Jürgen Wilbert è nato nel 1945 a Dusseldorf dove attualmente vive. E' scrittore di aforismi (il suo primo libro è del 1987) ed è un attivo promotore del genere aforistico in Germania. E' fondatore dell'evento internazionale Aphoristikertreffen che si svolge ogni due anni a partire dal 2004 nella città di Hattingen, mentre nel 2005 ha fondato l'Associazione Aforistica Tedesca Dapha (Förderverein Deutsches Aphorismus Archiv Hattingen - Dapha) di cui è presidente dal 2008 e che ha come obiettivo quello di promuovere il genere dell'aforisma attraverso premi letterari, conferenze e seminari nelle scuole.

[caption id="attachment_4735" align="aligncenter" width="209"] Jürgen Wilbert (Foto per gentile concessione dell'autore)[/caption]

Proprio a inizi novembre di quest'anno si è svolto ad Hattingen il quinto "Aphoristikertreffen" (incontro aforistico) avente come tema "L'aforisma nel cambiamento dei valori" (nel titolo originario c'è un gioco di parole tra Wertsetzung e Wertschätzung - scala di valori e apprezzamento dei valori). All'incontro, presieduto da Jürgen Wilbert e da Friedemann Spicker (uno dei principali studiosi al mondo sull'aforisma, l'equivalente del nostro Gino Ruozzi) hanno partecipato numerosi scrittori e appassionati dell'aforisma (Sul blog dell'evento è possibile leggere ulteriori informazioni).

Nel 2012 Jürgen Wilbert ha pubblicato Vorletzte Schlüsse che raccoglie una selezione dei suo migliori aforismi pubblicati negli ultimi 25 anni nonché aforismi inediti (quest'ultimi inclusi nel capitolo "Neue Denkanzettelungen und Widerwortigkeiten"). Nel libro l'autore scrive molti aforismi sull'aforisma. Gli aforismi sono "pietre d'inciampo contro le opinioni correnti", mentre lo stato civile dell'aforisma è "single". L'aforista "è una persona con un ritardo nello sviluppo: di respiro corto fin dall'infanzia" e "Gli aforisti sono dei letterati guastafeste, che chiamano le assurdità per nome".

Presento una selezione di aforismi tratti da Vorletzte Schlüsse. Ringrazio Milena Vallero per avermi aiutato nella traduzione:

Hans-Horst Skupy è nato a Bratislava in Slovacchia nel 1942, da padre austriaco e madre ungherese. Nel 1958 si è trasferito in Germania. Cresciuto in cinque lingue e tre culture dice di essere ancora "alla ricerca del padre e della madrelingua aforistica".

[caption id="attachment_4528" align="aligncenter" width="300"] Hans-Horst Skupy (Foto per gentile concessione dell'autore)[/caption]

Hans-Horst Skupy è autore di numerose trasmissioni radiofoniche, è scrittore, co-autore e fotografo di numerosi libri di viaggio presso noti editori, riguardanti in particolare i paesi dell'est (Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Unione Sovietica). Come autore di aforismi ha pubblicato in lingua tedesca diversi libri tra cui Keiner kann über seinen Kurschatten springen (1996) e Der Dumme weiß schon alles (2008) ed è presente in numerose riviste e antologie. In campo aforistico ha curato anche alcune antologie di aforismi e citazioni tra cui nel 1993 un lavoro monumentale con 25.000 citazioni in 1136 pagine, che è attualmente alla sua sesta edizione presso l'editore Basserman e si intitola Il grande manuale di citazioni dalla A alla Z. ("Das große Handbuch der Zitate von A bis Z").

Hans-Horst Skupy nel 2008 ha ricevuto il Premio per la Cultura del distretto di Passau. Vive tra Ruhstorf in Germania e Budapest. Nell'agosto di questo anno compie settant'anni e il suo regalo sarà un nuovo libro che raccoglie gli aforismi scritti tra il 2009 e il 2012 dal titolo Aphorismen - Trojanische Worte. L'autore afferma che il suo hobby è la raccolta di scatole di fiammiferi. Ha raccolto circa 360.000 scatole che ha ceduto nel 1998 al Zündholzmuseum comunale di Grafenwiesen (distretto di Cham).

Presento una selezione di aforismi di Hans-Horst Skupy. Ringrazio Milena Vallero per avermi aiutato nella traduzione:

Nato nel 1952 a Berlino, Michael Richter è scrittore di aforismi e storico. Ha studiato Teologia evangelica dal 1974 al 1979 presso l'Università di Berlino e Storia e Scienze politiche dal 1981 al 1985 presso l'Università di Hannover. Dal 1989 al 1994 ha lavorato come assistente di ricerca presso il Dipartimento di Storia dell'Europa orientale dell'Università di Bonn e dal 1994 al 2011 presso l'istituto Hannah Arendt per la ricerca sul totalitarismo a Dresda. Dal 2012 lavora presso l'Istituto Sorbischen a Bautzen in Svizzera. Risiede nel circondario della Svizzera Sassone.

