Proverbi lucani

La Basilicata possiede un enorme patrimonio culturale fatto di miti, leggende, tradizioni popolari e anche proverbi antichi.

Presento un’ampia raccolta di proverbi lucani e proverbi della Basilicata. Tra i temi correlati si veda Frasi, citazioni e aforismi sulla Lucania e la Basilicata e i Proverbi napoletani più belli e famosi.

**

Proverbi lucani

Chi s sposa jè felic nù iuorn, chi accir nù puorc jè felic tutt l’ann
Chi si sposa è felice un giorno, chi uccide il maiale è felice tutto l’anno.

Lu Cuverne è cumm’a la zecca, zuca, zuca e po’ schatta.
Il Governo è come la zecca, succhia, succhia e poi crepa.

Cu s’avanti’ssulu, nu’vvali nu fasulu.
Chi si loda da solo, non vale un fagiolo.

Lu mìrich’ prim’ t’ sent’ e pò ti spogl’; l’avvucàt’ prim’ ti spogl’ e po t’ sent.
Il medico prima ti ascolta e poi ti spoglia; l’avvocato prima ti spoglia e poi ti ascolta.

Gòi nun t’haia fidà manco i l’ombra toia, picchì na vota è longa e na vota è corta.
Non devi fidarti neppure della tua stessa ombra, perché una volta è lunga e una volta è corta.

Femmn, ciucc e crap, tutt a stessa cap.
Donne, muli e capre hanno tutti la stessa testa.

R’ gran’, s’ nun s’ semin’, nun nasc’; l’omin’ nun s’impar’, s’ nun patisc’.
Il grano, se non viene seminato, non nasce; l’uomo non impara, se non soffre.

R’ paról’ sò r’ fogli’, i fatt’ so i frutt’.
Le parole sono le foglie, i fatti sono i frutti.

Lu ciucce ca porta cientevinte porta cientetrenta.
L’asino che porta centoventi, porta centotrenta.

Maritu e figli comi Diu ti manna accussì ti pìglisi.
Marito e figli come Dio te li manda così te li prendi.

Figli zinni guai zinni, figli granni guai granni.
Figli piccoli problemi piccoli, figli grandi problemi grandi.

Facj prim’ ‘na femm’na a truà na scus’ ca nu sorg’ a truà nu purtus.
Fa prima una donna a trovare una scusa che un topo a trovare un buco.

L’ómin ié lu trav’ r’ la cas’, la fémin’ ié la luc’.
L’uomo è la trave della casa, la donna ne è la luce.

Tre so i putient: u papa, u re’ e chi nun ten nient.
Tre sono i potenti, il papa il re e chi non ha niente.

Lu megl’ amìch’, la meglia pitràt’.
Il migliore amico, la migliore sassata [ovvero dal migliore amico possiamo ricevere il colpo più duro]

Megl’ a mangià ràrich’ r’ erv’ ch’ na bbona salút’ ca nun tiné nu vacil’ r’or’ e sputá sangh’.
Meglio mangiare radici d’erba e godere di una buona salute che possedere un catino d’oro e sputare sangue.

Meglie fesse ca sinneche.
Meglio stupido che sindaco.

Megliu nu malu maritu che niente maritu.
Meglio un cattivo marito che nessun marito.

La rrobb’ vai’ e ven’ cumm’ a vint’ e lu trívul’ rest’ a tutt’ timp’.
La roba va e viene e i guai restano sempre.

I renare càcciane ‘i riavule ra lu ‘nfierne.
I soldi cacciano i diavoli dall’inferno.

La terr’ t’ rai e la terr’ t’ pigli’.
La terra ti genera e la terra ti ripiglia morto nel suo grembo.

U ciocc tant avantàt je rdott a carscià pret.
L’asino tanto elogiato è ridotto a trasportare pietre.

Nun fruscia quanne aie; nun dire quanne saie.
Non sperperare quando hai; non dire quando sai.

