I proverbi calabresi più belli e famosi

Presento una raccolta dei Proverbi calabresi più belli e famosi. I proverbi calabresi sono modi di dire, detti e frasi che esprimono una sapienza millenaria e che riescono a descrivere, con poche parole, gli ambiti più diversi dell’esperienza e saggezza umana. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla Calabria, I proverbi napoletani più belli e famosi, Proverbi romani e detti romaneschi e Proverbi siciliani più belli e famosi.

**

I proverbi calabresi più belli e famosi

Proverbi calabresi

A meglia parola è chilla ca ‘un se dice.
La miglior parola è quella che non si dice.

Maru cu sta ‘mpisu all’amuri, na vota nasci e natri centu mori
Triste chi dipende dall’amore: nasce una volta e cento muore.

Chi te vo bene te fa ciangere chi te vo male te fa ridere.
Chi ti vuol bene ti fa piangere, chi ti vuol male ti fa ridere (vale a dire chi ti vuole bene ti critica, al contrario di chi ti vuole male)

Cu ndavi muccia, cu non havi mustra.
Chi possiede averi li nasconde e chi non li possiede li mette in mostra.

Cu mangia e non mbita, non mi campa mi si marita.
Chi mangia e non invita, che non viva per sposarsi.

Cu pucu si vivi e cu nenti si mori.
Con poco si vive e con niente si muore

Chiù allisciu u gattu, chiù arrizza u pilu.
Più lisci il gatto, più gli si rizza il pelo (vale a dire meglio tratti una persona, più essa ti si rivolta contro)

‘Cu si marita è cuntentu ‘nu jiornu, cu’ mmazza ‘ u pòrcu è cuntentu n’annu.
Chi si sposa è felice per un giorno, chi ammazza il maiale è contento per un intero anno.

Cu’ non si faci l’affari soi ca lanterna va cercandu guai
Chi non si fa gli affari suoi, con la lanterna va cercando guai.

Fatti ‘a fama e curcati.
Fatti una fama e addormentati (vale a dire se raggiungi una buona fama puoi anche coricarti e vivere di quella)

A jumi cittu un ji a piscà.
Non andare a pescare al fiume silenzioso (vale a dire non ti fidare delle persone silenziose)

Duve cantanu tanti galli, ‘un fa mai juarnu.
Dove cantano tanti galli, il giorno non arriva mai (vale a dire quando a comandare sono in tanti, si conclude poco)

Si a fatica era bona, l’ordinava u medicu.
Se il lavoro facesse bene lo prescriverebbe il medico

Tenitulu quattru chi cincu no ponnu.
Trattenetelo in quattro che cinque non ce la fanno (detto ironicamente su chi minaccia senza avere la forza).

Quandu erumu ziti caramelli e ciucculati, mo’ chi simu maritati pani duru e bastunati!
Quando eravamo fidanzati caramelle e cioccolata, adesso che siamo sposati pane duro e bastonate.

Vroccula e predicaturi doppu Pasca perdunu ‘u sapuri.
Dopo Pasqua broccoli e predicatori perdono il sapore (vale a dire ogni cosa va fatta al tempo giusto)

Vai ‘chi megghiu toi e facci i spisi.
Frequenta gente migliore di te e, se è necessario, impara da loro.

Amici e cumpari, paroli pochi e ‘cchjàri.
Con amici e con compari, parla poco e in modo chiaro.

Megghiu pani e cipudda o to paisi, chi nu palazzu a mmenzu e missinisi.
Meglio pane e cipolla al tuo paese, che un palazzo in mezzo ai messinesi.

A cunfidenza è patruna da malacrianza
La confidenza è padrona della cattiva educazione.

Cu amici e cu parenti no cattari e non vindiri nenti.
Con amici e con parenti non comprare e non vendere niente.

Vo sapiri qual è lu megghiu jocu? Fa beni e parra pocu.
Vuoi sapere qual’è il gioco migliore? Fai del bene e parla poco.