[caption id="attachment_4304" align="aligncenter" width="213"] Michael Richter (Foto per gentile concessione dell'autore)[/caption]

Oltre a numerosi libri sul totalitarismo nella DDR e sulla rivoluzione pacifica in Germania del 1989-1990, Michael Richter ha pubblicato nel corso di un ventennio quattro raccolte di aforismi: Wortbruch (1993), Widersprüche (2006), Wortschatz (2007) e infine Einspruch. Aphorismen aus artgerechtem Denken (2009). Sull'aforisma Michael Richter scrive che esso "non è una argomentazione, quanto piuttosto una controargomentazione" e anche "Gli aforismi possono dire qualcosa sulla realtà, ma non garantiscono nulla sulla verità".

Presento per la prima volta al lettore italiano una scelta di aforismi di Michael Richter. Ringrazio Milena Vallero per avermi aiutato nella traduzione:

Gerhard Uhlenbruck nasce nel 1929 a Colonia. Come afferma lo stesso autore "non sono andato molto lontano. Lavoro ancora oggi, come professore emerito, a 178 metri dalla stanza in cui sono nato, presso il Dipartimento di Medicina Interna Sperimentale dell'Università".

[caption id="attachment_4129" align="aligncenter" width="208" caption="Gerhard Uhlenbruck (Foto per gentile concessione dell'autore)"][/caption]

Nel 1953 si laurea in medicina e nel 1955, dopo l'abilitazione comincia ad esercitare l'attività di ricerca nel settore medico presso diverse università (tra cui Cambridge) specializzandosi nel campo della biochimica e della immunologia tumorale. Dal 1974 fino al 1996, anno del suo pensionamento, è direttore dell'Istituto di Immunologia presso la Clinica Medica Universitaria di Colonia. In seguito lavora anche come docente presso l'Università dello Sport di Colonia e presso la Trainerakademie di Colonia. Per la sua attività scientifica ha ricevuto numerosi premi tra cui il "Sir Frank MacFarlane Burnet" nel 1993 per la sua ricerca sul cancro e sulle metastasi. E' membro di diverse associazioni tra cui la British Society for Immunology e la Accademia delle Scienze della DDR.

Oltre alle numerose pubblicazioni nel campo della immunologia (è anche co-editore di numerose riviste scientifiche), Gerhard Uhlenbruck è uno dei più importanti scrittori di aforismi in lingua tedesca (è anche Presidente Onorario della asssociazione aforistica tedesca Dapha). Le sue pubblicazioni aforistiche sono numerose e cominciano nel 1977 con il libro Ins eigene Netz Aphorismen

Come lo stesso autore mi scrive in una lettera: "Dopo un libro di poesie d'amore che non ha avuto un grande successo (neppure con la ragazza a cui era dedicato) ho iniziato a scrivere brevi frasi ironiche e satiriche. Dato che ero molto impegnato nello sport (nella maratona il mio miglior tempo personale è 3:18 h) ho creato il genere dell'aforisma sportivo e ho anche curato una rubrica fissa su una rivista di corsa a lunga distanza. Ora, che sono abbastanza vecchio, guardando all'indietro i miei 40 libri di aforismi, penso che essi siano stati per me una sorta di 'jogging della mente', ma anche una terapia per i problemi personali e per affrontare i problemi personali nel mondo".

Come un moderno Ippocrate, Gerhard Uhlenbruck scrive molti aforismi sulla medicina, sulla salute e sulla malattia dell'uomo (uno dei suoi libri più famosi si intitola proprio Aforismi medici, Medizinische Aphorismen). Rispetto a Ippocrate gli aforismi di Uhlenbruck non hanno però un carattere precettivo e normativo, ma sono al contrario umoristici e paradossali. Essi sono nella vera accezione del termine pillole di saggezza, brevità medicinali, laconici tentativi di cura. Cura del male del mondo, di noi stessi e delle nostre ansie e ipocondrie. L'aforisma, attraverso la saggezza, la provocazione e l'ironia, diventa una forma curativa, un aiuto che un uomo offre a un altro uomo, una guida per evitare un errore o porvi rimedio.

Presento al lettore italiano una selezione di aforismi di Gerhard Uhlenbruck. Ringrazio Milena Vallero per avermi aiutato nella traduzione:

Tobias Grüterich è nato nel 1978 a Karl-Marx-Stadt/Chemnitz. In ambito aforistico ha pubblicato le raccolte Verdiente Ungerechtigkeiten (2005) e Aphorismenbände Harte Kerne (2009). I suoi aforismi sono apparsi in riviste (Akzente, Signum, Ostragehege, Neue Sirene) e su antologie. Insieme ad Alexander Eilers ed Eva Annabelle Blume è il curatore della monumentale antologia degli aforisti tedeschi contemporanei intitolata Neue Deutsche Aphorismen (Edition AZUR, Dresden, 2010). E' anche scrittore di epigrammi e prose brevi. Vive e lavora a Mettmann, Nord Reno-Westphali. Sul sito personale Aphorismania c'è la bibliografia completa dell'autore ed è possibile leggere una una scelta delle sue opere.

[caption id="attachment_4041" align="aligncenter" width="300" caption="Tobias Grüterich (© 2010 fotowerk nusser aichner)"][/caption]

Presento per la prima volta al lettore italiano una selezione di aforismi di Tobias Grüterich. Ringrazio Milena Vallero per avermi aiutato nella traduzione: