rimette tempo e sapone.

Quande une vede scure, nun è sembre notte
Quando uno vede scuro non sempre è notte [ovvero, non sempre le cose sono così negative come sembrano]

Daije, daije, daije, la cepêlle devente haije.
Dagli, dagli, le cipolle diventano agli.

Tre femmene e tre nucije non pozzono sta nascucije.
Tre donne e tre noci non possono rimanere nascoste [ovvero, è proprio delle donne parlare e fare rumore quando sono insieme, come le noci che sbattono fra loro]

Lu prim’ ann’ de matrimonie se stà cor’ a cor’, lu secònd’ ann’ cul’ a cul’ , lu terz’ a cagg’ ‘n cul’.
Il primo anno di matrimonio si sta cuore a cuore, il secondo culo a culo, il terzo a calci in culo.

Ucchie nire e capill’biond’è la chiù bbell’de lu mond’.
Occhi neri e capelli biondi, è la più bella del mondo.

Bardisce, hummene e murte ha simbre turte.
Bambini, uomini e morti hanno sempre torto.

Chije ijoche a lu lotte e spére de vênce, lasse li stracce e peije li cènce.
Chi gioca al lotto e spera di vincere, lascia gli stracci e prende i cenci.

Annunci

Ardàmm lu fazzulètt’ ch’ t’ so dat’ e armìttec’lu bben’ch’te so vulùt’.
Ridammi il fazzoletto che ti ho dato e rimettici dentro il bene che ti ho voluto.

Chije nen po’ vatte sacche, vatte sacchêtte.
Chi non può infierire sul sacco, infierisce sul sacchetto.

Aépre l’uòcchje e spanne ca ni je callere di réme ca zi càgne.
Apri gli occhi e guarda bene perché non si può cambiare cone un paiolo di rame [riferito al prendere moglie]

Chi pija la moje sta cuntentu ‘nu jorn, chi ccide lu porc sta cuntend n’ann.
Chi prende la moglie è contento un giorno, chi ammazza il maiale è felice un anno.

La fémmene sènza pètt’, é gné ‘nu scudellare sènza piatte.
La donna senza seno, è come una piattaia senza piatti.

La raije de la matène aremèttele pè la sêre e la raije de la sêre arepénnele pè la matène.
La rabbia del mattino rimettila alla sera e la rabbia della sera rimettila alla mattina.

Chije té li quatrène fabbreche, chije nne té desêgne.
Chi ha i soldi fabbrica, chi non ce li ha fa solo progetti.

Dope che ha successe lu guàije la case s’arembièsce de cunsèije.
Dopo che è successo il guaio la casa si riempie di consigli.

Lu pianta grane ijétte la préte e annaschênne la mane.
Il piantagrane butta la pietra e nasconde la mano.

La gallìn’à fetàt’e lu gall’strill’ca ije fa mal’lu cul’.
La gallina ha fatto l’uovo e il gallo strilla che gli fa male il sedere.

Addò ci stà na sòcere e na nore, se litiche a ogne ore.
Dove c’è una suocera e una nuora, si litiga ad ogni ora.

Cattiv’ òme e ccattive tèmbe, pòche dure.
Uomo cattivo e cattivo tempo, poco durano.

A ògne ttèrre c’è na usanze; a ògne mmijjicule c’è na pànze.
Per ogni paese c’è un’usanza; per ogni ombelico una pancia.

A ttèmbe de sjìerpe, le luscèrte fa paure.
Al tempo delle serpi, anche la lucertola fa paura.

La bellêzze fène a la porte, la buntà fène a la morte.
La bellezza fino alla porta, la bontà fino alla morte.

A lu povr gl mang lu pen e a lu ricche ne je te fem.
Al povero manca il pane e al ricco gli manca la fame.

Lu rècche fa ‘ndà vò, lu puverélle fa ‘ndà pò.
Il ricco fa come vuole, il povero fa come può.

Tutt’è ddistìn’a ‘sta terr’facèm fa a jess’.
Tutto è destino su questa terra: facciamo fare a lui.

Mêije, marète e feije coma ‘Ddeije te le dà te le peije.
Moglie, marito e figli come Dio te li da te li pigli.

Nu patre pò campà cénte fèije, cénte fèije nen pò campà nu patre.
Un padre può sostentare cento figli, cento figli non riescono a sostentare un padre.

Quelle che vèta vète, quelle che sinda sinde, se vu fà ’bbéne nè arecundà maije ninde.
Quello che vedi vedi, quello che senti senti, se vuoi far bene non raccontar mai niente.

Vale ‘cchié a nasce sotte a na ‘bbona hêre che essere fèije de gran signêre.
Vale più nascere sotto una buona stella che essere figlio di un gran signore.

Chi ha lu cattive vecine, ha la cattive matine.
Chi ha il cattivo vicino, ha il cattivo mattino.

Chi ‘mbrèste né jjene rèste.
A colui che presta, niente gli resta.

Chi spare ‘nne attacche, spare ‘nne ascioije.
Chi non sa fare un nodo, non sa sciogliere i nodi.

C’l’art’nen vò ‘mparà o sbirre o frat’s’à da jì ffà.
Chi non vuol imparare un mestiere, o sbirro o frate si deve fare.

Che bbàle nu vaccìle d’òre se ddèndre c-ì-à da sputà sanghe?
Cosa vale una bacinella d’oro se dentro ci devi sputare sangue

Chi magne da sole zi strozz.
Chi mangia da solo si strozza.

Chi sumènd’ e nnen custòde, trìbbul’ e nnen gòde.
Chi semina e non custodisce, lavora ma non gode.

L’ acque càve le fuoss’, e lu vine fa candà.
L’acqua scava la fossa, il vino fa cantare.

La càrne fa càrne, lu pane fa sanghe, e lu vine mandè.
La carne fa carne, il pane fa sangue e il vino fa la forza.

L’ommn adà puzzà e la femn tà dà puzza dell’ommn sò.
L’uomo deve puzzare e la donna deve puzzare del suo uomo.

Fa cchiù mmeràcule ‘na bbòtte di vine, che ‘na cchjìese de sànde.
Fa più miracoli una botte di vino, che una chiesa di Santi.

La Pruvedènze chiude ‘na finéstre e aàpre nu bbalecòne.
La provvidenza chiude una finestra, ma apre un balcone.

La rròbbe de ll’avaròne se le màgne lu sciambagnòne.
La roba dell’avaro la sperpera il prodigo.

La fèmmen’ e lu foch’ s’ tèna tuccà ogne poch’.
La femmina e il fuoco si devono riattizare ogni tanto.

‘Ncarèscete ferre cà tinghe n’ache da vênne.
Oh ferro aumenta di prezzo, perchè ho un ago da vendere.

Pe’ lu campe mètta mètte, pe’ la strate nècchia nècchie.
Nel campo cerca di prendere più che puoi, ma lungo la strada del ritorno ti accorgerai del peso.

Vìzije de nature fin’ a la mòrte dure.
Vizio di natura, fino a morte dura.

Se scì ddòlge, te sùchene; se scì amàre, te spùtene.
Se sei dolce ti succhiano, se sei amaro ti sputano.

Ogne cos’ tè nu peng’ rett.
Ogni casa ha una tegola rotta.

Ddò ste tant ghille, n’za fa maje i jurne.
Dove stanno tanti galli, non si fa mai giorno.

Quànd’se fà li cose de notte, lu jorne se vede.
Quando si fanno le cose di notte, di giorno si vedono.

S’ì sementat spì, che vì girenn scazz?
Se hai seminato spine, perché cammini scalzo?

Annunci