Passunu l’anni e crisciunu i malanni.
Passano gli anni e crescono i malanni.

Duru cu duru non fabbrica muru.
Duro contro duro non costruisce un muro (vale a dire un testardo contro un altro testardo non costruisce nulla).

A pignata da cuminia non bugghi mai.
La pentola della comunità non bolle mai (vale a dire nelle cose fatte insieme, ognuno pensa che siano gli altri a farsi carico dei lavori)

Casa senz’amuri, casa cu duluri!
Casa senza amore, casa con dolori!

Dulure de mole, dulure de core.
Il mal di denti è come il mal di cuore; forte e duraturo.

Ogghiu i n’annu e vinu di cent’anni.
L’olio di un anno e il vino di cent’anno (vale a dire l’olio deve essere nuovo se si vuole che sia buono, mentre il vino deve invecchiare)

A purpetta gioia mia è na cosa ca ta ricria.
La polpetta, gioia mia, è una cosa che ti fa godere.

‘U muluni non sempri nesci russu.
L’anguria, al suo interno, non sempre è rossa (vale a dire mai fidarsi mai delle apparenze)

L’amuri è comu l’acqua: in calata va in chianata no.
L’amore è come l’acqua: va in discesa ma non in salita.

Ora chi fiurio la mmendulare, l’amuri è intra e non nesci cchiu’ fora.
Ora che è fiorito il mandorlo, l’amore entra dentro e non esce più fuori.

Oni testa è nu tribunali.
Ogni testa è un tribunale.

Vizi e natura finu a seportura.
Vizi e abitudini fino alla sepoltura.

Acqua, cunsigghi e sali, a cu na ‘ndumanda, non ci dari.
Acqua consigli e sale, a chi non te li chiede non li dare.

Lu rispettu è misuratu, cu lu porta l’avi purtatu.
Il rispetto è misurato, chi lo porta lo riceve.

Su sapi nu denti u sapi tutta a genti.
Se lo sa un dente lo sa tutta la gente (vale a dire che quando un segreto è rivelato ad una sola persona c’è il rischio concreto che lo sappiano tutti)

Amaru u picciulu chi vacia ncio’randa.
Amaro il piccolo che va nel grande (cioè è amara la sorte del piccolo che viene mangiato dal grande)

A vogghia mu ndi fai ricci e cannola, ca u santu ch’è de marmuru non suda.
Hai voglia a fare ricci e cannoli, il santo che è di marmo non suda (È inutile insistere con le lusinghe, se la persona a cui ci si rivolge è fredda e insensibile)

A zirra d’a sira stipala pe ra matina.
La rabbia della sera conservala per il mattino.

Cu’ va ‘nda l’avvucatu, perdi l’urtimu ducatu.
Chi va dall’avvocato, perde l’ultimo ducato (vale a dire chi va dall’avvocato perde causa e soldi)

Cu joca sulu non si ‘ncazza mai.
Chi gioca da solo non si incavola mai.

Bona maritata, senza donna e canata.
Contrae un buon matrimonio chi non ha né suocera né cognata.

Fora du culu miu duve piglia, piglia
All’infuori del mio culo, dove piglia piglia (vale a dire succeda qualunque cosa, l’importante è che le disgrazie stiano lontano da me)

Acquazzina ‘un inchie puzzu.
La rugiada non riempie il pozzo.

Quandu a vucca mangia e u culu rendi mi ndi futtu di medici, di medicini e di cu’ i vindi.
Quando la bocca mangia e il sedere evacua, me ne frego dei medici delle medicine e di chi le vende

Cu’ patri e cu’ patruni sempri tortu e mai ragiuni.
Con il padre e con il padrone sempre torto e mai ragione.

A strata longa rumpe ‘u carru.
La strada lunga rompe il carro (vale a dire le cose che durano troppo finiscono male)

Giustizia e sanità, amaru chi ‘un ne ha.
Giustizia e salute, infelice chi non ne ha.

Se i corna fusseru fraschi, i testi sarriano voschi.
Se le corna fossero fronde, le teste sarebbero boschi.

Megghju aviri a chi fari cu centu briganti, ca cu nu stortu gnuranti.
E’ meglio aver a che fare con cento briganti, piuttosto che con un solo stupido.

Cu “no” ti spicci, cu “si” t’impicci.
Con il no tagli corto, con il sì rimani invischiato.

Nci ‘mmncava u chjòvu.
A mancare era il chiodo (per sottolineare come alcune liti originino da questioni irrisorie, indicate appunto dal “chiodo”)

Si spagna puru ca u culu ‘nci ‘rrobba a cammisa.
Teme persino che il suo culo possa rubargli la camicia. (vale a dire non si fida neppure di se stesso)

Cu ‘ndeppi focu campau, cu ‘ndeppi pani moriu.
Chi ha avuto il fuoco è vissuto, chi ha avuto il pane è morto (vale a dire non basta solo avere il pane, occorre anche avere una il focolare di una casa)

Cumpra caru, ca stai ‘mparu.
Compra ciò ch’è caro e ti troverai bene.

Fa bene e scordate, fa male e penzace.
Fai il bene e dimentica, fai il male e ricordati.

La gaddhina faci l’ovu e alu gaddhu ‘nci bruscia lu culu.
La gallina fa l’uovo e al gallo gli brucia il culo (vale a dire c’è chi lavora e si sacrifica mentre chi non fa niente lo critica)

Fare ‘u cunnu pe ‘un jire a ra guerra.
Fare lo stupido per non andare in guerra (vale a dire si finge stupido per evitare gravi incombenze)

A carne supra l’uossu bella pare.
La carne sopra l’osso bella pare.

Miegliu nu buonu accattu ca na bona vinnuta.
Meglio un buon acquisto che una buona vendita.

Non voli penzeri u lettu, e mancu troppu rispettu.
Non vuole pensieri il letto, e neanche troppo rispetto (vale a dire per fare bene l’amore, bisogna avere la testa sgombra di pensieri e d’inibizioni)

L’agiallu intra a caggia no sempre canta pe amure, ma pe raggia.
L’uccello in gabbia non sempre canta per amore, ma per rabbia.

L’acqua vulla e ‘u porcu è alla muntagna.
L’acqua bolle e il maiale è sulla montagna (nonostante abbiamo tutto l’occorrente, siamo in tremendo ritardo)

Si vue nimicizie ‘mpresta dinari e riprinne vizi.
Se vuoi inimicizie, presta denaro e critica i vizi.

Ru porcu nun si ietta nenti.
Del maiale non si butta via nulla.

Quandu a doghia, quandu a pipita, a gadineda mia è sempa malata.
Quando una cosa quando l’altra, la mia gallina non sta mai bene (si dice di una persona che inventa sempre una scusa per non fare qualcosa).

I sordi puatu fare l’ùamu riccu, no signore.
I soldi possono far l’uomo ricco, non signore.

Abitu ‘un fa monacu e chirica ‘un fa prievite.
L’abito non fa il monaco e la chierica non fa prete.

Ah chimmu ti criscia a ierba ‘nta casa.
Che ti cresca l’erba dentro casa! (vale a dire ti crolli la casa di modo che ci cresca l’erba dentro).

Pigghiarsi puru a cinnari du focularu.
Così tirchio da tenere in conto anche la cenere del focolare.

Acqua, fuacu e pane ‘un se neganu mancu a ri cani.
Acqua, fuoco e pane non si negano neanche ai cani.

A trippa è nna riti: chiù ci menti, chiù ci capi.
La trippa è come una rete: più roba ci metti, più ce ne sta.