Ndò sput’ lu pópil’ s’ fac’ na funtàn’ ca nun assécch’ mai’.
Dove sputa il popolo sgorga una fontana che non essicca mai.

Ngi vò furtuna ndu monnu, adduvi t’abbìi senza?
Ci vuole fortuna a questo mondo, dove vuoi andare senza di essa?

Nun lampiscià ca nun ntrón’.
Non lampeggiare che non tuona [ovvero, non far male e non ne subirai le conseguenze]

Tèn’ la facc’ com’ a r pret lesc.
Ha la faccia come le pietre lisce [per dire di uno che ha la faccia tosta]

Ariu chiaru non ha paura di troni.
Aria limpida non teme tuoni.

Li ciucc’ s la dann e li barin vann p ssott.
Gli asini lottano e i barili si rompono.

Acqu r pacchian non chìuv e trapan.
Pioggia lenta, non porta molta acqua, ma penetra [ovvero la costanza vince]

Genti senza figli né p’amuri, né pì cunsigli.
Gente senza figli non può dare né amore né consigli.

‘or’ rorm’ lu add’, doi’ or’ lu cavadd’, tre or’ l’amant’, quatt’or’ lu mircant’, cinc’or’ lu sturent’, se’ or’ tutt’ la gent’, sett’or’ la signuria, ott’or’ la pultrunaria, nov’or’ lu purch’, dic’or’ lu strapurch’.
Un’ora dorme il gallo, due ore il cavallo, tre ore l’amante, quattro ore il mercante, cinque ore lo studente, sei ore tutta la gente, sette ore la signoria, otto ore la poltroneria, nove ore il porco, dieci ore lo straporco.

Lé cchiú fàcil ca l’aqu’ r’ lu mar’ tras’ int’ lu risciatàl ca nu ricch’ tras’ ndò lu Paravìs.
È più facile che l’acqua del mare possa essere contenuta in un ditale che un ricco entri in Paradiso.

Carna màera, caccia èrasse.
Carne magra tira fuori grasso [ovvero, Da carne magra vien fuori il grasso, cioè sul popolo pesano tutte le tasse]

Nun ngè mangiat r’ re cchiù sapurit’ r’ rippan.
Non c’è cibo di re più saporito del pane.

A chiovi e a murì….nun ci vò ninti!
A piovere e a morire… ci vuole un attimo [proverbio sulla caducità umana]

Si tutt’ lu munn’ ié paravís’, la requi’ ri l’ómin’ ié la casa so
Anche se tutto il mondo è un Paradiso, la pace per l’uomo è nella sua casa.

O cane, tu mange viv’ e ruorme, e hie aggia fateà.
O cane, tu mangi bevi e dormi, ed io debbo lavorare.

Pane, cepodd’e curtiedde, è lu cumpanegge llu poveriedde.
Pane, cipolla e coltello, è il companatico del poverello

Chi ave facce se marite chi no reste zite.
Chi è sfacciata si sposa, chi no resta senza marito.

Mittiti che uno megli i te e fall i spisi.
Mettiti con uno migliore di te e pagagli pure le spese.

Pur’ lu pis’ cchiù trist’ cu la paciénz’ arrivént ligg’.
Anche il peso più duro con la pazienza si fa lieve.

Sant’Antonie face trìrece, Santu Mangione face quattòrdece.
Sant’Antonio fa tredici grazie, san Mangione ne fa quattordici.

Cu arrobba si sente semp arrubbite.
Chi ruba si sente sempre derubato

Contra la forza, raggione nu bbale.
Contro la forza non vale la ragione.

Si ricche lu vulìa, povre nu lu facìa.
Se il destino lo voleva ricco, non lo faceva povero.

Ànim’ hai’ e ànim’ crir’.
Tu hai un’anima e devi credere che anche gli altri hanno un’anima.

Timp’, vint’, signúr’, fémin’ e furtún’, si vòtin’ semp’ cumm’ a la lun’.
I tempi, il vento, i signori, le donne e la fortuna si cambiano sempre come la luna.