Carni ‘i porcu e ccàvuli ‘i ortu, cu non sì mangia si trova mortu.
Carne di maiale e cavoli di orto, chi non ne mangia non guadagna salute.

Teni menti prima a cu tu dici e poi a chi ti dici.
Prima rifletti su chi te lo dice e poi su cosa ti dice.

Chiru chi fazzu eu, facia u ciucciu meu.
Quello che faccio io, lo fa il mio asino (vale a dire c’è sempre un asino che mi imita)

Terra quantu vidi, vigna quantu vivi, casa quantu stai
Terra quanto puoi vederne, vino quanto ne puoi bere, casa quanto ti basta per abitarci. (vale a dire sii misurato negli acquisti, nel bere e nel comprare casa)

Palumbu mutu un pò essare servutu.
Il colombo muto non può essere servito (vale a dire solo chi chiede può vedere soddisfatte le proprie richieste)

Chini chianta patati, coglia patati.
Chi pianta patate, raccoglie patate (vale a dire ognuno ha quel che si merita)

U cani muzzica sempri ‘u strazzatu.
Il cane morde sempre il poveraccio (vale a dire la sventura tocca sempre al più povero)

Fimmina de ghiesa, diavulu de casa.
Donna di chiesa, diavolo in casa (vale a dire una donna bigotta fa la santa in chiesa e il diavolo in casa)

Ognunu tira re vrasce a ri piadi sue.
Ognuno cerca di avvicinare le braci ai suoi piedi.

N’ta tavula e n’to tavulinu si canusci u cittadinu.
Dalla tavola e dal tavolino si conosce il cittadino (vale a dire la persona civile si riconosce dal suo comportamento a tavola)

U fissa parra sempre pe primu.
Lo stupido parla sempre per primo.

Cu sapi u cammina, non strudi i scarpi.
Chi sa dove andare, non consuma le scarpe.

Trippa china canta, no cammìsa nova!
Pancia piena canta, non camicia nuova (vale a dire meglio comprare da mangiare che comprare una camicia nuova e non mangiare)

Canjanu i sonaturi, ma ‘a musica è sempre ‘a stessa.
Cambiano i suonatori, ma la musica è sempre la stessa.

Quannu u piersicu jure, a notte cu ru juarnu se misura.
Quando il pesco fiorisce, giorno e notte sono uguali (vale a dire quando il pesco fiorisce c’è l’equinozio di primavera e la durata del giorno e della notte sono uguali).

Ogni nasu a la faccia sua mera, e u toi a lu culo do’ sumera.
Ogni naso si addice alla sua faccia e il tuo al culo dell’asino.

Chine tene libri, tene labbra.
Chi possiede i libri, sa parlare.

Chi piecura se fa, ‘u lupu si lu mangia.
Chi pecora si fa, il lupo se lo mangia.

Niuru cu niuru ‘un tinge.
Il nero non colora il nero (vale a dire chi frequenta persone simili a se stesso non cambia)

Tri cosi non ssù stimati, forza i bastasu,c unzigghiu i pezzenti e bellizzi i fimmana straviata.
Tre cose non hanno valore: forza di facchino, consiglio di povero e bellezze di donna perduta.

I megliu parianti su’ ri dianti.
I migliori parenti sono i denti (vale a dire non affidarti ai parenti ma alle tue forze)

I guai da pignata i sà sulu a cucchjiara ca rimina.
I guai della pentola li conosce solo il mestolo che ci sta dentro.

Cu sparta pija a megghju parta.
Chi divide si prende la parte migliore.

Chi se leva ru matinu abbusca nu carinu.
Chi si alza presto, guadagna un carlino.

Cu cerca aiutu di parenti, aspetta fino a quandu ‘nci cadunu i denti.
Chi chiede aiuto dai parenti, attende fino alla caduta dei denti.

A corda esti curta e u puzzu è fundu.
La corda è corta ed il pozzo profondo (vale a dire i mezzi sono inadeguati allo scopo)

Chi pocu tene, caru ‘u tene.
Chi ha poco, fa molto attenzione a ciò che possiede.

U vinu ‘a vita allonga, ll’acqua accurcia ll’anni.
Il vino allunga la vita, l’acqua l’accorcia.

Gesù Cristu manda u pani a cui no ndavi i denti.
Gesù Cristo manda il pane a chi non ha i denti (vale a dire la buona sorte capita a chi non ne può godere)

Rutta pe’ rutta, ruppimula tutta!
Rotta per rotta, rompiamola tutta! (vale a dire peggio di così non può andare)

Chine campa sperannu, affrittu more.
Chi di speranza vive, disperato muore.

De matina l’acqua è medicina.
Di mattina l’acqua è medicina.

Cumbenammu pà carrozza e sciarriamu pà bacchetta?!
Ci siamo accordati per la carrozza e litighiamo per la frusta?!

Sulu a ra morte ‘un c’è riparu
Solo contro la morte non si può far niente.

Tira cchiù nu pilu all’irtu, ca na corda curi vuai ara scisa!
Tira più un pelo pubico su una salita, che una corda con i buoi in discesa.

Tussa e ammuri non s’ammuccianu.
La tosse e l’amore non si possono nascondere.

Cu vaci cu zoppu, zoppia.
Chi va con lo zoppo impara a zoppicare.

Si hai a serpi nò cercari a raghatina.
Se vedi il serpente non cercare le impronte della sua striscia. (Quando sei in pericolo agisci subito senza tergiversare)

Chine ha salute ha dinari.
Chi ha salute, ha denari.

Puru li pulici ‘ndannu la tussi.
Pure le pulci hanno la tosse (vale a dire anche le persone più piccole e insignificanti vogliono dire la loro)

Miercuri intra, simana fore
Quando siamo a mercoledì, la settimana è già ben avviata

Mugliere d’a ruga, cumpari de Roma.
Moglie della via, compare di Roma (vale a dire conviene sposare una donna che si conosce bene ed avere come compare uno che si conosce poco)

A vurpe quannu ‘un junge all’uva dice ch’è amara.
La volpe quando non riesce a prendere l’uva dice ch’è acerba.

Si l’acqua ‘un s’arrimina, fete.
Se l’acqua non viene smossa, puzza (vale a dire meglio agire che aspettare)

Belli e brutti, a morte s’i ‘ngliutta.
La morte sopraggiunge sia per i belli che per i brutti

Figli picciuli, guai picciuli; figli granni, guai granni.
(Figli piccoli, guai piccoli; figli grandi, guai grandi)

Agiallu va duve truva granu.
L’uccello va dove trova il grano.

Amaru a chini mora.
Amara è la sorte di chi muore.

Amicu de ‘u bon tiempu, se muta cu ru vientu.
Amico del tempo felice, cambia secondo il vento.

Cu’ prima non pensa dopu suspira
Chi prima non pensa dopo sospira

Bisognusi, presuntusi.
Chi ha bisogno, non si fa scrupoli a chiedere.

Chi sta dintru o te ‘ncorna o te scorna.
Chi sta dentro casa tua o ti fa le corna o ti porta via qualcosa.

Chi va a ru mulinu, se ‘mparina.
Chi va al mulino, s’infarina.

Sulu chi fa sbagghja.
Solo chi fa le cose, rischia di sbagliare.

Criscianu l’anni e criscianu i malanni.
Aumentano gli anni e aumentano i malanni.

Diu chiude ‘na porta e rapere na finestra.
Dio chiude una porta e apre una finestra.

È miagliu n’amicu ‘nchiazza ca centu ducati ‘ntasca.
Meglio un amico in piazza che cento ducati in tasca.

Fatica de notte, vrigogna de juarnu.
Lavoro di notte, vergogna di giorno (vale a dire i lavori frettolosi e sbrigativi fatti a fine giornata vanno rifatti il giorno successivo)

Fimmina chi ride e gallina chi canta, ‘un ce tenire speranza.
Non sperare nella donna che ride e nella gallina che canta.

Hai mu pati, mu ‘mpari.
Per imparare, devi soffrire.

Irtu, rina e cunnu, caccianu l’uominu d’u munnu.
Salita, lavoro e sesso allontanano l’uomo dal mondo.

La gatta presciarola faci li gattareddhi morti.
La gatta frettolosa fa i gattini morti.

Li sordi fannu veniri la vista olli cecati.
I soldi fanno tornare la vista ai ciechi.

Lu bonu jornu di la matina pari.
Il buongiorno si vede dal mattino.

Lu lupu cambia lu pilu ma no lu vizziu.
Il lupo cambia il pelo ma non il vizio.

Male ‘un fare, paura ‘un avire.
Male non fare, paura non avere.

Matrimuniu tra parienti, guai e turmienti.
Matrimoni tra parenti, guai e tormenti.

Nci voli furtuna puru a cacari, sennò si ngruppa lu budeddu e mori.
Ci vuole fortuna pure a cacare, altrimenti si occlude il budello e si muore.

Non tantara u cana chi dorma.
Non disturbar il cane che dorme.

Nessunu fa nente ppe’ nente.
Nessuno fa niente per niente.

Occhiu non vida e cora non dola.
Occhio non vede e cuore non duole.

Ogni agiellu canusce u nidu sue.
Ogni uccello conosce il suo nido.

Paga caru e seda mparu.
Paga caro e avrai tutte le comodità.

Partire ‘ncavallu e tornare a pede.
Partire a cavallo e tornare a piedi (vale a dire partire pieno di speranze e tornare senza aver ottenuto niente)

Quandu lu diavulu ti ‘ncarizza voli l’anima.
Quando il diavolo ti accarezza vuole la tua anima.

Quandu stuti a lumera, simu tutti e’ na manera!
Quando si spegne la luce, al buio siamo tutti uguali!

Quannu a gatta non c’è, u suruciu abballa.
Quando il gatto non c’è, il topo balla.

Si pecura ti fai, lupu ti mangia.
Se ti fai pecora, il lupo ti mangia.

Uacchiu chi ‘un vide, core chi ‘un dole.
Occhio che non vede, cuore che non soffre.

‘u bisuognu fa l’uomu latru.
Il bisogno fa l’uomo ladro.

‘U ciucciu ‘e due patruni, more d’a fame e d’a site.
L’asino di due padroni, muore di fame e di sete.

‘U lupu cangia ri pili e no ri vizi.
Il lupo cambia il pelo e non il vizio.

U lupu quannu ha bisuognu nesce d’a tana.
Il lupo quando ha bisogno esce dalla tana.

U mare chiù ha, chiù vo.
Il mare più ha, più vuole.

Acqua passata non macina mulinu.
L’acqua passata non macina il mulino (vale a dire non bisogna pensare alle cose passate, perché non possono essere modificate)

U mònacu chi fuja sapa i fatti soi.
Il monaco che corre sa i fatti suoi.

U piru cunchiutu cade sulu.
La pera matura cade da sola.

L’amura cumìncia ccu u càntu e finìscia ccu u chìantu
L’amore comincia col canto e finisce col pianto.

Fimmana senz’arduri è comu rosa senza hiavru.
Donna senza calore è come rosa senza odore.

Quannu è tiampu di vendemmià, zii di cca e niputi di dda. Quannu è tiampu i tagli e puti, nun si vidanu ne zii ne niputi.
Quando è tempo di vendemmia, ti aiutano zii e nipoti. Quando è tempo di pulizia e potatura, non si vedono né zii né nipoti.

Senza santi no’ ‘ssi va’ ‘mparadisu.
Senza santi non si va in Paradiso.